SONETTI Primavera 2001
barra.gif (1046 byte)
eyes1743.jpg (2382 bytes)

dot_.gif (42 byte)
Questa stagione coincide con l'inaugurazione della mia mailing list di sonetti. Un'iniziativa destinata a tutti coloro che apprezzano i miei sonetti, ma non seguono it.sesso.racconti. Permette loro di avere la mia produzione sonettistica in mail in tempo reale, senza aspettare il cambio di stagione e la nuova pagina sul sito. In fondo non è diversa dalle mailing list che inviano una barzelletta al giorno, se non per il fatto che non sono altrettanto regolare. 

barra.gif (1046 byte)
Per esempio

Tanto pe' fa' un esempio, ce sta un treno
Che te fa sta' a le dieci a la stazzione:
C'è pure er tempo pe' la colazzione
Si er Caffè de Trombetta nun è pieno

Da lì, in un quarto d'ora, forse meno,
Stamo dentro 'na stanza de pensione
Da soli, ne la mejo situazzione
Pe' fa' mille porcate senza freno

Potemo fa' 'na sosta a mezzoggiorno
Pe' magnasse un panino ar bar lì sotto
E dopo continua' a fa robba porno

Poi te riporto ar treno, e a le diciotto
Saresti su la strada de ritorno
Co' la fica infiammata e 'r culo rotto


Il "Caffè Trombetta" è un bar molto frequentato appena fuori della Stazione Termini a Roma.

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Zodiaco

Sei Capricorno o sei der Saggittario?
Ariete o Toro? Vergine o Leone?
Dei Pesci? Dei Gemelli? Dell'Acquario?
Sei 'na Bilancia? Un Cancro? 'No Scorpione?

Come ce l'hai disposto er planetario?
'Ndo stanno Urano, Venere e Plutone?
C'hai Marte che te gira all'incontrario?
C'hai Giove che te fa l'opposizzione?

Queste nun so' cazzate, t'assicuro!
Da secoli l'Astrologgìa ce insegna
A legge ner presente e ner futuro

Sapessi er Tema mio quanto me impegna:
So' der segno der Cazzo Sempre Duro
E c'ho un grande ascendente pe' la Fregna.


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
L'antri omini

Dimme le storie tue co' questo e quello
E' er vizzio più antipatico che esista!
"Oh Tizzio, quanto è bbono, quanto è bbello..."
"Oh Caio, come scopa, che conquista..."

Sarà pure un retaggio maschilista
Pensa' d'esse i padroni der castello
Ma quanno attacchi a fa' tutta la lista
Me sento frigge er sangue in der cervello

Lo so che pure si te porto a letto
Tra noi nun c'è contratto d'esclusiva,
Ma tu me lo fai proprio pe' dispetto...

Ognuno de noi due ha la vita sua
Però te prego: essi comprensiva
Nun me parla' de tutti i cazzi tua


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
La fregna su misura

Chi ha già provato più de 'na vaggina
Lo sa che nun ce n'è nessuna uguale:
Una sembra l'imbocco de 'n canale
Un'antra nun ce passa 'na puntina

Una è tarmente secca che fa male
Un'antra je s'allaga la cantina
Invece la sorchetta tua, Marina,
Pe 'r cazzo mio, è proprio l'ideale

Ché me lo avvorge morbida, ma salda
Nun è mai troppo larga o troppo stretta
Nun è mai troppo fredda o troppo calda

Quindi, e nu' lo sto a di' pe' gelosia
Ma pe' falla resta' così perfetta,
Nun vojo che antri cazzi tu je dia


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Save the last dance for me

Era sicuro, me l'avresti data,
M'avevi fatto già senti' l'odore...
Ma prima ogni occasione c'è sartata
Pe' un padre che fa troppo da tutore

Poi in settimana bianca sei annata,
Poi centomila impegni a tutte l'ore,
Finchè un giorno, co' 'na telefonata,
M'hai detto che c'avevi un novo amore

