SONETTI Inverno 99/00
barra.gif (1046 byte)
eyes1743.jpg (2382 bytes)

dot_.gif (42 byte)
La mia produzione sonettistica di questo periodo è stata in qualche modo influenzata da alcuni tentativi che ho fatto per far conoscere i miei sonetti al di fuori del solito giro di ISR, sito e altri amici virtuali e non. Ancora non so che risultati avranno questi tentativi, ma ho comunque l'impressione che con il tempo la padraonanza del mezzo stia migliorando. Ai posteri l'ardua sentenza (lo vedete? mi sono montato la testa!!). Buona lettura!

barra.gif (1046 byte)
Immaggina

Questo sonetto lo scrissi in occasione della giornata mondiale della lotta all'AIDS, ai primi di dicembre (quindi, a rigore, in autunno). Senza però dimenticare che in quei giorni cadeva anche l'anniversario dell'assassinio di John Lennon. Non è un caso se nel titolo, nell'ultimo verso e nel tono di ingenuo utopismo ci sia un'eco della canzone più celebre dell'ex beatle.


Nei tempi antichi, sacerdoti e frati
Facevano un discorzo de morale
Pe' minaccia' nojantri depravati
Cor castigo perpetuo ed infernale

Oggi nun semo più così imbranati
E der peccato poco ce ne cale
Purtroppo ner frattempo so' arrivati
Li mali a trasmissione sessuale

Ma er giorno, coll'aiuto de la scienza,
Che anche 'sta piaga avremo debbellata
Nun ce sarà più causa d'astinenza

E allora, vai, comincia la parata!
Tutti insieme a scopa' con indecenza
E er monno sarà tutta un'ammucchiata

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er cappuccetto

Come spesso succede, ottenni una risposta da Giancarlo. In questo caso lui ripescò un sonetto di parecchi anni fa, nel quale dimostrava che il profilattico è perfettamente allineato con la Volontà Divina, in aperta polemica con le istituzioni ecclesiastiche che ne proibiscono l'uso. Risposì così:


Ma sai? Io nun ce l'ho 'sta tua premura
De dì che er cappuccetto sia lodato
"Un dono der Signore" addirittura;
Nun c'ho in gran simpatia quell'apparato

Perché io c'ho l'affare congegnato
Che si nun tocca a pelle la natura
Restanno chiuso rincellofanato
Ce sente poco, e divertisse è dura

Per cui me tocca, pe' evità er malanno,
De conduce 'na vita casta e retta
E nun anna' co' quelle che la danno

Che te ce posso fa', co 'sta disdetta?
Tanto la cura se la inventeranno...
Ma intanto provo a metteje un po' fretta

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Doni sgraditi

Di nuovo una risposta di Giancarlo:

> A Sla', te vojo di' che te so' grato
> D'ave' provato in modo esaustivo
> Che ar tempo d'oggi cor preservativo
> È peggio che entra' 'gnudo ner meato.
>
> Te vojo aggiunge poi che er risurtato
> Che te fai casto pe' rimane vivo
> È un modo novo, astuto e creativo
> Pe fatte resta' lì senza peccato.
>
> Però vojo chiari' che quindi, insomma,
> Er dono vero che te fa er Signore
> Nun è quer parascàndolo de gomma,
>
> Ma l'AIDS che te sta a fa' er doppio favore
> De mette in sarvo l'anima cor domma,
> E te fa pure riposa' er tortore..

'Eh già, pe' 'sto "ber dono der signore"
Giancarlo mio, l'arternativa è drastica
Semo costretti ad incarta' er tortore
Mettendoce l'involucro de plastica

Oppure a butta' ghiaccio sur bollore
E rassegnasse a fa' vita monastica
Poi so' sorpresi e dicheno "che orrore!"
Si uno bestemmia pure quanno mastica

Ma ce stanno a commatte de gran lena
E prima o poi l'azzeccheranno er terno
Pe' libberacce a tutti da 'sta pena

E allora, hai voja a dimme dell'inferno,
Che quanno er sottoscritto se scatena
Lo ficca in culo pure ar padreterno

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
La rimpatriata

Di nuovo Giancarlo:

