LA SCRITTICE DE RICCONTI ZOZZI - Prima Parte
barra.gif (1046 byte)
eyes1743.jpg (2393 byte)

dot_.gif (42 byte)

barra.gif (1046 byte)
La Scrittice de Ricconti Zozzi - Prima Parte

Quanno quer pommeriggio me sonò er Nocchia, decisi de nun risponne subbito. Avevo appena cambiato 'a musichetta de la soneria e ce tenevo che tutto er bare la sentisse. Ce l'avevo sempre impostato coll'opzione che er sono aumentava de volume piano piano. Ariva fino a 250 Vatte, e si nun me sbrigo a risponne devo cambia' la batteria ogni vorta che me chiamano. Però stavorta ce tenevo proprio.

"A Campa', è er tuo!" fece uno der bare.

"Lo so che è er mio..."

"Embè, allora che aspetti a risponne?"

"Gnente... solo che ve volevo fa senti' la musichetta nova..."

"L'avemo sentita, Campa'... risponni..."

"Ma l'avete riconosciuta?"

Nessuno rispose.

"E' Raffe! Che nun lo conoscete Raffe? Cazzo, Raffe... è famoso! E' 'na canzone famosa!"

Nessuno rispose. Decisi allora de canticchia' la canzone inzieme a la musichetta der Nocchia.

"...Looooo pretenno
E' inutile che dici de nooo
Stavorta er culo teeeeeeee lo sfonnooo
Co' sto batocco dritto
Co' sto batocco dritto che c'ho..."

Gnente da fa'. Me guardavano tutti comme se fossi un marziano.

"A Campa', arisponnni che è mejo..."

"Certo che, ahò... manco Raffe... nun c'avete proprio le bbasi, nun c'avete curtura musicale, li mortacci vostri..."

Lessi chi era che chiamava sur display e subbito lo riferii ar Bufera e a Zagabbria che stavano ar tavolino co' me a bevese 'na bira. "A rega'. E' er Candeletta!"

"'Sto fijo de 'na mignotta!" commentò er Bufera. "S-s-sto f-frocio!" aggiunse Zagabbria.

Risposi. "A Candele', ma che cazzo de fine hai fatto? E' na vita che nun te fai vivo!"

Sentii 'na voce flebbile dall'antra parte "Ciao Campa'... sapessi che me sta a succede... ma mò ve racconto tutto... andò state? ar bare? Mo ve raggiungo..."

Circa un quarto d'ora doppo, er Candeletta entrò dentro ar bare, pallido e barcollante. Subbito io e l'antri due esprimemmo la nostra viva proccupazzione pe' la sua salute.

"A Candele' nun te reggi in piedi..." "Pare che sei morto e nun t'hanno avvertito..." "C'hai du' scuregge de vita..." "C'hai 'n colorito che pare a seconna maja d'a Lazzio..."

Lui sorise e se mise a sede. Fece un cenno ar barista "Ahò... porteme 'no zabbajone... un Vovve..."

"Nun ce l'ho... c'ho lo Zabbovve..."

"Vabbene uguale.... porteme 'no Zabovve... "

Er Bufera se lo guardò incuriosito, riflettenno. Poi sparò la sentenza. "Le cose qui ponno esse due... o te sei trovato 'na zoccola che te sta a sporpa' vivo... oppure te stai a ammazza' de seghe..."

Er Candeletta sospirò dietro ar bicchierone de Zabbovve e scosse la testa. Poi rispose...

"Tutte e due..."

"C-c-comme sarebbe tu-tut-tutte e d-due?" chiese Zagabbria.

"Sarebbe che... è na storia lunga..."

"Spieghece!" feci io.

"Gnente... insomma... ho conosciuto una..."

"Bbona?" chiedemmo in coro.

"Eh... nun lo so... nun l'ho mai vista..."

"Questo è annato fori de cocommero... a Candele' ma che cazzo stai a di'... la conosci e nun l'hai vista?"

"Bisogna che ve spiego tutto dar principio, allora... insomma, un mese fa me so' messo Internet..."

Er Bufera diventò rosso in faccia come un peperone. "Sei diventato dell'Inter? 'Sto infame traditore d'a maggica Roma..."

"Noooo" precisò subito er Candeletta, "Che cazzo hai capito? Internet... la Rete..."

"La rete? Ha segnato l'Inter? Cazzo! E chi ha segnato, Giggi Di Biaggio? Arvaro Recobba? Ma che giocheno 'a Coppa Itaja oggi?" er Bufera nun capiva. Intervenni io.