Vabbè, è cambiato er vento, nun m'adiro
Lo sai che c'ho pazzienza e temperanza
E un cazzo che pe' te sta sempre in tiro

Ma quanno c'avrai fregna che t'avanza
Vedi si poi lasciamme armeno un giro
E riserva' pe' me l'urtima danza


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Quell'occhi

C'hai l'occhi de un colore quasi nero
Co' quela luce ambigua de riflesso
Che trasmettono un brivido leggero
De gelo e de calore ar tempo stesso

Ce sta l'affronto complice e sincero
De una che nun chiede mai er permesso
E ce se scorge sempre quer pensiero
De sesso sesso sesso sesso sesso

Ma adesso t'è successo er fatto novo
Che io quell'occhi pieni de malìa
Li posso fissa' dritti e nun me smovo

Ce riconosco dentro ogni mania
Perché nell'occhi tua me ce ritrovo:
So' proprio tali e quali all'occhi mia


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
SULL'INVIDIA DEL PENE

Invidia del pene, la chiamano
Scritta da una non meglio precisata femminista americana degli anni '70, tradotta e riportata sul proprio sito da una mia cara amica, che si dichiara grande ammiratrice dei miei sonetti.

Invidia del pene, la chiamano
pensa quant'è comodo avere una cosa
che sporge; prendi e la ficchi
in un corpo, una botta e via,
e te ne sbatti del resto.
Sai che godrai!
Non devi amare quella persona,
fidarti di quella persona;
Una botta e via.
Se non puoi godere gratis
paghi un bigliettone, una botta e via.
Non devi tenertelo o abortire,
non devi occuparti del bambino,
né temere lo stupro.
L’uomo è davvero bacato
ecco come la chiamo io.


Ma invidia de che?
La mia risposta...

Nun è 'sto gran vantaggio avecce er pene
Che nun te dà certezza che funzioni,
Che nun sai mai si l'usi male o bene,
Che c'hai i complessi pe' le dimensioni,

Che t'aggita si c'ha le palle piene,
Che nun te s'arza quanno t'emozzioni,
Che a vorte troppo in fretta se ne viene,
Che aspetti l'ore prima che risoni.

Per cui nun è scontato, cara amica,
Riguardo a 'sta questione che te coce,
Si è mejo avecce er cazzo o ave' la fica

Né lui né lei so' privi de difetto,
E ognuno ha da porta' la propria croce.
Ma armeno, dai... incrociamole su un letto!


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Piccoli complessi

Pensando a quanno finiremo a letto,
Appena a casa nun ce so' persone
Te metti co' la massima attenzione
Nuda, a lo specchio, a caccia der difetto

Ma sta' sempre a guarda' te fa l'effetto
Che te tradisce l'autosuggestione
E infatti mò t'ha preso l'impressione
D'avecce un corpo meno che perfetto

Così m'hai chiesto ieri a tradimento
De nun pensatte nuda, si te sogno,
Ché poi sinnò potrei resta' scontento.

Ma de te nun se pò resta' delusi.
E poi, tesoro, in caso de bisogno
Io me te scopo pure ad occhi chiusi


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
OMBELLICOLI E CAZZI UNIVERSALI
Non poteva mancare il solito "duetto" con Giancarlo, stavolta originato da un bellissimo sonetto dello stesso Giancarlo il cui titolo riecheggia un noto rap.

L'ombelico del mondo

Er padre eterno, in quei giorni d'aprile,
Fece ner monno tante cose belle:
Er mare, le formicole, le stelle,
Er pesce, er sole, l'oche ner cortile.

Ma indove dispiegò tutto er suo stile,
Ché resti, ner vedello, ansante e imbelle
O ridi, d'emozione, a crepapelle,
Fu er bucio der sedere femminile.

Che è er sito 'ndo' se specchia er razionale
Der macrocosmo: elastico, profonno
E de perfetta simmetria radiale;

E sta ner centro esatto a un mappamonno
Uguale a come, ne lo spazio astrale,
La terra è l'ombelicolo der monno.

