SONETTI Primavera 2000
barra.gif (1046 byte)
eyes1743.jpg (2382 bytes)

dot_.gif (42 byte)
Rileggendo i miei sonetti della primavera 2000, mi sono accorto che ne ho scritti molti e anche che parecchi di questi mi sembrano ben riusciti. Ma naturalmente il mio giudizio personale ha un peso relativo. Un po' meno relativo il fatto che in questi mesi, con un sonetto, il Vostro Devoto è riuscito a strappare un lusinghiero quarto posto (con tanto di premiazione, coppa, pergamena, ecc.) ad un concorso nazionale di poesia.

Si tratta di un sonetto non di argomento lascivo, ed è scritto in italiano, invece del solito romanesco. Credo che sia doveroso iniziare questa pagina proprio con il sonetto premiato. I miei lettori più attenti noteranno che si tratta della versione in italiano del sonetto "L'osservatore" già presente sul sito nella raccolta dell'inverno 99/00.

barra.gif (1046 byte)
Sonetto Zen

Quarto classificato nella sezione "Sonetto Classico" al premio di poesia "Città di Civitavecchia" edizione 2000

Un dì mi capitò che in riva al mare
Notai il comportamento di un signore
Che immerse un dito dentro le onde chiare
E attentamente ne saggiò il sapore.

A quel punto lo vidi sussultare,
Fece una smorfia e disse: "Dio, che orrore!
Qui c'è qualcosa da modificare..."
E se ne andò. Passate un paio d'ore

Tornò con un cucchiaio e un po' di sale,
Ne calcolò precisa una porzione
E la versò nell'acqua, tale e quale.

Quindi col dito ne provò l'effetto,
E, terminata la degustazione,

Sorrise soddisfatto: "Ora è perfetto!"

 

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
VARIAZIONI SIRIANE

Accadde una sera dei primi giorni di aprile, che un gruppo di autori e poeti del newsgroup ci riunimmo per una serata insieme. Fu il mitico Silverghost, da sempre amante del mangiare esotico a guidarci con profitto presso una trattoria siriana, dove veniva offerto il gradevolissimo spettacolo di una giovane danzatrice del ventre. L'occasione, concordarono tutti, andava salutata con un adeguato componimento

La danza der ventre (A Miriana)

Si un giorno te deciderai, Miriana,
E accetterai da me 'n invito a cena
Te porto in d'una trattoria siriana
Che tocca prenota' ch'è sempre piena

Lì, mentre magni, ar centro de la scena,
Sur ritmo de 'na melodia eggizziana,
'Na pischella vestita da surtana
Smove le braccia e intòrcina la schiena

Dovressi da vede' quanno lei danza
Tra veli bianchi e trasparente raso
Comme fa avanti-e-ddietro co' la panza!

E doppo, in quarche stanza lì vicino,
Mentre scopamo, vojo facce caso
Si te sbarella pure a te er pancino

Questo fu il sonetto che postai la sera successiva sul newsgroup. Ma Giancarlo ebbe delle perplessità, e rispose.

>A Sla’, io mo ‘n vorrebbe fa’ la scena
>De chi che va a cerca’ ‘r pelo ‘nde l’ovo,
>Ma ‘sto sonetto qui me pare novo
>Rispetto a quello che jer sera a cena,
>
>Ce recitasti occhiuto a bocca piena
>Mentre che stavimio dentro ar ritrovo
>Indove che faceva er m’arimovo
>Que’la regazza dorce parmirena.
>
>E ce dicevi che ‘n veniva un verso
>Facenno, ner pensa’, la faccia strana
>Cercanno de trova’ un verbo diverso;
>
>Ma la concentrazione adera vana;
>E mo me rendo conto: ‘n sei più emerso
>Da que’la sangozzata co’ Miriana.
>
>Giancarlo

Aveva ragione... la sera precedente infatti, durante la cena, stavo costruendo un altro sonetto e ne avevo letto alcuni passaggi agli amici.