"A Bufe' ma nun hai mai sentito parla' de Internet, 'a Rete dei computer? Tutti quelli che c'hanno er piccì cor modem ce l'hanno... ne parlano sempre sui giornali e in televisione..." Io nun ero proprio diggiuno dell'argomento. Pure se nun c'avevo internet a casa, c'avevo un piccì all'officina mia de' autoradio, andò ce attivavo i contratti de Timme de Omnitel e de Winde. Me mancava solo Blu, er futuro che nun c'era... e che manco ce sta più.

Bufera nun ce se raccapezzava. "Vabbè, ma che c'entra 'sta robba cor Candeletta che me s'è ridotto 'na larva umana?"

Candeletta spiegò. "Sapete, internet oggi è un mezzo pe' veni' a contatto co' tutte le nove realtà curturali, ed è pure un sistema pe' socializza' ar di fuori der proprio ambito sociale e geografico..."

"Ahò, ma come cazzo parla mò questo? Ma che sta a di'?" disse er Bufera.

"S-s-sta a d-di' che ce se t-trova p-pure da sco-scopa'..." spiegò Zagabbria.

Candeletta tajò corto. "Sentite, perché nun venite a casa mia, che così ve faccio vede'?"

* * * * *

Er Candeletta schiacciò un pursante der maus, e in pochi secondi la stampante cominciò a frigna'. "Mo ve faccio legge... vedrete che robba..."

La stampante cacciò fora un par de foji scritti fitti, fitti. Je diede n'occhiata e poi fece: "Tiè... leggete, va'!" E ammollò lì foji in mano ar Bufera. "Leggi Bufe'!" lo incoraggiammo. Ma lui se riggiriva sti foji come se nun capisse nemmeno qual era la dritta e qual era la rovescia. "Allora, Bufe'?" Er Bufera sbottò: "Ahò, io senza occhiali nun riesco a legge un cazzo!"

"Che c-c-cazzo di-dici, Bufe'? M-ma che ce st-stai a co-c-cojona'? Ma si nun t'ho m-mai visto c-c-coll'occhiali!"

"Nun ho detto che c'ho l'occhiali, stronzo!" Ribbatté er Bufera. "Ho detto che senza nun ce leggo!"

"Vabbè, ho capito..." disse er Candeletta. "Date qua che leggo io..."

Lo fermai subbito. "Aspetta, Candele'. Dicce prima che è sta cosa che ce voi legge!"

Rispose: "Narrativa erotica..."

"Ah, un ricconto zozzo. Embè che ce sta de particolare?"

"Che l'ha scritto 'na donna!"

Er Bufera era sorpreso. "Nun me di'! Mò pure le donne scriveno i ricconti zozzi?"

Er Candeletta annuì. "Già, questa è la grande nova realtà curturale de Internet! Finarmente anche ner campo de la narrativa erotica, che prima ce stavano solo l'omini, anche le donne se ponno esprime con grande libbertà e sincerità e senza ipocrisie. Possono riccontà de le loro esperienze, de le loro fantasie, de le loro voje..."

Cazzo, finarmente se faceva un ber discorso de curtura. Dissi subbito la mia. "Però pe' me erano grandi zoccole pure prima... nun solo adesso che lo scrivono pure, de quanto so' zoccole... Capito che vojo di'?"

"M-me sa ch-che er Campana c'ha rag-g-gione, Ca-Candele'..." intervenne Zagabbria.

"Sì!" ribbattè er Candeletta. "Ma er punto nun è quello. Er discorzo vero sta ner fascino maggiore che pò rivesti' un punto de vista, un linguaggio, 'na poetica che sia veramente femminile rispetto a quella de noantri maschi. E' come si fosse 'no spaccato..."

Lo interuppe brusco er Bufera. "Ma spaccato de che? Ci hai spaccato le palle co' sti discorzi! Ce lo voi legge 'sto ricconto zozzo o no?"

"Vabbè, mo ve lo leggo. Se antitola "Amore Greco" e l'autrice è una de le più bbrave scrittici che ce stanno in giro. Se chiama Troxya...

"Un nome che è tutto un programma..."

Er Candeletta ignorò l'interuzzione, se schiarì la voce e comincio serio serio a legge.

"Amore Greco. Di Troxya. Lo stridìo dei gabbiani era assordante..."

E qui er Bufera ammollò una lunga e rumorosa scureggia. Io e Zagabbria scoppiammo a ride.

