SONETTI Estate '99
barra.gif (1046 byte)
eyes1743.jpg (2382 bytes)

dot_.gif (42 byte)
E' stata una calda estate. Molto calda. Questi sono i versi che l'hanno accompagnata.

barra.gif (1046 byte)
Er Libbero Arbitrio

Con questo sonetto volli intervenire per dire la mia all'interno di una lunga discussione in rima sul newsgroup in cui Giancarlo sosteneva accanitamente la tesi per cui... beh, credo si capisca dal senso...

Ecco quindi una serie di sonetti che mi piace chiamare la serie "del senso unico in uscita"

Quanno nostro signore fece er mondo
E fece tutto bono e tutto bello
Li maschi li dotò tutti d'uccello
Così come de buco stretto e tondo

Ma si nu' sbajo e si nun me confondo
Ne la capoccia ce piazzo' er cervello
Ché l'omo in testa sua pozza sapello
Si quer che fa sia sano oppure immondo

Ognuno ha da esse libbero in coscenza
De fa quello che vo' de la sua vita
Se pia' li cazzi in culo o fanne senza

Per cui va ogni rispetto ar sodomita
Ma ar culo mio, sia detto con licenza,
Rimane er senso unico in uscita

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Teoria e Pratica

Giancarlo rispose così a "Er libbero arbitrio"

> A Sla', da ciò ch'hai detto sur destino
> Me sa che sei cattolico romano
> Perché si eri sunnita o puritano
> Nun era corpa a piallo ar bucio fino.
>
> Perché si mo ab aeterno è ner divino
> Quarsiasi cosa accade ar monno umano
> La libertà è concetto ar dunque strano
> Da usa' pe' fa' contento er regazzino.
>
> Ma a questa e a 'n'antra posta a me spedita
> Indove su lo iato se rimesta
> Risponno co' la frase preferita
>
> De un prof. cor quale ogni ora adera mesta,
> Er quale :"La scusazzio nun petita-
> Diceva- adè accusazzio manifesta".
>
> Giancarlo

Gianca', chi ha mai parlato de "destino"?
Chi mai de "corpa" oppuro de "peccato"?
E poi, quann'è che me sarei "excusato"
Per cui me c'hai risposto anche in latino?

Voi sostene' che piallo ner meato
Sia veramente 'sto piacere fino?
Nu' 'nciafruja' Aristotele e Plotino
Dicce piuttosto si l'hai mai provato

Perché si rimanessimo in teoria
Te se potrebbe puro da' raggione
(Comme esercizzio de filosofia)

Ma si nun voi resta' ner virtuale
Pe' da' sostanza a la tua posizzione
Vattelo a pia', Gianca', ner bucio anale

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Co' Tutto er Corpo

Intervenne sul tema anche Anchise.

> A Xlà capisco la tua posizione
> Che già a Giancarlo gliel'avevo detto
> Perché qui, senza sperimentazione,
> nun poi capì si è bello a piallo ar retto
>
> Pure comprendo questa tua avversione
> Che il cazzo in culo non può dar diletto.
> Giancarlo però vo' na spiegazione
> E alla risposta tua trovo un difetto.
>
> Perché, quando che a letto stai cò Rita,
> Che fai tu quando quella nel meato
> Ti caccia dentro .. dritte un par di dita?
>
> Dillo che il sito tuo è pur trafficato
> E che sto' "senso unico in uscita"
> Ce l'ha soltanto uno ch'è imbranato!
>
> Anchise.

Io so' convinto che, a raggione o a torto,
Quanno che l'omo se mette a fa' sesso
Ne li preliminari o nell'amplesso
Er corpo ner suo intero va coinvorto

Compreso pure er bucio anale stesso
E si la donna in mezzo der rapporto
Vole giocacce, tu fa' er disinvorto
E senza questiona' daje l'accesso

Ma 'sto a parla' de donne, amico bello,
Che, armeno stanno a ciò che ho constatato,
So' tutte quante prive dell'ucello

E quanto a li giochetti che fa Rita
Er senso unico ar culo è confermato
Ché c'è più gusto a fa' cosa proibbita

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Puro l'Occhio

Di nuovo Giancarlo

> A Sla', dopo 'ste lunghe discussioni,
> mo pare che qui tutto er cucuzzaro
> decise che dar culo, in modo chiaro,
> ce gode pure chi ci ha li cojoni.
>
> Ma tu, sofìstico, fai distinzioni
> Si a datte ar bucio er gusto dorce amaro
> Adè 'na donna o un cazzo da sumaro
> E voi la prima de le soluzioni.
>
> E quindi adè questione cerebrale,
> paura de sentisse un po' finocchi
> si è un maschio che da dentro ar tafanale;
>
> ma dato che qui ai furbi come ai sciocchi
> fisiologicamente er gusto è uguale
> abbasta nun sape' cor chiude l'occhi.
>
> Giancarlo

