LA SCRITTICE DE RICCONTI ZOZZI - Terza Parte
barra.gif (1046 byte)
eyes1743.jpg (2393 byte)

dot_.gif (42 byte)

barra.gif (1046 byte)
La Scrittice de Ricconti Zozzi - Terza Parte

Quela sera stavo seduto ar bare, a beveme 'na bira. Da solo. Come un cane. Ma ormai era l'andazzo tipico dell'urtime settimane. Diedi l'ennesima occhiata ar Nocchia, pe' esse sicuro che pijava. Pijava, pijava. Sette palle de campo tutte pe' me. Er probblema nun era er campo, era che nun c'era nessuno che chiamava.

Avevo pure messo 'na musichetta nova pe' la soneria...

Feci un sospiro e provai a rifa' er solito ggiro de chiamate. Prima ai nummeri de casa. Zagabbria: occupato. Bufera: occupato. Er Candeletta, manco a dillo: occupato. Poi i cellulari. Zagabbria: "Potrebbe avecce er cellulare spento". Er Bufera: "Nun è ar momento raggiungibbile". Er Candeletta: "Stamo a trasferì la chiamata a la casella vocale. Lasci un messaggio." Je lasciai un messaggio.

"A Candele'... vaffanculo. Punto esclamativo."

J'avrò lasciato un centinaio de messaggi de vaffa. Ogni giro de chiamate finiva sempre uguale, e ormai annavo avanti a 'sto modo da parecchie sere.

Insomma, quela sera stava a butta' male come ar solito, ma pe' fortuna successe quarcosa de diverso. Come dice er proverbio: "Fregna de sera, ber tempo se spera". Anfatti, ner bare entrarono du' belle fregne. Che poi le conoscevo pure bene. Arba e Aurora so' vecchie amiche.

Appena me videro se diressero subbito verso er tavolo mio.

"Ciao, Campa'!" "Ciao, Campa'!" "Ciao, Belle!" 

Prima de lasciaje er tempo de parla', giocai d'anticipo. "Ragazze... nun me chiedete gnente. Nun lo so che fine hanno fatto Zagabbria e 'r Bufera... E' un sacco che nu' li vedo e nu' li sento più manco io, l'omini vostri... nun so' propio che divve..."

"No, Campa'... te sbaji... nun stavamo a cerca' loro. Stavamo propio a cercatte a te..." Disse Arba. Aurora confermò co' un cenno de la testa.

"Mbe'... allora sedeteve..." feci io, "Che ve pijate? che ve posso offri'?"

Mentre se sedevano feci caso che stavano acchittate abbastanza bene... gonna corta, camicietta fica, truccate... nun credo che Zagabbria e 'r Bufera sarebbero stati contentissimi de vedelle uscì da sole così, tutte attizzevoli. Ma vabbè, nun erano mica cazzi mia...

Accavallarono le gambe, co' morta eleganza, e se accesero 'na sigaretta.

"Io me pijo un Quantrò" disse Aurora. "Io me pijo un Grammarniè" rispose Arba.

Che ragazze de classe! Feci arivà l'ordinazzioni, e poi aspettai in silenzio che le due cominciassero a parla'.

Fu Arba a rompe l'induggi.

"A Campa', tu ce devi da aiuta'... Ma che cazzo je sta a succede a quei due?... noi nun ce stamo a capi' più un cazzo..."

"So' spariti..." aggiunse Aurora, "nun se fanno più vede'... pare che stanno sempre chiusi dentro casa..."

"E poi che è sta novità der piccì?" riprese Arba. "L'ho incontrato un po' de settimane fa, er Bufera mio, che annava a casa co' tutti 'sti scatoloni de robba de computer... me fa, dice, che oggi senza er piccì nun se po' anna' avanti, che è indispensabbile esse smanati co' le nove tecnologgie... ma stamo a scherza'? Proprio lui che c'ho messo cinque mesi a imparaje come se fa un succhio ar Bancomat..."

"E Zagabbria, allora? Uguale! S'è fatto er piccì puro lui. Dice che non vole sentisse tajato fori da le nove tendenze curturali... Ma quale curtura?... Er massimo de curtura che riesce a segui' so' li monologhi de Celentano in televisione..."

'Ste notizzie confermavano li sospetti mia. Quell'infamoni de Burera e Zagabbria s'erano fatti er piccì e stavano tutto er giorno collegati a Internet... ecco perché er telefono de casa era sempre occupato! Però, da bon amico, cercai de difendeli.

