I PRIMI SONETTI (1998-99)
barra.gif (1046 byte)
eyes1743.jpg (2382 bytes)

dot_.gif (42 byte)
In fregna, Gina...

Con queste parole, che rappresentano l'incipit del sonetto "De tanti modi", voglio iniziare la rassegna dei miei sonetti. In questa prima pagina, dedicata ai primi sonetti che ho scritto, non seguirò come nelle altre, un criterio generalmente cronologico. Preferisco mettere in primo piano alcuni dei sonetti più rappresentativi, affinché il visitatore abbia subito un idea di quello che si tratta.

Due parole di presentazione. Sono sonetti per la vasta maggioranza in dialetto romano, per la vasta maggioranza di argomento sessuale. Ma a differenza di quanto avviene nella tradizione plurisecolare della poesia vernacolare lussuriosa, raramente il sesso è completamente fine a se stesso. In ogni caso non si tratta del sesso lineare e solare dei nostri antenati. E' il sesso tormentato del terzo millennio, passato attraverso decine di rivoluzioni e controrivoluzioni sessuali, di emancipazioni e ritorni all'ovile, di crisi della coppia seguite da improvvisi revival. E' il sesso che ha visto crollare e rimettere frettolosamente in piedi decine di tabù e che cerca disperatamente i suoi punti di riferimento atavici anche quando si esplica misteriosamente attraverso le nuove vie della rete telematica.

E' questo lo scenario che con i miei sonetti cerco di dipingere, con un occhio ai modelli nobili del passato, vicino e lontano, ed un occhio alle possibilità di innovazione dei contenuti, un piede nella battutaccia goliardica e uno nella composizione poetica cosciente di se stessa pur se legata alla chiave espressiva convenzionalmente minore del dialetto.

Ma sempre con molta poca voglia di prendermi sul serio.

Ci sono pagine che raccolgono tutta la mia produzione di un determinato periodo (generalmente una ogni tre mesi), e pagine monotematiche, tra le quali segnalo con un certo orgoglio quella dedicata alle traduzioni di Catullo

Buon divertimento!

barra.gif (1046 byte)
De tanti modi

Volgare ed irriverente, fino al fastidio. Ma l'ultimo verso giustifica tutto l'impianto. Un sonetto-manifesto.

In fregna, Gina, te poi pia' 'sto cazzo
Fattelo mette ar culo, ner soffietto
Siconno si me voi senti' che sguazzo
Oppure che lo smovo in de lo stretto

De bocca e lingua je poi da' sollazzo
Magari strofinattelo tra 'r petto
O coccolallo, come sia 'n pupazzo
Tra le manine, dannoje un bacetto

Queste so' le magnere più usuali
Ma, Gina, nun te devo da' istruzzioni
De cazzi n'avrai presi già a quintali

Perché però co' tanti modi boni
De ave' un rapporto co' sti genitali
Artro nun fai che rompeme i cojoni?

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
La donazione degli organi

Un sonetto ispirato da un fatto di cronaca. Nello spirito goliardico del sonetto è facile capire quali sono "gli organi" a cui si pensa, e cosa si intenda per loro "donazione".

Mò che la legge nova è annata in porto
Dicono che sia 'n granne risurtato
Ma io, l'organo mio, bene adorato,
Nun vojo che a 'sto modo me sia estorto

Tutta la vita, diteme si ho torto,
A dallo sempre e a tutte c'ho provato
'Sto dono spesso è stato rifiutato
'Mbè? Se lo vonno pia'... quanno so' morto?

Ar più la cosa acquisterebbe un senso
Quanno la donna nun te dà un "no" netto
Ma te risponne "Forse..." o "Mò ce penso..."

Infatti, in de sto caso, avrebbe effetto
La nova norma der "silenzio assenso"
Pe' fasse da' la fregna e 'r bucio stretto.

