LA SCRITTICE DE RICCONTI ZOZZI - Quarta Parte
barra.gif (1046 byte)
eyes1743.jpg (2393 byte)

dot_.gif (42 byte)

barra.gif (1046 byte)
La Scrittice de Ricconti Zozzi - Quarta Parte

Quela sera finarmente ero pronto a la sfida. M'era appena arivato er piccì novo novo. Un mito. Processore Kazzium 69 de Infrèl a 45 Figaerz. Memoria rambo espandibbile fottibbile e sfonnabbile. Scheda madre, sòcera, zia e tutte le mignotte de la famija sua. Scheda video a 769 mijardi de colori co' 3680267490 x 2760200617 pizzel de definizzione: tutti li pizzel che te pareva, li pizzel a la margherita, li pizzel a la napoletana, li pizzel coi funghi, bruschette, crostini, fiori de zucchina fritti, olive all'ascolana.

'A tastiera era ergonomica anatomica e ce potevi batte contemporaneamente co' le mani e coi piedi. C'era er tasto speciale pe' apri' le finestre, er tasto pe' chiudele, er tasto pe' lascia' no spirajo de aria sinno' poi rimane la puzza de fumo. 'O schermo era de 543 pollici 209 indici 642 medi 132 anulari 97 mignoli, che se faceva pure le pippe co' tutte quele dita. Er maus nun solo ciaveva la rotella de scorimento da strofinasse cor dito, ma ciaveva pure li peli intorno e dopo un po' che je movevi la rotella se bagnava tutto. Er modem era de sesta generazzione e camminava a 7 mijardi de bitte e 12 mijardi de botte ar secondo. Pe' nun parla' de tutti l'antri accessori che sinnò famo notte. Er tutto comprato dar Ciavatta, e de prima qualità.

Er Ciavatta è un mezzo cuggino mio. Nun ve sto a spiega' la parentela perché è un po' compricata, e ce stanno de mezzo un par de impicci de corna e de scopate estramatrimognali, ma tanto nun frega un cazzo a nessuno. Fino a un po' d'anni fa er Ciavatta c'aveva un negozzio de componenti elettriche, fili, prese, interuttori, fusibbili, lampadine, ma poi s'era buttato sull'informatica e s'era specializzato. Ce s'era messo propio de impegno a studiasse tutti li trucchi de informatica e de internet. Quanno nu' stava a bottega stava sempre a smanetta' a casa cor piccì, e cor tempo s'era proprio scafato. Praticamente era come un ache.

Un ache. Nun sapete che è un ache? Un ache è uno de quelli che se infilano dapettutto ne la rete, e pure ne li computer dell'antri. E infatti m'ero fatto spiega' un po' de cose, un po' de trucchi da ache. M'aveva dato certe dritte... ma mò ve ricconto.

Insomma, quela sera, co' un po' d'emozzione, messi in moto er pc, e me connettetti. Se sentorno un par de fischi e poi leggetti er messaggio che diceva che ero collegato. Cazzo, finarmente ero ollàin!

Er primo passo der piano era quello de manna' 'na mail co' i saluti a l'amici mia. Scrissi er messaggio: "Tremate, stronzi rottinculo, da oggi in rete ce sto pure io! Firmato: Er Campana" e ce misi dentro un allegato, un file chiamato "fregnachetescanna.exe". Se ce cliccavi sopra te appariva su lo schermo un pupazzetto de 'na zoccoletta disegnata, che stava nuda cor reggicarze e le carze e se sditalinava dicendo, co' na vocetta da cartoni animati, "Ah, quanto mi piacerebbe ora un bel cazzo grosso grosso!"

Feci parti' la mail coi tre destinatari. Sapevo che a quell'ora staveno collegati, e aspettai le risposte. La prima che arivò fu quella der Candeletta.

"Anvedi er Campana! A frocio! Lo sapevo che prima o poi te ce ritrovavo pure a te ner cibberspazzio! Carina la pupazzetta! Simpatica! Ciao!"