Chissà, forse me so' spiegato male
Quanno che ho scritto in rima er mi' commento
Ma ho detto "tutto er corpo", e quindi drento
Ce stanno occhi e cervello, tale e quale

Ché er sesso è pure cosa assai mentale
E si er cervello nu lo fai contento
Nun c'avrai mai un sincero godimento
A fatte smucina' ner tafanale

Poi? "Chiude l'occhi"? Doppo la fatica
Che ho fatto pe' giocamme le mie carte
E porta' a letto 'na gran bella fica?!

Sarà la gran passione che ho pe' l'arte
Ma puro l'occhio, pe' saggezza antica,
Nun solo er culo, vole la sua parte

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Giulio Cesare

Sempre all'interno della serie del  "Senso Unico in Uscita". Giancarlo ricordò che furono molti illustri personaggi della storia a sperimentare il doppio senso.

Sapevo che quer noto imperatore
Se fece fa' er servizzio in der sedere
De ciò, l'unica cosa che fa orrore
E' che lo fece solo pe 'r potere

Posso capi' che fasse da' er tortore
Ner culo pe' quarcuno sia un piacere
Ma armeno lo facessino de core
Nun pe' allarga' all'impero le frontiere

Li politici d'oggi so' anche peggio
Ma a loro è più difficile da piallo
Ché c'hanno er culo appiccicato ar seggio

Pensano che nun sia 'na cosa bona
Temono che si s'arzano pe' fallo
Quarcuno poi je inculi... la portrona

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Libberi e servi

Giancarlo, sempre rimanando sul tema, mi fece pervenire questo sonetto alla Reunion di ISR del 19 giugno, a Castelnuovo Berardenga. Gli scrissi la risposta in diretta.

>De servo arbitrio
>
>Er giorno che inventava er papa santo
>L'arbitrio libero pe' li cristiani
>Adera pe' da' corpa a noantri umani
>D'ogni peccato fatto in ogni canto.
>
>Perché temeva che dietro a l'incanto
>De carvinisti e astuti luterani
>Ognuno de nojantri rafagani
>Potesse da trova' de gode arquanto.
>
>Pensava a li pompini, a l'inculate,
>A le stimolazioni d'ogni nervo
>Co' raccapriccio ar maso, a le frustate
>
>A le scopate murtiple in coacervo
>A le perette, ai dirdi, a le leccate
>Si invece er nostro arbitrio adera servo"
>
>Giancarlo

L'omo, a 'sto monno, è schiavo der suo fato
Oppure pò traccia' la propria rotta?
Su 'sto dilemma qui la gente dotta
Da secoli c'ha sempre stroligato

A senti' te, Gianca', 'r papa complotta
A sostene' che l'omo n'è legato
Così pò esse punito der peccato
E in questo è un gran ber fio de 'na mignotta

E' stato Sneik a fa da referente
Der ber sonetto tuo su la questione
In de 'sta cena in cui tu, ahimè, sei assente

Per cui, alla fine, ecco la conclusione
Tu "servo" resti a casa a nun fa' gnente
Io "libbero" me godo la riugnone

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Discorso ai giovani

Notizia di Radio Capital
ore 11.00 del 22/06/99

Bush Junior esorta gli adolescenti americani a praticare l'astinenza sessuale. Il governatore repubblicano del Texas, figlio dell'ex
presidente e in corsa alla Casa Bianca per il 2000, ha lanciato
l'appello in un comizio nel South Carolina. Agli studenti
dell'università di Grenville, Bush Jr Ha spiegato che la castità non implica solo di rinunciare al piacere erotico, ma di "accogliere un futuro più felice e sano", privo cioè di malattie e gravidanze indesiderate".


Gioveni bei regazzi americani
Vedete de ascortamme attentamente
Io che so' fio de n'exe-presidente
Ve spiego comme cresce forti e sani:

Seguite li princìpi puritani
E rinunciate ar sesso totarmente
Gnente scopate, gnente pompe, gnente
giochi co' culi, lingue, fregne e mani

Così v'arriderà gaio er futuro
E viverete in pace su 'sta terra.
Ma si sentite er cazzo veni' duro

E 'r sacco de le palle che se serra
Pe' davve sfogo, andanno sur sicuro,
Potemo sempre rimmedia' 'na guerra

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Donne Difficili

Quanno ce vò, ce vò.