Giancarlo


Ombellicoli

Pe' te che sei cattolico romano
Ner monno deve essece un creatore
Che sta dietro le stelle a fa' er motore
E la Terra sta ar centro come l'ano

Pe' me che, come sai, nun so' cristiano
Ma ateo e pure un po' bestemmiatore
Nun ce pò sta 'sto culo accentratore
Nell'universo postcopernicano

Così tu sei costretto ar triste fato
De dedicatte solo ar bucio scuro
Dentro 'no spazzio angusto e limitato

Io invece, proiettato ner futuro,
Posso vola' ner cosmo sconfinato
Tra fregne culi e zinne, a cazzo duro.


Xlater


Sarà che so' cattolico e antiquato
E penso che ce sta un centro ner monno
Simmetrico, mutevole, profonno
Che in nuce adè lo specchio der creato.

Sarà che er metaforico meato
Ch'è dietro a la vagina, bello e tonno
È centro dei deliri de 'sto monno
Per uno come me ch'è ritardato.

Sarà che ne lo spazio ch'è perfetto
Tu voli libero, senza imbarazzo
Passanno, pe' gode' da letto a letto,

Tra fregna, culo, tette, sfizio e lazzo,
Ma è sempre mejo, a Sla'! un bucetto stretto
De l'infinito indove sguilla er cazzo.


Giancarlo


Ancora Ombellicoli

Gianca' tu sai che in ogni campo umano
Bisogna da sta attenti a la misura
Pe ave' un rapporto consistente e sano
Tra un bucio e quell'oggetto che l'attura

Er guanto va preciso co' la mano
La chiave ar foro de la seratura
Ner fodero er cortello der villano
Intorno de la panza la cintura

Pure ner sesso c'è lo stesso andazzo:
Ogni omo che va in fregola s'ingegna
Cercanno er bucio giusto pe'r suo cazzo

Ma certo nun c'ha un cazzo come un mulo
Colui che sciacqua largo in ogni fregna
E sente gusto solo a daje in culo


Xlater


Slàtere mio, sei proprio materiale
Perché, mentre io parlavo d'infinito,
A annatte ad attacca' si adesso un dito
Sta mejo ne la sorca o ar bucio anale

Me sembra una scaduta ner banale,
Ner terra terra trucido più trito
Viaggianno invece noi dentro de un sito
Che è, intero, tutto er campo siderale.

A Slate tu me dichi che er tortore
A me s'adatta dentro ar sito inverso
E a te va bene ar fornice anteriore,

Ma proprio che te so de cazzo eccerso
Invece de 'na sorca pe' l'amore
Volevo datte tutto l'universo.

Giancarlo


Er cazzo "universale"

Quanno quarcuna compra un cazzo finto
Pò prendene uno piccoletto "anale"
Oppure uno più grosso "vagginale"
Seconno in quale bucio ha da esse spinto

'Sto fatto, riflettenno, m'ha convinto
Che è bene avecce un cazzo "universale"
Bono da infila' ar volo, tale e quale,
Quarsiasi bucio in cui vò anna' l'istinto

Così a la fine ho fatto 'sto pensiero:
A che me serve un cazzo tanto eccerso
Da fotte l'universo tutto intero?

Me basta ave', Gianca', pe' falla corta,
'Sto cazzo, pe' scopamme l'universo
De bocche fregne e culi... un po' pe' vorta


Xlater

Siccome che voi in bocca, in fregna, ar retto
Mette l'ucello senza inconvenienti,
Tu dichi che, a seconda de l'intenti,
Dev'esse grosso, medio o piccoletto;

E quindi, annanno dietro a 'sto concetto,
Co' 'ste trasformazioni sorprendenti,
Arrivi, un po' a la vorta, senza stenti
A fotte l'universo dentro a un letto.

Ma come fai? Adè come un palloncino
Che lei, come cor flauto in un concerto,
Gonfia a misura adatta pe' la valle,

O ci hai i ricambi dentro ar comodino
Che, quanno lei te dice er bucio scerto,
Innesti, armati già, sopra le palle?