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
La posta de 'na vorta

Da quello che mi dicono, i discendenti delle famiglie con quei quattro cognomi (tra l'altro comunissimi dalle mie parti) abitano ancora lo stesso palazzo nel Centro Storico. Confesso che non ho mai verificato. Questo sonetto è dedicato a mio padre.

Da quanno che l'i-mail ha rinnovato
Tutta la messaggistica mondiale
La lettera de carta più normale
Ce sembra 'na reliquia der passato

"Qua tutto cambia e tutto resta eguale"
Dice mi' zio, postino pensionato
E pe' spiega' st'assunto innaturale
'Sta storia l'antro giorno m'ha narrato

Pe' consegna' la posta ai vari posti
Nun c'ereno citofono o cassetta
Toccava chiama' a nome i corrisposti

E quanno stava in mezzo a la via stretta
E urlava "Celli! Belli! Grossi! e Tosti!"
Le femmine accorevano in gran fretta

firma.gif (3521 bytes)


barra.gif (1046 byte)
Fave e Pecorino

Un omaggio ad una tradizione alimentare delle mie zone. La prima terzina sembra riproporre il vecchio ritrito gioco di parole, ma la seconda terzina offre un finale a sorpresa.

Er massimo, pe' me che so' burino
Da metà aprile fino a tutto maggio
E' de magna' le fave co' 'n formaggio
Che sia cacio romano pecorino

E si ce bevo insieme un po' de vino
De li Castelli, pe' aiuta' l'assaggio
Seconno er bon consijo d'ogni saggio,
Nun c'è piacere ar monno più divino

Si poi moje, regazza o concubbina
Me porto a letto pe' faje la festa
La fava je la dò... a la pecorina

Così lei sta girata co' la testa
Che dopo 'sta magnata sopraffina
De solito c'ho un alito che appesta

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
Cybbersex

Tanto per sdrammatizzare e smitizzare questo cybersesso di cui si parla tanto.

Se semo conosciuti su internet
Se semo scritti le porcate in chat
Io cor nick "Pino", tu 'nvece eri "Kat"
Su irc punto affamati punto net

Ma adesso, Katia, spiegheme perché
La foto tua nun me la voi manna'
Però me devi di' la verità
Sei brutta che non te se pò vedè?

A questo punto nu' je la fo più
Mica potemo anna' avanti così
N'amo discusso puro su icciqqù

Vedi da rimmedia' 'na geipiggì
Una qualunque, pure si 'n sei tu
Purché 'na pippa me ce pozza usci'

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
Amore

Quanno che in trattoria nun hai cenato
Pe' lo stommaco chiuso d'emozzione
Quanno che sopra al letto c'hai scopato
Godenno in ogni nova posizzione

Quanno te brucia er vuoto che ha lasciato
Quer treno annato via da la stazzione
Quanno l'occhio te pizzica bagnato
Sortanto a risenti' quela canzone

Quanno che un bacio su le labbra pare
D'un'incarcata folle ave' l'ardore
E invece l'appizza' drento l'affare

D'un dorce bacio ha 'r tenero sapore...
Nun ce sta' a pia' pe' 'r culo, sor compare,
Te poi gioca' le chiappe: questo è amore!

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
Anchise

La dea Afrodite, bella senza eguali
Sublime protettrice dell'amore
C'aveva er vizzio, quanno era in calore
De fasselo appizza' da li mortali

Un giorno co' le fregole usuali
Che incontrò Anchise, un giovane pastore,
Se lo ficcò giuliva pe' 'n par d'ore
Margrado fosse d'umili natali

Ar che je disse Anchise "Sei 'na rosa
La mejo tra le femmine più ambite
Io vojo sta' co' te, te vojo in sposa!

Stavorta me sto proprio a pia' 'na cotta!"
"Stai carmo" fece lei "Ch' io so' Afrodite!"
E Anchise mormorò "Porca mignotta!"

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
Crisi de coppia

Un altro sonetto a a sfondo telematico. I nuovi mezzi per socializzare generano nuove sfumature di scenari piuttosto usuali.