E uno me l'ero sdraiato. Poi arivò la risposta de Zagabbria.

"A Campa' sei sempre er solito testa de cazzo! Pure le pupazzette troie conosci! Nun te smentisci mai! Ciao!"

E due. Mancava er Bufera. Aspettai quarche minuto. Poi arivò la terza risposta.

"Dije a sta zoccoletta che er cazzo je lo dò io, Campa'! E' troppo fico 'sto file, m'ha fatto taja' da le risate. Ma 'ndo la raccatti 'sta robba, infame che nun sei antro? Ciao!"

E tre! Era fatta. Quer file, "fregnachetescanna.exe", era in realtà 'na specie de virus che avevamo fatto insieme er Ciavatta e io. Mentre loro se godevano lo show de la pupazzetta che se sgrillettava, er programma de niscosto istallava 'na specie de passaggio segreto che permetteva a chi lo sapeva de intercetta' tutte le conversazioni che se facevano in ICQ da quer computer.

Me arzai, agnedi ar friggidè a piamme 'na boccia de bira "Moretti Cazzo d'Oro - Doppio Incarco" e me sistemai davanti ar piccì a leggeme quello che staveno a fa' l'amichi mia. Me accesi 'na Lucchi Strakki ('a marca de sigherette mia preferita) e poi apersi su lo schermo tre belle finestre: una pe'r Candeletta, una pe' Zagabbria, una pe'r Bufera. Forse nun era una gran bella cosa famme così li cazzi dell'antri, ma in fonno lo stavo a fa' pe'r bene loro.

======

(Dar logghe de Zagabbria)

Zagabbria: Ehi, ciao Troxya! Ti aspettavo!

Troxya: Ciao Zagabria, come va il mio zingaro?

Z.: Bene! Sono propio contento di incontrarti

T.: Anche io... sai, stasera sono particolarmente calda...

Z.: Sei una donna speciale. Sono fortunato a conoscerti

T.: Stasera c'è un profumo particolare nell'aria... come di spezie esotiche... afrodisiache... sento la mia pelle che vibra... come in attesa di un contatto...

Z.: Con una donna come te ce si può fare un dialogo... perché si sente che ascolti, che ci hai una sensibbilità

T.: Nella mia mente si accavallano immagini... odalische che ballano con movenze sinuose, i loro corpi formosi che ammiccano sotto veli trasparenti, alla luce delle fiaccole... vorresti che io danzassi così per te?

Z.: Vedi, io ci ho sempre avuto dei probblemi ad avere un dialogo con le donne, anche per via che ci ho come una specie de difetto...

T.: Tu sei il mio sultano, ed io una fanciulla del tuo harem... Stasera mi hai scelta ed io devo risvegliare i tuoi sensi con la mia danza. Mi guardi freddo mentre io ancheggio davanti a te al suono di una antica melodia orientale...

Z.: A me mi chiamano Zagabbria perché... tu sei un'amica te lo posso dire... perché un po'... zagaglio... tartaglio... come si dice bene in italiano?... Balbetto...

T.: I veli cadono ad uno ad uno... lasciando scoperta sempre di più la mia pelle chiara al tuo sguardo... continui a fingerti indifferente, ma non riesci a star fermo sul tuo seggio imponente... ti agiti... i tuoi occhi non mi abbandonano un attimo, e brillano di voglia...

Z.: Capisci che non è stato mai facile per me averci un dialogo con le donne, con le ragazze. Ogni volta che ho provato a fare un discorso un po' più lungo del solito, quelle cominciavano a ridere...

T.: La danza è finita. Non ho più veli. Sono completamente nuda davanti ai tuoi occhi. Mi inginocchio ai piedi del tuo trono, con le mani dietro la schiena e la testa umilmente chinata in basso. Mi offro sottomessa a te...