Spiegazione a Giancarlo

Giancarlo mio, quello che dici è giusto:
Avrei voluto fa' n'antro sonetto
Pe' di' che la surtana era in difetto
Siccomme che era debbole de busto

E aggiunge che c'avrebbe n'antro gusto
Co' Angela er medesimo balletto.
Però er componimento era imperfetto
E me so' rassegnato: "Nun l'aggiusto"

Dovevo trova' 'n' antra idea carina
Pe' racconta' de la cena siriana...
Poi me so' arzato, venerdì mattina,

E ho avuto la penzata assai ruffiana
De' celebbra' l'allegra seratina
Co' quer sonetto novo pe' Miriana

Ovviamente Angela rimase incuriosita da quel sonetto che l'avrebbe riguardata, e mi chiese di postarlo. Non potevo certo tirarmi indietro davanti alla richiesta di una signora! Per cui aggiustai alla bella e meglio il sonetto incompiuto, tappando la buca con una sgradevole diastole al settimo verso e riciclando alcune rime già sfruttate per l'altro sonetto. Ma per Angela... questo ed altro!

La danza der ventre (starring Angela)

Mentre che stavo in trattoria siriana
Partì 'na bella musica orientale
E entrò na regazzetta gnente male
Che se moveva comme 'na surtana

C'aveva in testa come 'na bandana
E un ber soriso allegro e naturale
Ma essendo un po' secchetta e un po diafàna
Nun la trovavo morto sensuale

Però 'sti movimenti provocanti
Me li guardavo comme in trasparenza
Perché c'avevo Angela davanti

E immagginai, penza che te ripenza
Che er ballo co le forme sue abbondanti
C'avrebbe tutta n'antra prepotenza

Nel frattempo sul newgroup si erano diffuse alcune voci incontrollate su quello che era veramente successo in quella cena. In particolare, qualcuno si fece sfuggire che anche giuliafritta aveva accennato qualche passo di danza del ventre, e non solo lei!

Consolazzione

Dopo l'approvazzione generale
De la danza che ha fatto giujafritta
Dopo l'idea de Angela orientale
Che sta mejo de poppe e de marmitta

Dopo che Cinderella zitta zitta
Pure se l'è sfangata gnente male
La vera danzatrice origginale
C'era rimasta triste e derelitta

Allora io ho pensato "Poro amore,
Devo da consolalla a 'sta siriana!"
Ché so' tanto sensibbile de core

Per cui j'ho fatto la proposta strana
Si doppo der lavoro, pe' un par d'ore,
Volesse prende er posto de Miriana

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Aprile

C'avessimo quell'unica occasione
Un dono der destino inaspettato
Nessuno de noi due era preparato
In grado de capi' la situazzione

C'avessimo quell'unica occasione
E lo sai qual è stato er risurtato
Nun vojo manco di' che fu un peccato
Ormai me ne so' fatto 'na raggione

Bruciassimo quell'unico cerino
Pe ave' sortanto fumo de parole
litiggi, insofferenze e un gran casino

E adesso tutte 'ste fascìne nove
Ar massimo le metti a scalla' ar sole
Ma è un aprile der cazzo e fori piove

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Mascherina

Eh, t'ho riconosciuta, mascherina,
Sei tu ner video porno amatoriale
Co' in faccia un cotijon da carnevale,
Der tutto 'gnuda, vispa e malandrina

Sei tu nell'ammucchiata generale:
E' tua quella boccuccia che spompina
Sei proprio tu a scopa' a la pecorina
E a fattelo ficca' ner bucio anale

E di' che hai fatto tanto la prezziosa
Quanno che er sottoscritto te la chiese
"Lasciame perde, va'... che nun è cosa"

Mò nun ce l'avrai più tante pretese:
Si nun te mostri più volenterosa
'Sto video farà er giro der paese

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Metodi naturali

Io e mi' marito, pe' contraccezzione,
Usamo quer sistema naturale
De la temperatura vagginale
Da misura' ogni giorno a colazzione.

