LA SCRITTICE DE RICCONTI ZOZZI - Quinta Parte
barra.gif (1046 byte)
eyes1743.jpg (2393 byte)

dot_.gif (42 byte)

barra.gif (1046 byte)
La Scrittice de Ricconti Zozzi - Quinta Parte

Er Candeletta nun trovava pace.

"A Campa'... ancora nun riesco a capì come hai fatto. Un appuntamento co' Troxya, in persona, dar vivo! Un tette a tette! Cazzo! Ma lo sai che mezza Internet je sta appresso, a quella, e fino a mò nessuno era mai riuscito a stanalla?"

"E tu che cazzo ne sai de quello che fa Troxya? Chi te lo dice che non s'è mai vista co' nessuno?"

"Eh... ma 'ste cose, quanno succedono, prima o poi se sanno, che te credi? La rete è piccola... la gente chatta..."

Stavamo su la machina mia, parcheggiati. Er Candeletta stava vicino a me, e Zagabbria e Bufera staveno seduti dietro. Era er posto andò avevo dato l'appuntamento a Troxya: via Lemano D'Arculo, angolo piazza Starnese.

"Pe' me nun viene..." bofonchiò er Bufera.

"Te dico che viene... vedrai..." risposi.

Proprio in quer momento 'na donna svortò l'angolo. Co 'na specie de sesto senso capii subbito che era lei. Ed era proprio come me l'ero aspettata, più o meno. Troxya era un cesso.

"Ecchela..." dissi, senza tanto entusiasmo.

"C-c-chi? Qu-quella? Oh, n-n-nooooo.... nu-nun pò esse!" sbottò Zagabbria.

"Boni... famo subbito la prova..."

Presi er Nocchia e scrissi un essemmesse. "Ciao sto arrivando. Tu dove sei?"

Dopo dieci secondi netti, la donna che stavamo a osserva' se girò verso la borzetta che c'aveva a tracollo, ce mise la mano dentro e tirò fori er cellulare, leggenno er display. Poi se girò a guardasse intorno e cominciò a spigne sui tasti come 'na forsennata. Dieci secondi doppo er Nocchia mio vibbrò. Messaggio in arivo. "Fai pure con calma, io sono appena arrivata".

Era lei, nun c'erano più dubbi.

Troxya, a dieci metri da noi, era un cesso. Bassina, mora coi capelli corti. Era piuttosto gracile, stretta de spalle, scarsa de zinne. Ma c'aveva i fianchi larghi e piatti. Era' na specie de rombo umano. Portava 'na gonna sopra ar ginocchio (pe' l'occasione, penso), ma le gambe erano sgrazziate e stortignaccole. In faccia c'aveva un par de occhialoni da vista che un po' la nasconnevano, ma c'aveva er muso sporgente in avanti un po' come no scimmione. Er complesso de la faccia, però, era più da cavallo che da scimmia. La camicietta nera (come la gonna) lasciava scoperte du' braccia ossute ricoperte da un vello de peli bianchissimi. Robba de litri e litri de acqua ossiggenata. Er colore dei capelli e de la carnaggione davano decisamente su lo scuro, ed era evidente che lo scolora' era l'unico modo pe' fronteggia' na veggetazzione troppo fitta su le braccia. Un vero cesso.

Mentre lei se moveva nervosamente continuando a zompetta' da 'na vetrina all'antra e a guardasse intorno, dentro la machina, tra de noi, la delusione era parpabbile.

"'Sta zoccola infame..." mormorò cupo er Bufera. "Mica lo dice in rete che cazzo de scorfano è..."

"Però in fonno... a esse onesti..." abbozzò er Candeletta "nun ha manco mai detto de esse 'na strafica... armeno a me nun me l'ha mai detto..."

"E li ra-racconti a-a-allora? La b-b-bionda pe-pezzo de f-f-f-fregna che se tr-tranva er p-pescatore greco?"

"Che cazzo c'entra? Quello è un personaggio... mica voleva di' che lei è così!"

"Mbè... de q-questo c'hai r-r-raggione..."