Z.: Per me internet è stata una scoperta bellissima, perché così posso parlare liberamente. E poi aver conosciuto una donna come te, così aperta al dialogo, così disponibile ad ascoltare...

T.: Ti alzi in piedi e lentamente ti avvicini a me. Allunghi una mano sul mio volto. Mi studi, mi pregusti. Nei tuoi pantaloni si agita una fremente eccitazione...

Z.: S sì c c certo, s sei co così b b bona... d dai, di dim dimmi co cosa ti f f faccio...

T.: Ahò! Ma come scrivi? Cosa ti sta succedendo?

Z.: C che c c cazzo n ne so?? Io s scri scrivo n normale s sul sulla tas tastiera, ma leg leggo che s sta a ve venire fu fu fuori t tutto sp spezzettato!

T.: Non ci posso credere!! Questo zagaglia pure in chat!!

Z.: M me sa c che è uno sch scherzo der C Ciav Ciavatta... Q Quello ch che m m me ha ve venduto il pi pi piccì... M me ci ha me messo d dentro un v v vir virus der c c c cazzo!!!!

T.: Oh no... non è possibile! Stasera proprio non è aria...

Z.: A a asp aspetta Tr Tr Troxya, ch che ce cerco di ris risolvere sto p p prob problema...

TRISTANO: Ciao Zagabria! Facciamo un po' di cybersesso?

Z.: Ch che caz cazzo vu vuole m m mo qu questo?

TRISTANO: Hey! Sei tutta tremante! Ti sei già eccitata al pensiero del mio cazzo duro?

Z.: Gu guarda ch ch che te s stai a sb sb sbagliare!

TRISTANO: E cosa farai ora che ti descrivo come ti sfondo la figa? Lo so che è difficile scrivere senza tremolare mentre con l'altra mano ti stai massaggiando la topa fradicia...

Z.: Fe fermo! G gu guarda c che io s s so un uo uomo!

TRISTANO: E no, cazzo! Non mi prendere per il culo troietta! ZagabriA, finisce con la A, è un nick femminile... Dai, non fare la stronza, dimmi come mi succhieresti il cazzo!

Z.: M m m ma v v vaff vafff pezz d d me mer fro frocio ro rottin rottincu te test de ca ca de dell'an anim delime delimej mortcc tua e de st sto f f fijo de na bo bo bocchin p po porc porco d d d d [...]
=======

(Dar logghe der Bufera)

Bufera: Ciao Troxya!

Troxya: Ciao Bufera, mio vento impetuoso... ah che voglia che ho di un maschio come te... deciso, duro, burbero... 

B.: E perché? Un uomo sensibile, con un cuore, ti farebbe proprio schifo?

T.: Beh... no... assolutamente... ma perché dici questo?

B.: Io non sono come sembro

T.: Come sarebbe a dire?

B.: Sono stufo di essere sempre considerato una specie di Ulche

T.: Ulche?

B.: L'incredibbile Ulche... quello verde... non sono un bestione. Ho le mie debolezze, la mia voglia di tenerezza, di dolcezza... Sotto la mia scorza ruvida c'è tanta voglia di coccole...

T.: Senti senti... ma pensa te...

B.: Tu sei forse l'unica persona in grado di capirmi... l'unica con cui posso svelare la mia vera natura. Sono un uomo in grado di commuoversi per i colori di un tramonto, per il profumo di un fiore, per i passi timidi di un gattino appena nato...

T.: Ciò è sicuramente molto bello, ma... non so che dire... proprio non me lo sarei mai aspettato...

B.: Scrivo pure le poesie... aspetta, leggi questa!

Le rose sono rosse
Le violette sono blu
Ma nel fondo del mio cuore
Ci sei sempre solo tu

T.: Bella... molto intensa...

B.: Sono nato in un ambiente difficile, Troxya. Le borgate sono una giungla. Si vive sempre con i denti in mostra e le unghie sfoderate. Non puoi lasciar trasparire la minima debolezza. Devi mostrarti sempre duro e violento. Ma tutto il mondo è così, non ti illudere. Appena abbassi le difese c'è subito qualcuno pronto a mettertelo in culo...