Infatti, si è ar di sopra der normale,
Vor di' che già c'è stata ovulazzione
E l'utero nun è più in condizzione
Per un concepimento eventuale 

In de 'sto caso, er fijo nun arriva.
Nell'antri giorni, invece, ce se ingegna
Co' quarche soluzzione arternativa.

Però ce sta la conseguenza atroce
Che si ar mattino c'ho fredda la fregna
La sera poi c'ho er culo che me coce

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er sonetto fantasma

"Lo sai, cara, che Xlater su un sonetto
A piassela co' te s'è divertito?"
"Dici davero? Ah, Xlater maledetto!
Ora me sente a me quell'impunito!

Però io sur niusgruppo nun l'ho letto..."
"Perché l'ha messo solo sur suo sito!"
"Forse così se sente più protetto...
Ma me la paga! Giuro! Garantito!"

Vado a vede' cor core che me trema
Ma sur sito er sonetto nun lo trovo...
Che cavolo racconta quella scema?

Nun c'è... nun c'è... è inutile che provo...
Lasciamo perde, via... nun c'è problema...
Me incazzerò con un sonetto novo


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er Vagginismo

"VAGGINISMO: Un riflesso occasionale
Per cui a la donna proccupata e ansiosa
Je pìa 'na contrazzione dolorosa
Dei muscoli all'imbocco vagginale

'Sto disturbo nun è 'na bella cosa
Perché durante l'atto sessuale
La sensazzione è arquanto fastidiosa
E la penetrazzione può fa' male"

Si dar nostro rapporto sei delusa
La corpa nun è mia, cara Robberta,
Io er cazzo lo so bene come s'usa

Dici "Nun godo mai..." Bella scoperta!
Tu a vorte c'hai la fregna troppo chiusa
Oppure ce l'hai sempre troppo aperta

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
La Mejo

La mejo è sempre lei. C'è poco da fare.

Tiemme la fregna in callo, cara Ombrosa
Tieni pronta pe' me la passerina
Preparela, er momento s'avvicina
Che tornerò a assaggia' quela tua cosa

Cucinamela bene 'sta topina
Fammela trova' ar dente e appetitosa
Condiscila, che sia bella brodosa
Ché vojo intigne ar sugo de vaggina

Nun c'hai, lo so, solo 'na bella gnocca,
Pure le chiappe cor bucetto tonno,
Du' zinne da paura e 'na gran bocca

Ma è pe' la sorca tua che me confonno,
Pe' quella succosissima arbicocca
Ch'è la più mejo fica de 'sto monno

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
A Debbora (conosciuta in ICQ)

Un altro scherzo degli incontri virtuali

Debbora, che sarebbe mo 'sto fatto?
Credevo che tu fossi una normale...
Invece adesso scopro tutto a un tratto
Che sei Ruggero, e sei bisessuale

Pe' carità, nun c'è gnente de male,
Restamo amici, e se me chiami io chatto,
Nun c'ho 'ste prevenzioni, pe' me è uguale,
Tanto nun dovevamo entra' in contatto

Però quanno a parole tue sincere
Me chiamavi "scrittore preferito"
Da "Debbora", c'avevo più piacere

Mo che "Ruggero" me l'ha ribbadito...
Nun so perché, ma ar bucio der sedere
Me sento stranamente un gran prurito

Giancarlo non poteva farsi sfuggire l'occasione...

A Sla’! Quest’avventura ch’hai narrato
Co’ Debbora che invece era Ruggero
È frutto de la rete e adè sincero,
Me pare, l’imbarazzo ch’hai provato.

Però si annamo a vede ner passato
Già ‘sto discorso l’amo fatto, invero,
Co’ Anchise e Snake e er modo der pensiero,
Me pare, adera diversificato.

Però pure pareva ormai concluso
Lo sproloquia’ sur culo, su la mole,
Su approcci ar sesso che ciascuno ha in uso;

Ma tu, co’ queste tre, quattro parole
Ricordi un detto a cui nonno era aduso:
“La lingua sbatte indove er dente dole”.