"Ahò!" feci io, "me pare de ave' sentito un gabbiano..."

Er Candeletta invece era scocciato. "Insomma... devo legge o no?"

"Scuseme Candele'..." fece er Bufera "te volevo fa un po' de colonna sonora..."

"D-daje, Candele'... n-nun ce fa' ca-caso... leggi, leggi, che semo ncu-ncu-ncuriositi."

Candeletta, ricominciò da capo.

"Amore Greco. Di Troxya. Lo stridìo dei gabbiani era assordante.

Alle soglie della sera l'isola di Sikinos sembrava sprofondare indietro nei millenni, fino ad uscire dal tempo. Il mare, che rifletteva immobile i raggi ancora incandescenti del sole, osservava indifferente l'isola. Osservava indifferente i gesti lenti dei suoi abitanti e il pigro passeggiare dei turisti, ancora pochi in quelle lunghissime giornate di fine giugno.

Come l'isola, anche io in quei momenti perdevo la dimensione del tempo. Dimenticavo ciò che mi attendeva per la serata. Dimenticavo il mio passato. Forse anche il presente. Trovavo inconcepibile fare qualsiasi altra cosa che non fosse restare lì, seduta sulla spiaggia, a guardare il sole che mollemente, tra le isole di Kimolos e Sifnos in lontananza, si avvicinava alla linea blu dell'orizzonte per perdersi nel suo abbraccio e sparire al di là del mare."

"Ddio... che ppppallle!"

"Ma c-che è sta rob-robba?"

"A Candele', nu je la famo più..."

Er Bufera s'era addirittura messo a fa' finta de russa' co l'occhi chiusi e le mano su le palle. Er Candeletta arzo' un attimo l'occhi, scosse la testa deluso, ma continuò imperterito a legge.

"I gabbiani cantavano più forte, mentre il sole sempre più rosso completava l'amplesso del tramonto. Ed io ero lì, immobile, partecipe di quella magia, mentre il mio corpo vibrava dell'erotismo del momento. Assorbivo come un nettare i profumi marini. La brezza, piacevolmente fresca, carezzava la mia pelle secca di sale. Senza nessuna ragione apparente il ritmo del mio respiro aumentò, mentre un senso di calore dentro ed una familiare umidità tra le cosce, parlavano chiaramente della mia voglia di sesso."

A quele parole tornammo subito tutti attenti. "Ahò, a questa j'è venuta voja de scopa'..." "C'ha la fregna che je cola..." "Ansenti che zoccola..." mormoravamo. Candeletta nascose un soriso. Continuò.

"Pochi passi verso il molo, dove i pescatori, con le pelli brune come cuoio, rammendavano pigramente le reti. La maggior parte di loro erano vecchi lupi di mare, esili e smagriti, dal crine bianco, col sigaro puzzolente che pendeva dalle labbra. Lui no. Lui avrà avuto 20-22 anni, i riccioli mori, il profilo elegante, le spalle e le braccia forti come un giovane eroe omerico.

Non ci fu bisogno di parlare. Un mio sorriso, che subito si riflesse nel suo, fu tutto quello che servì. Al resto ci pensarono le mie lunghe gambe abbronzate, i miei morbidi capelli biondi, l'offerta d'amore delle mie labbra morbide e schiuse, le mosse sinuose di un corpo che prometteva piacere."

"Cazzo, che tocco de fregna che ha da esse questa..." commento Zagabbria. Ar solito, quanno s'arrapava smetteva de zagaja'.

"Sì, però che culo, 'sto pescatore infame. A me mai me succede che 'ste sorche me vengheno a pija' così." Ribattè er Bufera. Er Candeletta riprese cor racconto.

"Mi prese per mano e ci allontanammo dal gruppo dei pescatori, mentre lui rivolgeva loro parole di scusa, cui essi rispondevano con frasi ironiche e complici. Ci addentrammo nella città vecchia, fino ad una piccola casa, molto modesta, che profumava di mare, di basilico e di bucato pulito.

Nudi sul suo letto singolo, i suoi baci conobbero la mia lingua, i miei seni e la mia valle del piacere. La sua prepotente virilità venne a dissetarsi nella mia bocca, incontrandone l'abbraccio caldo ed intimo, donandomi e ricevendo da me brillanti scintille di piacere."

Io e l'antri eravamo sempre più arrapati. "Ddio" mormorò er Bufera coll'occhi de fori, "je sta a fa 'na pompa... che gran mignotta!"

