SONETTI Inverno 2001
barra.gif (1046 byte)
eyes1743.jpg (2382 bytes)

dot_.gif (42 byte)
Un altro inverno... lungo e rigido.

barra.gif (1046 byte)
Regalo de Natale

Sonettino natalizio, per salutare l'inizio dell'inverno e scaldare i motori.

Natale anche pe' st'anno è già arivato
E tu, bambina mia, sei smagnosetta...
Vai pure. Sotto l'arbero addobbato
Ce trovi 'na sorpresa che t'aspetta

E' er gioco che zio tuo t'ha regalato:
Pe' accendelo se bacia e se smanetta
E poi er divertimento è assicurato
Dovunque, pe' gioca', tu te lo metta

Ce so' attaccate un par de campanelle...
No, nun le sbatte! Soni nun ne fanno,
Però je poi da' un bacio pure a quelle

Si nu' le rompi e si nu' je fai danno
'Sto gioco te farà vede' le stelle
E te lo goderai pe' tutto l'anno


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Su la definizzione de "scopata"

E' semanticamente corretto che due lesbiche dicano che tra di loro "scopano"? Sembra una delle questioni che venivano sottoposte a Pietro Aretino...

Voi lesbiche mo dite che "scopate"
Quanno che tra de voi fate der sesso.
Ched'è 'sta novità? Che ve 'nventate?
Nun credo che ve possa esse concesso

Perché se la "scopata" nun è "amplesso"
E pure a noi la regola applicate,
Pe' par condicio, allora de riflesso
Potrei vanta' parecchie più "scopate"

Però er probblema vero nun è quello.
Piuttosto è da chiari' bene er concetto
Che "scopare" vor di' "infila' l'uccello"

Nun vojo che un domani quarche amica
Me inviti "Pe' scopa'" e me porti a letto
Pe' fasse solo poi lecca' la fica

firma.gif (3521 byte)

Ma Giancarlo anche vuole dire giustamente la sua...

A Sla', me so' permesso 'sto sonetto
Perché de 'st'argomento amio parlato
A cena e, pe' fa' edotto er vicinato,
Ripeto ciò che allora avevo detto:

'Na donna femmina che sta 'nder letto,
Siccome che nun ci ha bello formato
Un cazzo che pole esse anche infilato,
Po' sempre fa' le veci co' un oggetto.

Quindi er problema vero se un'amica
T'invita pe' stroppiasse dar piacere
Nun è che ar lecco poi te dia la fica,

Ma che, dovenno svorge quer dovere,
Trucida, paracula e assai lubrica,
T'appunti un cazzo finto a lo sfintere.

Giancarlo


Proprio così Gianca'! A maggior raggione
Quello che dico io vie' comprovato:
Ogni parola c'ha un significato
E una precisa sua definizzione

L'esempio tuo me pare assai azzeccato:
Se Mara c'ha de gomma un ber cazzone
E te lo appizza senza esitazzione
Andresti a racconta' d'ave' "scopato"?

E' quello che dicevo a 'ste signore
Con un discorso limpido e sincero:
Nun potete "scopa'", senza er tortore.

E se "scopa'" volete pe' davvero
Quanno che ve sentite anna' in calore
Ma nun sarà più mejo un cazzo vero?


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
E CHI QUESTO AGITO' SPERGIURO LETTO?

Una sonettata collettiva a tema, su un "topos" della poesia erotica. Un gioco cominciato nel '700 a Venezia e ripreso oggi in internet.

Frugoni (Venezia XVIII secolo, in lingua)

E chi questo agitò spergiuro letto?
Perfida! E questo biondo crin scompose?
Chi quelle note sull'eburneo petto
impresse, e sulle labbra insidiose?

Amor, che tutte sai l'arcane cose
Mira l'audace che con fermo aspetto
Niega le colpe, né al tuo Nume ascose
Né a me, che l'ire tue vindici affretto.

Odi le voci a mentir dotte e preste;
Eppur del fallo suo languidi e stanchi
Parlan quegli occhi, ond'io fui mal trafitto.

Scopri l'indegna, Amor, mira quei bianchi
Lini, ove giace, e la notturna veste
Tinta e macchiata ancor del suo delitto


La versione di Giorgio Baffo
(Venezia XVIII secolo, in veneziano)

Chi è stà colù che ha strapazzà quel letto?
Buzzarona! e i cavei t'ha spertucchià?
Chi è sta colù ch'ha quei caviel suzzà
E ha morsegà quel lavro maledetto?

Amor, che tutto 'l fatto netto e schietto
Sibben che ti xe orbo, ti ha lumà
Osserva co che fronte sputtanà
La nega d'aver fatto sto bruetto

Senti co che franchezza la se scusa
Eppur sotto quei occhi quelle tacche
Mostra ben quel ch'ha fatto sta barona

Scoverzi 'l letto, varda là la busa
Varda i ninzoi co pieni de patacche
E no ho da dir che ti l'ha tiolto in mona?


La versione di Xlater
(Roma 2000, in romano)


Chi ha zompato co' te dentro a 'sto letto?
Dimmelo troia! Chi te s'è scopata?
Perché sei tutta quanta scapellata
E c'hai succhiotti ar collo e intorno ar petto?