Giancarlo

Risposi così...

Gianca' puro stavorta c'hai raggione:
La rete spesso te pò da' sorprese
Quanno te trovi in d'una situazzione
Che nun era la stessa delle attese

Persone che so' invece antre persone
Diverse dall'identità palese;
O l'argomenti in una discussione
Che sembrava conclusa e se riaccese

Ma pe' antre cose devi costatallo
Che la rete riesce a esse coerente
E c'ho l'esempio pronto, callo callo:

Chiunque può giura' tranquillamente
Che appena er culo viè tirato in ballo
Tu arivi e dici "Ecchime presente!"

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Variazioni sull' "Angioletta"

> L'ANGIOLETTA
>
>A me me scrive spesso un’angioletta
>In modo assai amichevole e gentile,
>Che ci ha figura dorce e signorile,
>Piacevole, ridente e formosetta.
>
>A manna’ complimenti lei s’affretta
>A me che a petto a lei so’ un incivile,
>Ma ciò che dentro a me c’è de più vile
>Davanti a lei sparisce ar tutto e in fretta.
>
>Mo dannome, a di’ er vero, tanta gioia
>M’ha spedito un bacetto su la schiena,
>Cosa che me mannò, ar momento, in foia;
>
>E ‘ndo’ la bacerei io a di’ ‘n ci ho lena
>Perché de avella amica ho tanta voia
>Che ‘n voio rischica’ a di' cosa oscena.
>
>Giancarlo

Ma come? Proprio tu che sei un poeta
Nun riesci a trova' 'na soluzzione
Pe' scrive quer che c'hai ner capoccione
Senza sembra' vorgare o anarfabbeta?

Dije... che so?... "Baciar l'ascosa meta
Che in grembo custodisci è mia ambizione"
Dije... "Mi prostrerei in adorazione
Dianzi a quella cripta tua segreta"

Dije... "Alla fonte tra le cosce chiare
Bella, vorrei bagnare il labbro asciutto"
Dije... "Annegar m'è dolce in quel tuo mare"

Dije... "Assaporerei il succoso frutto"
Dije... Oh, dije quello che te pare!
Gianca' te devo proprio insegna' tutto?

>A Sla’, tu ce lo sai, ché te l’ho detto,
>Che noi semo piuttosto più ignoranti
>De quelli che ch’adoprino er fioretto
>Pe’ fasse vede dorci e fini amanti.
>
>Ma te dirò che poi quell’angioletto
>Me disse che potevo anna’ più avanti
>(Avenno letto questo mio sonetto)
>E che scherzassi pure co’ li santi.
>
>E io te devo di’ che dopo ho osato,
>Che j’ho parlato aperto senza veto,
>Che je l’ho detto indove che baciato
>
>L’avrei dovenno scenne ner concreto;
>Ma nu lo dico a te, ché questo afflato
>È roba da godesse in der segreto.
>
>giancarlo

>
La tua è la discrezzione d'un signore,
Ma che fine farebbe la poesia
Si ognuno qui pensasse a tira' via
Senza da' voce a quer che c'ha ner core?

Eh già, che ne sarebbe, si ogni autore
Invece de compone con maestria
Dicesse "Questi qua so' cazzi mia,
Me li tengo pe' me, famme er favore"?

E poi io so' convinto, gira gira,
Che nun dispiacerebbe, all'angioletto,
Si se sapesse quello che t'ispira

Anzi, pe' me c'avrebbe assai diletto
De ritrova' 'sto bacio che te tira
Drento quarche tuo prossimo sonetto

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Muse e Poeti

Co' Beatrice annò in bianco er sommo Dante
Laura, a Petrarca, nun je l'ha mai data
Leopardi, a Sirvia, nun se l'è incarcata
Fiammetta de Boccaccio nun fu amante

E andrebbe ancora avanti la parata
Ché de coppie così ce ne so' tante
Co' un poeta ispirato spasimante
E la musa, però, che nun c'è stata

Proprio l'antra mattina ce pensavo
E me so' posto 'sta questione strana
"Penza s'io invece a questa me la chiavo..."

