SONETTI Autunno '99
barra.gif (1046 byte)
eyes1743.jpg (2382 bytes)

dot_.gif (42 byte)
Molti sono stati inviati a ISR. Molti no. Molti sono inediti.

barra.gif (1046 byte)
Cara Robberta

Ci fu un racconto di giuliafritta e Silverghost formato da due lettere una scritta da "Roberta" e la risposta scritta da "Alessandro". Poiché non mi piacque particolarmente questa seconda parte, provai a suggerire due risposte alternative, una in prosa, una in versi. Eccola. Il racconto lo troverete al sito di giulia.


Robbe', dopo la pompa che m'hai fatto
De punto in bianco, senza 'na raggione,
C'hai ne la testa un po' de confusione:
Nun m'ami, eppure t'è piaciuto l'atto

Anch'io, lo sai, ce sto a diventa' matto:
Oscillo tra l'affetto e l'attrazzione
Senza riusci' a trova' 'na soluzzione.
E allora te vorrei propone un patto

Quello che noi dovressimo fa' adesso,
Pe' poi decide der nostro destino,
E' capi' mejo quello che è successo

Per cui pe' rivede' più da vicino
Si è amore, si è amicizzia o solo sesso
Bisogna che me fai n'antro bocchino

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Sintomi - A Miriana

Alla solita Miriana che non scrive mai....


Miria', si c'hai un minuto che t'avanza
Te vojo racconta' un fatto curioso
Da un po' de giorni sto... comme nervoso,
Comme... n'aggitazzione ne la panza

Nun c'ho appetito quanno che se pranza,
La notte dormo male e nun riposo,
So' acido, irritabbile e scontroso...
Sto a comincia' a senti' la tua mancanza

Nun è che so' ridotto da ospedale
Nun è che so' sconvorto chissà quanto
Direi... 'na sensazzione marginale

Però, Miriana mia, tesoro santo
Si nun voi che me senta proprio male
Fatte senti', nun famme aspetta' tanto

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Baci rubati

Stavolta un sonetto che è quasi un racconto.

'No sguardo tipo "A bon intenditore..."
Trovo 'na scusa e co' te m'allontano
La porta che se chiude ar quarto piano
E finarmente soli in ascensore

Lì c'abbracciamo stretti, con furore
Le lingue a fa' un duello rusticano
Le bocche che se scambiano er sapore
Toccasse dappertutto co' le mano

Tu senti bene quanto so' eccitato
Io sento che te bagni chiaramente
Un sarto. Er piano terra già è arrivato.

Arissettasse frettolosamente
Quattro secondi pe' ripia' un po' fiato
E poi usci' fori e fa' finta de gnente

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Dottori e somari

Alessandro (ale.capriccioli@flashnet.it) scrisse sul ng questo gustoso sonetto

L'antro giorno so' stato a fa' 'na gita
Co' la regazza mia, ch'è verginella,
E nun conosce ancora, pora stella,
Tutte le cose zozze della vita.

L'ho portata 'n campagna, e quann'è stato,
Che proprio là vicino all'asinello
Je s'è addrizzato un metro de pisello,
M'è cascata svenuta 'n mezzo ar prato.

Quanno che s'è ripresa m'ha soriso,
"Annamo, me ce porti a fa' l'amore?"
Io so' sbiancato: "Come, all'improviso?"

Lei se fa rossa rossa e dice: "Caro,
Chissà che grosso er tuo, che sei dottore,
si quello è solo er cazzo d'un somaro!"

Io mi divertii ad immaginare un seguito

Io che nun c'ho un gran cazzo, con pudore,
Je dissi: "L'importante nun è quello!
Se tra l'omo e la donna scopa' è bello
Non è pe' la misura der tortore!"

Je dissi anche che l'organo d'amore
Nun è poi tanto er cazzo, ma er cervello,
E in questo qui, rispetto ar somarello,
Ce sta un gran ber vantaggio a esse dottore

Sembrò convinta e allora (meno male)
Slargo' le cosce, ed io tutto contento
Je l'appizzai con foga micidiale

Ma mentre che lo stavo a spigne drento
Me fa "Si c'hai un cervello eccezzionale
Com'è che ne la fregna nun lo sento?"

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er Giubbileo

Ebbe un buon successo sul ng questo sonetto. Evidentemente la satira religiosa piace al pubblico.

