SONETTI Estate 2000
barra.gif (1046 byte)
eyes1743.jpg (2382 bytes)

dot_.gif (42 byte)
Cosa dire dei sonetti dell'estate 2000? Più o meno il solito. Parecchi episodi divertenti, qualche gioiellino particolarmente ben riuscito, uno scambio con Giancarlo (travestitosi per l'occasione in Lara la pompinara dall'episinalefe facile) addirittura un breve scambio con giuliafritta e con la misteriosa "Fica d'India" proclamatasi pubblicamente mia spasimante (uno scherzo innocuo di persone amiche).

Partiamo con le danze!

barra.gif (1046 byte)
Girotondo di fine giugno

Inizio la raccolta con un sonetto in lingua. Una serie caleidoscopica di immagini che nelle mie intenzioni vogliono cogliere in un'interlocutrice ideale quel particolare umore indotto dal primo affacciarsi dell'estate.

Tu sogno che nell'alba ti consumi
Tu estate che prometti nuovi amori
Tu labbra rosse in cerca di sapori
Tu respiro rapito di profumi

Tu che d'un orizzonte t'innamori
Tu mari e spiagge, monti, laghi, fiumi
Tu scintille, tu fiamme, stelle e lumi
Tu minigonna, tu senza pudori

Tu il sole, tu il tramonto, tu la sera
Tu il muscolo che battere fa il mondo
Tu sesso, tu incantesimo e atmosfera

Tu cuori e fiori e picche e quadri in tondo
Tu e i tuoi colori in foto bianca e nera
Tu dentro e intorno a me in un gi
rotondo

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Bocchini a la menta

Un tizio propose sul newsgroup questa intrigante variante dolciaria della fellatio.

Quanno che la regazza mia Mariella
Me tira fori er cazzo e me spompina
Se mette ne la bocca 'na mentina
Tipo 'na Saila o n'antra caramella

Così facendo, lei, mentre me fella,
Sente er gusto che amava da bambina
Ed io c'ho la delizzia sopraffina
De un fresco friccicore a la cappella

Però m'ha rivelato l'antro mese
Che lei, da parte sua, resta scontenta
Quanno che so' li giorni der marchese

E ha fatto 'sto discorzo: "Caro Ugo,
Se a te piace er bocchino co' la menta
Devi pure lecca' la fregna ar sugo!"

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er giocattolo

Me fece: "Allunga un braccio ar tiratore
Ché dentro ce sta un ber giocattoletto..."
Opersi er commodino accanto al letto
E vidi spunta' fori... un vibbratore!

"Ficcalo in fregna, dai, che sto in calore...
Dopo lo vojo pure ner culetto..."
E io l'accontentai: presi l'oggetto
E la scopai co' quello pe' un par d'ore

A la fine j'espressi er mio penziero
"Spiegame un po' 'na cosa, Marilena,
Ma nun è mejo er cazzo mio, che è vero?

'Sto gioco nun è mica tanto giusto..."
Lei prese er coso, me girò de schiena,
E me lo mise in culo de gran gusto

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Vendetta de che?

Piera e giulia, risposero al mio precedente sonetto, esprimendo entusiasmo per i modi spicci di Marilena. Risposi, togliendomi il vezzo di un preziosismo tecnico con le rime tutte in -tta

In ner commento, Piera e giujafritta
Hanno scritto "Carina 'sta scenetta!
Che gusto! Finarmente la vendetta!
La tipa der sonetto è proprio dritta!"

Vendetta??? Ma de che? Che è 'na sconfitta
Che quarcheduno in fregna ve lo metta?
Ditelo allora: "Er cazzo nun s'accetta"
E le sorche portatele in soffitta!

Ma poi, se sa: la donna è tanto attratta
Da quello che je pò riempi' la grotta
Che se lo vie' a cerca' dentro la patta

Per cui, signore, ditecela tutta:
Si ogni tanto ve damo quarche botta
Nun è manco pe' voi 'na cosa brutta

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Banane e Meloni

Mi rispose giulia, cimentandosi anche lei in un sonetto, e con risultati eccellenti:

>Ce stavo a ripensà l'artro mattino
>"voi donne state a fa' le sostenute
>-stava a dì quer poeta malandrino-
>ma senza er cazzo voi state perdute!"
>
>Er senso der discorso sopraffino
>e che 'sto tipo co' parole argute
>ce stava a dì che senza er pistolino
>le fiche nostre vuote so' fottute!
>
>E allora m'è venuto chiaro in mente,
>e ce ridevo pe' sto paragone,
>che l'omini so' messi malamente:
>
>er dildo nun c'avrà molta passione
>ma...a poe', nun dev'esse divertente
>a spigne er cazzo duro ner melone!