Giancarlo


Er cazzo "universale" 2

Quanno dico che un cazzo è "universale"
Nun vojo di' che cambia dimensione
Seconno che la sua destinazzione
Sia bocca, fregna, oppure bucio anale

E' "universale" se restanno uguale
Possa esse usato, e dia soddisfazione
In ogni modo, in ogni variazzione,
In ogni tipo d'atto sessuale

Un cazzo è "universale" ar modo giusto
Quanno lo ficchi sempre con diletto
Ner bucio largo, medio, oppure angusto

Io se Marina me la porto a letto
Te posso garanti' che sento gusto
In tutti i buci indove je lo metto


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Moderazione
Con questo sonetto, in particolare nel titolo, c'è un velato riferimento al mio nuovo ruolo di moderatore (insieme a giuliafritta) del newsgroup it.sesso.racconti

Te scopo appena svejo la mattina
Pe' comincia' a la grande la giornata
Poi vado avanti, metto la turbina,
E fino a pranzo è tutta 'na tirata

Te scopo ancora mentre che in cucina
Prepari 'ste du' penne all'arabbiata
E dopo me te scopo a pecorina
Su la tavola pronta apparecchiata

Che famo ar pomeriggio? E' presto detto!
Vie' qua, che te dò un antro par de botte
E sempre metto-e-levo e levo-e-metto

Così passamo la serata a fotte
Finché, stremati, se n'annamo a letto
A continua' a scopa' tutta la notte


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Lasciato per nuove emozioni
E' la sonettizzazione, con un po' d'ironia di un post su it.sesso.racconti, in cui un ragazzo raccontava le sue disavventure sentimentali e chiedeva consigli. Più sotto ci sono, sempre da me sonettizzate, le risposte che hanno dato sul newsgroup Giulia e Max Del Porco

Quanno ho scoperto che la mi' regazza
Da quattro mesi c'ha 'na relazzione
Co' un tizzio, je n'ho chiesto spiegazzione
Perché so' cose che uno ce se incazza.

Lei dice ch'io sarei de n'antra razza:
Nun so' come l'amico suo porcone
Che riesce a suscita' nova emozzione
E a falla scatena' come 'na pazza.

Signori der niusgruppo, ve scongiuro,
Voi che n'avete lette e scritte tante
Diteme: che m'aspetta pe'r futuro?

Me manca quarche cosa come amante?
E l'antre donne? Posso anna' sicuro,
O so' così mignotte tutte quante?


Lasciato: La risposta di giulia

Premesso che 'sto niusgrup nun è adatto
Pe' sta a filosofa' su 'ste questioni
E andrebbe mejo racconta' er tuo fatto
Magari a itte.sesso.discussioni

O, mejo ancora, a itte.discussioni.
Sessualità (pe' nun diventa' matto
Co' tanto spamme in mezzo a li cojoni),
Te posso da' un consijo mio d'impatto:

Nei nostri raccontini più indecenti
Ce trovi certi spunti pe' l'inzuppo
Coi quali puoi fa' tanti esperimenti

E poi si nun funziona, che te frega?
Co' tutti li racconti der niusgruppo
Puoi sempre consolatte co' 'na sega


Lasciato: La risposta di Max

Simmai le parti avessero scambiato
E fosse stato l'omo a mette er corno
Sarebbe tutto quanto più scontato,
Comune come la pagnotta ar forno

Infatti è l'omo, come ner passato,
Er re der sesso puro, er dio der porno;
La donna invece ha appena incominciato
In pratica, puoi di', dall'antro giorno

Tu fotti senza core, come un orco,
Vedrai si tornerà a lisciatte er pelo
E ad esse soddisfatta dell'insorco

Ma non sarà più amore, e te lo svelo.
Firmato: er tuo devoto Max Der Porco
(Apocrifo, però, come er vangelo)


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Che paura!
L'uomo spaventato dal sesso femminile è sempre stata una "maschera" di grande comicità.

Appena che la fregna t'ho mostrato
Sei subito sbiancato come un morto
Che c'è, tesoro, che t'ha impressionato?
Cos'è, dorcezza mia, che t'ha sconvorto?

