SONETTI Autunno 2000
barra.gif (1046 byte)
eyes1743.jpg (2382 bytes)

dot_.gif (42 byte)
Un lungo autunno verso la fine del Millennio. Tanti tanti sonetti.

barra.gif (1046 byte)
Le romane no

Cominciamo con un sonetto rivolto alle cittadine dell'Urbe, cui lo stesso Belli dedicò versi immortali. Questo sonetto avrà un "seguito" nell'ultimo sonetto di questa pagina.

Quanno che vai a ggenio a n'emijana
O veneta, o lombarda, o piemontese
Si nun ce so' probblemi de marchese
Te fa subbito intigne in de la tana

Si piaci a 'na lucana, na pujese,
'Na sicula, 'na sarda o 'na campana,
Quella nun perde tempo a fa' la strana
E te la tranvi senza tante attese

Ma le romane no! Nun te la danno!
La tengono prezziosa come l'oro!
Te fanno addanna' l'anima, te fanno...

So' sempre avare de quer gran tesoro
Finché un ber giorno infine scopriranno
Che nun ce l'hanno solamente loro

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Gallina Vecchia

Si la gallina vecchia fa bon brodo
Vor di' ch'è 'na gallina campagnola
E ar bongustaio je fa sempre gola
Co' quer corpaccio stoppaccioso e sodo

Ma si quer brodo è un brodo che je cola
Giù dar fracoscio andò ce sta lo snodo
Forse nun vo' attacca' le penne ar chiodo
E rimane' ner letto troppo sola

Io allora, che ce sento da 'sta recchia,
Ma che nun credo fino a che nun vedo,
Proverò a intigne ar brodo in de la secchia

Perché, come diceva nonno Arfredo,
Una gallina, puro quanno è vecchia
Bisogna da infirzalla co' lo spiedo

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Grazie Biffi!

Venga sempre reso omaggio alle nostre illuminate Guide Spirituali.

Penzavi forse che la religgione
Fosse quer sentimento assai potente
Che unisce l'omo umano ar trascendente?
Se lo penzavi, allora sei un cojone.

Credevi forse tu ch'esse 'n credente
Vor di' esse privo d'ogni prevenzione
E vole' bbene a tutte le perzone?
Se lo credevi, nun capisci gnente.

E' tutta n'antra la raggione vera.
L'ha detta bene Biffi, er cardinale,
Parlanno a n'intervista ieri sera:

Difenne la curtura nazzionale
Contro la ggente mussurmana e nera.
Iddio? Solo un dettajo marginale.

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Incontentabbile

Scritto dopo commenti un po' freddi a un mio racconto.

Mo nun me mette er muso, Federica,
Mica te sto a butta' da la finestra
Nun dico che sei friggida o pudica
Anzi, ar contrario, a letto sei maestra

Lo prenni in mano e in bocca, in culo e in fica
Da sopra e sotto, da sinistra e destra,
Me fai sempre gode' senza fatica,
Però... sempre la solita minestra...

'Ste cose, ormai, l'ho già provate a ortranza.
Vorei sperimenta' n'arternativa,
N'idea geniale, un guizzo, 'na varianza

Insomma, Federi', in definitiva
Nun dico che nun sei porca abbastanza
Però vorei 'na porca più creativa

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
SONETTI SULLA VITA DELL'UOMO

Per inserire la mia modesta opera nel solco della tradizione, mi sono cimentato con concorrenti molto scomodi.

Giovanni Battista Marino, Roma 1602, in lingua.

[APRE L'UOMO A FATICA, ALLOR CHE NASCE]

Apre l'uomo a fatica, allor che nasce
In questa vita di miserie piena,
Pria che al sol, gli occhi al pianto, e nato a pena
Va prigionier nelle tenaci fasce.

Fanciullo, poi che non più il latte il pasce
Sotto rigida sferza i giorni mena:
Indi in età più ferma e più serena,
Tra Fortuna ed Amor more e rinasce

Quante poscia sostien, tristo e mendico,
Fatiche e morti, infin che curvo e lasso
Appoggia a debil legno il fianco antico?

Chiude alfin le sue spoglie angusto sasso,
Ratto così, che sospirando io dico:
"Da la cuna alla tomba è un breve passo!"