Giuja, te devo di' che non è vana
La tua argomentazione in der sonetto
Però la differenza, è presto detto,
N'è quella tra er melone e la banana

Invece è che la donna spesso è strana
E nun vole concedese ar maschietto
Lui invece andrebbe volentieri a letto
Senza penza': "Sarò troppo puttana?"

Ma pe' fortuna posso datte torto
Perché c'è sempre quarche bona amica
Disponibbile a da' tutto er conforto

E a noi maschi maiali e sporcaccioni
Ortre che in bocca in culo e ne la fica
Ce lo fa' mette puro tra i meloni!

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Orgojo Ghei

Ci fu un gran parlare della sfilata dell'orgoglio gay a Roma. L'evento si era ormai trasformato in un fatto del tutto politico, con polemiche per la partecipazione di tizio e la non partecipazione di caio, e i mille ipocriti distinguo nell'uno e nell'altro caso. Così, dopo "Er raduno" e "A ognuno er suo", la manifestazione dell'8 luglio mi suggerì anche questo terzo sonetto.

So' annato a la sfilata in processione
Puranco se so' eterosessuale
Pe' dà 'na solidarietà ideale
E difenne er diritto d'espressione

E poi li froci so' persone bone
Nun me ce so' trovato gnente male
Dice: "Però nun c'eri sur giornale..."
"Nun t'amo visto a la televisione..."

E' vero, nun so stato tanto in mostra.
La verità è che stavo defilato
In dell'urtima fila de la giostra

Perché co' i froci, andanno sur concreto,
Je posso pure esse affezzionato
Ma è mejo nun avecceli dereto


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er Pesce

M'hai preso, come un pesce, ne la Rete
Chiamanno co' la scusa d'un commento,
Poi m'hai fatto veni' l'arrapamento
Parlanno de le voje tue segrete,

Poi sei passata a cose più concrete:
"Che ne diresti de 'n appuntamento?"
E t'ho detto de sì, tutto contento,
Co'r cazzo che sfonnava la parete

Poi te sei fatta di', co' mossa accorta,
Che nummeri d'ucello garantivo
(Quella secondo me è stata la svorta)

So' arivato a st'hotel fresco e giulivo,
M'hai fatto chiude a chiave quela porta
E adesso ecchime qua. Spòrpame vivo.

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Marketing

Nun c'è ricerca che lo contraddica:
Ormai risurta saturo er mercato
Ner segmento più ambito e più preggiato
Che viene definito "Grande Fica"

La pratica conferma in pieno er dato,
Nun se n'acchiappa manco 'na mollica,
L'omo de conseguenza fa fatica
A porta' ar cazzo un po' de fatturato

Quanno er mercato impone er cambiamento
La strateggia d'offerta se ritocca
Secondo un novo posizzionamento

Finché la Grande Fica nun se sblocca
Bisogna concentrasse sur segmento
De la Piccola e de la Media Gnocca

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
La Coppa de Nestore

Durante le ferie nell'isola d'Ischia ho avuto modo di vedere esposto in un museo questo cimelio di grande importanza storica. Un vaso risalente al 730 a.C. Su cui sono incisi dei versi in greco antico. Pare che sia uno dei più antichi reperti originali di scrittura giunti fino a noi, sicuramente il più antico con dei versi poetici (sono tre versi di cui il secondo ed il terzo sono perfetti esametri).

I versi dicono: "Dalla Coppa di Nestore si beve assai bene. Ma chi beve da questa coppa subito lo afferra il desiderio di Afrodite dalla bella corona."