Mancheno pochi mesi, ormai è vicino
Ecchete l'Anno Santo, finarmente.
A Roma ce verrà un sacco de gente
Pe' vede' er Papa e ave' er Perdon Divino

A me, poiché so' laico, giacubbino
Ateo, bestemmiatore e miscredente
De 'ste cazzate nun me frega gnente
Ma solo de sarvamme dar casino

Er Giubbileo comunque è un bon affare
Pe' 'r doppio tunnel sotto l'Appia Antica
E la terza corsia dell'Anulare

Forse s'acchiappa puro un po' de fica
In mezzo a tante pellegrine ignare
Prima che er Papa je la benedica

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er gene

Un commento in versi ad una notizia di "cronaca scientifica".

Ho inteso la notizzia, e ero contento:
Pare che 'sti scienziati gran cervelli
Hanno scoperto un gene che ha er talento
De fa' aricresce ai calvi li capelli

Ma poi 'n dottore, in sede de commento,
Dice: "Fate attenzione, amici belli:
Sui topi funzionò l'esperimento
Ma per adesso solo che su quelli"

Allora vorrei tanto capi' bbene
Prima che m'arovìnino la festa
A che cazzo sia utile 'sto ggene

E se lo stanno a chiede in tutta Europa
Si è bbono pure pe' i capelli in testa
O solo pe' li peli de la topa


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Depilatio et dilapidatio

Un sonetto di satira di costume, diciamo così....

Che cazzo! Quanto spreco de scopate!
Quale sciupìo de ghiotte situazzioni!
Quante impreviste tenere occasioni
Che pe' un'inezzia ar vento so' bbuttate!

Tutto perché sareste imbarazzate,
Voi donne, de mostracce li spuntoni
Quanno, sotto a le gonne o a li carzoni,
Le gambe n' so' de fresco depilate

'Ste fìsime so' stupide e dannose.
E' ora che quarcuno ve lo dica
Pe' un omo comme ponno sta' le cose:

Io lo sopporterei senza fatica
De sbatte tra du' cosce un po' pelose
Pur de nun rimane' senza la fica

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Nun raggiungibbile

L'ironico contrasto tra l'impazienza del protagonista e la ripetività indifferente delle voci femminili dei servizi di telefonia cellulare.

La voce reggistrata fa: "Er cliente
Da lei chiamato, forse 'sto momento
Potrebbe avecce er terminale spento...
Lo provi a richiama' prossimamente"

Macché! So' mille vorte già che tento
De richiamalla e nun succede gnente,
Intanto che da un'ora inutirmente
L'aspetto 'ndo m'ha dato appuntamento

Dice: "Ora a la casella sua vocale
Stamo pe' trasferi' questa chiamata
Lasci un messaggio, dopo der segnale"

(Biiip) "Ciao, so' Franco... sto a piazza Ungheria...
Volevo di'... de anna' a mori' ammazzata
A te e a 'sta cazzo de segreteria!"

 

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er Pirzing

Stavolta il bersaglio è questa moda molto diffusa presso le giovani generazioni

Te sei bucata già le recchie e 'r naso,
Pe' da' retta ar consijo de n'amico.
Poi te sei fatta er bucio all'ombellico,
E ho fatto finta de nun facce caso.

E mo, curiosa comme san Tommaso,
Te n'esci co' st'idea che maledico:
Er pirzing a la lingua. Dici "E' fico!"
Sarà, ma nun so' tanto persuaso

Dici che quell'amica tua t'ha detto
Che fa grandi bocchini ar fidanzato
Da che ci ha su la lingua er gingilletto

Ma in punta io, lo sai, so' delicato...
Te piacerebbe a te s'io t'inchiappetto
Co' intorno ar cazzo un collarin borchiato?

La cara ShadowLady, chissà perché, si sentì chiamata in causa e rispose tentando di scimmiottare tanto il sonetto, quanto il romanesco. con risultati non brillantissimi, ma va apprezzato lo sforzo. Poi io alla mia "Ompbrosa" perdono tutto!

Ce sta' chi la chiama "trasgressione"
altri la definiscono "evasione"
Raga', io a ste cose nun ce sto'
... pe' vanta' ... ecco perche' lo fo!