"Ma raggione de che? Quale cazzo de raggione?" intervenne er Bufera quasi urlando. "Una che fa' la zoccola ollàin in quer modo, DEVE esse 'na gran fica... sinno è solo 'na gran presa pe'r culo!!"

Pe' quarche minuto regnò er silenzio. L'osservazzione der Bufera era oggettivamente inoppugnabbile. Poi parlai.

"Ragazzi... me se sta' a fa' tardi... io vado da lei... Voi ve sete torti la curiosità, e zitti zitti ve ne potete anna' pe' i cazzi vostri"

"D-da lei? C-che voi dì, Ca-campa'? S-stai a d-d-di' che t-te la v-vai a sc-scopa'?"

"Certo che sì. Era sottinteso, mica mò posso fa' lo stronzo. Tanto me l'aspettavo che nun fosse 'na gran sorca. E comunque è sempre 'na femmina da scopasse, e me divertirò sicuramente più io de quanto ve sete divertiti voi a scopavvela pe' finta su internet tutte le sere..."

"Un momento, un momento..." disse er Candeletta. "Stavamo d'accordo de scopassela insieme, Campa'. Che fai adesso? Cambi le carte in tavola?"

"E che ne so? A voi nun ve interessa... armeno a quello che ho capito..."

"Capito un cazzo... 'sta donna sarà pure un cesso, ma è la persona più importante de la vita mia da tre mesi a 'sta parte. E te credi che mo te la faccio scopa' tutta a te? Noooo... io ce 'sto dentro a la grande..."

"C-c-contemece pu-pure a me, C-campa'... or-or-mai semo in b-ballo. B-b-b-b-ballamo!" disse Zagabbria, co un tono quasi de rassegnazzione.

"E tu Bufe'?" chiesi.

"Doppo 'sto cazzo de scherzo che c'ha fatto, mica je la faccio passa' liscia... Me la tranvo, pur io, antro che... me pare er minimo..."

"E p-p-perché, B-Bufe'? Si inv-invece e-era 'na g-gran sorca che f-facevi?"

"Me la tranvavo lo stesso, che cazzo!"

"Occhèi" je dissi mentre staveno tutti a sghignazza' pe' l'uscita der Bufera "mò vado, la sciorgo un po' da solo e tra dieci minuti ve la porto..." e me ne uscii da la macchina lasciandoli dentro a aspettamme.

Quanno Troxya se accorse che stavo a cammina' dritto verso de lei e che la fissavo, pe' un attimo fece n'espressione un po' spaventata. Poi fece un soriso. Nemmeno un brutto soriso, pe' esse un cesso.

"Ciao! Sei Campana, vero?"

"Proprio io, e tu sei Troxya!"

Sorise ancora, e je spuntarono pure un par de fossette sur viso. Nemmeno brutte fossette, pe' esse un cesso.

"Sì... Troxya. Ma ti prego, chiamami Antonietta, ok? Così mi sento più a mio agio... sai, sono un po' emozionata..."

"Emozzionata? Nun me di'! E perchè?"

Me mise le mani su le spalle e me diede un bacetto su la guancia arzannose in punta dei piedi. Allora la presi pe' un fianco e cominciassimo a cammina' allontanandose da la machina parcheggiata... Iniziarmente era un po' riggida a sentisse la mano mia sur fianco, ma poi se rilassò e addirittura me sembrò che me se strignesse addosso...

* * * * *

"Tu non ci crederai, ma è la prima volta che incontro qualcuno che ho conosciuto on line..."

"Lo so, lo so..."

Stavamo seduti ar tavolino de un bare. Lei aveva preso un tè al limone cor dorcificante, io 'na bira.

"Come fai a saperlo?"

"Eh... 'Ste cose se sanno... La rete è piccola... la gente chatta..."

"Sai, io sono una donna sposata... sposata e fedele...". Poi arrossì, abbassò l'occhi e disse "Fedele... fino ad ora, voglio dire..." Era carina quanno arrossiva, pe' esse un cesso...

Allungai 'na mano e co' la punta de le dita toccai la sua... fece 'na specie de sospiro, ma nun scappò.

"Da quanto tempo è che sei... Troxya?"

"Qualche anno... mi è sempre piaciuto scrivere, anche quando ero più giovane... scrivere racconti erotici è divertente..."