>Ma, insomma, Slater mio, m'avresti detto,
>e hai scerto a l'opo rime assai preziose
>ch'aspetti, come un dono benedetto,
>pe' l'AIDS cure da fa' miracolose?
>
>E che starai a scopa' poi dentro ar letto
>Co' mignotte svenevoli e viziose
>E nun te fregherà si avrai l'effetto
>De anna' a l'inferno ar fine de le cose?
>
>E inortre, come avessi vinto un terno,
>Co' un modo de parla' de basso cogno,
>Te vanti de inculatte er Padre Eterno?
>
>Povero cocco, vivi dentro a un sogno:
>Nun sai che, si te sbattino a l'inferno,
>Sarai inculato a sangue dar demogno?

 

Consideranno l'età più avanzata
(Vent'anni e più si nun carcolo male)
Consideranno l'opera postata
(E quarche cosa è propio micidiale)

Contanno che sei 'n anticlericale
E che vita nun fai moriggerata
Gianca', s'io andrò all'inferno, è naturale
Che te ce trovo là. Che rimpatriata!

A occhio e croce, andanno pe' esperienza,
Si a me me toccheranno cazzi cardi
Tu pure avrai la stessa penitenza

E mentre che lo piamo, a denti stretti
Convinti irriducibbili e testardi
Continueremo ancora a fa' sonetti

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Giancarlo, in un ulteriore sonetto, aveva stabilito che tutto sommato non sarebbe così male l'inferno, se ci saranno, a farci compagnia, le gentili amiche del newsgroup. Ma giulia non sembrò molto d'accordo. Infatti scrisse:

>eh eh eh ....siete fortissimi, tutti e due
>I sonetti sono uno meglio dell'altro. ;-)
>Ma non sperate noi femminucce verremo da voi...già vi sopportiamo
>tutta una vita qua in terra...pussa via!!
>un bell'inferno tutto femminile, ecco il mio sogno! ^__^

Purtroppo non c'è un termine analogo di "misoginia" ("misantropia" infatti fa riferimento all'avversione per l'intera razza umana, non solo per il sesso maschile), ma ogni tanto questo sentimento senza nome fa capolino tra gli scritti e gli interventi di giulia.

Risposi con due sonetti. Il primo è questo.

L'inferno su misura

A Ggiu'! 'Sti cazzi mica vanno bene!
Che fai? Viaggi co' la prenotazzione?
Te sceji dar catalogo le pene?
L'inferno te lo fai su ordinazzione?

Che voi? Vista sur mare? Stanze amene?
Voi er maggiordomo? La televisione?
Er Diavolo dirà: "Nun fa' 'ste scene
Pe' te c'è pronta n'antra punizzione.

Siccomme sei 'na grande peccatrice
(E' inutile che cerchi de negarlo)
La pena più severa te s'addice.

Er tempo eterno tu dovrai passarlo
Ner modo più funesto ed infelice:
In compagnia de Xlater e Giancarlo"

E il secondo fu questo, un pizzico più provocatorio.

Post Scriptum

Ner mentre che scrivevo 'sto sonetto
Me prese la curiosità: "Vedemo
Si pure l'antre miss che conoscemo
So' d'accordo su ciò che giuja ha detto..."

"Manco pe' gnente!" "Giuja sta in difetto!"
"All'inferno li maschi li volemo!"
"Sortanto donne? Che discorso scemo!"
"Nun po' parla' pe' tutte! N'è coretto!"

A 'ste parole me s'è aperto er core
E ho puro ringrazziato er padreterno
Perché 'ste regazzette so' un amore

Ed ho pensato, con un ber sorriso
Che insieme a loro, infino in de l'inferno,
Me sembrerebbe d'esse in paradiso

Giulia fu molto seccata: non dal sonetto, ma dalla reazione delle "antre miss". "Mi aspettavo un po' più di solidarietà" commentò acida. Beh, giulia, non ti puoi aspettare che tutte abbiano le stesse allergie, vero? :-)

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Tra un bacio è l'altro

Ogni tanto qualcosina di più impegnativo. Questo sonetto è la traduzione dal veneziano di "Nel momento che i basi fermemo" una poesia di Giacomo Noventa, penna di grande rilievo nel panorama del novecento italiano.