Ma guarda che buciarda patentata!
Rinnega tutto, chiede più rispetto,
S'offenne pe' le cose che j'ho detto,
S'atteggia a Santa Vergine Illibbata!

Senti che scuse! Dice che era sola...
Eppure intorno all'occhi è tanto nera
Che sarà stata l'ore a fa' la porca

Insiste... Giura... Dice ch'è sincera...
Ma ce so' macchie, in mezzo a le lenzola,
De sbora che je cola da la sorca


La Versione di Giancarlo
(Civitavecchia 2000, in Civitavecchiese)


Siccome er letto spesso adera sfatto
E lei ci aveva sempre er mar de testa
Ed era assai difficile fa' festa
Perché se sottraeva a ogni contatto,

Je chiesi quale ignobile coatto
Se la sdrumava co' la nerchia in resta,
Ma lei rispose, essenno donna onesta,
Ch'aveva 'na serranda in ogni anfratto.

Io je credetti, ma poi quanto ho pianto,
Quanno er lenzolo vidi anche lordato
De merda ortre a li liquidi lì accanto!

E no perché tradito od oltraggiato
Ma si pe' via che er bucio dell'incanto
A me la stronza mai me l'ava dato.


La versione di Moser
(2000, in livornese)


Perché 'r nostro lett'è sempre sfatto ?
varcuno certo lì ti c'ha sgrumata !
'l labbro tuo 'arnoso tumefatto
e vella 'hioma sempre sgaruffata ?

E' come se t'avessi cort'al fatto !
'un servirà giràlla la frittata
e rigozzà la 'orpa der misfatto,
'un mi pòi dir un'antra puttanata !

Basta vardàtti 'r grugno, brutta troia,
ha' voglia di negà vesto barzèllo,
c'hai l'occhi sempre pesti dalla foia,

e vedi 'osa t'esce dar budello
ch'a la mi' fava dètte tanta gioia,
antro nun'è che sborra d'un uccello !


La versione di Xelion
(Ferrara 2001, in siciliano)


Cu fù ca si cuircò rintra u me liettu?
Buttana! E ti scunsò tutt’i capiddi?
Ti retti vasi in capu a coddu e asciddi
E muzzicuna sparsi pi lu piettu?

M’intisi mali e poi vitti li stiddi
Quannu mi rissi c’un avia rispiettu
Giurannu, ca so vuc’i friscaliettu,
C’un fici nienti, in capu ai picciriddi!

Talé! mi pigghia puru a babbasuni
Cu l’occhi russi e lu visu accairdatu
C’avennu ancora rintra nu citrolu!

E ancora chianci e spremi i so primuni
Ma poi viri ri spacchiu appuntiddatu
Un lagu siccu in mienzu a lu linzolu.

Traduzione

Chi si è coricato nel mio letto?
(curcatu è propriamente usato nel senso di coricato per fare sesso)
Puttana! E ti ha scombinato tutti i capelli?
("tutt'i" "tutt'u" ecc, viene usato nella costruzione della frase, non è una
forzatura, è ovvio che i capelli sono tutti)
Ti ha dato baci sul collo e sulle ascelle
E morsi sparsi per il petto?

Stavo per perdere i sensi e ho visto le stelle
Quando mi ha detto che non avevo rispetto
Giurando, con la sua voce da fischietto,
Che non aveva fatto niente, sopra i bambini.
(la costruzione si capisce)

Ti rendi conto! Mi prende anche per stolto
Con gli occhi rossi e il viso accaldato
Come se avesse ancora in corpo un cetriolo!

E ancora piange e spreme i suoi polmoni
Ma poi vede di sperma fatto da piccoli puntini
(".....appuntiddatu...."= il lago è composto da piccoli puntini di sperma
uno a fianco all'altro)

Un lago secco nel centro del lenzuolo.


La versione di Guido
(2001 In Pisano)


Gaò! Chi ha sdrucinato 'ste lenzola?
Budello! Tu se' tutta scarduffata.
Chi t'ha morso 'l labbro, o pipaiola,
E sur petto t'ha lascio 'sta ditata?

Ma senti cosa n'esce dalla gola!
Fin'a ora di fava s'è 'ngozzata,
Ma 'n vor sentissi di' vella parola:
Zozza, budello 'nfame, troia nata!

Senti come si scusa senz'affanno!
Sapesse, dio de' becchi, la puttana
Quell'occhi neri 'l male che mi fanno.

Guarda, zio boia, guarda che drusiana:
Guarda gli schizzi bianchi sopra 'l panno,
Poi la sbroda 'n vorto e sulla mana.


La versione di Anchise
(2001 in napoletano)

A rint' a sstì llenzola mò si asciuta!
e stai comm'a 'na zoccola 'ngrifata
cu graffi 'mpiett ... Ma chi t'ha vattuta
ca tien tutt'a facca scuncecata?

San Casimiro mio! che svergognata!
Primm fai 'a 'nzista arrimanenn muta
pò neghi l'evidenza 'e stà chiavata
aropp fai l'offesa e 'a sostenuta

e accatast bucie 'ncopp' 'a bucie.
Ma nun t'avvide ch'io, dint' a chill'uocchie
vego l'ammore mio e la cazzimma 

ca tien tu, annascusa tra 'e ginocchie
quann' me vien' a ddì ca song'è mmie
stì mmacchie 'e cinc litre de sfaccimma?!