"Nun me so' divertita l'altra sera..."
Dice "Tra noi nun c'era sintonia..."
Dice "Mancava un tocco de magia..."
Dice "Nun era giusta l'atmosfera..."

Dice "Devi capì li gusti mia..."
Dice "So' abbituata a 'sta maniera..."
Dice "M'hai preso troppo a la leggera..."
Dice... ma l'accidenti che je pìa!

Co' mme 'sta gran manfrina nun attacca
Se crede che me sparo? Oh, pora cocca!
Intanto j'ho infirzato la patacca,

Me lo so fatto prenne bene in bocca
Per cui, 'sti cazzi! Segno n'antra tacca
E vaffanculo, e mò... sotto a chi tocca!

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Uomini Ossessivi

Da quanno che so' uscita co' Mattia
Oddio, comme s'è fatto appiccicoso!
Me cerca, me perseguita tignoso,
Lascia messaggi a la segreteria,

Me ferma si cammino pe' la via,
Me opprime, me corteggia, fa 'r geloso
Dice "Lo so, che te vedi co' Coso"
Embè? Saranno puro affari mia!

Si nun me faccio viva sta ingrugnito
Ma poi me fa' trova' mazzi de viole
Lo chiamo, e pare sia rincojonito

Dice "vorrei... nun trovo le parole..."
Boh! Io 'sto tizzio mica l'ho capito
Doppo la fregna... che artro cazzo vole?

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
L'Omo de Oggi

L'omo de oggi ha tante doti belle
Nun è più er marfamato "omo italiano"
Mò lo si scambierebbe pe 'n marziano
Pe' comme sa esse caro a le donzelle

Te sa istrui' sur nome de le stelle
Mentre cammini mano nella mano
Te canta le canzoni piano piano
Te sfiora co' le dita su la pelle

Nun devi esse 'na fata pe' fa' centro
Pe' lui nun conta più solo l'aspetto
Ma da importanza a quello che c'hai dentro

Per cui una donna dorce e affezionata
Je po' fa' scioje er core drento ar petto
Puro si stazza mezza tonnellata

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Davvero Credi

Davvero credi che l'ho scritto per te?

Davvero credi che sei tu sortanto
L'unica cosa ar monno che c'ho in mente?
Mbè, lassa perde, nun è vero gnente
Nun so' rincojonito così tanto

Davvero credi che tu solamente
Dell'attenzioni mia poi datte vanto?
Me pari "Me-la-sono-e-me-la-canto"
Io giro... faccio cose... vedo gente...

Davvero credi che tu sia la sola
Cui scrivo quarche rima e quarche verso
Che a pensa' a te l'ispirazzione vola

Che ormai in contemplazzione tua so' perso?
Scusa, me la permetti 'na parola?
Nun sei 'r bucio-der-cul dell'universo!

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Davvero Credi 2 (La Risposta)

Un'ipotetica risposta "per le rime" al sonetto precedente

Davvero credi d'esse, sor pupazzo,
'Sta meravija, st'essere speciale
Prolifico, poliedrico e geniale?
Da' retta a me, tesoro mio, sei pazzo

Davvero credi d'esse eccezzionale
Che er mejo fiore sei de tutto er mazzo?
Da' retta a me, nun hai capito un cazzo
E vai così, facemose der male

Davvero credi proprio d'esse 'n asso?
Tu te ne stai sur piedistallo in posa
E ognuno avanti a te ha da cede er passo?

E' questo tutto quello che te credi?
Scusa, che te la posso di' 'na cosa?
Vedi d'anna' affanculo... e pure a piedi!

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Chat Erotica in Quattro

Mi è capitato di assistere in rete a degli spettacoli abbastanza pietosi. Sono contento di saperci ridere sopra.

<Gianna> Mi piacerebbe un'ammucchiata
Con più maschi contemporaneamente...
<Silvio> Noi pure???? <Gianna> Certamente... :-)
<Lello> Puoi ritenette prenotata! ;-)

<Gianna> ...E che mi fareste? <Silvio> Oh, gente!!
'Na bella pompa io l'ho sempre apprezzata!
<Lello> Propenderei pe' l'inculata...
Ehi Xlater! Tu che fai? Nun chiedi gnente? ;-)

<Silvio> Io ne la bocca te lo metto
Poi te schizzo la sbroda sur palato...
<Lello> Io te l'appizzo in der soffietto

Poi te lo lascerei tutto slabbrato...
<Xlater> Io... avrebbe scritto... 'sto sonetto...
<Silvio> Dio, Xlà! Quanto sei indelicato! :(

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Animali

Nell'ambito delle mie modeste capacità, considero questo sonetto un pezzo di bravura.