Stavamo a letto, io e l'amante mia,
Tra un bacio e un antro, a chiacchiera' e a riflette.
Me fece: " 'Ste parole che m'hai dette
So' belle... Sembra quasi 'na poesia.

Le vojo scrive." E allora se sedette,
Gnuda com'era, lì a la scrivania.
Ma poi cominciò a batte le brocchette
Pe' 'r freddo, e poco dopo tornò via

Tra le mie braccia, ar callo, dentro ar letto.
Chi su quei versi vorrà fa' un commento
Dirà "So' freddi... c'hanno 'sto difetto"

Ma a me me basta e avanza che 'r mio amore
Nu' smetta de pensa' manco un momento
Che i baci mia je sanno da' calore


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Piccoli inconvenienti

Su un tema di grande attualità nei primi giorni del 2000.

Era appena passato capodanno,
Er dumila era giusto incominciato,
Io lo volevo festeggia' scopanno
E invece... cazzo! Nun me s'è addrizzato!

Da allora tante vorte con affanno
C'ho provato, provato e ariprovato...
Gnente da fa'! Nemmanco un risurtato!
Nun so cosa m'ha preso, e me c'addanno

Io che so' sempre stato un dio ner sesso...
Che ho sempre fatto stragge in ogni fica...
Oddio, che cazzo me sarà successo?

Poi la regazza mia m'ha chiesto: "Ennio,
Dimme, secondo te nun sarà mica
Che er cazzo tuo c'ha er baco der millennio?"

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Il baco e la buca

Anchise rispose a "Piccoli Inconvenienti", spiegando che il baco, al limite può colpire i microchip, ma certo non le prestazioni sessuali degli umani. Ma è proprio vero?

Io stavo già d'accordo co' Renata
Che appena era passata mezzanotte
Lei me veniva a pià a Grottaferrata
Pe' annassene da quarche parte a fotte

Ma la benzina j'era terminata
E le pompe, pe 'r baco, ereno rotte
Co' Wind tentò de famme 'na chiamata:
Nun funzionava manco a piallo a botte

Così l'appuntamento m'è sartato.
Se c'è chi ancora crede che ner sesso
Er baco der millennio nun fa danno

Lo dica a me, che m'ero pregustato
'Na gran scopata, e invece m'è successo
De prendeme 'sta buca a Capodanno

 

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Quanto sei bona

Uno dei "must", per ogni poeta, è l'esaltazione delle grazie della propria musa. Proprio non potevo sottrarmi alla prova. Allo stesso tempo è abbastanza tipico per un poeta dialettale concentrarsi sulle doti più terrene e concrete della propria madonna. Non è difficile intravedere la diretta ispirazione da "A Nina" di Belli, a sua volta imitazione di un sonetto milanese del Porta. 

Si me poi sta' a senti', cara Miriana,
Te vojo propio di' quanto sei bona
Ché de viso, de corpo e de persona
L'antre te stanno tutte a la lontana

C'hai un culo che te canta e che te sona
Come 'na ballerina brasiliana,
Du' cosce che 'sto core s'emozziona,
Du' zinne da ciuccia' 'na settimana

Co' quer modo de fa' così furbetto,
Un po' puttana un po' brava fijola,
Sai sempre provocamme quell'effetto...

Basterebbe da di' 'sta cosa sola:
Che si 'n sia mai te magni 'no spaghetto
Ce poi giura' che te s'addrizza in gola

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Saggezza Orientale

Dopo l'amore, cara, sei 'na rosa:
L'occhi brillanti, er viso sorridente,
Sei tenera, romantica, affettuosa,
Me parli sussurrando dorcemente

De solito sei tutta n'antra cosa:
Acida, petulante, indisponente,
Polemica, scorbutica, scontrosa,
Sempre pronta a incazzatte come gnente

Deduco che pe' rendete più umana
Pe' fatte esse più allegra e più carina
La terapia nun sia poi tanto arcana

Dice un proverbio dell'antica Cina:
"Quanno che quarche donna fa la strana
Er cazzo è la migliore medicina"

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
L'osservatore

Un giorno capitò che in riva ar mare
Vidi ariva' un insolito signore
Che ficco' er dito in mezzo all'onde chiare
E tutto serio ne sentì er sapore.