"Vabbè... ma, scusate, che ce sta de male? Anzi, dovreste pure esse contente se se cortivano un po' de interessi novi... nun lo dicevate sempre pure voi che erano un po' 'gnoranti... un po' grezzi?"
Se guardarono, e poi Arba me disse, seria.

"A Campa'... l'interessi novi a noi ce stanno bene... però pure... ehm... l'interessi vecchi..."

"Questi so' tre settimane che nun... nun se fanno vede..."

"A Campa' qui la storia è n'antra, e nun devi da fa' er paraculo co' noi... qui ce sta de mezzo 'na donna..."

"Ed è pure la stessa pe' tutti e due..."

"...'sta zoccola..."

"Sennò nun se spiega che questi stanno tanto tempo senza... " e fece un gesto co' la mano che se capiva benissimo "...e nun sentono la voja de veni' a... bussa'..."

"Eppure quanno l'avemo intravisti, nun ce so' sembrati tipi in astinenza... anzi erano piuttosto sbattutelli..."

"Quella mignotta se li sta a spreme per bene..."

Le interrompetti. "Ma che dite? Guardate che non c'è nessuna... Ve garantisco..."

"C'è... c'è..."

"E sapemo pure come se chiama..."

E allora, all'unisono, come se staveno a di 'na bestemmia, pronunciarono la parola maledetta.

"TROXYA!!"

L'intenzione mia inizziale era quella de para' er culo a Zagabbria e ar Bufera, ma a quer punto me resi conto che forse era mejo spiega' bene le cose come come staveno. Queste due s'erano fatte un'idea tutta sballata! Se credevano che quelli a Troxya se la scopavano pe' davero. Allora pensai che certe vorte la mejo cazzata è proprio quella de di' la verità. In fonno, me dissi, dovrebbero esse contente de sape' che invece de sta in giro a scopa' co' quarche mignotta, l'omini loro stavano a casa a fasse le pippe davanti ar computer.

Oddio... adesso a ripensacce... nun so' mica sicuro che sia tanto mejo...

Insomma, pe' falla breve, je raccontai de chi era Troxya, de come l'avevamo scoperta dar Candeletta, eccetera... ma sempre minimizzando, come a di' che era 'na fissa der momento... 'na curiosità passeggera... gnente da preoccupasse che tutto poi tornava come prima...

Invece loro a la fine nun erano pe' gnente tranquille. C'avevano l'occhi spalancati pe' la sorpresa de sta novità che pe' loro nu' stava né in celo né in tera. "Hai capito la scrittice?... che zoccola!" ripetevano. Poi a la fine Arba me disse:

"A Campa'... sta storia che ce ricconti più ce penso e più me pare strana... però, mettendo pure che sia vera... ma noi due, io e Aurora, secondo te... ma che cazzo dovressimo da fa'?"

Bella domanda. "Ragazze... eeeeh... boh! Che ne so, io? Che ve devo di'? Aspettate de vede' come evorve la situazzione..."

A 'sto punto se riguardarono tra de loro, e Aurora, abbassando un po' la voce me disse.

"A Campa'... noi aspettamo... però tu ce dovresti aiuta' un po'... a aspetta'..."

"Campa'..." aggiunse Arba, seria "noi se stamo a senti' sole, urtimamente... parecchio sole..."

"In fonno pure a te loro t'hanno accannato così da solo... nell'attesa se potressimo consola' insieme... tutti e tre..."

E intanto me se guardavano co' quell'occhioni de foco e se slinguazzavano le labbra. Sto discorzo nun me piaceva un cazzo. Misi subbito le cose in chiaro.

"Stateme bene a senti', voi due. Io nun me scopo le ragazze dell'amici mia. Intendo? Nun so mica un infame!"

"Ragazze? Quali ragazze? Io mica ce sto insieme cor Bufera!"

"E nemmeno io co' Zagabbria..."

"Mica me s'è mai dichiarato!"

"E nemmanco Zagabbria... a parte che ce metterebbe mezza giornata..."

"Ce uscimo insieme... semo amici... e quarche vorta, si capita, ce famo l'amore... tutto qua..."

"Gnent'altro... e poi, Campa'... mica ce verrai a di' che quei due vedono solamente noi..."

"Eddai, Campa'... mica te crederai che c'avemo l'anello ar naso..."

Feci una faccia inespressiva. "Questi sono cazzi che io nun so, che nun vojo sape' e che nemmanco me riguardano..."