Come lo spiegheremmo, poi, Miriana?
Potremmo sempre di' ch'io so' più bravo
Oppure che sei tu un po' più puttana

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
A Leucona

Dopo aver massacrato Catullo come tirarmi indietro dinanzi alla celebre ode del "Carpe Diem" di Orazio (con il quale, mi dicono, condivido il giorno di nascita)?

Nun anna' a chiede a mille ciarlatani
De fatte interpreta' li scarabocchi,
De stroliga' co' oroscopi e tarocchi,
Pur de sape' quer che sarà domani

Lasciali perde 'sti magheggi strani
Tanto quarsiasi sorte che ce tocchi
Nessuno ce l'ha chiara avanti all'occhi
Nessuno pò toccalla co' le mani

Forse l'inverno prossimo venturo
Riuscimo a rivedello n'antra vorta
Ma chi potrebbe dillo de sicuro?

Tu magna, bevi, scopa, resta accorta,
Nun fa troppi programmi pe'r futuro,
E penza a vive, e poi... chissene 'mporta!

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Da.Ru

Torniamo al presente cibernetico, con i suoi grandi ideali e i suoi grandi truffatori.

Diceva: "Grande offerta eccezionale!
Aggràtise pe' lei, caro signore,
Er mejo sito webbe sessuale
Pieno de troie e zoccole in calore!

Istalli 'sto programma-terminale!"
Lo istallo e me collego pe' quattr'ore
Ignaro che co' 'n trucco suo speciale
Quello telefonava a Singapore

Così credendo de scrocca' l'accesso
Chiamavo in linea 'n antro continente...
Ma pensa te, quanto so' stato fesso!

Però, margrado tutto, finarmente
Ho capito ched'è sto "cibbersesso"
Mo che m'hanno inculato virtualmente

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Faccetta Nera

Un sonetto un po' amaro.

Passanno pe' 'ste zone subburbane
La strada è sempre piena de mignotte
Che stanno a batte fino a tarda notte
E parecchie so' giovani africane

Vengheno qua perché je manca er pane
Ma i pappa le massacreno de botte
Finché le poverette so' condotte
A fa 'sta vita triste da puttane

Me fanno tanta pena 'ste negrette...
Che poi si uno le guarda da vicino
Certe so' pure belle regazzette!

Tiè... anvedi questa... che ber corpicino...
Ma ch'ore so'? Peccato... già le sette...
Sinnò me lo facevo fa' un bocchino

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Blackout

Un momento di break, tra tanti frizzi lazzi e scherzi.

Mancò la luce. E tutto venne nero.
E nun potetti fa' più un accidente:
Mòveme, legge, scrive, suona'... gnente.
Solo sta' ar buio a fa' vola' er pensiero.

Guardai la Luna, e quella, soridente,
Me riconobbe subbito chi ero.
"Ehilà! Guarda chi c'è! Nun pare vero!
E' tanto tempo che nun ce se sente...

Lo so che fai 'na vita assai impegnata
Ma da quarche anno sei proprio sparito...
Dai, viette a fa' 'na bella chiacchierata!"

Stavo lì lì per accetta' l'invito,
Ma proprio allora, come 'na flesciata,
Tornò la luce. E fu tutto finito.

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Se pure fossi

Un tumultuoso crescendo, fino al disperato liberatorio grido finale.

Se ardessi pe' la sete e tu restassi
L'urtima goccia ar monno d'acqua pura,
Se avessi fame da magnamme i sassi
E tu fossi la frutta e la verdura,

Se ar sole der deserto m'ustionassi
E solo l'ombra tua desse frescura,
Se d'un morbaccio strano m'ammalassi
E rimanessi tu l'unica cura,

Se pure fossi un naufrago che arranca,
E fossi tu quell'aria pe' cui prega
Mentre a cerca' de galleggia' se sfianca,

Se pure fossi un naufrago che annega,
Continuerei, cor fiato che m'amanca,
A urlatte: "Ma chi cazzo te se frega!"