Poi, come se magnasse cose amare,
Fece 'na smorfia e disse: "Dio, che orrore!
Qui c'è qualcosa da modificare!"
E se ne andò. Passate un paro d'ore

Tornò co' un cucchiaino e un po' de sale,
Ne carcolò precisa 'na porzione
E la versò in dell'acqua, tale e quale.

Quindi cor dito ne assaggiò un goccetto,
E, terminata la degustazzione,
Sorise soddisfatto: "Ora è perfetto!"

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Ghiaccio dar celo

Per un certo periodo le cronache si interessarono dello strano fenomeno di blocchi di ghiaccio che cadevano dal cielo. Per un po' si discusse tra ardite ipotesi metereologiche e la possibilità che si trattasse di scherzi di buontemponi. Poi all'improvviso non se ne parlò più. Ma il fatto mi ispirò questo sonetto.

Casca er ghiaccio dar celo. Prima in Spagna,
'Ndo n'è arrivata 'na dozzina bona,
Poi Lazzio, Marche ed Emiglia Romagna,
E un pezzo ha preso in testa uno d'Ancona

La gente se prëoccupa e se lagna 
Si cade er ghiaccio in de la propria zona
Ché un conto è si viè giù in piena campagna
Un conto è si te becca de persona

E' successo anche a me: un blocco de ghiaccio
M'ha sfiorato, cascando, l'antra sera.
Me sa che a quarcheduno nu' je piaccio...

Io ho fatto proprio come se nun c'era,
E c'ho girato intorno, a quer sassaccio,
Lasciandolo a squajasse lì per tera

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
La scommessa

Un piccolo esercizio tecnico di imitazione. L'originale è in dialetto pisano, di Renato Fucini, noto anche come Neri Tanfucio.

"Quattordici minuti? Uno pe' verso?
No, nu je la poi fa', fai solo scena..."
"Le chiacchiere so' solo tempo perso,
Te andrebbe de scommettece 'na cena?"

"Annamo a magna' er pesce all'Universo!"
"Occhei, ce sto! Poi anna' co' la sirena"
"Però vojo un sonetto in forma piena
Nun te 'nventa' quarcosa de diverso!"

"Còntace!" "Vojo proprio vedè, vojo...
Ma tanto nun te c'entra, ce scommetto..."
"Però nun rompe er cazzo che me 'mbrojo"

"Che magnata me fo!" "Zitto, t'ho detto!"
"Linguine, baccalà, trije de scojo..."
"Quanto manca?" "Un minuto" "Ecco er sonetto"

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Internet Addict

Un quadruccio sui "forzati" della Rete, nonché maniaci di gadget ipertecnologici. Molto molto autoironico.

Io me collego in rete con frequenza.
Si nun me fo la mia navigatina
Sento che er core me s' arintorcina:
De Internet nun posso fanne senza

Quanno che nu' sto a casa, all'occorrenza,
Ner portatile infilo 'na piastrina
J'attacco dar telefono la spina
E c'ho la soluzzione d'emergenza

Da quanno poi che ho preso 'sto parmare
Che co' un sistema de raggio infrarosso
Addopra er modem dentro ar cellulare

So' proprio soddisfatto, perché adesso
Come in un sogno finarmente posso
Sta' collegato pure si sto ar cesso

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
19 gennaio 2000

Satira politica? Perché no? Ma, al solito, senza pudori e ipocrisie.

Dice: "M'inchino innanzi a lo statista"
"E' stato ingiustamente condannato"
"Lui che er paese l'ha rimodernato..."
"Grande compagno!" "Grande socialista!"

"Chi fa der bene viè perseguitato!"
"E' 'r solito complotto communista!"
"Ricordo quer che disse a un'intervista..."
"Ha sottoscritto er novo Concordato..." 