Coraggio! Quarche fica, ner passato,
Te sarà capitata avanti ar vorto...
Che dici? nun avevi mai incontrato
'Na sorca cor pelame così forto?

Adesso l'ho capito, poro amore,
Mo che te vedo er ciufoletto in resta,
Ched'è che te fa tanto strigne er core:

Te frulla la paura ne la testa
Che quell'ardimentoso esploratore
Se pozza perde in mezzo a la foresta


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Spam in mailbox

"Pare che co' le donne nun funzioni?
Noi te spiegamo come avenne cento!"
"A letto sei carente de talento?
Impara qua le mejo posizzioni!"

"C'hai 'r cazzo scarso come dimensioni?
Te lo ingrandimo noi co' un intervento!"
"C'hai quarche transitorio ammosciamento?
Comprete er Viagra e avrai le prestazzioni!"

Così, a decine de messaggi a botta,
La posta mia continuano a inondamme
Margrado che nessuno se li fotta

E m'aritrovo sempre a domandamme
Chi cazzo sarà mai 'sta gran mignotta
Che va a parla' così de me a li spamme


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Gelosia

Co' me fai li discorsi de concetto
Co' lui sempre a pensa' ar divertimento
Co' me ce parli, quanno annamo a letto,
Co' lui fai tanto sesso, me lo sento

Pe' me c'hai un po' d'amore e de rispetto
Ma la voja de lui te dà er tormento
Ar diavolo quer giorno maledetto
Quanno te dissi: "Mo te lo presento"!

T'ho vista, che te credi, l'antro ieri
Che te lo sbaciucchiavi con passione
Facendome veni' tanti pensieri...

Marina, io ce sto a diventa' pazzo!
Ar mondo ce sarà 'n antro cojone
Geloso, come me, der proprio cazzo?


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Annuncio: Arlecchina
In un periodo in cui Giancarlo si è divertito a sfornare molti divertenti sonetti che facevano il verso agli annunci erotici, ho provato ad imitarlo

Schiavetta sottomessa, bella fregna,
Un corpo sempre ardente de passione,
Cerca master de vera professione
Disposto anche a viaggia' fino in Sardegna

Er tutto rispettanno la consegna
De aggi' sempre co' grande discrezzione
Siccome che c'ho già 'n antro padrone
Che nun deve sape' quanto so' indegna

Porta pure catena, frusta e mazza:
Co' me te poi sfoga' tutte le voje
E credeme: so' un fiore de regazza

L'antro padrone? E' un rischio... Ciò nun toje
Che pure si ce scopre e ce se incazza
Faremo armeno festeggia' la moje


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

TECNICHE DI TACCHINAGGIO ON LINE
PER SCRITTORI EROTICI
SECONDO L'ESEMPIO DEI GRANDI MAESTRI DEL SETTORE
Una serie di sonetti congegnati come altrettante lezioni. Una satira bonaria verso certi comportamenti tipici. Ma non sono certo quello senza peccato che scaglia la prima pietra...

Lezione 1 - Risposta ai commenti femminili

Quanno è 'na donna a scrivete un commento
Pe' ditte che er racconto tuo è eccitante
Nun esse né gentile né galante
Nun devi fa' capi' che sei contento

Mostrate invece cinico e sprezzante
Der tutto indifferente ar complimento
Così diranno tutti "Che portento!
Questo de donne deve avenne tante!"

Intanto de nascosto in mail privata
Je manni n'antra bella letterina
Cor tono dorce de 'na serenata

Dai sfoggio de sensibbile intelletto,
Aggiungi quarche frase più carina,
E infine la saluti co' un bacetto


Xlater

Lezione 2 - Il commento alle autrici

Quanno scrivi un commento a 'na scrittrice
Nun fa' come quarsiasi antro cojone
Che se mette in ginocchio a pecorone
Come farebbe Dante co' Beatrice

Perché si je fai er quadro e la cornice
Ar massimo sei uno su un mijone
Chi invece è tosto attira l'attenzione
E lei se chiede: "E questo, mo? Che dice?"