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er raduno

Argomento di grande attualità e bollenti polemiche fu il raduno del "gay pride", da tenersi nella città del Giubileo Cattolico. Affronterò di nuovo il tema con un sonetto "a posteriori" che farà parte della raccolta estiva.

L'otto de lujo c'ha da sta er raduno
Nazzionale dell'omosessuali
E in tutti li paesi occidentali
Se rispetteno l'usi de ciascuno

Ma quello sgorbio brutto coll'occhiali,
Quer premier che nun pò vede' nessuno,
Pe fasse bello avanti ai cardinali
Ha detto "Nu' lo troverei opportuno..."

Però quanno i ciellini e i loro soci
Se ne vanno cantanno in processione
Co' le madonne e i cristi su le croci

Nessuno rompe er cazzo o fa obbiezzione.
So' forse mejo de lesbiche e froci
Pe' avecce più diritto d'espressione?

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Li sonetti illustrati

Un sonetto frutto di un'altra occasione conviviale. Stavolta un pranzo a Civitavecchia, il giorno della premiazione per il premio di poesia. Il riferimento è al racconto "Carmen" scritto da cerebrum e corredato di fotografie esplicite. Non potendo essere pubblicato su ISR, cerebrum lo annunciò sul newsgroup, provocando una valanga di richieste, che ingolfarono un po' il ng per qualche settimana

Pe' invidia der successo riscontrato
Da Carmen, che su quer racconto bello
Se lo fa' mette in culo dar fratello
E tutto è in foto ben documentato,

Leggenno che ogni lurker disperato
E' pronto a tutto pure de vedello,
Pe' nu' sfigura' troppo a petto a quello
St'idea barzana avressimo penzato:

Coll'antri amici amanti dei sonetti
(Che saressimo io, Giancarlo e Anchise)
"Famolo puro noi!" se semo detti,

De aggiunge a le poesie, comme risposta,
Foto de cazzi, culi, fregne e sise
E de mannalle solo pe' via posta

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Solo quello

Un altro sonetto sull'inversione dei ruoli nei comportamenti sessuali. Stavolta è l'uomo che si lamenta per essere valutato "solo per quello"

Nun racconta' che sei così corpita
Nun te inventà quer che c'avrei de bello
Tanto da me tu voi solo l'ucello
Nun ce giramo intorno, t'ho capita.

Nun me sta a pia' pe' 'r culo, senti, Rita,
Nun di' che è na questione de cervello
Da me tu cerchi solamente quello,
Er cazzo che te frega, e poi è finita.

Sto a fa' er prezzioso? Me ne guardi Iddio!
Te lo dò volentieri! Chi m'ammazza?
Figurate! Er piacere è tutto mio!

C'è solo 'sto penziero che me spiazza
Perché tra tanti stronzi proprio io
Devo sfoga' la voja tua de mazza?

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er Pappa e 'r Polizziotto

Annavo co' la machina de notte
Su 'na stradina fora der paese.
Portavo a batte 'ste quattro mignotte
Du' negre, 'na polacca e n'arbanese.

Me fermò 'na pattuja che me chiese
"Dica! Ando' va co' queste giovanotte?
C'è 'na festa, per caso?" Ed io, cortese:
"Queste so' amiche, e me le vado a fotte!"

"Ma guarda... poverino... quarche amica...
Ragazzo mio, qui se va sur penale,
E' sfruttamento, nun se scherza mica..."

"Prostituzzione? Lei ha capito male...
Questa è quantità modica de fica
Per uso strettamente personale!"


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
A ognuno er suo

Nell'ambito delle polemiche relative alla manifestazione "gay pride" dell'8 luglio, diversi personaggi hanno avuto modo di dire la propria. Si registrò, tra gli altri, l'intervento del Ministro per le Politiche Agricole, il verde Pecoraro Scanio, che dichiarò di non autolimitarsi a rapporti con il solo sesso opposto.