"Sì, ma dicevo... er resto..."

"Oh, vuoi dire le conversazioni on line? All'inizio era una specie di gioco, mi faceva ridere... poi mi sono resa conto che dall'altra parte la prendevano molto sul serio... uomini che mi dicevano che impazzivano di voglia per me, che erano innamorati... e mi riempivano di attenzioni... mi sono sempre resa conto che era assurdo, ma lo trovavo anche gratificante... ti sorprende?"

Feci segno de no co' la testa.

"Gratificante ed eccitante... decine di uomini che ce l'avevano duro in mio onore... un'idea che mi inebriava, che mi ha sempre fatto impazzire. Sai, in vita mia non ho mai avuto tanto ascendente sugli uomini... Parliamoci chiaro, Campana, sono un cesso!"

"Ma no, che dici?" cercai de sembra' più sincero possibile. Ma forse nun feci abbastanza. La sua voce prese un tono duro e sbrigativo, co' un'impressione come se je se fosse crepato quarcosa in gola...

"Anzi, ti ringrazio per non essere scappato via appena mi hai visto. Sei stato molto gentile. Ora ovviamente avrai un impegno per stasera, o un mal di testa improvviso. Non importa, è stato molto piacevole conoscerti e sei un gran bel ragazzo, davvero. Cameriere! Il conto!"

La presi pe' un braccio e me ce avvicinai all'orecchio. Sussurai piano. "Nun hai capito, allora. Troxya, tu stasera c'hai riservato pe' te un gran ber programma... damme retta..." Delicatamente je presi la mano e me la portai su la patta, sotto ar tavolino. Fece tanto d'occhi e esclamò "Alla faccia del cazzo! Che batocco!" e intanto sentivo che co' la manina me lo stringeva da sopra li carzoni, sempre più incredula de quello che je stava pe' succede e dell'affare che j'era capitato tra le mani.

* * * * *

Quanno ritornammo a la macchina i tre amici mia me stavano a aspetta' in piedi de fori.

"A Campa'! Ce l'hai fatta finarmente!" me urlò er Bufera...

Troxya se bloccò. "Chi sono questi, Campana? Cosa succede?"

Ma io la spinsi avanti. "Gnente... che voi che sia?... Te volevo presenta' un par de amici... che poi li conosci ggià..."

In un attimo Troxya se aritrovò, piccolina, indifesa e spaventata, in mezzo a quattro ceffi nerboruti co' tanto de facce da galera (loro tre... la mia è 'na faccia co' la condizzionale...).

"Ragazzi... guardate chi ve presento? Questa qui è Troxya!"

"La scr-scr-scrittice de r-ri-ricconti z-zozzi? Nu-nun ce p-pozzo cre-crede!!" disse Zagabbria.

"Ciao Troxya, nun poi capi' che piacere!" Disse er Candeletta.

Er Bufera se l'acchiappò come 'na bamboletta e je diede un bacio su la guancia, senza astenesse dar metteje subbito na manona su 'na chiappa... "Io so' er Bufera... t'aricordi de me?"

Troxya nun sapeva che di'... Nun faceva artro che emette monosillabbi. "Io... ehm... sì... certo... ciao... uh..."

Anche l'antri due se la passarono, sbaciucchiandosela e parpandola liberamente dapettutto. Lei nun ce capiva gnente, me guardava in cerca d'aiuto, e era tutta rossa in faccia. Co' tutte quele tastate se stava a eccita'. Sotto la camicetta se vedeva che je s'erano induriti li capezzoli. Troxya c'aveva un ber par de chiodi, pe' esse un cesso.

Doppo tutta 'sta cerimogna, er Bufera e Zagabbria se la portarono dentro la machina, sui sedili dietro, uno da una parte e uno dall'antra come farebbero i carabbigneri co' un latitante de camora. Io montai ar volante e er Candeletta da la parte der passeggero. Messi in moto e partitti.

"Campana..." squittì spaventata "Che succede? Cosa significa questa storia?"

"Gnente... è solo che semo tutti contenti de conoscete... e volemo fatte un po' de compagnia..."