Da un anno, moje mia, quasi ogni sera
Doppo la cena, io, comme 'n cojone,
Me imbecillisco de televisione,
tu te ne stai davanti a la tastiera.

Sento che batti i tasti a mitrajera
E passi l'ore in quela posizzione
Cor modem attaccato, e a 'sta maniera,
A 'gni bolletta me pia er coccolone

Poi venghi a letto e sei tutta accardata
Sospiri, tremi, piagni, c'hai lo sturbo,
Comme se te s'avessero scopata

Ma si lo pio, 'sto stronzo, je fo male!
Je fo passa' la voja de fa' er furbo
E de famme cornuto virtuale!

 

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
Manifesto Letterario n°4

Questo sonetto, e il successivo fanno parte di un breve divertente botta e risposta in versi, tra me e Giancarlo Peris , un maestro nell'arte dei sonetti, in lingua e in dialetto, seri e scherzosi, cui si debbono gli altri "Manifesti" dall'1 al 7. Si dibatte allegramente dello scopo (nessun doppio senso) del newsgroup it.sesso.racconti.

Che stamo a fa' sur niusgrup, caro Gianca?
A da' dell'arte granne sfoggio e prova?
Stamo a sogna' la fica che ce manca?
O d'acchiappanne quarcheduna nova?

Perché tra quarche mente sopraffina
che vole solo la Divin Comedia
E chi se spippa 'a sera e la mattina
Quarche pischella ancora se rimmedia

Presempio, io ce l'ho avuta la ventura
che a quarcheduna in tutta la rassegna
j'aggradisse la mia letteratura

A me piace sembra' persona degna
Sensibbile de core e de curtura
E poi, si posso, je l'appizzo in fregna

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
Manifesto Letterario n°6

Il sonetto precedente produsse due reazioni. La prima in versi da parte di Giancarlo che mi ricordava come già altri avessero cercato di sfruttare le proprie doti letterarie per agganciare. Lo stesso Dante, per esempio, che però pare che abbia avuto scarso successo con Beatrice. La seconda dalla mia cara amica, e affezionata lettrice dei miei racconti, Miriana, che commentò stizzita "Mi fa piacere!!". Non sapevo, allora, che Miriana sarebbe stata protagonista di molti altri miei sonetti.

Si devo sfida' Dante, caro amico
Quello ch'è annato 'n bianco co' Beatrice
Ner fa bagna' le cosce a 'na lettrice
C'ho n'antra classe, e scusa si lo dico

Ma si me sfidi a singolar tenzone
Co' li sonetti, che nun so' er mi' pane
Qui rischio de manna' tutto a puttane
Me fai fa' la figura der cojone

Tu sei er maestro, unico e apprezzato
Io vedo li sonetti alla lontana
Mejo che nun c'avessi mai provato

Ne ho scritto uno (gia' è 'na cosa strana)
E c'ho cavato un solo risultato
Famme manna' affanculo da Miriana

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
La donna ideale

Fu Frange' a provocare me e Giancarlo sul tema, scrivendo sul ng dei versi nei quali concludeva amaramente che l'unica donna dotata delle caratteristiche da lui richieste, ahimè, non poteva che essere fatta di materiale sintetico. Giancarlo, da par suo, suggeriva almeno di aggiungervi un sistema audio. Invece io risposi così.

Pur io pensavo che fusse ideale
Comme che la voi tu. Ma stranamente
Scoprii che a pia' la fregna solamente
tra donna e donna sembra sempre eguale

E pe' la bocca e pe' l'antro canale
Stesso discorso. Nun ce cambia gnente
Questo vor di' che e' n'antra componente
Che po' rende 'na donna assai speciale

Certo, ha da esse bella da vedere
Ma classe e modi contano, fratello!
L'inteliggenza, nun solo er sedere

La sensibbilita', er senso der bello
Quanno e' fatta cosi' te da' piacere
Puro si je l'appizzi in der cervello

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
Sonetto per mia moglie

ale1743.jpg (4903 bytes)

Un giorno mia moglie mi chiese di scrivere un sonetto anche per lei. Subito servita. E devo aggiungere che le piacque, quando glielo feci leggere... dopo.