Ho sempre salutato con favore
Quanno ar governo de la mia nazzione
Viene fatto ministro con onore
Chi c'ha la giusta sua preparazzione

Presempio ne la Pubbrica Istruzzione
Deve da sta ministro un professore
Così a la Sanità, pe' paragone,
Nessuno pò esse mejo de un dottore

Ai Beni Curturali chi sta in pista
Dev'esse 'na persona de curtura
A le Finanze? Sia 'n economista!

E zitti zitti, senza da' nell'occhio,
Ar Ministero dell'Agricortura
Potremmo pure mettece un finocchio

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Lo Zzombie

Io vivo, ma dentro de me so' morto
Dar giorno che crudele tu m'hai ucciso.
C'è un core spento dietro a 'sto soriso
Ched'è solo la maschera che porto

Te pare che da vivo me comporto,
Ma invece so' un cadavere indeciso
Che nun va ne la fossa e in paradiso
E resta a croggiolasse a lo sconforto

Nun dormo più. M'aggiro tra le tombe
Meditando pensieri de vendetta.
C'è 'na minaccia su de te che incombe:

Te svejerai ogni notte inorridita
Perché verrò a strillatte: "Maledetta!
Guarda, sanguina ancora 'sta ferita!"

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Benvenuta a me!

Con un messaggio dal subject "Benvenuta a me!" fece il suo esordio provocatorio sul newsgroup una certa Hyperion, suscitando qualche reazione stizzita, giustificata dal testo del messaggio ma credo non dalle intenzioni della stessa. Questo sonetto è la ricostruzione parodiata e caricaturale di quel messaggio. Ne rise la stessa Hyperion, dimostrando di essere una donna di spirito e non una troll a caccia di polemiche.

Co' la matita in mezzo a li capelli,
Addosso solo 'na majetta nera,
Me siedo a piedi nudi qui pe' tera
E me metto a guardavve, amici belli

Scusateme si so' così sincera
Ma me parete tutti 'gnorantelli...
Cristo! Rivojo indietro i menestrelli!
'Na vera storia e no 'na storia vera!

Ora ve dico un po' de cazzi miei:
Svolazzo in rete come le farfalle
E de niusgruppi ce n'ho trentasei

In ognuno de questi, prima o poi,
Riesco sempre a rompe un po' le palle.
Embè, stasera v'è toccato a voi!

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Una Rosa nel Mare

Dopo "Tra un bacio e l'altro" (nella raccolta inverno 99/00) un altro sonetto ispirato da una lirica del poeta veneziano Giacomo Noventa.

In un momento che m'ero distratto
'Na rosa in mezzo ar mare m'è cascata
'Na rosa che nun ho più ritrovata
Pure se l'ho cercata come un matto

Poi, guardando nell'acqua illuminata
Ho visto che ogni goccia era er ritratto
De quela rosa, cosicché d'un tratto
L'aria s'è tutta quanta improfumata

Ma er profumo der mare, ahimè, è quarcosa
Che nun te lo poi mica portà appresso
Mejo era accontentasse de la rosa

Da quela vorta ho riflettuto spesso
Che so' amico de tutti e d'ogni cosa
Ma forse nun so' amico de me stesso

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Famija Cristiana e 'r Cibbersesso

La nota rivista dei Paolini ci ha tolto finalmente ogni dubbio. Il sesso virtuale è peccato. Finalmente! Eravamo tutti in ansia...

'Na certa tizzia ha domannato a un prete
De quer cattolico settimanale
Si è peccato l'approccio sessuale
Puro si avviene solo pe' via rete

Er prete j'ha risposto: "E' naturale!
Cari cibberzozzoni, che credete?
Ar fonno dell'inferno sconterete
Ogni peccato, vero o virtuale!"