* * *
Loreto Mattei, Rieti ca. 1670, in vernacolo reatino

LA VITA UMANA

Appena l'ome è sciutu da la coccia
Piagne li guai séi, strilla e scannaccia,
Tra fasce e fasciaturi s'appopoccia
E tutti, co reerenza, li scacaccia.

Quanno la mamma più no lu sculaccia
Lu mastru lu reatta e lu scococcia;
Co è ranne se nciafra 'n quae ciafraccia
E con quaeunu lu capu se scoccia.

Tantu attraìna po', tantu la 'mpiccia
Scinente che, appojatu a 'na cannuccia
Nciancicà non pò più se no paniccia.

Con tre stirate 'e cianchi la straspiccia.
"Lo nasce e lo morì", icéa Quagliuccia,
"Bau accacchiati còe la sargiccia."

__
TRAD.- Appena l'uomo è uscito dalla scorza piange i guai suoi, strilla e urla a squarciagola, tra fascie e fasciatori si ravvolge, e tutti, con rispetto, li scacazza. Quanda la mamma più non lo sculaccia, il maestro lo rimprovera e lo scocuzza; come è grande si infila in qualche scarpaccia [si sposa] e con qualcuno il capo si rompe. Tanto tira avanti poi, tanto la impiccia fino a che, appoggiato ad una
cannuccia, masticare non può se non pappetta. Con tre stirate di gambe se la sbriga [muore]. "Il nascere e il morire" diceva Quagliuccia [?], "vanno accoppiati come le salsiccie".


* * *
Giuseppe Gioacchino Belli, Roma 1833, in romanesco

LA VITA DELL'OMO

Nove mesi a la puzza: poi in fasciola
Tra sbaciucchi, lattìme e lagrimoni:
Poi pe 'r laccio, in ner crino, in vesticciola
Cor torcolo e l'imbraghe pe' carzoni

Poi comincia er tormento de la scola
L'abbeccè, le frustate, li ggeloni,
La rosolìa, la cacca a la sediola,
E un po' de scarlattina e vormijoni

Poi viè ll'arte, er diggiuno, la fatica,
La piggione, le carcere, er governo
Lo spedale, li debbiti, la fica

Er sol d'estate, la neve d'inverno...
E pe' urtimo, Iddio ce bbenedica,
Viè la morte e finisce co' l'inferno

__
"laccio" "crino" e "torcolo" sono rispettivamente una corda, un
girello e un casco protettivo con cui si attrezzavano i bambini per
aiutarli nei loro primi passi.

"vormijoni" sta per "vaiolo".


* * *
Xlater, Roma 2000, in romano

LE BBOTTE

Appena ch'esci fori da la panza
Già er medico te dà 'no sculaccione
Poi mamma, pe' nsegnatte la creanza
Poi er professore, quanno vai a lezzione

Pure tu moje te le sona a ortranza
E in più c'è un capufficio cor bastone
Da sopporta' in silenzio, co' costanza,
Pe' ariva' a arza' du' lire de pensione

E ancora poi te menano più forte
Le malattie, l'acciacchi, l'antri stenti
Fino a l'urtima bbotta, che è la Morte.

Ve pare strano, co' 'sta sorte indegna,
Che pe' tutta la vita l'omo tenti
De arinfilasse ar callo, ne la fregna?

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Quanno che nun se scopa

La solita intima contraddizione maschile, tra comportamenti "politically correct" e il testosterone che bolle.

Si pe' 'na vorta tanto nun se chiava
Nun vojo certo fanne 'na questione:
Pò esse che magari nun t'annava
O che nun era bona l'occasione

Nun so' mica un servaggio co' la clava
Capace de prova' quarche emozzione
Sortanto si c'è trippa pe' la fava,
Nun c'entro co' quer tipo de persone.

Usci' co' te me piace assai lo stesso,
Per cui nun c'ho nessuna lamentela
Si pe' stasera nun s'è fatto sesso.

Però... scusa un momento, Manuela...
Prova a senti' quaggiù come sto messo...
E mo chi me la smorza 'sta candela?

La risposta di Giancarlo, nell'occasione travestitosi da Manuela.