"Non mi avevi parlato di un programma del genere! Dove stiamo andando? Ho il diritto di saperlo!"

"Già, Campa', andò annamo?" chiese er Candeletta. "Volemo annà da me? Ho preso 'na cassetta de bira nova nova"

"Che bira è?" feci io.

"La Vure, me pare... perché?"

"Che schifo!" risposi. "Ma che se compra a Birra Vure? Nun sa de un cazzo!"

"E che ne so? Era in offerta..."

"Annamo da me... e tu fattece er bidè co 'a Birra Vure..."

"Campana, insomma!" insistette Troxya. "Che volete farmi?"

"Gnente de male... nun te proccupa'... se divertimo un po', tutti e cinque insieme..."

"Avete intenzione... di farmi una gangbang?"

"Una gamba?... che cazzo vor di' faje 'na gamba, Campa'?" domannò er Bufera.

"E' qu-quanno so' t-tanti ma-maschi che m-m-mettono in mezzo 'na zo-zoccola sola..." rispose pronto Zagabbria.

"Ah, ho capito... allora sì, Troxya... te famo 'na gamba, anzi te le famo tutte e due... e magari pure le braccia... e nun te ce prova' nemmeno a lamentatte, che nun credo che feste come stasera te dispiàcino... né che te capitino tanto spesso..."

"Bufera!" dissi co' un tono de rimprovero, "nun te devi da comporta' così... una donna c'ha pure er diritto de sarva' le apparenze..."

"C'hai raggione Campa'... come te invidio de quanto sei raffinato co' le donne... io nun ce riuscirei mai, e pensa' che me ce impegno tanto..."

Detto questo, ficcò 'na manona pelosa sotto la gonna de Troxya e se mise a ravana' là sotto. Troxya cominciò subito a caccia' urletti scandalizzati.

"A Campa', tu dici de sarvaje l'apparenze... ma io qua sotto sto a senti' tutto bagnato... Tu che dici? Se sarà pisciata sotto pe' la paura?"

"Magari è solo sudore, Bufè... oggi c'è afa..."

Allora er Bufera, da dietro, me mise le ditone sue sotto ar naso...

"Senti l'odore, Campa'... dimme se te pare afa...". Troxya c'aveva pure un bon profumino, pe' esse un cesso.

"Te l'ho detto Bufe'... oggi c'è l'afa... l'afa regna..."

Ner frattempo Zagabbria aveva sostituito la mano sua a quella der Bufera sotto la gonna de Troxya... che aveva cominciato a scallasse sempre più e a sospira' de gusto...

"Ooohhh... non fatemi del male... non opporrò... aaahhh... resistenza, ma... uuuhhhh.... non fatemi, del male... e sia chia... aaahhh.... chiaro che io non voglio... mi state costringe... eehhhh.... costringendo con.... uuuhhh... la forza..."

"Occhei..." disse serio er Bufera, "mò che hai sarvato le apparenze, comicia a datte da fa'..." e la prese pei capelli de la nuca tirandosela verso la patta.

Diedi n'occhiata a lo specchietto. Er Bufera aveva n'espressione sognante, occhi chiusi e bocca aperta, mentre er concertino de succhi, risucchi, sospiri e mugolii che arivava era piuttosto ben assortito. Troxya doveva esse 'na bocchinara notevole, pe' esse un cesso.

* * * * *

Se la scopassimo veramente a la grande. Lei da subbito aveva mollato li freni inibbitori e s'era veramente scatenata. Cinque ore de seguito senza fermasse... armeno lei nun se fermò mai, e ce n'aveva addosso sempre armeno due o tre. Continuava a godè e a veni' senza sosta, e era sempre pronta a zompa' da un cazzo a un antro.

Je l'avemo messo in fica, in bocca. Se la semo inculata a turno, tutti e quattro, più vorte.

Me ricordo che a un certo punto, all'inizzio, che stava stesa de fianco a succhia' er cazzo de Zagabbria, cor Candeletta che je leccava la fica, io da dietro je infilai un dito indice ar culo, facennoje fa un urletto sur cazzo de Zagabbria.

"E' strettino..." je dissi, mentro je lo smovevo dentro...

"Eh sì..." sospirò lei, "l'ho usato molto poco..."