Quanno 'na vorta, gioventù beata
Je la chiedevo sempre e senza posa
Lei, da regazza seria e timorosa
Me l'ammollava, ma centellinata

Mo' che è mi moje, 'a musica è cambiata
Nun vo' fa artro, mai che s' ariposa
Nun ce l'ho piu' vent'anni, è n'antra cosa
Quela bardanza ormai me l'ho scordata

Io pe evita' er commento suo salace
Faccio er mio mejo pe' restaje a petto
Armeno fino a che ne so' capace

...Ecchela tie'! "Xlater! T'aspetto a letto!"
Arivo. Damme n'attimo de pace...
Famme fini' da scrive 'sto sonetto

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
Il sessantanove

Nel mio racconto "Il Cetriolo" si fa riferimento di sfuggita ad una certa barzelletta. Avendo suscitato la curiosità non posso certo tirarmi indietro (odio chi fa così). Mi sono tuttavia preso la licenza di convertire la barzelletta in sonetto romanesco.

Nell'ansia de prova' porcate nove
Chiesi a 'na troia bagasciona e cozza
"De quer che fai, che cosa è la più zozza?"
Lei m'arispose "Un ber sessantanove!"

Se mise capo a piedi sopra al letto
Me montò sopra comme su 'n cavallo
Presi a leccalla e prese lei a succhiallo
Quanno 'na loffa je sortì dal retto

Poi, che la prima appena era spuzzata,
Me sparò la seconna drento ar naso.
C'avevo la capoccia arintronata!

"Lassamo perde. Nun so' persuaso"
Je dissi. "E' troppo zozza 'sta trovata!
L'antre sessantasette... nun e' er caso..."

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
Annuncio erotico su sito web USA

A volte i nostri cugini d'oltre oceano ci lasciano un po' perplessi...

Si sei n'omo dotato, forte e sano
E a fa' porcate subbito c'hai voja
Marito allegro offre la moje troia
Che lo pia in fregna in culo in bocca e in mano

E' una delle mejo gran puttane!
C'hai quarche amico? Nun fa' comprimenti
Portane pure diciannove o venti
E, si ce l'hai, pòrtate pure er cane!

Noi, bello o brutto, povero o signore,
O fede e razza, nun discriminamo.
Nemmanco la misura der tortore

C'e' solo 'na richiesta che te famo
Dovresti da nun esse 'n fumatore
Ché i brutti vizzi nun li sopportamo!

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
E-mail a Xlater

Dedicato a... non c'è bisogno di specificarlo. Lei lo capirà benissimo.

Xlater, pe' me sei l'omo più perfetto:
C'hai er fascino e la classe d'un signore
Geniale e insuperabbile scrittore
Si fai 'n racconto o butti giù 'n sonetto

Tu me fai scioje er core drento ar petto
E quer che sento potrebbe esse amore
Vorrebbe sta' ar tuo fianco a tutte l'ore
E poi pure portammete in der letto

Vedi? te scrivo e già me so' eccitata
E' più forte de me! Che posso fare
Se appena penso a te ce l'ho bagnata?

Ma è inutile che me dai er cellulare
Tanto non te la faccio la chiamata
Capisci o te lo devo da spiegare?

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
Un padre sporcaccione

Un'altra barzelletta tradotta in sonetto, stavolta sul tema dell'incesto. So benissimo di non avere particolari meriti: quando il "soggetto" è dato, il resto è un mero esercizio tecnico. Ma credo che mi perdonerete. In fondo quando si è tra amici in allegria uno non è tenuto a raccontare esclusivamente le barzellette di propria invenzione, no?

La fija: "Papà m'ammolli cento sacchi
ché vado in discoteca?" "Eh, pora cocca
Tiralo fori e pijamelo in bocca
Sinnò te scordi er ballo e poi t'attacchi!"