>A Sla', povera me, io so' Manuela,
>Quella ch'ha fatto, scusa, la fregnaccia
>De nun sbattite ar volo, su la faccia
>La sorca 'ndo' smorzacce la candela.
>
>Ma quanno che ho tirato su la vela
>Pe' veni' appresso a te, pareva, a caccia,
>Invece stavo lì a lascia' 'na traccia
>Pe' chi lascianno me ancora me gela.
>
>Insomma quer cornuto de Damiano
>Volevo ingelosi' perché fa lega
>Co' Rosa che nun ci ha più un bucio sano;
>
>Der resto poi sei granne, che te frega
>Si nun t'ho dato o sorca o bocca o ano:
>Pe' spegne er foco te poi fa' 'na sega.
>
>Manuela
>


A parte la pregevolezza tecnica e la bravura al di sopra di ogni discussione, Giancarlo uscì dal tema. Io parlavo di una "eccezione" ad un'abitudine regolare. Lui dell'andata in bianco con una che non ci pensava proprio. La risposta era d'obbligo.

Manuela chi?

Manuela chi? Nun sei la mia Manuela!
Perché Manuela mia, cara signora,
De solito me smorza la candela
Pure tre quattro o cinque vorte all'ora

Tu sei l'antra Manuela, che lavora
Pe' tesse 'sto po' po' de ragnatela
E ingelosi' Damiano, che lei adora,
Speranno che a la fine lui se... gela

Ma nun me ce immischia' in mezzo a 'ste cose.
Nun vojo litica' co' quer tuo broccolo
Pe' via de le reazzioni sue gelose

Io c'ho Manuela mia, che se in un mese
'Na vorta o due nun vole spegne er moccolo
E' solo pe' un probblema de marchese

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
La pillola der giorno doppo

Lo spettacolo che danno certi bigotti moralisti è spesso stomachevole. Soprattutto quando cercano di mascherare la loro preoccupazione principale (fare in modo che la gente scopi il meno possibile, e senza nemmeno divertirsi troppo) dietro fumose argomentazioni teologiche e filosofiche.

Quanno una c'ha un rapporto sessuale
Co' un omo che je schizza in de la fregna
Si nun vole rischia' de resta' pregna
Pò prendese 'sta pillola speciale.

Però la Chiesa, dice er cardinale,
Considera 'sta mossa morto indegna
Tanto che er catechismo mo j'assegna
La pena der peccato più mortale!

Solo pe' 'na pasticca? Nun è troppo?
Ma nun bisogna mica esse 'na cima
Pe' sgama' ar volo indove sta l'intoppo...

Qual è er peccato che la Chiesa stima?
E' pia' la pillola der giorno doppo
O l'ave' preso er cazzo er giorno prima?

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Troppi nomi

E tu che leggi? Quante identità diverse ti porti dietro in rete?

C'hai diecimila identità virtuali.
Sui niusgrup te fai sempre chiama' "Stella",
Te registri come "Eva" sui portali,
Invece er nome vero tuo è "Gabriella".

Sei "Luna" quanno chatti nei canali,
"Pamela" in icciqqù, in C6 "Monella",
E nelle quattro mailbox personali
Sei "Sissy", "Nadia", "Lola" e "Raffaella"

Te giuro, certe vorte nun connetto...
Me verebbe da urla' "Ma quante sete?!"
Però me piace pure un po'... lo ammetto.

Perché co' tante identità segrete
Quanno se ritrovamo insieme a letto
Me pare de scopamme mezza Rete

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Lo stilnovista incazzato

Lo scenario duecentesco della "tanto gentile e tanto onesta pare", interpretato da un poeta un po' più genuinamente "fumino".

Quanno passa de qua l'amata mia
E a me nun me se fila mai de pezza
Manco che fossi un secchio de monnezza,
Je romperebbe in testa 'na bottïa.

Quanno poi l'antri stronzi pe' la via
Li saluta, li bacia e l'accarezza
Je strignerei finché nun me se spezza
Er collo tra le mani, a quell'arpìa.

Dopo però, passate un paio d'ore,
Me se sbollisce un po' 'sta rabbia boia
E torna piano a riaddorcisse er core

Allora me ritrovo in paranoia
Pensanno "In fonno in fonno, poro amore,
Che corpa ce n'ha lei si è così troia?"

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Schiave Esiggenti

L'ennesima satira sul BDSM, e soprattutto contro la sua banalizzazione e normalizzazione. Qui i Padroni Sado-Maso hanno addirittura fondato un loro sindacato.