"Lo sai che da stasera in avanti nun lo potrai più di'...?"

E lei sorise e rispose sottovoce, co 'no sguardo de gran libbidine "Lo so... lo so..." e se rimise a spompina' Zagabbria. Diceva "lo so", ma sicuramente nun se lo immagginava pe' gnente come je lo stavamo pe riduce.

Je sborassimo dentro e addosso, in bocca, in fica, in culo, in faccia, tra i capelli, sulle zinne, sull'occhiali (che j'avemo fatti rimette apposta pe schizzacce sopra...),... e lei lo inghiottiva, lo leccava, ne voleva sempre de più.

A la fine ce ringrazziò. "Ragazzi, siete stati fantastici... un'esperienza veramente unica... un sogno che ogni donna tiene prigioniero nei recessi più lontani del suo intimo, a volte senza saperlo... io grazie a voi l'ho vissuto... non vi dimenticherò mai... forse sparirò dalle vostre vite, almeno nella real life... ma sulla rete Troxya per voi ci sarà sempre..."

E su 'sto ber discorso er Bufera chiosò "Ma sentila... che gran mignotta..."


* * * * *

EPILOGO 1

LA GAMBA (di Troxya)

D'estate, Roma è così. Anche alle tre di notte sembra giorno. Gente che passeggia, file di auto ai semafori. Il vento caldo ed umido entra dai finestrini e mi scompiglia i capelli, mentre guido da sola verso casa.

Sono distrutta ma non ho sonno. Anzi, c'è come una strana euforia che mi pervade. Voglio provare a chiamare Marta per raccontarle tutto. So già quello che mi dirà: "Sei veramente una gran puttana!" Ma il suo tono sarà sorridente e venato di invidia. Lo farebbe anche lei, se le capitasse l'occasione.

A letto da sola con quattro uomini. Detto così sembra terribile. Anche farlo è stato sconvolgente.

Provo a fare il numero. Cellulare spento. Come fai a dormire, Marta, in una notte così bella?
Che ti frega se domani avrai le occhiaie, Marta? Tanto il tuo capo non ti scopa lo stesso. Ormai gliel'hai sbattuta in faccia in tanti modi. Lo so. Mi hai raccontato tutto, Marta.

Conosco tutte le tue libidini più porche. Siamo proprio le bisex ideali: prima ci raccontiamo le nostre sfrenate fantasie etero, e poi andiamo a letto insieme, tra donne Mi hai detto tante volte quanto ti piacerebbe essere in balia di una decina di maschioni infoiati e rudi. Per questo muoio dalla voglia di racontarti tutto.

Inutile insistere. "Cellulare spento". Il numero di casa... boh; chi se lo ricorda?

Vorrei raccontarti, Marta, lo scenario tipico della casa di un uomo che vive da solo, un single. Il metodico disordine, calzini da lavare, odori di maschio diffusi un po' ovunque, i piatti sporchi nel lavandino, le ciabatte vicino al comodino. Oggetti sacri di una specie di tempio pagano. Ed io l'agnello sacrificale, nelle mani di quattro giovani sacerdoti.

Sapessi che emozione, Marta, capire che ormai la situazione è irreversibile, che non hai più via di scampo, che le tue mosse di seduttrice della domenica ti hanno caccaiato in un vicolo cieco. Che ormai non può che succedere quello che speravi e allo stesso tempo temevi. All'improvviso ti ritrovi nuda, tra quattro fusti che ti accarezzano, ti palpano, ti fanno eccitare. L'unica difesa, e l'unico attacco, è quello di lasciarti andare al desiderio, e fare della vulnerabilità e della disponibilità la tua arma.

Improvvisamente ho voglia di fragola. Mi fermo a prendere un gelato, c'è un bar dalle insegne colorate. Al mio ingresso gli uomini presenti si girano. Effetto di una minigonna molto audace. E' la gamba, il potere della gamba. O forse è l'incedere languido di una donna soddisfatta di sesso ad attirare i loro sguardi.

Il cameriere è generoso nelle dosi di gelato sul cono. Si aspetta un ringraziamento. So quel che vuole. Lo guardo e davanti a lui affondo sensualmente la lingua nella panna. Ha gli occhi fuori dalle orbite. Trattengo un sorriso.