Io che sto a cena, dar televisore
Li sento questionà ar teleggiornale:
Je lascio volentieri quest'onore

Nun vojo di' de bene, né de male
E me magno, gustannome er sapore,
'Sta bistecca de collo de maiale

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Chi leggerà

Stavolta tocca a Walt Withman. Un'imitazione di "Who'll be reading at this"

Chissà chi se sta a legge 'sto sonetto?
Quarcuno che sa i guai der mio passato,
O forse quarcheduna che m'ha amato
Ma de nascosto, e nun me l'ha mai detto

Forse quarcuno che me pìa de petto
In quanto me ritiene un po' montato
Forse invece quarcuno un po' spaesato
Che co' 'sti grilli mia resta interdetto

Come se anch'io de me nun ce ridessi
Come se nun amassi anch'io in segreto
Come se i torti mia nun conoscessi

O come se 'sto sentimento strano
Che me sconvorge e che me rende inquieto
Se potesse fermallo co' 'na mano

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
E' bello sapere che ci sei

Ogni tanto c'è qualcuno che...

Nun pozzo arrivà a di' quanto sia bello
Sapè che tu stai lì coll'occhi attenti
A legge tutti quanti i mia interventi
Senza fatte scappà manco un capello

E si quarcosa nun te va a pennello
Me piace immagginà comme te senti
Quanno te 'ncazzi, quanno strigni i denti
Quanno te s'arintorcina er budello

Spesso riesci a trattenette a stento
Ma si nun sai tenè la tentazzione
Vommiti tutto quello che c'hai drento

E proprio in quei momenti de passione
Io trovo er mejo der divertimento
Io trovo er più de la soddisfazzione

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er papa e er celibbato

Ispirato da un appello di Sua Santità, questo sonetto diede luogo ad un ennesimo scambio di sonetti con Giancarlo e Anchise.

Sua Santità, parlanno dar loggione,
Ner mezzo d'un discorzo accalorato,
A li credenti j'ha raccomannato
De da' un po' più de fiji a la nazzione

Però io me so' sempre domannato:
Si vole incrementa' la procreazzione
Perché intanto nun fa l'abolizzione
Dell'obbligo dei preti ar celibbato?

Sarebbe proprio 'na trovata d'oro
Ché li vorrei vede' 'sti preti scaltri
Commatte co' le moji pure loro!

E poi ce goderei, da peccatore,
A potemme insorca' la donna d'altri
E insieme fa' cornuto un monsignore

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Pro domo sua

La risposta di Giancarlo:

>Mio caro, er papa ha spirito sottile
>E noi che semo rozzi e rafagani
>‘N sapemo indove mettise le mani
>Si parla da la loggia ‘nder cortile.
>
>Er nerbo nun adè si adè civile
>Che inzuppano prelati e cappellani,
>Ché in questo lui ce parla in modi strani
>Pe’ poi dribbla’ ar momento co’ assai stile.
>
>No, pensa Lui a la sintesi corretta
>(Perché solo a chi ha l’anima er bondio
>Permette che s’arrampichi su in vetta),
>
>Che si de noi nessuno fa più un fio
>E termina la specie prediletta,
>Nun serve Lui e nemmanco serve Iddio.

Quello che voi di' tu, io l'ho capito
Ma me vie' da penza', sinceramente,
Che de la specie, a 'sto papa impunito,
A conti fatti nu' je frega gnente

Nun credo infatti che te sia sfuggito
Che ner discorzo fatto de recente
Abbia rivorto l'accorato invito
Ai cattolici e nun all'antra gente

Perché si a procrea' so' mussurmani,
Arancioni, taoisti, ebbrei ferventi,
Induisti, buddisti tibbetani,

O magari noantri miscredenti
S'accresce, sì, la stirpe dell'umani
Ma a vantaggio, però, dei concorrenti

 

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Pari opportunità

Giancarlo:

> E tu staresti a di’ che er papa santo
> Che pure è er delegato der Signore,
> Ciononostante questo avrebbe a core
> Noiartri cristianissimi sortanto?
>
> Che mentre dar barzolo intona er canto
> Lui sterilizzerebbe ogni invasore
> Che porta qui sia sorca che tortore
> E d’esse musurmano se fa vanto?
>
> Solo a fedeli ch’hanno fica e sise
> Je nega, a Sla’, de fasse un cammelliere
> Che dar Signore le po fa’ divise;
>
> Tu te poi fa’ odalische e bajadere,
> Abbasta (e questo è fatto contro Anchise)
> Che pe’ fa’ fii t'astieni dar sedere..