Ma queste insistevano. La voce je diventava sempre de più come un sospiro erotico. Er batocco dentro le mutande era parecchio interessato, e se cominciava ad aggita'.

"Daje Campa'... nun te fa prega'... nun ce sta gnente de male se ce vieni a fa' un po' de compagnia..."

"So' sicura che nun te ne pentirai... ce trovi belle calde... arrapate... disponibbili..."

Mamma mia che tentazzione. Cercavo de mostramme impassibbile, ma era 'na parola! Arba e Aurora ereno proprio du belle sorche...

"Lo sai Campa' che a me è un sacco de tempo che me piaci. Te conosco da quanno che ero 'na pischella. Me ne so' fatti parecchi de pensierini su de te..."

"Pure io Campa'. So' anni che aspetto er momento bono de mettete le mani addosso..."

"Pensace, Campa'... semo in due e stamo a tua disposizzione... famo tutto quello che voi..."

"Noi volemo pensa' solo a fatte diverti' a te... come te pare... a noi ce basta questo..."

"Se te voi scopa' solo una, e l'antra deve sta a guarda', va bene pure così..."

"Noi famo tutto quello che voi... pensace... pensa a quanto te poi diverti' co' du' donne pronte a tutto..."

Nun ce la facevo più. Ma dovevo resiste. Provai n'antra carta.

"Ma fate tutto tutto? Propio tutto tutto? Sapete... urtimamente c'ho gusti particolari..."

"Per esempio? Dicce Campa', che noi famo tutto..."

"Per esempio me potrebbe piace' da vede' che fate le lesbiche tra de voi..."

Scoppiarono a ride. "A Campa', sei 'na sagoma! Ma io e Arba lesbicamo tra de noi da quanno c'avevamo quattordici anni e giocavamo a pallavvolo insieme!"

"Anzi, urtimamente, co' quei due froci che nun se fanno vede, je stamo a da' sotto più der solito..."

"Però ce manca la presenza dell'omo... ce manca er cazzo..."

"Soprattutto un ber batocco come er tuo, Campa'... che te credi che de quello che te porti dietro dentro dentro li carzoni nun lo sapemo?"

"Lo sapemo... lo sapemo..."

Provai ancora. "Ma io c'ho gusti strani... magari me vie' voja de... de legavve... co' le corde... come du' salami..." Speravo de spaventalle. Maddeché...

"Cazzo Campa'... ma davero lo faresti? Mmmmmm.... Magari... come me piacerebbe..." Arba sembrava che se ne veniva solo all'idea.

"Che omo... propio un omo vero..." Aurora c'aveva l'occhi chiusi a immagginasse la scena e sospirava come un mantice.

Insistevo. "E poi na vorta legate, magari ve lo appizzo dapettutto.... Ve sfonno er culo a sangue..."

"Dio Campa'... che libbidine... magari..."

"Te prego, Campa'.... uuuh che goduria... siiiiii..... siiiiii....."

"E magari poi pijo un frustino e comincio a davve addosso, su le chiappe, su la schiena... da lasciavve li segni su la pelle...."

"Campa'... nu' je la famo più... ce fai troppo arrapa'..."

"Daje Campa'... portace via... c'avemo troppa voja..."

"E poi ve sbatto pe' tera e ve piscio addosso... su le ferite de la frusta... che così ve bruceno..."

"Cazzo, Campana... te violentamo qui al bar se continui..."

"Portace subito co' te... da quarche parte... dovunque..."

"Guarda che artrimenti se attaccamo er primo che incontramo e se famo lui..."

A 'ste parole, me guardai intorno. Improvvisamente consapevole der fatto che chiunque lì intorno co' un po' de attenzione avrebbe potuto ave' seguito tutta la conversazzione. Guardai a uno a uno le facce dell'antri ceffi der bare... c'avevano tutti lo sguardo distratto, fischiettavano, se guardavano le unghie... nessuno troppo vicino ar tavolo nostro e nessuno troppo lontano.... tutti però disposti in cerchio pronti a barza' su la preda appena che avessi mollato l'osso.

Me resi conto de la situazzione, e guardai Arba e Aurora, soridenti, che avevano capito pure loro. Insomma, pe' quela sera er cazzo se lo sarebbero beccato, e forse pure più de uno. Tanto valeva che je fornissi er batocco mio. Tanto avoja a prova' a minaccia' le peggio cose... quelle se arrapavano ancora de più. Mancava solo che je dicevo che pijavo 'na tanica de benzina e che je davo foco a tutte e due e je facevo fa la fine de Giordano Bruno. Ma magari se eccitaveno pure così. 