Trad.

Sei appena uscita da queste lenzuola!
e sei arruffata come una puttana
hai i graffi in petto, ma chi ti ha picchiato
da avere un viso così sconvolto?

San Casimiro mio! che svergognata,
prima fai la furba rimanendo muta
poi neghi l'evidenza di questa sopata
e dopo ancora, offesa e sostenuta

sommi bugie sopra bugie 
e non ti accorgi vche io dentro quegli occhi
vedo sia il mio amore che la tua furba cattiveria 

mentre, nascosta ddietro le ginocchia
cerchi di convincermi che sono miei
quaste macchie di cinque litri di sperma.



La versione di Hentai Senpai
(Vasto 2001, in Vastese)


Lu lette che schtà tutt'abbirittate
Andorne a chelle zinne è tutte ross'
E pure pe' la vocche e pe' le coss'
Tu m'ha da dice chi ti s'è 'ngruppate

Penzare cheste cose io non poss'
Mi schti a strillà caccian' tutt' il fiate
Schti piagne 'sta ridicule scenate
Giurann che la fregna nd'hanne moss'

Ma pure si vulive penzà bone
Pecché a parlà mi si sempre frecate
Ma d'ha spiega na semplice questione

Com'è ca lu lenzul schtà anguacchiate
De biang gnè la chiara mia opinione
Che calcun'andre c'ha mò mò sborrate


Traduzione:

Il letto che è tutto attorcigliato
Intorno a quei seni è tutto rosso
E pure per la bocca e per le coscie
Tu mi devi dire che ti si è montata

Io non posso pensare queste cose
Mi stai strillando tirando fuori tutto il fiato
Stai piangendo questa ridicola scenanta
Giurando che non ti hanno mosso la fica

Ma anche se volevo pensar bene
Poichè con le parole mi hai sempre battuto
Mi devi spiegare una semplice questione

Come mai il lenzuolo è tutto impiastrato
Di bianco come la mia chiara opionine
Che qualcun'altro vi abbia or ora eiaculato




barra.gif (1046 byte)
Er Pallone

Pallone? A chi?

Quanno che voi prova' quarche emozione,
Quanno voi vive n'avventura vera,
Dimmelo, che te porto sur pallone
Te faccio fa' un ber giro in mongorfiera

Vedrai dall'arto tutte le persone
Che sembrano formiche lì pe' tera,
La neve su li monti a settentrione,
Le prime stelle in cielo de la sera...

"E se durante er volo poi succede
Che er pallone se sgonfia e ce s'abbiocca?"
Nun cori 'sto pericolo, abbi fede.

E poi er rimmedio è rapido e sicuro:
Attacchete a 'sto tubbo co' la bocca
Finché nun torna in quota, gonfio e duro


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Donne strane

Forse il sonetto migliore che ho scritto, anche se in pochi l'hanno capito. Forse la colpa è anche mia e del mio senso del paradosso, che mi ha indotto ad intitolare "Donne strane" un sonetto sulle stranezze degli uomini. Resisto alla tentazione di "spiegarlo". Non avrebbe senso. Mi basta dire che va interpretato non come un dialogo tra due uomini, ma come la travagliata dialettica interiore di un uomo con se stesso.

"Pure se sembra sempre sta' in calore
Nun devi da penza' che è 'na puttana
Hai da capilla, è 'na ragazza strana..."
Portala qua la curo cor tortore

"C'ha avuto, sai, n'infanzia un po' malsana,
Un rapportaccio co' quer genitore,
Esperienze traumatiche in amore..."
La tranvo e te la faccio torna' sana

"Cor sesso c'ha un approccio un po' scomposto
D'artra parte er passato ha i suoi riflessi..."
Vedi se zompa su 'sto cazzo tosto

"Insomma, cerca de nun fa' macelli
E' piena de probblemi e de complessi..."
Mànnala che me scopo pure quelli

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Ragazza Dark

Te piaceno i racconti dell'orrore
Te piace tutto quello ch'è mistero
Te trucchi in modo da esarta' er pallore
Te vesti, appena poi, tutta de nero

Vedi fantasmi ar minimo rumore
Credi che i mostri esistano davero
E si te chiedo: "Dai, famo l'amore"
Risponni: "Vojo fallo ar cimitero"

Sto vizzio tuo mica me piace tanto
Ché fallo in mezzo ai morti un po' me sciocca
Però... mejo scopa', che ave' un rimpianto

Così quanno la mezzanotte scocca
Su 'na tomba de marmo ar camposanto
Me fai 'na pompa funebre de bocca


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Troppo Seria

Sei seria e precisina nell'aspetto
Sei fredda pe' chi guarda da de fori
Capace de gela' co' 'n sorisetto
Chi se presenta ardente de bollori

Stai bene co' quer tuo ber regazzetto
E sei fedele quanno te innamori
Eppure me te porterebbe a letto
Pe' fattene de tutti li colori

Chissà, magari ariverà quer giorno
Che te comporterai meno pudica.
Ner caso, cercherò de sta lì intorno

Ma in ner frattempo, lascia che lo dica,
De tutto ciò nun me ne frega un corno
Perché me piaci troppo come amica


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
La Vetrina

Me pare d'esse esposto a 'na vetrina.
Ce sta un cristallo a fa' er separatore
E tu dall'antra parte passi l'ore
A stamme a rimira', sera e mattina.