C'avrai anche la punta delicata
... l'ultima volta attenta ce so stata!
Ma sta vorta, co' un po' d'allenamento
te faro' impazzi' fino allo svenimento

Finche' so' giovane ste cose le posso fa'
nun voglio rimpianti co' avanzera' l'eta'
E se proprio nun me va', lo posso elimina'

Ma sia chiaro che se a te nun va
er gingilletto nun se fa.
Per er collarin borchiato ... ne possiamo riparla'?

Le risposi così:

Ho letto bene o sto a fa' confusione?
"L'urtima vorta ce so' stata attenta"
Voresti di'... ch'io e te... in un'occasione...
Oh, che notizzia! Proprio me sgomenta!

Mbè, me dispiace, sembrerò cojone,
Ma la capoccia mia nun lo rammenta
Forse dormivo? In quella situazzione
Me sembra strano che uno s'addormenta...

Comunque, Ombrosa, nun me importa gnente
Se te fai er bucio pure in der cervello
Fai tu come te pare, è indifferente

Ma ai pirzing tua magari sarà mejo
Che te c'attacchi quarche campanello
Così che un'antra vorta resto svejo

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Proposta - A Miriana

Sempre nel tentativo di sollecitare Miriana a scrivere qualcosa. Ma piano piano si perde la pazienza...

"Spettabbile preggiata avvocatessa
Er sottoscritto avrebbe assai diletto
De riceve ogni tanto un messaggetto
Sempre se l'incombenza nu' la stressa..."

Arisentitte è sempre 'na scommessa!
De solito funziona co 'n sonetto
Però stavorta, cazzo, che ce metto?
La situazzione qui è sempre la stessa...

E poi so' stufo a scrive in rima e in prosa
L'atroce sofferenza dell'attesa
Perché nun famo invece n'antra cosa?

Io nun te scrivo. E te, si nun te pesa,
Piuttosto che fa' sempre la prezziosa,
Me scrivi e provi a famme 'na sorpresa

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Campagna contro Elisabetta I

Per un certo periodo Giancarlo scrisse su ISR tutta una serie di sonetti elisabettiani (che a me non piacciono), perché evidentemente più facili da scrivere. Per sollecitarlo ad impegnarsi a scrivere sonetti veri, lo minacciai che gli avrei scritto un sonetto "vero", in mail, per ogni elisabettiano da lui postato, riprendendo lo stesso argomento.

Giancarlo scrisse:

Advanced cunnilingus 8

>L'odore cor sapore de la fregna
>È uguale a quello der caffè o der vino
>Che nun te piace si sei regazzino,
>Ma solo perché dopo te s'insegna.
>
>Sarebbe a di': "A 'ste cose cresce er curto,
>E vino, caffè e sorca credi boni
>Perché seguenno queste propensioni
>Te pare d'esse come che 'n adurto".
>
>Ce stanno poi perfino arcuni umani
>A cui la ciocia piace de natura
>E 'n ci hanno de bisogno la curtura
>Pe' immagina' 'ndo mette lingua e mani.
>
>Comunque, innato er vizio o anche acquisito,
>Te senti uguale a Dio a lecca' quer sito.

E io risposi così...

Si a te piace er sapor de passerina
Secondo 'na teoria sperimentale
Nun è la sorca ar gusto che è divina
Ma un condizionamento culturale

Sentendo di' che er succo de vaggina
Pe' tutti è 'na delizzia assai speciale
Finisce che 'r palato se raffina
E segue la tendenza generale

Invece c'è chi crede che sia innato
Se t' aggradisce quer sapore in bocca
E nun vor di' che sei condizzionato

Chi c'ha raggione? A me poco me tocca
Perché me sentirò sempre beato
Quanno passo la lingua su la gnocca

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Campagna contro Elisabetta II

Il secondo e ultimo della serie, che poiché mi sembrò ben riuscito, vide la luce anche su ISR

Giancarlo scrisse:

ADVANCED ANAL SEX 17

La cosa più importante pe' l'amante
Adè che j'attraversi lo sfintere
Co' la cappella e poi dentro ar sedere
Er resto entra co' scivolo elegante.

Però ner monno c'è anche quarche cazzo
Che adè più largo e grosso lungo l'asta
E quindi er tronco rigido contrasta
Ar bucio non aduso a 'sto sollazzo.

Pe' questo ojo d'oliva o vaselina
Hanno da ricopri' tutto er tortore
E chi la punta entrò senza bruciore
È mejo si sta fermo a pecorina.

Ché sospiranno, dopo la cappella,
'N se trovi a pia' ner culo 'na trivella.