Ho voluto celebrare l'incontro vis a vis con la "madre di tutte le poesie", con un mio sonettaccio sullo stesso tema. Ci spostiamo da una nobile dimora isolana della Magna Grecia a una osteria dei Castelli Romani, dove un avventore, sotto il crescente stimolo dell'alcool, cerca inizialmente di darsi un contegno da esperto raffinato, salvo scivolare man mano nella volgarità ridanciana, fino all'apice dell'ultimo verso, estremamente sconveniente ed offensivo. Della serie "Portace 'n antro litro".

Oste, te devo di' che 'sto tuo vino
Lo trovo veramente assai gustoso
Fresco, sincero, amabbile, pastoso,
De un ber colore giallo pajerino

Ma c'ha però l'effetto malandrino
De famme senti' arzillo e caloroso
E qua già me se sta a rimove er coso
E qua già me se sta a sveja' er bambino

Oste, trova 'na donna calla calla
Ché io so' un po' 'mbriaco e nun so' svejo
Pe' annammela a cerca' e pe' rimorchialla

Trova 'na donna pe' sfoga' 'ste voje,
Oste, ché si nun sai trova' de mejo
Io m'accontento puro de tu' moje

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Amicos fica separat

Da quanno rimorchiasti quela tizzia
Ormai te sei der tutto compromesso
Da te non se riceve più notizzia
Riusci' a vedette è sempre più complesso

Ricordi? te la presentai io stesso
E tu (che bella prova d'amicizzia)
Subbito te ce sei fionnato appresso...
Ma scherzo... sto a parla' senza malizzia...

Lo sai, la fica in giro se rimmedia,
L'amico vero invece è cosa rara
Perde 'n amico è sempre 'na traggedia

Se impara presto la lezzione amara
Che la fregna a noi òmini ce assedia,
Che la fregna l'amici li separa

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Variazioni con Lara

Giancarlo per un certo periodo si è divertito ad imitare in rima gli annunci degli spammer. Purtroppo nell'euforia è tornato nel vizio di produrre sonetti di tipo elisabettiano (in realtà, come lui stesso riconosce, non sono nemmeno esattamente elisabettiani).
Non pago, si esibì anche in un inedita "episinalefe" facendo rimare "espellere" con "pelle", per effetto dell'assorbimento del verso successivo che iniziava con vocale.
Non potevo passargliela liscia...

>Vorrei prendere un cazzo tutto in bocca
>Che fa peggiore effetto di un bavaglio,
>Per cui per far pompini senza incaglio
>Ad imparar la tecnica mi tocca.
>
>Per allenarmi, con una banana
>Sono arrivata al fondo della gola
>E questo tipo pratico di scuola
>M'ha dato indicazione non invana.
>
>Ma quando viene spasmo di rigetto
>Ti devi rilasciar per non espellere
>Il cazzo che strofina sulla pelle
>Ed entra nell'esofago più stretto.
>
>Per imparar davvero, miglior strada
>È il circo dove ingoi pure la spada

Apprezzo er grande impegno, sora Lara,
Li studi tua daranno boni effetti:
Diventerai reggina pompinara
Pe' fa impazzi' de bocca li maschietti

Però te devo di', si me permetti,
Che si a pompa' l'ucello hai n'arte rara
Pe quello che riguarda er fa' i sonetti
Hai mezzo combinato 'na cagnara

Co' tre quartine e manco 'na terzetta,
La rima in mezzo ar verbo che è spezzata,
Me incroci Pascoli co' Elisabetta!

Io chiederebbe a quer che t'ha inventata:
"Perché pe'r cazzo cerchi la via stretta
E pe' li versi quella più slabbrata?"

> Xlater, ma quale onore ho ricevuto
> Da te che ti sei accorto del sonetto
> Che ho scritto non con arte, ma un po' a fiuto,
> Non con un lungo studio, ma di getto.
>
> D'Elisabetta non sapevo niente,
> E' pure lei famosa pompinara?
> E Pasoli, mi sembra, fu cliente
> A me; non ti ricordi, io sono Lara.
>
> Ma ascolta! Io penso, ingenua, che le rime,
> Per costruire accrocco sopraffino
> Che poi raccolga intorno onori e stime
> Dovrebbero apparir come il pompino:
>
> Il lungo studio della tradizione
> E quindi il guizzo dell'innovazione.
>
> Lara