Sei sempre lì che smagni, poverina.
"Oh come lo vorrei, me scoppia er core,
Che gioiellino, che biggiù, che amore!"
Sospiri e poi riattacchi la manfrina.

Ma un giorno dovrai tojeme lo sfizzio
De spiegamme perché te dai 'sto strazzio,
Perché te sottoponi a 'sto supplizzio

Quanno te basterebbe fa' una cosa:
Entra' dentro ar negozzio e paga' er dazzio
Co' la carta de credito pelosa


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Nudo d'Autore

Letteratura e pittura che si sfidano per le attenzioni di una musa, evidentemente dotata di particolari attrattive.

Marina, che vorebbe quer pittore?
Che dice? Che te vole fa' er ritratto?
Un nudo? Me cojoni! Mo d'un tratto
Lo ispiri così tanto a 'sto signore?

E tu? Voresti annacce? A sta quattr'ore
Nuda, distesa sopra a un letto sfatto
Co' lui che guarda e sbava, e pe' contratto
Smove er pennello e intruja cor colore?

Va bene. Vacce pure. Evviva l'arte!
Però si me voi proprio fa' st'affronto
E' mejo scopri' subito le carte:

Comincia sin d'adesso a mette in conto,
Siccome anch'io pretenno la mia parte,
De posa' nuda... per un mio racconto


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Siffredismo

E' davvero questo ciò che cerchiamo?

So' er maschio sessuale der futuro
Sur cazzo c'ho un controllo ormai completo
Je dico "Dritto" e lui me viene duro
Je dico "Moscio" e lui se ne sta quieto

Scopa' scopo da dio, nun è un segreto
Finché c'ho voja de dura' io duro
Si poi devo veni', l'orgasmo espleto
Co' schizzi che ce poi ritigne er muro

De tutto questo mica me ne vanto
Faccio gode' le donne e so' contento
Però pe' me è ginnastica sortanto

Nun provo gusto, nun c'è sentimento.
Quasi li invidio quelli che ogni tanto
Er cazzo je s'ammoscia a tradimento


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Addio a Miriana

La fine di un'epoca.

Pe' te, Miriana, ho scritto rime a iosa
Pe' te c'ho sempre avuto i versi pronti
Tanti sonetti (fatte un po' du' conti)
In chiave commovente o spiritosa

Pe' te, Miriana, ho scritto pure in prosa
Corrispondenze, articoli, racconti,
C'ho sempre messo er core senza sconti
Speranno, ar fine, d'ottene' quarcosa

Pe' te, Miria', ho versato tanto inchiostro
Ma tu nun cedi manco si m'ammazzo
Eppure nun me sembra d'esse un mostro!

Per cui, Miriana cara, te rimpiazzo.
Me cercherò quarcuna che dar Vostro
Sappia apprezza' la penna e pure er cazzo

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er Cazzo Biologgico

Nel momento in cui va di gran moda l'alimentazione "biologica", con il sospetto che dietro al conclamato ritorno ai "sistemi di una volta" ci sia un ennesimo truffaldino attacco ai portafogli dei consumatori (il "biologico" costa, costa parecchio, costa troppo), è anche lecito chiedersi se si può sfruttare questo trend per fare marketing all'articolo che più di ogni altro ci sta a cuore smerciare.

C'è cazzo, cazzo e cazzo, cara amica
Un cazzo o un antro cazzo nun è uguale
Er cazzo che io t'offro è naturale
E' un cazzo de la tradizzione antica

Sto cazzo nun c'ha conservanti mica,
E' un cazzo vitaminico e integrale
Sto cazzo è un cazzo che nun te fa male
Si te lo ficchi in culo in bocca o in fica

Sto cazzo nun t'attacca er "cazzo pazzo"
E' cazzo genuino, è cazzo sano
E' cazzo, è cazzo vero, è cazzo cazzo

E poi, siccomme so' veggetariano,
Sto cazzo, sin da quanno ero regazzo,
E' un cazzo che ho allevato sempre a mano


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Sms Notturni

Quanno da un po' de tempo nun me senti,
E me voresti tanto lì vicino,
Me scrivi messaggetti incandescenti
De notte, a letto, cor telefonino

Io t'arisponno a tono, malandrino,
E annamo avanti senza complimenti
Fin quanno, a le prim'ore der mattino,
D'un tratto te pia sonno e t'addormenti

Io che sto qui e t'immagino fremente
A sorca nuda, calda ed eccitata,
Aspetto, aspetto, e... nun m'ariva gnente!

Ma poi sorrido, e 'r core s'emozziona,
A pensatte nel letto addormentata
Come 'na regazzina, bona bona


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Jessika

Dedicato ad un personaggio pittoresco di cui, ahimè, ora sento la mancanza. Segue l'immancabile duetto con il mitico Giancarlo.