Quella vo' che che la sbatto contro er muro
Quell'antra nun vo' più er collare ar collo
Una se lagna che so' troppo duro
N'antra se lagna che so' troppo mollo

E io a schizza' su e giù come un siluro
Pe' accontentalle a tutte! Ma che pollo!
'Ste schiave m'hanno rotto, ve lo giuro!
Me sa che un vaffanculo je l'ammollo!

Ce sfruttano de brutto, 'ste maiale,
Ma si ce sarta un dì la mosca ar naso
Famo scoppià la lotta sindacale

E a proclama' lo sciopero, ner caso,
Sarà er Fronte Unitario Nazzionale
De li Dominatori Sado-Maso

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Quanno sei pronta

Il sonetto con cui chiudo (a sorpresa) il mio racconto La Doccia.
Ispirato, alla lontana, a "When you're ready" di Alfonzo Hunter. Napsteristi curiosi, la segnalazione è per voi.

E tutto er gioco maggico e perfetto
'Na specie de 'na favola incantata
E tutta la passione disperata
Che c'amo messo fori e drento al letto

E tutta la camicia infracicata
Sotto la pioggia e me tenevi stretto
E tutte le cazzate che t'ho detto
Che tu te ce facevi 'na risata

E tutte le parole ripetute
Io e te, noi due, er resto che nun conta
E tutte le magnate e le bevute...

No. Nun ce credo. Nun era un addio.
Sai sempre dove sto, quanno sei pronta,
Quanno che voi torna' a gioca' co' zzio

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
A Sirvia

... E poi arriva Sirvia, e ti rigira come un calzino...

C'avevo dentro ar petto un core puro
E tu me l'hai rubbato, Sirvia mia.
C'avevo du' occhi de colore azzuro
E er tuo soriso l'ha portati via.

C'avevo la pretesa d'esse un duro
E m'hai ridotto come 'na portija.
C'avevo dei proggetti pe' r futuro
E mo er futuro manco so che sia.

C'avevo i sogni. Tanti sogni belli.
Sogni d'amore, de spiagge lontane...
E tu m'hai catturato pure quelli

E nun li molli, e te li tieni stretti.
Che m'arimane? Un cazzo, m'arimane...
E allora, brutta zoccola, che aspetti?

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Manifesto letterario n°4 (Millenium Edition)

La nuova versione del mio primo sonetto come Xlater. Da allora (son passati già due anni) it.sesso.racconti non è cambiato di una virgola. Ed è meglio così!

Che stamo a fa' sur niusgrup caro Giànca?
A da' dell'arte granne sfoggio e prova?
Stamo a sogna' la fica che ce manca?
O d'acchiappanne quarcheduna nova?

Perché tra chi commenta all'arma bianca
E è pronto appena pò a tiratte l'ova,
E chi se spippa co' la mano stanca
Quarche pischella ancora s'aritrova

Presempio, io ce l'ho avuta la ventura
Che a quarcheduna, in mezzo a la rassegna
Je aggradisse la mia letteratura

A me piace sembra' persona degna
Sensibbile de core, de curtura,
E poi, si posso, je l'appizzo in fregna

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er Morbo

Tra le psicosi di fine millennio, questa ha il suo posto d'onore. 

So' stato insieme a una, ner passato,
Che, a ripensacce mo, me viè un malore
Pe' quanto c'ha er cervello ingarbujato
Pe' quanto è intorcinata dentro ar core

Prima t'ama, poi dice "nun t'ho amato"
Prima nun vo' scopa', poi sta in calore
Prima vole esse un fiore delicato
E poi je piace si useno er tortore

Ma quello che deppiù me fa riflette
E' che 'sta donna è grossa, come stazza,
Enorme sia de culo che de tette

E mo c'ho 'na paura che m'ammazza:
Secondo voi, pe' me come se mette?
M'avrà infettato o no 'sta mucca pazza?

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er Birraro

In quattordici versi, la cronaca di una serata.

E di' che me pareva un dono raro
Usci' co' te e portatte in birreria,
E invece tu sei stata, Ilaria mia,
Tutta la sera a rimira' er birraro

E lui che se gustava, finto ignaro,
Le cosce che mostravi con malìa,
Ed io che me stranivo: "Annamo via..."
E tu: "Ma no... restiamo ancora, caro..."