Ho accorto la notizzia con favore
Pensanno a quelli che se danno vanto
Che stanno sempre in giro a usa' er tortore

Che gran soddisfazzione! Mo d'incanto
So' diventato un grande peccatore
Pur io che scopo poco e chatto tanto!

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Ottì

OT, sta per "off-topic", che in ambito ISR è tutto ciò che non riguarda il sesso. Comincia ad aumentare il numero dei miei sonetti OT, e mi dispiace non poterli postare sul newsgroup.

La mia poesia de norma è lussuriosa
E tratta d'argomento sessuale
Però ogni tanto me vie' naturale
De scrive pure de quarche antra cosa

In quer caso a postalla faccio male
Perché quarche persona puntijosa
Potrebbe lamentasse contro chi osa
Devia' dar manifesto origginale

E' un po' come succede co' Sabbrina
Quanno che a chiappe in su me se consegna
Pe' fasselo appizza' a la pecorina

Se io con mossa furba bassa e indegna
Me appoggio ar culo invece che in vaggina
Lei strilla: "Ahò! E' off-topic da la fregna!"

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Schermaglie Amorose

Me fai: "Tu voi scopamme, questo è er fatto!
Solo pe' questo che me vieni appresso,
Co' me voi solamente facce sesso!"
Ed io: "Che dici? Nun è vero affatto!

Me piacerebbe rimane' in contatto
Pure se (per assurdo) fossi un cesso!
De te come persona m'interesso
De scopàmmete, in fonno, me ne sbatto..."

"Ma allora nun te piacio!" "Nun è vero!"
"Ma allora voi scopamme!" "No, te giuro!"
"Ma allora me pii in giro!" "So' sincero!"

"Ma allora... allora..." "Allora famme un fischio
Quanno voi usci' co' me!" "Ma sei sicuro?
Se poi scopamo?" "Correrò sto rischio!"

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Benvenuti a Bbordo

Frutto di un periodo di frequenti viaggi in aereo

Signori passeggeri, c'ho premura
De davve su 'sto volo l'accojenza
Mo l'hòstese, abbiatece pazzienza,
Ve mostra comme mette la cintura

Appresso, lei v'indicherà con cura
Andò stanno l'uscite d'emergenza
E sotto der sedile, all'occorenza,
C'è un sarvaggente che ve rassicura

La maschera dell'aria vie' automatica:
Dovete tira' forte pe' attivalla
Poi respirate come de prammatica

Seguenno 'ste misure senza falla
La vostra sicurezza è matematica
Però... Mejo grattasse anche 'na palla

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Sesso in Ufficio

Io e la Piersanti dell'ufficio acquisti
C'amo 'na tresca estramatrimognale
E quanno se vedemo er dì feriale
Scopamo ne li posti più imprevisti:

Drento la sala de li sistemisti,
Giù nell'archivio in fonno de le scale,
Sopra la scrivania diriggenziale...
(E meno male che nun c'hanno visti!)

Nun dico ch'è 'na femmina da sogno
Nun dico ch'è 'na fregna da leggenda
Anzi, a scopalla un po' me ne vergogno

Comunque nun è manco così orrenda.
Dovemo accontentasse, ner bisogno,
De quello che ce pò passa' l'azzienda


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Missioni e Precauzioni

Mi moje, quanno devo anna' in trasferta,
Me pìa, me zompa addosso a tradimento,
Me tie' tutta la notte a dacce drento
Fino a che nu' stramazzo a bocca aperta

Così facendo, dice lei, s'accerta
Che sia fedele er mio comportamento
Però secondo me er raggionamento
Lascia quarche lacuna un po' scoperta

Perché se fossi arzillo a la partenza
E putacaso je mettessi un corno
Lei potrebbe nota' la differenza

E invece a 'sta magnera nun c'è scarto:
Sarei tanto spompato quanno torno
Comme che so' spompato quanno parto


firma.gif (3521 byte)

Home Page

barra.gif (1046 byte)
Per scrivere a Xlater: xlater@hotmail.com
Oppure utilizzate il Guestbook

key1743.jpg (28694 byte)