Jessika, cazzo, è proprio avvelenata!
E' semplice er perché. Mò ve lo svelo.
Lei me voleva ed io l'ho trascurata
Così ner core suo c'è sceso er gelo

E me fa sempre er pelo e 'r contropelo...
E me n'ha dette già 'na tonnellata...
E manna strilli e urli sino ar celo...
E appena parlo io è 'na mitrajata...

E' vero che so' stato un cattivaccio
C'avrà raggione a di 'ste cose indegne
Però deve capì, nun ce la faccio

A pia' tutte le passerette ar volo.
Che se ne fa, lei che c'ha tante fregne
De un omo come me, co' un cazzo solo?

Nota: "avere le fregne" sta per "essere irritabili/irritati". Simile: "avere le paturnie". Non si conosce per certa l'origine di questo modo di dire, ma c'è il sospetto che ci sia il riferimento all'umore instabile che talune donne palesano durante le fasi più delicate del ciclo mestruale.

firma.gif (3521 byte)

A Sla', ne 'sta stagione disgraziata,
Che nun me va un granché de fa' sonetti,
Arrivano aspettati e benedetti
Li tui che pe' ispira' so' 'na sferzata.

Presempio Jessika l'invelenata
Che avrebbe da incontra' su tutti i letti
Tortori sconosciuti e/o prediletti
Pe' daje a ogni vagina un'incarcata.

Ma si nun sei dotato pe' l'intruppo
De questa Venere dai buchi vari
Ce stamo noi a aiutatte ne l'inzuppo;

Pe' tojete da questi cazzi amari,
Ecchece qui, li fichi der niusgruppo
Che semo li più mejo sonettari.

Giancarlo


Gianca', me fa piacere de vede'
L'offerta tua de solidarietà
Insieme a tutti l'antri fichi che
Je piace sur niusgruppo sonetta'

Nun me dispiace poi l'idea de fa'
A Jessika de cazzi un ber collier
Dovrebbero bastaje pe' attappa'
Tutte le fregne storte che pò ave'

Però, Giancarlo mio, te devo di'
Che io sinceramente nu' lo so
Si sto proggetto tuo potrà riusci'

Perché me sa che er cazzo che lei vo'
Sia sempre solamente questo qui:
Er cazzo che m'ha rotto già da un po'

firma.gif (3521 byte)


A Sla', io te volevo da' 'n aiuto
Pe' quer problema tuo ch'è assai sentito,
Ma si vo' solo er tuo ch'è er più forzuto
E inortre pe' ben dodici ha appetito,

Io te consijo, ragionanno a fiuto,
De fatte qui clona', quindi ogni sito
A Jessika riempije, in un minuto
Da tanti slaterettoli assistito.

Oppure, si 'n te piace 'sto finale,
Co' ingegneria genetica e intrallazzi
Der monno posmoderno intermodale,

Pe' ave' e pe' fa' prova' tutti i sollazzi
A Jessika, de certo solidale,
Te poi fa' costrui' dodici cazzi.

Giancarlo

A me, Gianca', me pare de vedelli
Dodici xlaterini vanitosi
Impudenti, polemici, tignosi
Montati, precisini e saputelli

A fa' sonetti e rifa' er verso ar Belli
A scrive raccontini da vizziosi
A prendese de petto co' chi osi
De contraddilli. E chi li regge a quelli?

Quell'antre soluzzioni ho da scartalle
"Dodici cazzi e tutto se sistema!"
E 'ndò le attacco ventiquattro palle?

Quindi che aggiunga cazzi o che me cloni
C'avrei da spidocchia' sempre er probblema
De la sovrabbondanza de cojoni

firma.gif (3521 byte)

Te prego Slater mio, nun me te abbatte,
'N è vero che sarebbero cojoni
Li slaterottoli, si tu te cloni
Pe' daje ar letto, in spiaggia, tra le fratte

A Jessika che ci ha le fregne esatte
Pe' dodici magnifici cazzoni
E vole proprio er tuo e no l'antri doni
De nerchie che lei pensa poco adatte.

E nun devi angustiatte si t'aiuta
Pe' questa grossa impresa de tortore
Un gruppo de clonati in foja acuta;

Ner tempo antico assai, pure er Signore
Ne volle dodici a la sua venuta
Che l'aiutassero co' affetto e amore.

Giancarlo


barra.gif (1046 byte)
Polizzia


Un altro cortocircuito imprevedibile tra i sonetti in dialetto e la musica R&B contemporanea. Ispirata a "Til the cops come knockin'" di Maxwell.

Non t'è piaciuto forse l'antra vorta
Quanno t'ho visto finarmente in faccia
Quanno c'è stata tra de noi la svorta
Dopo anni ch'eravamo stati in caccia

Nun t'è piaciuto sta' tra le mie braccia
La mano mia sotto la gonna corta
La bocca tua che su la mia se schiaccia
La gente che ce sta' a guarda' sconvorta

Chiudemose in arbergo a fa' l'amanti
Scopa' pe' giorni e nun anna' mai via
Mannamoli affanculo tutti quanti

Dovrà parla' co' la segreteria
Tu padre si te cerca, e andremo avanti
Finché nun vie' a bussa' la Polizzia

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Outsourcing (a Xelion)

L'amico e ottimo sonettista Xelion aveva perso una scommessa con una non meglio precisata amica. Il pegno da pagare era che per un certo periodo lei avrebbe avuto il controllo totale del suo pene, per quanto riguarda la sua attività sessuale, solistica o collettiva. Si lamentava in versi per il suo stato, ma non ero troppo convinto che soffrisse così tanto.