La fija: "Papà! Ched'è mo' 'sta stronzata!!?"
Ma er padre fermo: "Dai! Nun me commovi!
Succhia! Sinnò da casa nun te movi!"
E lei s'apprestò all'atto, rassegnata

Ma appena che lo comiciò a ciuccia'
Se ritrasse de botto, inorridita
"Puuh! Sa de merda er cazzo tuo papà

La cosa più schifosa mai sentita!"
"E' tu' fratello! Che ce posso fa'
Si lui è voluto anna' a vede' 'a partita?!"

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
Quando i sonetti avevano la coda

Quando Giancarlo inviò sul ng, nell'ambito della deliziosa serie di Caterinetta, un sonetto "caudato", mi sentii in dovere di intervenire.

Gianca', questo è un niusgruppo tollerante
Ché non se limitamo ar "cazzo-e-fregna"
Ogni variante la trovamo degna
E de porcate n'amo lette tante

Questa è la sagra der "lo famo strano"
Incesti, lesbo, anal, froci, pissing
Sado-maso, mignotte, bondage, fisting
Er future sur t-bond americano...

Ma mo' è giunto er momento de riflette:
Perché pur io che mai me so' turbato
Quanno tra l'urtime du' cose lette

Me capita er sonetto tuo "caudato"
Conto li versi e... tie'! so diciassette
Penso "Gianca', stavorta hai esaggerato!"

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
La Fecondazione Eterologa Assistita

Su un tema così delicato e scottante, ammettiamolo, è facile trovarsi incerti e confusi. In questi casi è bene riconoscere la propria inadeguatezza a giudicare ed affidarsi fiduciosi ai saggi insegnamenti delle nostre illuminate guide spirituali.

'Sta cazzo de polemica infinita
Che ha messo contro laici e clericali
Puro si ho letto tutti li giornali
Devo da confessa', nun l'ho capita!

So' annato da don Giulio a Santa Rita
A chiede spiegazzioni, e mò me pare
Che finarmente c'ho l'idee più chiare:
Er punto, dice, sta in quell' "assistita"

Che si dar seme artrui, co' discrezzione,
'Na donna chiede d'esse fecondata
La Chiesa nun se mette a fa' questione

Invece nun è cosa tollerata
Quanno er marito gode a fa' er guardone
E assiste a tutta quanta la 'ncarcata

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
Il Caso Rondolino

Fece scalpore, nel febbraio '99 il caso di Rondolino, "consigliere per l'immagine" di Massimo D'Alema, che pubblicò un libro contenente scene erotiche, di cui grande protagonista era l'hostess Beatrice, dotata, pare, di un attraente posteriore. Per evitare ulteriori imbarazzi Rondolino abbandonò il suo incarico. Da allora, per quanto ne capisco, non mi sembra che l'immagine di D'Alema sia particolarmente migliorata.

Scrivenno de Beatrice e 'r suo sedere
Fabbrizzio Rondolino s'è 'nguaiato
Direte voi "Perché? Mica è reato!"
Ma lui era de D'Alema er consigliere

E ognuno s'è sentito autorizzato
De arzà la voce e de sparà 'n parere
"Che schifo! Pussa via! Cambia mestiere!"
Ròndolo allora ha preso e se n'è annato

"E' tutta 'na polemica der cazzo"
Ha detto er baffo "Però l'ho accettate
Le dimissioni der caro regazzo

Perchè" ha spiegato "Nun dimenticate
Che le porcate, noi drento ar palazzo
Nun le scrivemo mai" Però le fate!

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
I rapporti prematrimoniali

In risposta al "sonetto politico" di Giancarlo.

So' secoli che 'r papa e i cardinali
Ex cattedra, cor pastorale d'oro
Spareno a zero senza arcun decoro
Contro i rapporti prematrimognali

Contanno i tempi che oggi so' normali
Pe' fasse casa e pe' trova' un lavoro
Che se dovrebbe fa' secondo loro?
Campa' de pippe fino a li sponsali?