Bertuccia è 'na gran cozza, tocca dillo,
Nun so' mica 'na talpa, l'ho guardata
Ma è puro 'na maiala assatanata
E c'ho zompato insieme comme un grillo

Pe' un po' a 'sta vacca ho fatto da mandrillo
Ma un dì la mosca ar naso j'è sartata:
Che iena! S'è 'ncazzata e se n'è annata
E mò sto un cane e piango a coccodrillo

So' un asino, confesso le mie corpe
Però si micio micio bello bello
Me la lavoro e faccio un po' la vorpe

Tornamo passerotti tali e quali:
Lei porterà la topa, io l'uccello
E scoperemo comme du' animali

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Tutte Belle!

Qualcuno ha fatto finta di credere che il sonetto precedente avesse velati riferimenti autobiografici, e si è permesso scherzosamente di darmi dell'allocco, per insistere così a lungo a tampinare una bruttona. Risposi con questo sonetto, a cui sono molto affezionato. Le quartine sono fredde, sprezzanti, accademiche, pedanti e anche un po' antipatiche. Poi il sonetto decolla di tono, dagli amari ricordi della prima terzina, sino al crescendo finale che culmina nella tenera e sentita esclamazione.

Come già tante vorte ho precisato,
Quanno che ve leggete un mio sonetto
Nun ve credete che quello che ho detto
Sia sempre er mio pensiero ricarcato

Ch'io spesso drento l'ironia ce metto
Da che il lettore pò resta' spiazzato
Quindi non date gnente pe' scontato.
Ma adesso parlerò sincero e netto:

De donne in vita mia tante ne ho amate
Ma a molte, spesso, nu j'annavo a pelle
De buche, Anchise caro, ne ho spalate...

Però, puro si poche, giuro, quelle
Co' cui so'annato, all'occhi mia so' state,
Me pozzino cecamme, tutte belle!

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Il Ritorno

Si n'era un sogno, poco ce mancava
Quant'era che aspettavo quer momento?
E' stato un premio, un riconoscimento
Der tene' botta ar tempo che passava

Er brivido svanito che tornava
La voce tua, l'incanto, er sentimento
Er core che batteva forte drento
Ma in questo tu sei sempre stata brava

E poi, visto che bella chiacchierata?
Ma semo fatti de lo stesso verso
E 'nsieme famo 'na bella accoppiata

Solo 'sta cosa avemo de diverso:
Che mentre tu pe' me sei ritrovata
Io appresso a te continuo ad esse perso

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Manifesto Letterario

Puro si nun me sento un gran talento
Scrivo sonetti: è un modo divertente
De racconta' un'idea che frulla in mente
E de da' voce a quello che me sento

Che sia pe' fa un ironico commento
Pe' cojonà i costumi de la gente
Si riesco ad esse arguto e irriverente
Nun me serve antro e me ne sto contento

Ma er verso pò esse n'arma micidiale
E sbaja chi se crede che ha 'r diritto
De usalla in quarche caso personale

Perché m'è capitato d'ave' scritto
Pe' rabbia, pe' vendetta, pe' fa' male
Ed era mejo che me stavo zitto

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Vacanze Romane

Quanno che venne giù dar settentrione
'Sta cara giovanissima mia amica
Ero convinto fosse cosa fica
Mostraje Roma e fa' da Cicerone

Pensai, ispirato, in men che nun se dica
a via der Corso, ar Pincio, ar Pantheone
A la Fontan de Trevi, ar Cuppolone
Ai Fori, ar Colosseo ed all'Appia Antica

Ma lei decisa, me disse in disparte
"So' cose belle, ma nun è er momento
Perché io sto qua pe' te, mica pe' l'arte"

Poi s'è convinta, e se n'è stata zitta
Quanno che la portai a quer monumento
Co' 'na colonna sola che sta dritta

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
La Confessione

Liberamente ispirato all'ononimo racconto di Giulia su ISR

Je chiese: "Da quant'è che l'hai incontrato?"
Rispose lei: "So 'n par de mesi adesso,
Ma inizziarmente nun c'è stato sesso..."
"E dopo?" "Dopo invece c'ho scopato"

"Che schifo! ...e dove avete consumato?"
"Sul letto... sur divano... puro ar cesso"
"Che schifo! ...e poi? dov'artro te l'ha messo?"
"In mano... tra le zinne... ner meato..."

"Che schifo! ...e in bocca?" "Nun me so' negata..."
"E l'hai inghiottito quanno che godeva?"
"Sì..." "Ed era tanto?" "Quasi 'na litrata"

Poi, lui s'accorse che lei ce piagneva.
Chiese "Ch'hai fatto?" E lei: "Me so' scordata
De contaje li peli che c'aveva!"