"Fare un pompino o scrivere un sonetto"
Dici "è la stessa cosa a conto fatto:
Per ottenere il massimo d'impatto
Anche l'innovazione fa il suo effetto"

Ma pure se è una tesi che rispetto,
Quando hai inserito ardita tutto un tratto
Quell'episinalefe in mezzo all'atto,
O Lara, m'hai lasciato un po' interdetto

Se ad un poeta è lecito di tutto
La fellatrice non può aver diritto
Di fare il tempo bello e il tempo brutto

Deve seguir le norme del succhiotto:
Sollazzare con garbo il cazzo dritto
Per non lasciarlo, alfine, tutto rotto

>Difatti tu, è evidente, nel pompino
>Vuoi sempre la medesima minestra
>Che già porgeva a Egisto Clitennestra
>Nel mentre lui provava il ditalino.
>
>Per cui poi lei, con stimolo assassino,
>Perché il marito le impediva l'estra,
>Con un'accetta salda nella destra
>Gli aprì la testa come un meloncino.
>
>Con l'episinalefe t'ho sorpreso
>Perché pensavi già finito il verso
>E ciò mi piacque al vero proprio un mucchio;
>
>Nella fellazio al gusto lasso e arreso,
>Pensi finito il giuoco ed a l'inverso
>Invece ti sorprendo col risucchio.

Uscire dagli schemi e improvvisare,
Seguire l'estro in barba al ritmo trito,
Tener l'utente sveglio e incuriosito,
Va bene, Lara, nel preliminare.

Ma quando poi si sente avvicinare
Il sommo del piacere più squisito
La norma va seguita a menadito
Se no le conseguenze sono amare

Tu stessa che seguivi prima l'estro
Di tmesi, sinafìa e di metaplasmo
Ora sei ritornata nel canestro:

Con quartine, terzine, rime a chiasmo
E la classe consueta del maestro
M'hai provocato, Lara mia, l'orgasmo

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Vacanze con Miriana

Miria', perché nun vieni co' me ar mare
Mo che prendo le ferie de st'estate?
Senti come organizzo le giornate
E dimme se pe' te nun è un affare.

Er giorno famo quello che ce pare,
La tintarella ar sole, le nuotate...
La sera a cena spigole co' orate
In quarche trattoria sur lungomare

E poi? Come passamo la serata?
Già, tu vorresti sta' tutta la notte
A zompa' in discoteca, scatenata

Ma a me der ballo poco me ne fotte...
Mejo cerca' la spiaggia più isolata
Pe' fasse er bagno nudi a mezzanotte

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Fica D'India

Qualche amica si divertì a prendermi un po' in giro, bonariamente, interpretando il personaggio di una misteriosa "Fica d'India" (sic!) che amava dichiarare ai quattro venti una insopprimibile quanto inverosimile attrazione per il sottoscritto. Tra le varie botte e risposte (in cui spesso accettai di stare al gioco) ci fu pure uno scambio sonettistico, nel quale la misteriosa Fica parodiò in mio onore i versi di Saffo, anche se con qualche esito metrico non felice.

> Afrodì, tu, dea madre de l'amanti,
> Fija de Zeus, signora der mio core,
> Nun me lassà 'n preda a 'sto dolore,
> Ma viè qua e ascorta 'n po' 'sti canti.
>
> Come quanno avvorta in un bajore,
> Arivasti a me co' le vesti provocanti,
> Stanca de sentì tutti i miei pianti,
> Decisa a risollevà 'r mio umore.
>
> Che cazzo c'hai, Fica, me dicesti,
> Com'è che er core tuo nun se placa,
> T'ho detto "lui verrà" e mo' protesti.
>
> Ma oggi er core popo me se sbraca,
> Afrodite bella, mejo che tu resti,
> Ché Xlate, cara mia, nun me se caca.
>
> Fica d'India


La dea con un sospiro j'arispose:
"Nun te pia' pena, cara mia Fichetta,
L'amore fa er suo corso senza fretta,
Vedrai che fioriranno, si so' rose.

Quanno la donna ai piedi je se getta
A vorte l'omo prende strane pose...
Lo sai come funzionano 'ste cose,
Armete de pazzienza, allora, e aspetta.