Però pe' me nun è 'sto gran tormento
Sape' quello ch'è giusto e ch'è sbajato
Pe' 'r papa e pe' 'r suo santo insegnamento

Mò so' 'n par d'anni che me so sposato
Ma prima c'era ancor più godimento
Quanno che scopavamo, a fa' peccato

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
Link al sito di Giancarlo

Giancarlo aveva manifestato un pizzico d'invidia per il mio URL "www.xlater.net" in quanto calza alla perfezione in un endecasillabo: "vu vu vu, punto, xlater, punto, nette". Pensava che invece il suo URL, http://members.xoom.com/agramante/versilussuriosi.htm, fosse impossibile da infilare in un sonetto. E invece...

Su it.sesso.racconti c'è un maestro
Un vero foriclasse der sonetto
Che è da ammirà pe' 'r talento provetto
Pe l'umorismo, l'ironia, pe' l'estro

Provo a imitallo e quarche vorta orchestro
De scrive anch'io quarcosa e staje a petto
Ma puro co' l'impegno che ce metto
Me sento assai impacciato e assai mardestro

Pe' anna' sur sito suo che sempre cresce
Colleghete alla rete cor modemme
Pia er brauser comme mejo t'ariesce

Fai members punto xumme punto comme
Scrivi agramante, mettece 'no slesce
E versilussuriosi accatiemme

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
Se fa presto a di' sonetto

I duetti tra Giancarlo e me hanno talvolta ispirato qualche altro amico a cimentarsi con il sonetto, spesso con molto spirito e molta fantasia. Ciò che sembra più difficile per loro, a quanto pare, è riuscire a stare dentro la metrica dell'endecasillabo. Ma è davvero così complicato?

Si sur niusgruppo voi manna' un sonetto
Ce vo' anzitutto l'idea generale
'No spunto spiritoso pe' 'r finale
'Na certa confidenza cor dialetto

Sape' giostra' le rime con diletto
Segui' sempre la norma univarsale
Che 'r verso de 'n sonetto che sia tale
Solo co' undici sillabe è perfetto

Perché questo le devi tene' a mente
Sbaja' la metrica nun è permesso
Dev'esse endecasillabo realmente

Puoi cambia' le parole che c'hai messo
Accrocca' er tutto un po' diversamente
Ma si nun torna... buttelo in der cesso

firma.gif (3521 bytes)


barra.gif (1046 byte)
La spilla

Sto a ripensa' a 'na certa Federica
Che a fa' le pompe nun c'era antra eguale
Se lo faceva da' ner bucio anale
E mitiche incarcate in de la fica

Eppure nu' stavamo insieme mica
Nun era la regazza mia ufficiale
Scopa' tra noi veniva naturale
Ma per il resto era sortanto amica

Un dì volli portaje, ch'era giusto,
Un regalino, 'na fregnaccia, un vezzo,
'Na spilla che ce s'adornasse er busto

Me disse: "Si è n'omaggio io l'apprezzo
Però vengo co' te solo pe' gusto
Si vôi pagamme... nun è questo er prezzo!"

firma.gif (3521 bytes)

 

barra.gif (1046 byte)
E' la primavera?

Celebrazione di un particolare momento artistico su ISR.

Sirverghost fa i duetti co' Cristina
E nun se sa dei due chi è più infiorito.
Kheopse rinuncia ad ogni concubbina
Pe' fasselo ciuccia' da 'n travestito.

Sneik, che da gran porcone era partito
Sortanto ar sentimento ormai s'inchina.
Giancarlo alla dorcezza è convertito
E nun ce scrive più de' Caterina.

Puro a me er core me sta a pia' la mano...
Regazzi, me spiegate che ce pìa?
Quale mistero c'è dietro a st'arcano?