Gianca', te vojo di', scusa se insisto,
Che a me nun me ne frega un accidenti
De le norme che co' li sua interventi
Er papa impone a chi ce crede in Cristo

Tra l'artro quarche vorta ho pure visto
Che quanno nun ce so ripenzamenti
Tra li cristiani e tra li non credenti
Se pò concede er matrimogno misto

Ma che a la donna je venga interdetto
Ogni infedele, e invece micio micio
L'omo, si vole po' portasse a letto

Quarsiasi miscredente je va a cicio
All'occhi mia me pare, è presto detto,
'Na violazzione de la par condicio


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Preti e Mignotte

Anche Anchise rispose a "Papa e celibbato", ricordando nella storia del diritto ecclesiastico diverse dotte e filosofiche discussioni per cui si concludeva che ai clerici è proibito sposarsi, ma non accoppiarsi. Incapace di seguirlo su questi temi, risposi con una riflessione di altro tipo.

Anchi', c'ho sempre avuto l'impressione,
Dimme se pure tu la penzi uguale,
Che qui basta parla' de religgione
Pe' attizza' l'interesse generale

Dovrebbe esse er racconto sessuale
Er tema che cattura l'attenzione
E nun i preti, er papa, er bene e 'r male...
Io nun riesco a damme 'na raggione

Però ricordo che diceva spesso
Un saggio indiano che conosco io
Che pe' un periodo ha avuto un gran successo

"Quanno che vengono ar cospetto mio
Er prete vo' parla' solo de sesso
E la mignotta solo che de Dio"

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Lazziali e generali

Fece scalpore, durante una domenica calcistica, uno striscione di solidarietà dei tifosi della Lazio al generale serbo Arkan. Non solo perché Arkan è un criminale sanguinario, ma anche perché lo stesso si è in vita battuto per le sorti della repubblica serba, diretta discendente della Jugoslavia di Tito, un regime di chiara ispirazione comunista. E' ciò contrasta con le ricorrenti manifestazioni di simpatia che gli ultrà biancazzurri tributano a simboli ed ideologie chiaramente di estrema destra.

Ho visto in de la Curva Nord lazziale,
Scritto su 'no striscione bene in vista,
Che s'inneggiava a un noto generale
Dell'esercito serbo communista

E accanto c'hanno messo er littoriale
La cèrtica cor simbolo nazzista
Embè, st'accostamento innaturale
Molti l'hanno scambiato pe' 'na svista

Ma i lazziali, se sa, so bontemponi
E c'hanno l'abbitudine che è antica
De fa ogni tanto 'ste provocazzioni

Quindi nun se scandalizzamo mica
Se scriveranno sopra a li striscioni
"Viva Suor Paola", e poi "Viva la Fica"

A volte per l'uso pungente della sottile ironia, ho ottenuto reazioni piuttosto violente. Per cui quando postai questo sonetto su it.sport.calcio, mi aspettavo qualche parolaccia. Invece un tifoso laziale mi chiese di pubblicare il suo sonetto sul proprio sito, dedicato alla propria squadra, mentre un romanista propose lo stesso sonetto su it.sport.calcio.roma. Ho concluso che nei newsgroup calcistici sono talmente abituati alle offese becere e dirette, che la battuta ironica è accolta con il massimo apprezzamento, anche se contraria alla propria bandiera.

firma.gif (3521 byte)


barra.gif (1046 byte)

Par condicio

Secondo me è parziale e sbilanciata
Tutta l'educazzione sessuale
Perché la fica viene sviscerata
In ogni proprio aspetto naturale

E quanno è secca, e quanno che è bagnata,
E si è clitoridea, e si è vagginale,
E comme pialla, e comme va trattata,
E comme je se dà pe' nun fa' male

Ma a le donne der cazzo che se insegna?
"Quello che sente sente, purché dura
Pe' er resto poi fa' comme fosse legna.."