"Presto fu sopra e dentro di me, che mi offrivo vogliosa, a condividere l'energia delle potenti scosse del suo amplesso. La mia bocca cercava la sua, per urlarvi con un bacio il piacere con cui mi stava sconvolgendo. Quel piacere crebbe presto a dismisura e in pochi minuti persi il controllo tra quelle braccia abbronzate, abbandonandomi sotto i suoi occhi ad un violento orgasmo."

"Ce gode la zozza a fasse scopa', eh? Je piace fasse smucina' la fregna da un ber cazzo tosto!"

"Si staccò da me. Il suo scettro d'amore vibrava intenso. La cupola era rossa come un rubino. Doveva ancora avere il suo piacere. Con pochi gesti mi costrinse a girarmi."

"Oddio... l'ha girata... me sa che mò..." sussurava Zagabbria. "Me sa pure a me..." Aggiunse er Bufera. Er Candeletta annuiva sorridendo mentre ripijava a legge.

"Il dolore che mi procurò, introducendosi deciso nel mio antro più stretto, confrontato alla sensazione avvolgente di piacere del dopo orgasmo, fu come uno schizzo di sangue scuro in una tazza tiepida di latte e miele. I miei lamenti sottolineavano il mio disagio e la mia sofferenza. Ma non c'era protesta da parte mia. Sentivo di voler essere sua in quel modo, totalmente. Volevo provare quel disagio. Quella sofferenza. E mentre lui, incurante, continuava a prendersi il piacere che voleva dal mio corpo e dal mio buco, senza timore di squassarmi, io stessa cominciavo a sentire i brividi che mi procurava quel ramo duro che si agitava dentro di me.

Er Bufera sembrava 'n invasato. "Troia!!! Lurida troia!!! Senti come lo dice che je piace quanno j'arivortano la nerchia ner bucio der culo... Io la devo da becca' a questa, je li faccio sentì io li bbrividi!". Candeletta era sempre più compiaciuto.

"I miei lamenti si erano trasformati in gemiti di piacere, ai quali lui rispondeva compiaciuto con espressioni in greco che non riuscivo a capire. Gli piaceva vedermi godere mentre mi prendeva così. Poi si irrigidì e riversò un copioso orgasmo, fluido e caldo, dentro di me."

"Sì... beccate tutta la sbroda ner culo, puttana..." Anche Zagabbria era annato via pe' la tangente.

"Restammo ancora mezzora in quel letto sfatto, a scambiarci baci e carezze. Sagome indistinte nel buio sempre più fitto della sera. Poi dovetti salutarlo. Una serata di vacanza mi aspettava. I miei amici. Il mio uomo."

A quer punto Bufera e Zagabbria scattarono in piedi all'unisono. "Er suo omo???" "C'ha pure l'omo sta zoccola rotta in culo?" "Proprio 'na mignottona affamata de cazzo!" "Dio, quanto me la farei!" Ce avevano tutti e due la patta gonfia e se la stavano sempre a aggiustà co' le mani.

Er Candeletta, con enfasi drammatica, lesse l'urtima frase der racconto. 

"Un ultimo bacio, e me ne andai. Non seppi mai il suo nome. Troxya."

Pe' quarche secondo lasciai che le urtime parole der racconto riecheggiassero. Poi ruppi er silenzio.

"Lo so io come se chiamava er pescatore greco..."

Se vortarono tutti e tre verso de me. "Ah, e come se chiamava?"

"Teonfìlo Inkùlos"

La risata collettiva allentò un po' la tensione che s'era creata.

Appena le risate se carmarono er Candeletta commentò.

"Dài, dovete ammette che è un ber racconto..."

"Bello, bello... e m-morto ar-r-rapante" disse Zagabbria.

"Ma a me nun me arapa er racconto... a me me arapa lei... deve esse 'na zoccola de gnente..." precisò er Bufera.

"Vabbè..." dissi io, "ma in fonno che ha fatto de tanto strano? Mica è l'unica su sta tera che se lo fa mette ar culo..."

"Sì, in parte è vero" riprese er Candeletta, "infatti a me 'sto racconto me ricorda un sacco dell'estate scorsa de quanno me so' inculato Adelaide 'a fruttarola, dentro 'na cabbina de 'a spiaggia de Capocotta... che gusto quer culetto vergine..."

"M-ma q-quale v-v-vergine... er p-primo a fa' la festa ar c-culo de Adelaide 'a fruttarola so' stato io... ar vejone de C-capodanno dell'an-n-no prima!" disse Zagabbria.