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Er Sogno

Er sogno che da tempo c'ho ner core
E che ariguarda te, Miriana mia,
E' d'acchiappa' un ber sei a la lotteria
Pia' i sordi e scompari' senza rumore

Poi me te prendo e me te porto via
Su un isola deserta all'equatore
Pe' sta' tutta la vita a fa' l'amore
E ogni antra cosa zozza che ce sia

Daje a scopa' dodici vorte ar giorno:
Sera, mattina, notte, ad ogni ora
Senza nessuno a rompe er cazzo intorno

Dodici ar giorno, e dodici cor botto,
Fin quanno ho novant'anni, perché allora
Pe nun esaggerà... ne famo otto

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)
Coppia Aperta (ma nun troppo)

Nun te sto mica a di' che c'esco matto
Si capitasse che tu faccia sesso
Co' quello stronzo che te viene appresso
(E chi me dice che nun l'hai già fatto?)

Ho solo espresso, co' riserbo e tatto,
Che nun me sembrerebbe un gran successo...
Scusame tanto si me so' permesso
Li so, li so, li termini der patto

Ma tu, dici, rinunci alla scopata
Purché io nun finisca tra le braccia
De quell'amica ben intenzionata

M'hai proprio rifilato 'na cartaccia...
Vabbè, si m'ariggiri la frittata,
Annamo in bianco in due, viva la faccia!

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Senza Tregua

"Quanto tempo deve passare per un ragazzo che ha appena avuto un orgasmo, prima di averne un altro? Rispondetemi, per favore. Grazie!"

Questo messaggio fu postato da tale "Scoiattola" sul ng all'altezza del 17/08/99. La brevità ed il delicato senso d'urgenza che il messaggio esprimeva, mi hanno evocato una stanza da letto con una coppia di adoloescenti. Lui steso sul letto a godersi beato il senso di dolce abbandono post orgasmico. Lei a ticchettare frenetica al PC, cercando di sapere da internet, e con una certa sollecitudine, quando poter ricominciare.

Questo sonetto che è stato ispirato da quel messaggio, ha secondo me il suo punto di forza nel deciso cambio di registro tra quartine e terzine. Le prime hanno la cadenza marziale e dannunziana di un bollettino vittorioso di guerra, nelle seconde vengono all'improvviso alla luce le ansie e le fobie che caratterizzano questo esemplare maschile.

De gran carriera e a lungo t'ho fottuto.
Siccomme ar culo nun ce metti er veto
J'ho dato sia davanti che dereto
E tu quindici vorte c'hai goduto

Er cazzo tosto nun ha mai ceduto
Manco che fosse de legno d'abbeto
E poi, comme la Pioggia ner Pineto,
Doppo n'par d'ore, infine, so' venuto

Ched'è mò quello sguardo incuriosito?
Me pare naturale... s'è ammosciato...
Che nun succede pure a tu' marito?

"Quanno se ricomincia?" Dio Sagrato!
So' appena du' minuti che ho finito
Te prego, famme armeno aripia' fiato!

firma.gif (3521 byte)

barra.gif (1046 byte)

Arie

Giancarlo rispose al mio precedente sonetto, sostenendo che il "vero uomo virile", il "vero maschio", è tale solo se riesce a portare la partner al punto da implorare "Basta!". Io cercherò di confutare quest'assunto.

Sorprende questa improvvisa vena machista da parte di colui che per tutto giugno scorso ha sostenuto l'opprtunità da parte degli uomini a prenderlo giulivamente nel culo. Ma il gioco sta proprio nel prendere una posizione qualsiasi e dimostrarsi capace di difenderla in versi, a prescindere dal trovarla giusta o meno.

N'amico mio ce s'è tanto vantato
Che quanno che a la moje je lo mette
E' sempre lei la prima a vole' smette
Ma un giorno lei er perché m'ha confidato

St'amico mio nun sempre è ben lavato
Pare che c'ha er formaggio su le fette
Du' ascelle come fossero caprette
E, te dirò de più, je puzza er fiato

Per cui si a vole' smette è la signora
Magari è perché l'aria è un po' nefasta
E nun se regge quello che se odora

D'artronne, si la femmina è entusiasta
E se sta a diverti', te dice "Ancora!"
E' quanno che fai schifo a ditte "Abbasta!"

firma.gif (3521 byte)


Home Page

barra.gif (1046 byte)
Per scrivere a Xlater: xlater@hotmail.com
Oppure utilizzate il Guestbook

key1743.jpg (28694 byte)