Se agisci con prudenza ar modo saggio
Le tue preghiere saranno esaudite:
Te lo ritroverai drento la grotta.

Ricordate che c'hai sempre er vantaggio
Che sei 'na bella fijja d'Afrodite
Lui 'nvece è solo un fìo de 'na mignotta!"

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Donna de classe

Sempre precisa, sempre profumata
Altera, aristocratica, elegante
Sempre co' la gioielleria firmata
Ciondolo ar collo, anello de brillante

Sempre vestita bene, mai sgargiante
E sotto de la gonna plissettata
C'hai certo quela biancheria arrapante
Che a mozzichi coi denti va strappata

Me sento comme un foco drento ar busto
Tutte le vorte che te sto vicino
Sì, me te scoperei proprio de gusto!

E me lo papperò, sto bocconcino,
C'ho solo da aspetta' er momento giusto
E poi te zompo addosso e te rovino

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Dinner with Gershwin

Ispirato da una canzone di Brenda Russel, della quale ho mantenuto il titolo, e che iniziava cosi:

I want to have dinner with Gershwin
I want to watch Rembrandt sketch
I want to talk theory with Curie
impossible I guess
I want to talk moods with Picasso
on a rendezvous
I want to fly double with Earhart
I want to get next to you

Me piacerebbe, ammesso che se possa,
Sape' tutti i segreti de Andreotti
Discute Carlo Marx co' Bertinotti
Fa' veni' er Papa a casa mia a Canossa

Concede a Kasparov la prima mossa
Mette ar tappeto Tyson a cazzotti
Canta' duetti insieme a Pavarotti
E in mare veleggia' su Luna Rossa

Vorei parla' co' Eco de curtura
Inventamme co' Prodi 'n antro Ulivo
Gioca' a San Siro in maja nerazzura

Vorei risuscita' Lady Diana
Spiega' ad Einstein che tutto è relativo
E famme 'na scopata co' Miriana

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er forzato der sado-maso

T'ho messo intorno ai polsi le manette
T'ho chiuso l'occhi co' 'na benda nera
T'ho fatta inginocchia' nuda pe' tera
Tanto pe' cominciatte a sottomette

T'ho attaccato a le zinne du' mollette
T'ho sciorto su la panza un po' de cera
T'ho frustato le chiappe un'ora intera
E tu dicevi "Ancora... dai.. nu' smette..."

Poi t'ho legata a quer termosifone
E t'ho ficcato 'na bottija in fica
Quanno... me so' sentito un gran cojone

Così t'ho detto "Cara Federica,
Perché se tu sei schiava ed io padrone,
Tu godi e io faccio tutta 'sta fatica?

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er poeta ermetico

Per la terza volta, dopo "Tra un bacio e l'altro" e "Una rosa nel mare", prendo spunto da Giacomo Noventa, che si divertiva a mettere alla berlina i suoi contemporanei ermetici. Mi sono allontanato abbastanza dall'originale, anche se sono rimasti l'enjambement tra il primo e secondo verso (che è a sua volta una presa in giro dei vezzi dell'ermetismo) ed il riferimento velato a Montale e alla sua "Mediterraneo".

Miria', me piacerebbe esse 'n poeta
Ermetico, più colto ed erudito
Pe' parlatte de Dio, de l'Infinito,
De la Coscienza che nu' sta mai quieta,

De le Stelle d'intorno der pianeta,
De la Luna nascosta dietro ar dito,
Der Mare così stronzo e incanajito
Che la parola sua me tie' segreta

Ma so' solo un poeta de dialetto,
Nu' la so mette tanto intorcinata,
Nu' li so usa' li paroloni a effetto

Stamo da soli... è bella la serata...
Te dedico 'sto straccio de sonetto,
Vedi d'apparecchiamme 'na scopata

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er padrone sado-maso e er libbero mercato

C'ho ventisette schiave ar mio comanno
Tutte ben addestrate e sottomesse
Commesse, casalinghe, studentesse
Che io je do 'n segnale e loro fanno.