Paraculata, antro che scommessa!
Antro che gradassata annata a male!
E' 'na precisa strateggia industriale
Trova' 'na "ditta" che, dietro commessa,

Se sappia prende in carico lei stessa
De amministra' er comparto genitale
In modo sempre attento e puntuale
Così che a te er pensiero nun te stressa.

Vorei trovalla pure io n' "azzienda"
Che sia disposta a offrimme 'sto servizzio
E in cura l'apparato mio se prenda

Poiché da sempre, coll' "azziende" bbone,
Desidero de tojeme lo sfizzio
De pote' daje er cazzo mio in gestione

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Prova d'Amore

Doppio sonetto per raccontare la storia di uno sprovveduto aspirante organizzatore di triangoli, e una ragazza più sveglia e meno innamorata di quanto lui pensasse.

(I)

Se è vero che sei ancora innammorata
Se è vero che l'amore tuo è sincero
Dovresti dimostrammelo davero.
La strada sarà lunga è tormentata...

Famo così: se famo 'na scopata
E poi, tanto pe' tojece er pensiero,
Famo veni' l'amico mio Giampiero
Che te troverà a letto, già spojata

Lui te se stenne a fianco, zitto zitto,
Tu lasci che te bacia e che te tocca
Però nun lo lascia' cor cazzo dritto

Devi tu pure smucinaje er pene
Co' le manine, oppure co' la bocca,
E allora capirò che me voi bbene

(II)

Che cazzo! C'ha er telefono staccato!
Nun la capisco 'sta reazzione strana
M'ha detto "Mica so' la tua puttana!
E vaffanculo!" e poi m'ha riattaccato.

Eppure j'ho spiegato e rispiegato
Che nun volevo fa 'sta mossa insana
Era solo 'na balla, 'na panzana...
Che vole? Che me porto l'avvocato?

J'ho detto "Era 'na specie de giochetto..."
Lei invece m'ha risposto tutta arzilla
"Fajela tu la pompa ar tuo amichetto!"

Ora co' lei er futuro è tutto nero...
E c'ho pure un probblema che m'assilla:
Che cazzo je racconto mo a Giampiero?

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
A Claudia Schiffer

In un periodo di grande invasione di messaggi spam su ISR, uno dei più insistenti pubblicizzava un sito a pagamento dove era possibile rinvenire foto della famosa top model tedesca, intenta a performance orali. Esistono veramente quelle foto? E chi sarà stato mai il fortunato che ha ottenuto il trattamento? Ecco come è andata veramente la storia...

So' rimasto, te giuro, un po' interdetto,
Quanno che tu, bellissima modella,
M'hai detto co' quell'aria bricconcella
"Te vojo fa' de bocca un lavoretto"

Che paradiso è stato, poi, sul letto,
Entra' ed usci' da quella bocca bella
Gusta' la lingua tua su' la cappella
Sentimme er cazzo tra le labbra stretto

Ma t'avrei detto "No, resto all'asciutto"
Solo a sape' che ne lo sgabuzzino
Ce stava chi fotografava tutto

Sarebbe stato, e lo sto a di' sereno,
Un gran rimpianto a perdeme er pompino...
Ma mo c'avremmo un po' de spamme in meno!


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
La Sonettista
(Dedicato a Liviana)

Non credo di meritarmi l'appellativo di "Maestro di Sonetti". Però quando capitano allieve così, vale la pena stare al gioco. Per una volta un sonetto in lingua.

Da quando ti cimenti nei sonetti
Sei sempre qui per chiedermi un commento
E sapere da me se son corretti
Per sillabe, per rime e svolgimento

Se poi ti prendo in giro, tu scommetti,
Affidandoti audace al tuo talento,
Che per qualsiasi errore che commetti
Sei disposta a levarti un indumento

Così, tra versi lunghi, strani accenti,
Terzine in cui la rima non si inchiava,
Rimani in mutandine e autoreggenti.

Allora riconosco che sei brava.
Forse non tanto nei componimenti,
Ma a rendermi ipermetrica la fava

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Sabbato Mattina

Quadretto famigliare.

Famme dormi' de sabbato mattina...
Te prego, dai... so' tutto insonnolito...
Voi anna' a fa' colazzione? C'hai appetito?
Mo arivo... intanto aspetteme in cucina...

La spesa? T'accompagno... garantito...
Ma mo famme dormi'... poi se combina...
E' tardi? Er supermarket se incasina?
Dieci minuti ancora... poi ho finito...