E la donna così nun ha curtura:
Pe'r cazzo, proprio comme pe' la fregna,
Ogni esemplare c'ha la sua natura

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Customer care

Giulia rispose al sonetto precedente, invitandomi a coprire quelle lacune dell'educazione sessuale con il mio contributo e qualche consiglio. 


E brava giujafritta! Che penzata!
Questo è un raggionamento giusto e pio
De consija' la donna preoccupata
Che pensa "Er cazzo mò come lo pio?"

Ma forse la persona più indicata
A da' st'educazzione nun so' io
La mia esperienza è arquanto limitata
Perché conosco solo er cazzo mio

Su quello posso datte, all'occorrenza,
Le indicazzioni, er manuale utente,
Ventiquattrore ar giorno d'assistenza

E' un perno dell'economia corrente
Pe' nun lasciallo anna' a la concorrenza
Avecce grande cura der cliente

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Alta Poesia (manifesto letterario)

Una piccola critica ironica ad un certo modo di fare, e di leggere, poesia.

Pe' scrive 'na poesia de grande effetto
Devo da usa' parole compricate
Ché quelle più normali e più scontate
La gente le capisce, ed è un difetto

Le ho da struppià tajandole de netto
E sbattele qua e là disordinate
Finché, sillabe e rime rispettate,
Nu' riesco a facce usci' fori 'n sonetto

Ce metto un po' de mare e un po' de vento
E in mezzo ar ber paesaggio poi ce piazzo
Quarche oscura allusione a un sentimento

Tanto oramai se sa com'è l'andazzo:
Più leggi che è benevolo er commento
E più nessuno c'ha capito un cazzo

firma.gif (3521 byte)


barra.gif (1046 byte)

Misure

La parodia di alcune manie machiste

Quanno che er cazzo me lo prenno in mano
E lui sta dritto su come un siluro
Diventa così grosso lungo e duro
Che se meriterebbe un primo piano

In quer momento so' tanto sicuro
D'avecce un cazzo enorme e sovrumano
Che pure si è un comportamento strano
Penso: "Mò quasi quasi lo misuro"

Alla fine però ce resto male
A scopri' che la taja de 'st'ucello
Rientra in de la media nazzionale

Ma li strumenti mica so' perfetti!
A me i centimetri de 'sto righello
Me pareno a vedelli un po' lunghetti...

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Misure (dalla parte di lei)

...e la risposta della controparte femminile

Quanno che er cazzo te lo tiro fori
(E a prennetelo in mano mò so' io)
Te devo di': tutto quer ben de ddio
Me pare er più prezzioso dei tesori

Si ne la fregna poi me lo lavori,
Me sento drento un gran ber tramestio
Per cui me basta e avanza, amore mio,
Sinnò si è troppo grosso... so' dolori

Per cui, tesoro, dai, nun fa' 'sta faccia:
Er dato medio de distribbuzzione
Nu' lo devi da pia' pe' 'na minaccia

(Però pe' me è 'na gran consolazzione
Sape' che facirmente s'arintraccia
In giro un cazzo de 'sta dimensione)

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Annamo a scia'!

Composto durante una settimana bianca massacrata dal tempaccio

Namo a scia', partimo tutti quanti!
Namo a scia' co' tutto er sentimento!
Ché c'ho li sci più fichi der momento
E occhiali, e cappelletto, e tuta, e guanti

E si vengheno giù fiocchi giganti
Si n' ce se vede e tira forte er vento
Si è meno venti su a tremila e cento
Nun ce ne frega gnente e annamo avanti

Certo nun è la nebbia che ce blocca
Nè se fa freddo o tira tramontana
Si infuria la bufera oppure fiocca

Restamo a valle? Seh! Restamo un corno!
In tutto l'anno c'ho 'na settimana
E nun me vojo perde manco un giorno

firma.gif (3521 byte)

 

Home Page

barra.gif (1046 byte)
Per scrivere a Xlater: xlater@hotmail.com
Oppure utilizzate il Guestbook

key1743.jpg (28694 byte)