Embè, 'ste schiave mie, de quanno in quanno
(Che poi je piace puro a loro stesse)
A quarche amico che se le godesse
Le passo, e me compensano paganno

Ma adesso co' 'st'attività c'ho chiuso.
Me l'ha ordinato l'Ente Giudicante
Perché?... Nun lo capisco... so' confuso

Qua l'Antitrust, l'Authority e 'r Garante
Dicono che pe' loro ho fatto abbuso
De la mia posizzione dominante

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er Tedoforo

Questo è il primo di una serie di tre sonetti "olimpici" composti in occasione delle olimpiadi di Sidney 2000. Questo, in particolare, è dedicato a Giancarlo.

C'ho 'na torcia che brucia tra le mani
Come un bastone grosso lungo e tosto
E la porto co' me mentre me sposto
Correnno dai paesi più lontani

Sin dar tempo dei Greci e dei Romani
S'usa porta' la torcia ner suo posto
Mo toccherebbe a me, ché me so imposto
De ariva' ar dunque prima de domani

So' giorni e giorni che incessantemente
Vado correnno in giro pe' sto 'gioco
Portanno er peso de 'sta torcia ardente

Ma correnno correnno, a poco a poco,
Ariverò a trova' quer recipiente
Che je la butto drento e je dò foco


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er sarto co' l'asta

Secondo sonetto olimpico, e forse anche quello meglio riuscito

Er gran segreto de chi fa 'sto sporte
E' de sapè giostra' bene l'attrezzo
Da' retta a me, l'ho fatto tante vorte,
Avecce n'asta bbona nun c'ha prezzo

Quanno c'ho l'asta in mano, stretta forte,
Prima me la smaneggio pe' un ber pezzo
Poi prendo la rincorsa a brije sciorte
E je l'appunto dritta lì ner mezzo

Poi co' li reni m'aggito de scatto
E sento l'asta che, co' gran sollazzo,
Me fa schizza' ner cielo, come un gatto

Terminato lo sforzo, poi, stramazzo
E sto felice, pago e soddisfatto
Spaparanzato sopra ar materazzo

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Er Dopping

Terzo e ultimo sonetto olimpico.

Su me c'è sempre grande aspettativa
Vonno sempre da me er capolavoro
Nun ce po' sta una prova negativa
Devo esse sempre da medaja d'oro

E quanno er risurtato nun ariva
Me becco pure quarche pommodoro...
Che cazzo! 'Sta pressione m'è nociva!
Che cazzo! Vorei tanto vede' loro!

Perciò, pe' offri' 'na performans perfetta
Ricoro, co' la giusta precauzzione,
A quarche colorata pilloletta

Dopo me sento subbito un campione
E sconfiggo così la maledetta
Ansia, che spesso c'ho, da prestazzione

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Trasgressiva on line

Torniamo a parlare, con gli ultimi due sonetti della stagione, del cybersesso, uno dei temi preferiti.

Io so' 'na donna trasgressiva in rete
Parlo de sesso senza inibbizzione
Faccio arrapa' de brutto ogni maschione
Che c'ha fame de fregna, oppure sete

Cercate in internèt, me troverete
in chat, in mail, nei forum-discussione
Offro porcate a tutte le persone
Ma cose virtuali, mai concrete

Infatti metto sempre in chiaro er fatto
Che de persona fermamente escludo
De ave' quarsiasi tipo de contatto

Io trasgredisco on line. Nun rischio mica
De affronta' quarche cazzo nudo e crudo
Né d'esse trasgressiva co' la fica

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Web Cam

Dicono che la rete c'ha l'effetto
De mijora' er rapporto personale
Perché nun c'è er contatto visuale
Co'r condizzionamento dell'aspetto

Dicono che so' er core e l'intelletto
Che Viaggiano sur cavo diggitale
'Na situazzione pressoché ideale
Pe' un incontro de anime perfetto

Ho ripensato a tutte 'ste cazzate
Mentre c'avevo on line n'amica ieri
Co' la web-cam a cosce spalancate

E nun ve dico quali antri pensieri
Ner vede' quele dita sue bagnate
Spari' ner bucio in mezzo ai peli neri


firma.gif (3521 byte)

Home Page

barra.gif (1046 byte)
Per scrivere a Xlater: xlater@hotmail.com
Oppure utilizzate il Guestbook

key1743.jpg (28694 byte)