TRISTANO: Ti inculerò leggiadramente!

B.: Ecco... appunto... lo sapevo...

TRISTANO: Il mio cazzo farà sfracelli nel tuo culo, morirai di goduria, Bufera, troia mia

B.: Dici sul serio?

TRISTANO: Puoi giurarci! Ho un cazzo durissimo tutto per te, zoccola!

B.: Intendevo dire se queste cose le scrivi solo, o le fai anche dal vivo?

TRISTANO: Perché? Sei interessata a provarmi?

B.: Eh, come corri... parliamone con calma, no?

=======

(Dar logghe der Candeletta)

Troxya: Candela!

Candela: Dimmi!

Troxya: Ma che cazzo succede ai tuoi amici? Uno balbetta on line, l'altro pare l'agnello vestito da lupo...

Candela: Va bene, ma che ti frega? Tanto ci sono io qui per te...

Troxya: Sì tesoro, lo so... ma con te come cybersesso abbiamo fatto proprio tutto... da tre mesi a questa parte, tutte le sere, uff... non so proprio più cosa inventarmi...

Candela: Ti prego sforzati... hai tanta fantasia tu...

Troxya: Piuttosto, dimmi una cosa... ma il quarto amico vostro... mi sembrava un bel tipetto... lui non c'è mai on line?

Candela: Chi? Il Campana? Uh, non dare retta alle apparenze... tutto fumo e niente arrosto... si crede di essere chissà chi, ma è solo un gran montato... noi non lo sopportiamo... non sappiamo proprio come liberarci di lui... ci viene sempre appresso... lascialo perdere... comunque, se ci tieni a saperlo, stasera mi ha mandato una mail... forse è ancora collegato...

Troxya: Ah... ok. Ci ribecchiamo tra un po'... Ciao! Smack!

======

Era er momento mio. Chiusi er programma da ache e feci parti' ICQ. Me messi subito visibbile, cor nick mio bello in vista: "Campana". Nun passorno manco venti secondi che me arrivò er primo messaggio.

TRISTANO: Ciao Campana! Sei una donna vero? Mi autorizzi? Mi autorizzi a sbattertelo nella fica?? Ho un cazzo enorme, lo sai?

M'ero preparato anche a quello. Apersi la cartella "Foto" e cliccai cor destro sur file "batocco.jpg". 

ICQ send to user -> Tristano. Clicche. E vai.

Aspettai. Er file se trasferì tutto. Aspettai ancora quarche secondo. Lo stronzo dall'antra parte esitava. Poi arivò er messaggio.

TRISTANO: Madonna mia! E' un fotomontaggio, vero?

Campana: No. E' tutto vero. Tutta roba mia. E ora sai pure perché mi chiamano Campana. Per via del Batocco.

TRISTANO: Mi perdoni signore. Non sapevo. Mi dispiace averla disturbata. La prego di accettare le mie scuse.

C.: Fila via. Sparisci.

TRISTANO: Le giuro, non volevo. E comunque... complimenti sinceri!

C.: Fuori dai coglioni.

TRISTANO: Subito, sig. Campana. Buona sera, e mi scusi ancora... dio che bestia!

Aspettai ancora. Ma non molto.

Troxya: Ehi! Ciao Campana! Che sorpresa! Ti ricordi di me?

C.: Certo. E tu ti ricordi?

T.: Certo.

C.: E mo? Che famo?

T.: Già. Che famo?

C.: Famo? Ma sei di Roma?

T.: Sì, so' de Roma.

C.: E allora...

T.: Allora?

C.: Allora te lo dico io quello che famo...


[Continua nella Quinta Parte]

Home Page

barra.gif (1046 byte)
Per scrivere a Xlater: xlater@hotmail.com
Oppure utilizzate il Guestbook

key1743.jpg (28694 byte)