Poi dopo, quanno t'ho riaccompagnata,
M'hai detto "M'alzo presto domattina...
E' tardi... 'Notte Xla... Bella serata"

Eh già. Proprio 'na bella seratina.
Potevi dillo prima, disgrazziata,
Che te piaceva er ciufolo a la spina

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Conversione

Ogni volta che uno si convince di aver trovato la chiave universale per entrare nelle grazie femminili, è subito costretto a ricredersi.

C'avrebbe pure fatto 'na scommessa,
Le donne io sapevo come pialle
Dicevo: "L'importante è dominalle,
La femmina vole esse sottomessa"

Finché nun ho incontrato sta Mistressa,
'Na donna veramente co' le palle,
Che me n'ha dette quattro, calle calle,
E a famme da Padrona me s'è messa

'Sta situazzione non me l'aspettavo:
Ero un dominatore assai capace
E all'improvviso m'aritrovo schiavo

E quer che è peggio e che nun me da pace
Nun è che j'ubbidisco bono e bravo:
Ma che ho scoperto pure che me piace!

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
A mi' moje

La celebrazione di uno degli eventi più gioiosi della mia vita.

Da quer ber giorno che te sei convinta,
M'hai fatto sta pe' sette mesi boni
A daje dentro, a spreme li cojoni,
A nun fermamme prima de la quinta.

Così a la fine l'amo avuta vinta:
Nun so' venute più le mestruazzioni,
Te sei fatta l'analisi d'ormoni
E poi m'hai detto "E' fatta, Xla, so' incinta"

Ma subbito hai spiegato che er dottore
Sostiene ch'ora è mejo esse prudente
E, mentre stai così, nun fa' l'amore

In bianco nove mesi? E che accidente!
Ma tanto già me l'ero messo in core:
Co' te o se scopa troppo oppure gnente

firma.gif (3521 byte)
(candidato papà per giugno 2001)

barra.gif (1046 byte)
La letterata

Molto apprezzato soprattutto per il gioco di parole in ultimo verso. Ma sono anche soddisfatto del quadruccio di questa donna amante delle lettere e non solo.

Quanno te se scateneno l'ormoni
E nun c'hai pronto un cazzo che t'attura
Cerchi de subblima' le tue pursioni
Coi classici de la letteratura

Smorzi er calore e accresci la curtura
Leggenno le Commedie de Goldoni
Nutri er cervello e calmi la natura
Co' li Promessi Sposi de Manzoni

Così stai sveja a letto fino a tardi
Tra Fogazzaro, Giusti, Alfieri, Nievo,
D'Annunzio, Monti, Foscolo e Leopardi

Poi leggi la Città de Campanella,
Poi leggi la Senilità de Svevo,
Malavoglia de Verga è sempre quella

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Metamorfosi

Quanno te trovi insieme ar tu' regazzo
Co' lui nun provi mai porcate nove
Né incularelle, né succhiaje er cazzo
Né spagnolette, né sessantanove...

Te stenni, sia cor sole che se piove,
nuda, de schiena, sopra ar materazzo
Lui te lo infila, dopo un par de prove,
E in du' minuti termina er sollazzo.

Invece insieme a me, che cosa strana,
Diventi d'improvviso tutta un foco
E je voi fa' de tutto, a sta banana

Ma è chiara ormai la regola der gioco:
Tu godi a comportatte da puttana
Solo co' un cazzo che conosci poco

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Nun me ne parla' a me

Ispirato a "Don't tell me about heartache", una vecchia canzone molto poco conosciuta di Barry White.

Comincia con una musica molto soft, lenta, violini, piano elettrico...
Si sente un campanello che suona e Barry White che in parlato col suo vocione dice "Chi è che viene a bussare all'una di notte?" Apre, è un amico. "Ehi, cosa succede, cosa fai qui?" "Volevo parlarti... E' per via della mia donna..." risponde questi. "Se n'è andata quattro giorni fa... non hai idea di come mi sento, non puoi immaginare come ci sto male, non puoi nemmeno lontanamente capire..." Allora Barry gli dice "Ah, non posso? Senti qua..." e parte la canzone....