Appena poche ore fa, Marta, ero in ginocchio tra quattro uomini, e questo trattamento lo riservavo, con molto più piacere, alle quattro verghe virili che si affollavano davanti alla mia bocca. Non spingete, cari. Ce n'è per tutti. E così baciavo, leccavo e succhiavo, mentre il viso si impiastricciava delle loro secrezioni appiccicose.

Esco dal bar e recupero l'auto lasciata in doppia fila. Dentro è calda, come se fosse stata al sole. Mi sembra di sentire profumo di maschio, profumo di sperma, ma sono io che me lo porto addosso. Riparto.

Cosa vuoi sapere ancora, Marta? Com'erano loro? Stupendi. L'ideale per un'esperienza di questo tipo. Neanche a te, Marta, piacciono quando sono troppo damerini e azzimati. Anche a te piacciono uomini rudi, selvaggi, senza troppi fronzoli. E poi ti dirò, Marta, che qualcuno degli arnesi che portavano tra le gambe era veramente notevole. Ti sembrerà incredibile, ma a ripensarci... sento che ne vorrei ancora.

Cosa mi hanno fatto, Marta? Davvero non lo immagini? Vuoi sapere se ne ho presi due contemporaneamente? Tre contemporaneamente? Scusa, Marta, ma potevo forse lasciarmi scappare l'occasione? E poi non avevo tutta questa facoltà di scegliere e di decidere. Potevo solo abbandonarmi ai loro istinti, e ai miei. Solo così, cedendo a tutto, sono paradossalmente riuscita a dominarli. Quattro uomini ardenti di desiderio; io schiava dei loro desideri, loro al servizio dei miei.

Come mi sento ora? Euforica e distrutta. Dolorante ma appagata. Non solo i miei orifizi, ma anche i miei muscoli, risentono di un attività un po' fuori dalla norma. E dentro? Nell'animo? Dentro mi sento bene. Sì, mi sento un po' troia. Molto troia. Ma non mi dispiace. Dovrei farlo più spesso.

E tu, Marta? Dimmi che mi invidi. Almeno un po'. So che è così. Coraggio, la prossima volta ti porterò con me.

Troxya


* * * * *

EPILOGO 2

"...Coraggio, la prossima volta ti porterò con me. Firmato: Troxya"

Er Candeletta posò sur tavolino der bare li foji A4 stampati cor ricconto de Troxya e ce guardò soddisfatto.

"Mah... speramo che armeno 'sta Marta sia un po' mejo..." borbottò er Bufera.

"Nun esiste nessuna Marta" replicò er Candeletta "è solo 'na trovata stilistica..."

"M-ma v-voi che d-dite? Tr-troxya s-sarà da-davero p-pure mezza l-l-l-lesbica come ha scr-scritto?"

"Ma no... l'ha scritto apposta" je risposi io. "Quasi tutte le scrittici erotiche je piace scrive che so' mezze lesbiche... anche se poi magari je fa schifo pure tocca' un par de collant che s'è messi n'antra donna..."

"E perché lo fanno, allora, secondo te?"

"E che ne so? Pe' atteggiasse... lo sai che mò tutto 'sto lesbicume è de moda... fa tendenza..."

"E li scrittori omini?" chiese er Bufera. "Che pure loro pe' atteggiasse dicono che se lo fanno mette ar culo?"

"Mah... per adesso pare de no. Ma sta' a vede' che prima o poi..."

"Però Troxya è proprio brava a scrive, nevvero?" disse er Candeletta, continuando a rimirasse quei foji.

Su questo tutti e quattro eravamo pienamente d'accordo, anche perché piuttosto lusingati de esse stati descritti in quer modo, ner ricconto. Ar Candeletta, poi, je brillaveno l'occhi.

"Ma ce pensate, regà? Mezza Internet ce sta a invidia' leggennose sto ricconto... nun è 'na soddisfazzione?"

"A Candele'" je risposi, "a me me pare che a te te da più gusto esse dentro ar ricconto che essetela fatta veramente, quela scopata..."