Ched'è tutto 'sto spreco de poesia?
Che amo magnato che c'ha fatto strano
Quela famosa sera in pizzeria?


firma.gif (3521 bytes)

 

barra.gif (1046 byte)
Er nicche

Il primo sonetto di una serie di tre dedicata a un curioso personaggio che ha fatto capolino sul ng.

In de 'sta rete d'internet mondiale
'Na cosa nova che prima nun c'era
E' 'r "nicche", er soprannome dietro ar quale
Se pò annisconne la persona vera

"Diabolus" è un travet parastatale
"Goldrake" de giorno guida la corriera
Ma pe' ciascuno e' un sogno che s'avvera
Ave' un novo se stesso virtuale

Io nun so tu chi sei, ma tu nemmeno
Forse così potemo esse sinceri
Parlanno tra de noi der più e der meno

Ma a vorte dietro ar dubbio uno s'ammala
Presempio, io me sto a chiede sin da ieri
Chi mai sarà "Stefania la maiala"?

firma.gif (3521 bytes)

 

barra.gif (1046 byte)
Continua la caccia alla "maiala"

Al primo sonetto "la maiala" rispose in modo abbastanza simpatico. Questo secondo invece, chissà perché, la irritò alquanto.

Ho preso er suo indirizzo e ho ricercato
Sur novo "deja.com" tutto a colori
Si ortre ai messaggi che da noi ha inviato
N'abbia mannato quarcheduno fori

Un solo suo intervento ho rintracciato
In un niusgruppo dove 'sti signori
Discuteno der modo più adeguato
De arza' 'a frequenza ai microprocessori

Nun so' rimasto tanto persuaso...
Una maiala ai chip interessata?
Forse l'e-mail è farsa... o forse è un caso

Ma un novo dubbio mò me fa usci pazzo:
Nun è che sta Stefania scatenata
Te mette l'overclocche pure ar cazzo?

firma.gif (3521 bytes)

 

barra.gif (1046 byte)
Xlater e la maiala: Fine di un amore

Ci sono rimasto molto male quando mi prese a brutte parole! In fondo sono un tipo sensibile...

Doppo che ha visto l'urtimo sonetto
Stefania la maiala s'è incazzata
Dice che l'avrei offesa ed insurtata
Nun me lo so spiega'. Ma che j'ho detto?

Dice "La robba tua, Xlater, ho letto:
Che schifo! So' arimasta disgustata!"
Però se sente ch'era avvelenata
E che me lo scriveva pe' dispetto

Me piagne triste er core a 'sta reazione
Perché me s'era definita amica
"Xlater, a noi ci unisce una passione"

Che poi 'sto fatto nun me torna mica:
Scrive che lei va pazza pe'r cazzone
Mentre io, semmai, preferirei la fica

Sembra che Stefania la maiala abbia deciso di smettere di rallegrarci le giornate. E' scomparsa nel nulla lasciandoci preda di dubbi irrisolti. Per esempio: perché insisteva a farsi chiamare Stefania quando tutti avevano capito che era Chiara?

 

firma.gif (3521 bytes)

barra.gif (1046 byte)
Il realismo romantico

L'uso improprio di un termine a volte mette improvvisamente a nudo tutte le carenze del mio background culturale per quanto riguarda il versante umanistico...

Da che in letteratura so' ignorante
Nun riconoscerebbe a prima vista
'Sta cosa dar ber nome artisonante
Ched'è romanticismo, ma realista

Preso coraggio, me so' messo in lista
Pe' anna' ad interpella' quarche insegnante
Così che 'n se ripeta la mia svista
Né la brutta figura co' Agramante

Ed ho capito, pur si era complesso
Che uno pò esse tutte e due le cose
Romantico e realista ar tempo stesso.

Mò si ho 'n appuntamento co' Lucia
Passo sia dar fioraio a pia' le rose
Sia a pia' i preservativi in farmacia


firma.gif (3521 bytes)

Home Page

barra.gif (1046 byte)
Per scrivere a Xlater: xlater@hotmail.com
Oppure utilizzate il Guestbook

key1743.jpg (28694 byte)