Io risposi così:

De solito durante er sesso anale
Quanno ner bucio è entrato tutto er glande
Se supera la fase più cruciale
E se continua a fotte a la stragrande

Ma quarcheduno drento le mutande
C'ha un cazzo co' la forma inusuale
Che andanno verso er sotto je s'espande
E lì naturalmente fa più male

Ce so' du conseguenze, de riflesso:
Primo, che er cazzo va lubrificato
In punta e lungo l'asta ar tempo stesso

Secondo, che nun è mai consijato
(E nella vita quanto che ner sesso)
De illùdese che er peggio sia passato

Non voglio attribuirmi meriti che non sono sicuro di avere, ma da allora Giancarlo ridusse sensibilmente la sua produzione "elisabettiana", tornando ad offrire i suoi splendidi sonetti "veri".

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Tutte uguali

Una nuova satira di costume.

Pare che Gina c'ha n'antra conquista
A Paola nu' je serve er mi' conforto
Robberta già da un po' nu' la sopporto
Fabbiana c'ha la crisi dell'artista

A Ornella nu' la metto manco in lista
Loretta nun me chiama manco morto
A Laura pare che j'ho fatto un torto
E Federica... boh... chi l'ha più vista?

Ste donne, cazzo!, So' sempre le stesse
Appena parlo un po' de matrimogno
Scappano comme avessi l'a-i-di-esse

Ma adesso finarmente l'ho imparato
A le prossime, tiè, manco pe' sogno
Je lo racconto che so' già sposato

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Qual è quello bono? - A Snake

Un sonettino a versi tronchi, per un amico che stava litigando col proprio PC. L'ultima volta sembrava che il PC stesse vincendo, ma Snake è tipo tenace....

Da un po' de giorni, me sta a capita',
Che quanno me collego all'icciqqù,
Se mette a lampeggia' er system menù
E dentro c'è un messaggio che me fa:

"A Xla, so' Sneik, me poi autorizza'?"
Io: "Pronti! M'autorizzi pure tu?"
Aspetto, arriva er classico "Uh-Uh",
E leggo: "Tutto a posto! Grazzie Xla!"

Je vorrei tanto domanda', però,
"A Snè, ma comme mai sei sempre te?
Ma nun t'ho autorizzato già da un po'?"

Allora me so' annato a rivede'
La lista dei contatti che io c'ho
E de "serpenti"... ce ne stanno tre!

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
La Sfiga

Per una volta un sonetto a tema calcistico. E' stato pubblicato su it.sport.calcio.inter in occasione dell'infortunio di Ronaldo.

Uno ha sartato la preparazzione
Quanno arientra l'artro è infortunato
Poi la caviglia, poi quell'espurzione,
Poi parte chè er cittì l'ha convocato

Poi torna che nemmeno c'ha giocato
Entra, gioca e se fa 'na distorsione
Ma è 'na macumba che c'hanno mandato?
E' un quarche tipo de maledizzione?

Ve ggiuro che arrivato a 'sto frangente
Der Mila, De la Juve, De la Lazzio,
Der campionato, nun me frega gnente

Nun è de lo scudetto che preme
Sortanto che abbia un termine 'sto strazzio
E de vedelli finarmente inzieme

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Corpo e Anima

Amiche mie... non ditemi che sono misogino. Ironizzo con la stessa frequenza, e anche maggiore, sulle contraddizioni di noi maschietti. Intanto però prendete e incassate!

Te sento protesta' continuamente:
"L'omo, tanto se sa, vo' solo quello:
Un bucio callo 'ndo appizza' l'ucello
De tutto er resto nu je frega gnente.

Dei sogni che c'avemo ne la mente
De quello che ce frulla in der cervello
Nun ve prendete cura de sapello
Pe' voi è solo un dettajo ininfluente"

Però quanno t'ho detto che in te ammiro
La personalità, la tua curtura
L'intelliggenza, (senza piatte in giro)

Hai fatto er viso triste e sconsolato
E poi m'hai chiesto, quasi con paura
"Che c'hanno le mie tette de sbajato?"

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Pettegolezzi Virtuali

Sempre attuale

"Hai detto a Coso che lui avrebbe scritto
A Cosa che quell'antro s'è incazzato
Der fatto che lei avrebbe rivelato
In chat a Tizzio che nun ha er diritto

De racconta' a quell'antra che sta afflitto
Perché lei pure poi ha telefonato
A Caio... e vedi mò che hai combinato?
Nun era mejo che te stavi zitto?"