"Sai che te dico, Campa'? E' proprio così... In fonno che c'era de tanto speciale? In quattro omini co' 'na donna sola che è pure un cesso... e invece guarda qua, improvvisamente proiettati ne la leggenda, nell'immagginario collettivo de tutta la rete...è morto più fico!"

"E allora che aspetti? Méttete da solo a scrive racconti su de te che te scopi sto monno e quell'antro... così sarai contento, no?"

"Ma che voi che scrive?" intervenne er Bufera cor solito vocione. "Questo nun è bono manco a scrive come se chiama, e mò se mette a scrive li racconti?"

"V-vabbè... m-ma pu-pure se po-potesse... ma che gu-gusto ce st-sta, Candele'?" chiese Zagabbria. "Qui l-la do-do-domanda ve-vera è s-si è m-mejo fallo, op-p-pure si è mejo rac-c-contallo..."

"Nun so' d'accordo..." er Candeletta era testardo. "Qui la questione vera è un'antra, e sta ner coje la differenza che passa tra er sesso e l'erotismo... è un discorzo morto sottile, sapete?"

"Ma sottile de che? E' semplicissimo!" je dissi.

"Daje... sentimo..."

"Guarda, te la dico in due parole: er sesso è quanno scopi, l'erotismo è quanno te fai le pippe. Punto. Tu resta attaccato ar piccì e c'avrai tutto l'erotismo che te pare... e nun vojo manco di' che sia 'na brutta cosa, in assoluto. Ma la fica vera, quella bagnata, quella odorosa, quella che se scopa, devi arza' er culo da la ssedia pe' beccalla!"

A questo punto er Bufera se arzò in piedi, guardando l'orologgio. "Oh... approposito! Ragazzi, ve devo da salutà... c'avrei un appuntamento co' 'na perzona.... 'na perzona che ho conosciuto su la Rete... che dice che vole fa' sesso co' me..."

Restassimo tutti allibbiti pe' la sorpresa. "E... e c-chi s-s-sarebbe?" chiese Zagabbria.

"Mah..." disse er Bufera con indifferenza "...un certo Tristano..."

E così dicendo appoggiò sur tavolo er cricche de la 127, quindici chili de metallo lucido e brillante, si nun fosse pe' quarche macchietta de sangue e quarche scheggia de denti arimasta qua e là...

* * * * *

Troxya continuò a scrive ricconti zozzi, sempre co' grande successo de pubblico, e a fa' impazzi' centinaia de ammiratori co' le sue conversazzioni ollàin. Però circa un mese doppo me chiamò ar Nocchia e me chiese se la volevo riincontra', stavorta noi due da soli.
Passammo 'na bella serata in compagnia. Me fece chiaramente capi' che era rimasta corpita dar batocco mio, che era morto interessata a gustasselo ancora, e che l'antra vorta in mezzo ar casino nun aveva potuto fallo come voleva. Così quela notte je lo concessi, e se lo gustò veramente bene, a lungo, in tutti i modi possibbili, con granne soddisfazzione pure mia. Troxya è 'na bella compagna de letto, ed è 'na gran troia, quanno se scatena, pe' esse un cesso.
Da allora se semo rivisti diverse vorte.

Me direte: ma come, Campa'? Te scopi un cesso? Mbè, volete sapé che ve dico? 'Na donna intelligente, simpatica, de curtura, sensibbile, dorce, gentile, e co' una sana fame de cazzo, io me la scopo con piacere pure si nun è bellissima. Dite quello che ve pare. Certo che poi quanno uno ne trova una così che è pure 'na bella fica, allora è proprio sculato. Comunque, io Troxya, quanno capita, me la scopo volentieri. Ogni tanto, nei racconti sui, trovo quarche traccia, quarche riferimento a me. Nun me frega un cazzo che lo sappia tutta internet, nun ce tengo, ma un po' de soddisfazzione 'sta cosa me la dà.