Che cazzo, pe' 'na settimana intera,
Pe' quanto me riguarda, se lavora
Da la mattina presto fino a sera

E ar sabbato, lo sai, c'ho l'ossa rotte...
Perciò, tesoro... famme dormi' ancora...
O nun me te scopa' er venerdì notte


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er richiamo de la Natura

Oggi, che è 'na bellissima giornata
De lavora' nun me pò anna' de meno.
Guarda che cielo, limpido e sereno!
Senti che aria, fresca e profumata!

Sarebbe d'anna' a fa' 'na scampagnata
Pe' sta all'aperto in quarche posto ameno
E all'organismo de monnezze pieno
Daje 'na bella disintossicata

Se potrebbe anna' al lago, oppure ar mare,
Tra i monti, giù in campagna, su in collina
Tra i prati verdi o su le spiagge chiare

Ma se sto a Roma e 'r viaggio m'è precluso
Me infilo dentro a un letto co' Sabbrina
E nun me frega un cazzo de sta' ar chiuso

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Credevo fosse amore

Possono convivere cuore infranto e cazzo dritto?

E' così che la pensi? Sei sicura?
Me devi proprio infligge 'sto dolore?
Ma come? Io credevo ch'era amore
E invece pe' te è solo n'avventura...

Io te consideravo (dio, che errore!)
La donna de la vita mia futura
Macché! So' solo un cazzo che t'attura
Lo sfogo de un momento de calore

Questa pe'r core mio è 'na cortellata
L'amara e atroce beffa der destino
Sei perfida e crudele, disgrazziata!

E mentre fai er discorso tuo assassino
Arterni 'na succhiata e 'na leccata
Ed io me gusto placido er bocchino

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Culatello

Un quadretto della mia amica, scrittrice e poetessa Liviana, principale attrattiva del miglior ristorante della Bassa Parmense. Ma è buono anche il mangiare!

Quando a Fidenza l'autostrada imbocchi
Sei solito deviare per Zibello
Per desinare con formaggi, gnocchi,
Salumi e vino in questo mio tinello

Ma non mi è mai sfuggito, amico bello
Lo sguardo ardente e cupido degli occhi
Che mentre servo il pane e il culatello
Viaggia tra le mie tette e i miei ginocchi

Ti gusti la ricetta della nonna
Ma ancor di più il mio passo sculettante
Che fa danzare l'orlo della gonna

Così mentre il salume ancora affetto
Mi chiedo se ti attragga al ristorante
Il culatello o questo mio culetto

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Coccole

Te vorei tanto coccola', Marina,
Stesa sul letto de la cameretta
Che studi, pe' l'esame che t'aspetta,
L'autori de l'antologgia latina

Vorei cullatte come 'na bambina
Tenette tra le braccia stretta stretta
Baciatte er viso e 'r collo senza fretta
Ditte all'orecchio quanto sei carina

Lo so che poi come succede spesso
Co' 'ste premesse finiremmo presto
Intorcinati nudi a fa' der sesso

Lo so che pe' parti' 'na carezzina
A noi ce basta e avanza. Ed io pe' questo
Te vorei tanto coccola', Marina

Nonostante le mie molestie, Marina ha conseguito al suo esame un bellissimo 30 e lode. Ho fatto del mio meglio per darle un premio all'altezza dell'exploit.

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
A Jetzabel

Una satira amichevole a questa mia amica, scrittrice erotica, poetessa, pittrice, medium, astrologa, ecc. (qui il suo sito). Ma proprio non mi aspettavo, da una torinese, una risposta per le rime in romanesco!

Tojendote mutande e reggipetto
Esponi chiaramente la tua tesi
Spiegando che hai ripreso quer concetto
Da vari autori erotici francesi.

Disposta a pecorina sopra al letto
Dichiari come imposti la teoresi.
Offrendome la fica cor culetto
Te metti a fa' der sesso l'esegesi.

E in mezzo a tanta epistemologia,
Tra analisi ontologica ed ermetica,
Io infilo, spingo, schizzo e tiro via.

Sarà pure un ortraggio pe' l'estetica,
Però me manca, Jezzabella mia,
Quarche bella scopata anarfabbetica.

firma.gif (3521 byte)

E 'ntanto che je piggio dint'ar retto
'Na remora m'assale, 'na manìa
Potesse 'n dubbio esse mai er difetto
Che stà sott'ar retaggio de maggìa.

D'artronne già da un po' c'av'er sospetto,
La cosa nun quadrava bella mia,
Che mo te dai da fa' per tuo diletto
A llavorà de freggna e ffantasia.

Nun vojja pizzicà 'sta frascicona
Fra er rusco e 'r brusco de 'na mala mente
Che ttrippa nun sce n'è mia bbuzzicona.

Pe'ccui si n'se po ffa manco pe'nniente
Famme capì chissei e stamme bbona
Ch'armeno m'acconsolo a 'sto ffetente.