La communicazzione virtuale
Tra tanti pro, c'ha pure sto difetto
Che ogni cazzata è un caso nazzionale

"M'ha detto che j'hai detto che j'ho detto..."
Macchè! Si quarcheduno me vo' male
Je manno un vaffanculo. Ma diretto.

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
A una che dice da esse

A volte anche una donna, può avere atteggiamenti, in qualche modo, maschili. O addirittura peggio.

Dici da esse in tutto eccezzionale
Dici da esse un mostro de natura
Dici che a petto a te nun c'è rivale
Scienza, filosofia o letteratura

Dici che c'hai un talento che è geniale
Che c'hai l'intelliggenza e la curtura
E, pe' parla' d'aspetto personale,
Che la bellezza tua è bellezza pura

Si te lo posso di' sincero e schietto,
Nun vojo mette in dubbio, te lo giuro,
Che tu possa esse st'essere perfetto

Però a sto punto so' pure sicuro
Che tu diresti, si fossi un maschietto,
D'avecce er cazzo grosso lungo e duro

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Amori nascosti

E' più importante farlo... o raccontarlo?

Te scrivo, te telefono, te sento
Poi s'incontramo in modo clandestino
Pe' scopa' in quarche arbergo qua vicino
E nun potrei mai esse più contento

Io a tutto er mondo annuncerei l'evento
Ma tu me dici "Dai, nun è carino...
E poi... ma te l'immaggini er casino?"
Faccio come voi tu. Nun me lamento.

Però 'sto tuo discorso nun me sona.
Tanto, si deve rosica' quarcuno,
Che ce ne fotte a noi de 'sta persona?

Me pare 'na tortura, sarvognuno,
De scopamme 'na donna tanto bona
E nun potello racconta' a nessuno

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Amori nascosti II - Le reazioni

E' abbastanza fastidioso che qualcuno cerchi sempre, ossessivamente, dei riferimenti trasversali nei miei sonetti. Soprattutto se l'intenzione è quella di prenderla male. Dovrebbero avere l'umiltà di capire che i loro casi personali hanno un posto del tutto marginale nei miei pensieri.

Da quanno che postai er componimento
Ho letto nei messaggi ricevuti
Che tanti dell'amici de qui drento
Ner sonetto se so' riconosciuti

E adesso so' convinti e prevenuti
Che è a loro che farei riferimento
E un po' incazzati, fermi e risoluti,
Pretendono da me 'sto chiarimento

N'c'è gnente a che vede'! Tutto inventato!
Ma intanto, compiaciuto, prendo atto
Che qua vivete tutti ner peccato

E così me so' accorto tutto a un tratto
Che so' rimasto er solo disperato
Che scopa poco e scrive come un matto


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
San Silvestro 99 - A Miriana

Miria', c'hai quarche impegno pe 'r trentuno?
A me m'avrebbero invitato a un posto
M'hanno detto: "Si voi, porta quarcuno"
"Provo a porta' Miriana" j'ho risposto

Senti er programma come te l'imposto:
Zampone e du' lenticchie, che è opportuno,
Poi se trovamo un angolo anniscosto
'Ndo nun ce viene a disturba' nessuno

E mentre se festeggia er grande evento
Brindisi, botti e tutta la trafila
Io e te se divertimo a daje drento

Potremo fanne quattro cinque in fila
Così so' l'urtime der novecento
E le prime scopate der dumila

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Er giudizzio

Scusate si ve pongo la questione,
Ma gradirei sape' si ate deciso
Quale sarà la mia destinazzione
Se inferno, purgatorio o paradiso

Se ho avuto la completa assoluzzione
De quarche peccatuccio (mica ho ucciso!)
E posso sta' co' voi, santi e santone
Accetterei 'sto fato cor sorriso

Si invece avrò er perdono solo ar patto
De lunghe pene che me comminate
Potrebbe nun piacemme 'sto contratto...

Che dite? Inferno? ... mbè, me fate un torto
Però a 'sto punto nun ve lamentate
Se dopo da cattivo me comporto

firma.gif (3521 byte)


Home Page

barra.gif (1046 byte)
Per scrivere a Xlater: xlater@hotmail.com
Oppure utilizzate il Guestbook

key1743.jpg (28694 byte)