Come? Come "chi è"? Chi è, chi? Chi è Giordano Bruno? Nun sapete chi è Giordano Bruno? Ma davero? Ma come è possibile?

Giordano Bruno! Quer centravanti d'a Lazzio der seicento... che l'hanno messo ar rogo pe' via de la storia de lo scandalo de le scommesse! Eh, a quei tempi mica ce se scherzava co' 'a Commissione Federale! Artro che sei mesi de squalifica: te metteveno direttamente ar rogo! Anfatti allora c'era morta meno violenza nei stadi!

Insomma, dicevo, a la fine me arzai e je feci un cenno de venimme appresso. E loro due subbito dietro, tutte contente.

Però certo che, ahò, manco Giordano Bruno conoscete! Ve mancano proprio le bbasi, va mancano, li mortacci vostri!

* * * * *

Quela sera fu l'inizzio de un periodo da sogno. Perché nun solo me le portai a casa e me le trombai a ripetizzione, ma la cosa fu tarmente de gusto pe' tutti e tre, che la sera appresso facessimo er bisse, e andassimo avanti cosi pe' un ber pezzo, tutte le sere.

Nun so se potete ave' n'idea de che significa avecce a disposizzione du' gran fregne come Arba e Aurora, scatenate e pronte a tutto, veramente a tutto. No, nu' lo potete capi'. O v'è capitato, o se non v'è capitato nun ve lo sognate nemmeno.

Cioè, immagginateve durante er giorno, mentre lavorate, che ve vie' un pensiero de sesso. A un omo succede de media ogni 176 secondi (rilevazzione dell'ISTAT der 1997). De solito che fate? Gnente: sospirate e ve rimettete a lavorà. A la peggio, si è proprio un pensiero che ve perseguita, annate ar bagno e ve sparate 'na sega. Ecco, io in quei giorni, quanno c'avevo un pensiero che me intrigava, tiravo fori er blocco notes e me scrivevo un appunto, pensanno dentro de me "Stasera 'sta cosa la provo co' Aurora e Arba". Ero sicuro che quarsiasi cosa era, loro l'avrebbero fatta. E ce ne so' parecchie de cose che te ponno veni' in mente da fa co' du' belle sorche tutte pe' te!

Er fatto è che, in certe situazioni particolari, ne le donne ce sta come 'na specie de molla che scatta. E allora in quer momento libberano tutti li freni inibitori e nun se fermeno più davanti a gnente. Quela situazzione de Arba e Aurora era proprio l'ideale... un po' perché ereno in due co' un omo solo, un po' perché io ero un amico de li regazzi loro, un po' perché se sapeva che era robba solo de sesso... insomma anche du' regazze che nun sembravano così troie, a vedelle da fori, se trasformaveno in du' berve affamate de cazzo e de le porcate più zozze.

Ma er peggio è che me stavo a abitua' troppo bene. C'era er rischio che m'ero tarmente abituato ai bocchini a du' bocche, che se me capitava 'na pompa a 'na bocca sola, manco me faceva effetto. Ormai davo pe' scontato che mentre me scopavo una fregna c'era sempre 'na linguetta a stuzzicamme le palle pe' damme ancora più gusto. Così come era normale che se me incarcavo un bucio de' culo, ce n'avevo a fianco sempre un antro, pronto a da' er cambio quanno er primo bucio se cominciava a surriscarda'.

Se annava sempre più avanti co' li giochetti strani. Le prime vorte, per esempio, me accontentavo de falle lesbica' tra de loro così, normarmente, genericamente, mentre ripijavo fiato tra 'na botta e n'antra. Dopo invece ho cominciato a pretenne che in quei frangenti l'una facesse la schiava all'antra, arternandole a rotazzione, oppure come me pareva a me. Loro ce se divertivano un casino, e quello che è peggio è che ognuna de loro faceva de tutto pe fa' de più la stronza co' l'antra quando era padrona, pe' vendicasse de la vorta che stava sotto. E la schiava ce godeva ancora de più. Così, piano piano, hanno cominciato a veni' da me attrezzate de tutta na serie de accessori. Prima hanno cominciato co' le corde, le manette, li guinzaji come le cagne, e tutte 'ste cose così. Poi 'na vorta Aurora, quanno j'è toccato a lei de fa' la padrona, s'è legata intorno a la vita un cazzo finto grosso come l'obelisco de Piazza der Popolo, e s'è inculata a Arba che stava a pecoroni ammanettata co' le mani dietro la schiena. Allora la vorta dopo Arba s'è portata un frustino da cavallo e j'ha fatto er culo a strisce rosse, lasciando che poi me la inculassi io. La cosa bella è che Aurora s'è goduta l'inculata come un'invasata, che a la fine c'avevo le palle fradicie pe' quanto me le bagnava ogni vorta che je le sbattevo su la fica gocciolante.