Jetzabel


A Jetzabel 2

Nun m'ha sorpreso tanto, scava scava,
Che conoscessi un po' de prosodìa:
Avevo letto quarche tua poesia
E già pensavo "Questa se la cava"

Sapevo ch'eri una che intrujava
De scienze occurte e de chiromanzia,
Che a fa' l'impicci strani de maggìa
E a legge ner futuro fossi brava

Ma, Jezzabbè, te devo fa sta critica:
N'è mica giusto fa' sti macchiavelli
Quanno co' li sonetti ce se lìtica

Perché so' boni tutti a fa' sfracelli
Si coll'arte medianica e spiritica
Te fai aiutà da Giovacchino Belli

firma.gif (3521 byte)

>Nella seconda parte, invece, dico a Xlater che se mi vuole scopare deve
>anche procurarmi una bella ragazza, dato il fatto che io preferisco sempre
>di gran lunga le cose a tre con un'altra donna rispetto al semplice rapporto
>a due, ed ecco perchè affermo che il cazzo da solo non è in grado di
>soddisfarmi.


A Jetzabel 3

M'ha scritto gentirmente Jezzabella:
"A Xla, si voi scopa', nun fa' l'indiano.
Devi portatte dietro 'na pischella,
Una de quelle che c'hai sottomano.

Ché a me nun me soddisfa er cazzo umano
Si nun ce gusto insieme la fringuella
Per cui te tocca famme da ruffiano
E servimme sur piatto questo e quella"

Jezzuccia mia, lo troverei divino
Ammucchiamme su un letto co' du' amiche
Pe' gioca' a sartaquaja, o a fa' er trenino

Ma io qui sto a pena' pe' l'astinenza!
Credi che si c'avessi tante fiche
Te chiederei la tua co 'st'insistenza?


firma.gif (3521 byte)

>A Xlatere te prego vacce piano
>Che già me stanno a fa' la rimostranza
>M'accuseno de daije giù de strano
>E sillebe 'un c'è nè mai abbastanza.
>
>Dar canto mio d'artronne è pure umano
>De famme stuzzicà da sta mattanza
>Me parli de fringuella e nun invano
>Chiedevo solo quella a sta vacanza.
>
>Ma mo me sarta fuori e nun c'è storia
>che tu c'avresti fame e nun la sporta
>dovessi mo pensammela a mmemoria.
>
>Pe' cui te dico famo n'artra vorta
>quanno che sia finita sta bardoria
>che 'r cazzo senza freggna me vo' mmorta.
>



Er Cazzo senza Fregna (A jetzabel 4)

Er cazzo senza fregna? Brutto affare...
E' un gabbiano che vola senza posa
In cerca de 'na terra misteriosa
Che ancora all'orizzonte nun appare

Er cazzo senza fregna? Brutta cosa...
E' come un fiume che nun trova er mare
E' come fa' una messa senza artare
E' come chi c'ha sonno e nun riposa

Er cazzo senza fregna? Brutto esempio...
Ché la bottija è piena e c'esco pazzo
Si quer bicchiere voto nun riempio

Er cazzo senza fregna? Brutto andazzo...
Ma de chi è la corpa de 'sto scempio?
E' de la fregna che nun vole er cazzo!

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
A Jetzabel e Traveller

Per queste mie amiche che sul newsgroup stavano sbrodolando in rima sulle delizie della fica e dell'amore saffico.

Io ve so' amico, e ve porto rispetto
Pe' quella che è la vostra propensione
Ma è chiaro che la vostra situazzione
E' quella d'un mercato assai ristretto

Hai voja a fa la gran dissertazione
Pe' difenne er "Lesbismo de Concetto"
Hai voja a scrive versi e rime a effetto
Sull' "Estetica de la Leccazzione"

Potete mette l'arte e la pazienza,
Mischiaje un po' le carte pe' tentalle,
Ma è sempre confermata la tendenza

Che le fregne, quanno che vai a cercalle,
La maggior parte danno preferenza
All'omini cor cazzo e co' le palle

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Abbada a la tua amica

Ancora Sesso, Sonetti e Rhythm & Blues. Ispirata da "Check Your Friend" dei Silk.

Quela tua amica me sta sempre appresso:
Me chiama ar cellulare a tutte l'ore
Me dice che la faccio anna' in calore
E che me se farebbe pure adesso

Nu' je ne frega, dice che è lo stesso,
Si so' impegnato già co' te in amore,
Proprio lei, ch'è l'amica tua der core
Co' cui te ce confidi anche sur sesso

Io tante vorte te l'avevo detto
Che je stai a da' un po' troppa confidenza
A raccontaje quer che famo a letto

E mo che si me pìa me sarta addosso
T'accorgi che hai commesso n'imprudenza
A dije che c'ho un cazzo tanto grosso

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Nutella

La nostra vita intima de letto
Da un po' de tempo in qua nun è più quella
Da quanno che t'ha preso 'sto vizzietto
De spalma' su la sorca la Nutella

La fregna c'ha un sapore già perfetto,
Nun deve esse farcita pe' godella,
E poi c'ho un gran fastidio sur pizzetto
Quanno che me s'appiccica 'sta zzella...

Insomma vojo di', cara Gijjola,
Che proprio nun me da' nessun piacere
Lecca' la fica co' cacao e nocciola

E quella tra le chiappe scivolata
Così marrone in quelle zone nere
Nun sembra manco esse cioccolata...

firma.gif (3521 byte)

Home Page

barra.gif (1046 byte)
Per scrivere a Xlater: xlater@hotmail.com
Oppure utilizzate il Guestbook

key1743.jpg (28694 byte)