Stai tutto er giorno come 'na fontana
A piagne, e senti un chiodo dentro ar petto
Pensi a lei che è scappata via lontana
Però nun sai er perchè, nun te l'ha detto

La notte t'arivorti sopra ar letto
Senza riusci' a dormi' pe' n'ora sana
Si magni, magni quanto 'n ucelletto
E fumi, e fai casini, e sei 'na frana

Nun me ne parla' a me, de 'sti tormenti
Ce so' passato anch'io, pur'io c'ho pianto
E posso immaggina' come te senti

Nun me ne parla' a me, de mar de core.
L'ho persa, è annata via, l'amavo tanto,
E ancora nun me passa quer dolore


firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Su quer tappeto

Avevo da tempo l'ambizione di "sonettizzare" la canzone "There's nothing like this" di cui parlo anche nell'omonimo scritto OT. Finalmente ci sono riuscito.

Su quer tappeto, dopo la scopata,
Bevemo insieme un goccio de spumante
Me guardi e me sorridi, sei 'na fata
Piccola e fina accanto a me gigante.

Parlamo piano a voce sussurrata,
Poche parole, nulla de importante.
E' stata delizziosa la serata
Ma poi ce ne saranno ancora tante

M'accorgo che nun c'è gnente de uguale
Che nun c'è gnente come questo ar monno
Io e te semo quarcosa de speciale

L'antri diranno: "Sì, vabbè, ma in fonno
Che c'avrete de tanto eccezzionale?"
Nun capiranno mai. Nu' je risponno.

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

A Iaia

Scritto al volo, durante una chiacchierata in ICQ con questa mia carissima amica.

"A Xla, che me lo scrivi un ber sonetto?"
"Iaia lo sai, pe' te farei de tutto...
De che devo parla'?" "De un farabbutto
Che nun vole portammese in der letto!"

"E lui lo sa che tu...?" "Sì, je l'ho detto
Che io me lo farei proprio de brutto...
Eppure m'ha lasciato a becco asciutto!"
"Che stronzo... non capisco... so' interdetto..."

"Lui dice che se un giorno me lo sbatto
Ce rimarrebbe innamorato cotto
E nun me lo vò da'... capito er dritto?

Io invece si per caso me lo fotto
Me lo levo dar core e l'ho sconfitto!
E' chiaro, Xla?" "Ce sto a diventa' matto..."

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

La Fregna Virtuale

Ancora un sonetto sul cybersesso.

A me piace la fregna virtuale
Che trovo in giro sulla rete intera
Sempre disposta ar gioco sessuale
E nun ce vado in bianco mai 'na sera

Si poi dall'antra parte der canale
Ce sta 'na donna libbera e sincera
Succede che la fregna virtuale
Pò pure diventa' 'na fregna vera!

Però seconno er dato matematico
Riuscilla a trasforma' in fregna reale
E' un caso raro, mica vie' automatico...

E' vero, ma... chi cazzo se ne frega!
La fregna, pure solo virtuale,
E' sempre bona, armeno pe' 'na sega

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

A Valeria

Valeria mia, io davo pe' scontato
Che tu potessi esse 'na porcona
Ma de scopri' che fossi pure bbona
Nun me lo sarei mai manco sognato

Quell'occhi che t'invitano ar peccato
La coscia lunga stile Giovannona
La bocca ch'è un confetto de Surmona
La voce che a sentitte manca er fiato...

Valeria mia, che gran pezzo de sorca!
Dev'esse 'n incantesimo de Diana
'Na donna tanto fica e tanto porca

E adesso me te vojo fotte tutta.
Ma me sa che pe' quanto sei puttana
Me te scopavo pure s'eri brutta

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Le Romane e la New Economy

Ed ecco l'ultimo sonetto della stagione. Come promesso riprendo il tema del primo. Un nuovo invito alle mie concittadine ad adeguarsi ai tempi.

Se so' avare de fregna le romane
La spiegazzione affonda nei ricordi
Ché Roma è stata piena de puttane
Sino dai tempi antichi dei primordi

E le puttane fanno assai le strane
Si nun ce sta da guadagnacce sordi
Nun te fanno appizza' tra le sottane
Si er giusto pagamento nu' j'accordi

Ma quella è l' "old economy", sorelle!
E' un sistema antiquato ed ammuffito,
Le strade der successo 'n so' più quelle!

Oggi un servizzio se pò da' gratuìto
(E quindi, peresempio, anche 'na pelle)
Purché faccia aumenta' l'accessi ar sito


firma.gif (3521 byte)

Home Page

barra.gif (1046 byte)
Per scrivere a Xlater: xlater@hotmail.com
Oppure utilizzate il Guestbook

key1743.jpg (28694 byte)