Presto hanno cominciato a pisciasse in faccia e in bocca a vicenda. Solo che pe' ste varianti le obbligavo a anna' a mettese ne la vasca da bagno, se no me rovinavano er parchè de la camera da letto. Più facevano le carogne l'una co' l'antra, più sembrava che se volessero bene. Tanto che finivano sempre abbracciate a pomicia' dentro la vasca piena de piscio, de solito mentre io dall'arto je schizzavo in faccia a tutte e due pure la parte mia (e, co' le bire che me bevevo, erano sempre belle litrate de robba).

Ogni tanto riflettevo su quanto era assurda 'sta situazzione. Io me la godevo senza ritegno co' Arba e Aurora, a fa' tutte le porcate de sesso che me potevano veni' in mente, e pure quarcuna de più, mentre quei du' cojoni de Bufera e de Zagabbria, che c'avevrebbero avuto 'ste belle fregne a disposizzione, passavano la vita davanti a un computer, a chatta' co' 'na scrittice de ricconti zozzi.

In cerca de che? Me chiedevo.

In cerca dell' "Eros"? Ahò, io nu' lo so che è 'sto Eros. Quello che è certo è che quanno fai tanto ber sesso, sesso abbondante, sesso co' belle fregne, sesso tarmente porco e zozzo che nun pò nemmeno descrive, allora dell'Eros te ne sbatti riccamente le palle. Dateme retta! Se quarcuno ve attacca la pippa co' l'Eros, nun ve fate incanta'. Vor di' solo che è uno che scopa poco. Parola der Campana.

Certo, nun deve esse 'na bella vita, scopa' poco. Però pure scopa' troppo, certe vorte, a la lunga...

Insomma pe' falla breve dopo un mesetto a quei ritmi (e ve parlo de sette otto sborate a sera, come minimo, mica bruscolini), me cominciai a stufa'. Nun dico che nun me reggeva la pompa, anzi er batocco sonava come sempre. Era proprio l'esse stufo... nun m'annava più... nun me diceva più un cazzo. Quanno è troppo, è troppo. Tutte le sere è troppo. Un omo deve pure avè dei momenti de pace, de carma. Ave' de li spazzi da dedica' a se stesso. La possibbilità, al limite, de fasse pure una sana pippa pe' conto proprio, ogni tanto.

Fu così che una sera, ner vedemmele davanti tutte belle arzille, gnude, co' tanto de carze e reggicarze, sospirose e sculettanti, arrapate, pronte a comincia' la solita storia... ner senti' che me dicevano "Che voi Campa'?" "Che te piace stasera, Campa'?" "Che voi che famo Campa'?" "Che te dovemo fa' Campa'?" me pijò come 'na specie de nausea. Così j'arisposi:

"Fateme du' bucatini a la carbonara e annatevene a casa, ché stasera nun me va."

Senza di' na parola, ner silenzio più gelido, annarono in cucina e me prepararono i bucatini. Poi, sempre in silenzio, se vestirono e se n'annarono. Nun posso di' che sbatterono la porta, perché nu' lo posso di'. Dimo che, volenno, avrebbero potuto chiudela un po' più piano.

Annai in cucina. Me magnai de gusto 'sta bella carbonara, co' un ber po' de vino de Frascati freddo de friggidè. Poi annai ar soggiorno e infilai ner videoreggistratore 'a cassetta de "Febbre Da Cavallo", co' Giggi Proietti e Erico Montesano. Ormai quer firme lo sapevo a memoria, ma me feci uguale un sacco de risate.

Infine me n'annai a letto. Quela situazzione doveva da fini'... dovevamo tornà a la normalità. Fu così che me ripassai ner pensiero l'idea che m'era venuta. E c'avevo bene in mente pure la persona giusta che me poteva da' na mano. Ormai era deciso: l'indomani avrei telefonato ar Ciavatta.

E co' 'sto pensiero in testa, m'addormentai.

[Continua nella Quarta Parte]



Home Page

barra.gif (1046 byte)
Per scrivere a Xlater: xlater@hotmail.com
Oppure utilizzate il Guestbook

key1743.jpg (28694 byte)