Però nun esse manco troppo duro
E lascia intenne, in mezzo a quer che scrivi,
Che c'è quarche spirajo pe'r futuro

La merce va pagata a la consegna
Per cui farai commenti positivi
Sortanto se t'ha dato già la fregna


Xlater

Lezione 3 - Statistiche

Ricorda che si a scrivete so' in cento
"Io me te scoperebbe volentieri"
Metà lo fanno pe' divertimento
Ché nu' je sfiora manco li pensieri

Pe' l'antre invece è un serio intendimento
E li messaggi loro so' sinceri
Ma a trenta scatterà er ripensamento
Appena ariva odor de cazzi veri

In tredici, sur venti che rimane,
O c'hanno l'omo che le marca strette
O stanno ad abbita' troppo lontane

Er dato conclusivo fa' riflette:
Devi da raccatta' cento puttane
Pe' riuscinne a scopa' sortanto sette


Xlater

Lezione 4 - Dopo gli incontri

'Na vorta che c'hai avuto l'avventura
Nun te dimentica': scrivi un racconto!
Perché mandando un ampio resoconto
E' certo che ce fai 'na gran figura

Vedrai, t'ammireranno senza sconto
Pe'r fascino che tutte le cattura
Pe'r dono de 'na fava sempre dura
Pe la perizzia che nun c'ha confronto

Che gusto avrebbe er sesso ar giorno d'oggi
Se l'insorcata poi resta nascosta
E tutte le porcate nu' le sfoggi?

Ma er toppe, se la zoccola è disposta,
E fa' che lei 'sta farsa te l'appoggi
Scrivendo delizziata 'na risposta


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
L'amore impossibbile

Ad ogni donna, bionna quanto bruna,
L'amore piace atroce e tormentato
Co' un omo che magari già c'ha una,
O co' un omo che è sempre un po' scazzato,

O co' un omo che in culo sta a la Luna,
Comunque sempre l'omo più sbajato
E dopo se lamenta: "Oh, triste Fato!
Perché m'è sempre avversa la Fortuna?"

'Na storia che sia semplice e perfetta
Che possa da' un rapporto più ortodosso
Pe' loro nun c'ha gusto, è come acquetta

E' così che se spiega er paradosso
Che più la donna c'ha la fregna stretta
Più cerca sur mercato er cazzo grosso

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Carta canta
Concludiamo la stagione con un paio di sonetti OT. Il primo a contenuto calcistico...

Si se potesse prende 'na partita
Come base pe' fa' li paragoni
Allora sosterrei la tesi ardita
Che noi semo più forti dei Campioni

All'andata lo sai come è finita
J'avemo dato un paro de schiaffoni
Ma er campionato ha dato la riuscita
Che stamo su ben artre posizzioni

Nun serve perde tempo a guarda' artrove
Bisogna misurà cor giusto metro
E ricerca' in classifica le prove

Er dato è trasparente come er vetro
Noi cinquantuno, voi quarantanove,
Noi stamo avanti e voi ce state dietro.


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
La nova struttura
...il secondo a tema aziendale

Famo 'na bella ristrutturazzione!
Cambiamo organigramma funzionale!
Credeteme, è la mejo soluzzione
Pe' domina' er mercato nazzionale!

Rimescolamo tutte le portrone!
Segamo un'Unità Territoriale!
Le Vendite? Le fa la produzzione!
Er Marketing? Lo damo ar Personale!

Poi, capi' chi decide, chi comanda,
Chi fa che cosa, ce diventi pazzo
E' come fa' la caccia der tesoro

E a la fine de tanta sarabbanda
Dentro l'azzienda conto sempre un cazzo
Però me tocca er doppio del lavoro


firma.gif (3521 byte)

Home Page

barra.gif (1046 byte)
Per scrivere a Xlater: xlater@hotmail.com
Oppure utilizzate il Guestbook

key1743.jpg (28694 byte)