Er Candeletta continuò a bazzica' la Rete, e fece der suo peggio pe' diffonde la voce che s'era insorcato Troxya. La rete è piccola, la gente chatta, e lui se guadagnò 'na certa popolarità e un certo ascendente su le pischelle. Fu così che beccò in icq 'na certa "Millia", co' la quale un par de settimane doppo se incontrò de persona e ce se messe insieme. Come prima cosa, però, Millia pretese che er Candeletta siggillasse er piccì e nun ce s'avvicinasse più manco da spento. Lui accettò, e mò so felici e contenti. Però nun me risurta che lei er piccì suo l'abbia siggillato... anzi, tutt'altro...
La rete è piccola... la gente chatta... e le donne so' sempre mignotte.

Zagabbria abbandonò completamente la frequentazzione de Internet. Permutò er suo piccì zagajone co 'na playstation, e mò armeno du' sere a la settimana annamo a casa da lui a gioca' coi videoggiochi, e semo sempre 'na decina de amici che s'ammazzamo da le risate. Nun è indispensabbile Internet pe' socializza'.

Er Bufera continuò a naviga' in rete, ma stavorta a fini più curturali che erotici. Infatti è diventato uno dei più appassionati partecipanti der niusgruppo it.sporte.carcio.roma. Ha trovato un ambiente sano e tranquillo, andò se pò discute seriamente de carcio e de la Maggica, e nun ce stanno tutti 'sti impicci de sesso, de mignotte che la danno facile, de incontri sadomaso, de intrighi de corna e antre cazzate simili.

De Tristano, nessuno ne seppe più gnente.

E io qua avrei finito, ma ce sta quarcuno che deve ricconta' n'antro pezzo.

* * * * *

EPILOGO 3

(Dal log di Xlater)

Aurora: Ciao Xlater, me autorizzi? Mi chiamo Aurora...

Xlater: Certo, ciao Aurora!

Aurora: Senti, te voglio pure da presentare un'amica mia che se chiama Alba...

Alba: Ciao Xlater, che me autorizzi pure a me?

Xlater: Subito... Accidenti, oggi si vendemmia...

Aurora: In che senso si vendemmia?

Xlater: Niente, un modo di dire delle mie parti... è una zona vinicola...

Alba: Tu saresti lo scrittore de racconti erotici, quello der sito?

Xlater: Proprio io, in persona! Avete letto qualcosa? Vi è piaciuto?

Aurora: Mbè... abbastanza... ma te potemo fare una domanda?

Xlater: Certo!

Alba: Ma tu quelle cose che scrivi le fai pure?

Aurora: Scusace se siamo indiscrete...

Xlater: Posso confidarvi un segreto?

Alba: Sì!

Aurora: Dai!

Xlater: Io faccio molto di peggio di quello che scrivo... però sono cose talmente estreme che mi vergogno a raccontarle...

Alba: Aurora, me sa che è proprio il tipo giusto

Aurora: Me sa pure a me...

Xlater: Ehm... Giusto per cosa?

Aurora: Sai, noi avressimo avuto una specie de storia strana con un tipo...

Alba: Un certo Er Campana...

Aurora: Cioè che noi eravamo come schiave sue e facevamo tutto quello che lui ce diceva...

Alba: Ma tutto tutto...

Aurora: E pensavamo de trovare un sostituto perché da quando è finita con lui nun ce siamo più divertite così tanto

Xlater: Volete dire che siete disponibili ad un rapporto BDSM?

Alba: Che vuol dire BDSM? Aurora, tu lo sai?

Aurora: Me sa che vuol dire Bocchini Doppi Senza Mani...

Alba: Allora sì, facciamo pure quelli!

Aurora: E pure bene!

Xlater: E come ve la cavate con i BCUPPP?

Aurora: Vaffanculo! Stronzo! Scompari!

Alba: S'è scollegato... ma che è successo?

Aurora: Lascialo perdere, è un testa di cazzo...

Alba: Ma che vuol dire BCUPPP, Aurora?

Aurora: Lascia perdere...

Alba: Dai, ti prego, dimmelo!

Aurora: Bucatini alla Carbonara, con Uova Pancetta Pecorino e Pepe...

FINE

Si ringrazia Troxya per il racconto "La Gamba"


Home Page

barra.gif (1046 byte)
Per scrivere a Xlater: xlater@hotmail.com
Oppure utilizzate il Guestbook

key1743.jpg (28694 byte)