"Ahò, a me m'aveva detto che er culo era vergine..." insistette er Candeletta.

"Ma che cazzo state a di', tutti e due?" li contraddì er Bufera. "Ma se io me la so inculata ner '96 dentro ar cesso de la Curva Sud Stadio Olimpico, e me disse che era 'a prima vorta che se lo faceva mette ar culo...". 

Intervenni io. "Seee.... io me la so' inculata 'na mezza dozzina de vorte, e ogni vorta me diveva che c'aveva er bucio vergine... lassate perde... è un modo suo de di', nun è da pialla a la lettera..."

"F-f-forse parla der se-segno ast-ast-astrologgico...." ipotizzò Zagabbria.

"Sì, c'ha proprio er culo de 'a Vergine..." replicò er Bufera.

"E che ne sai, Bufe'?" feci io. "Pò esse che c'ha er culo che j'è nato a settembre..."

Candeletta riportò er discorso a casa. "Vabbè, ma volete mette? Cioè, me volete paragona' Adelaide 'a fruttarola co' sto pezzo de fregna de sto ricconto? Eppoi, ma nun avete sentito l'atmosfera... er sono dei gabbiani, er sole che tramonta, l'isola greca, er villaggio de pescatori, lei che è un gran tocco de sorca... queste so' cose che a noi nun ce capitano, artro che cazzate. Noi se dovemo accontenta' de Adelaide 'a fruttarola e de la spiaggia de Capocotta... è tutto un antro mondo... quello è er vero Eros, le nostre so' solo porcate..."

Zagabbria e er Bufera annuivano, sospirando rassegnati. Ma io nun ero d'accordo pe' gnente e lo dissi. "A Candele' ma che cazzo stai a dì? A la fine un bucio de culo è sempre un bucio de culo. Quanno te stai a incula' una, che cazzo te ne frega de li gabbiani dell'isola de Stokazzos?"

"Questo è perché tu sei un coatto, e resterai sempre un coatto. Sei 'gnorante e nun c'hai la sensibbilità pe' apprezza' la Poesia dell'Eros." Rispose er Candeletta.

De solito a 'sto punto già sarei partito de capoccia. Ma qui 'a situazzione era grave. Me pareva che er Candeletta 'sto discorso 'o pijava sur serio. Sta cazzo de Internet lo stava a rincojoni'. Cercai de damme na carmata e de risponne in modo pacato.

"Tu nun capisci proprio un cazzo, a Candele'. Er gusto de 'na scopata te lo dà la scopata, mica i gabbiani..."

"A meno che nun te n'entra uno in culo mentre scopi..." commento' er Bufera, che dopo un po' de indecisione me pareva che era passato da la parte mia. "Devi da prova'... magari te potrebbe pure piace'..."

Ma er Candeletta era testardo. "E perché? Che te credi che questa quando scopa nun se lo sente er gusto de la scopata? Però c'è anche pure più poesia... più raffinatezza... più classe. Quelle che ricconta lei so' scopate tarmente belle che c'ha pure senso scrivece un ricconto. Invece se tu te inculi Adelaide 'a fruttarola, o Teresa 'a parrucchiera, o Moira, l'exxe moje de lo zzio der Colla, chi cazzo voi che lo ricconti? Che cazzo ce sta da ricconta'?"

De questo c'aveva raggione. Mica potrebbe esiste 'no scrittore che ricconta le storie mie. Dovrebbe esse troppo scemo pe' esiste. "Vabbè, ma che cazzo me frega? Io mica scopo pe' facce i ricconti. Io scopo pe' divertimme io. E poi nun penso che 'sta Troxya a la fine sia tanto diversa da Adelaide 'a fruttarola. So' sicuro che pure a lei i cazzi je piaceno morto de ppiù de li gabbiani. Solo che quanno scrive un racconto pe' quelli come te che ce se fanno le pippe, ce mette pure li gabbiani e 'r sole che tramonta, così ve fate le pippe più contenti..."

Er Candeletta borbottò "Sei un coatto, Campa'... sei sempre stato un coatto, e resterai sempre un coatto..." e intanto s'era messo a smanetta' co'r computer. Sentissimo arriva' come er rumore de' un fischietto, poi un fruscio... se stava a collega' cor modem.

Doppo du' minuti se girò verso de noi, tutto eccitato. "A rega'... ècchela! E' on line! Troxya è on line!"

[Continua nella Seconda Parte]

Si ringrazia Troxya per il racconto "Amore Greco"


Home Page

barra.gif (1046 byte)
Per scrivere a Xlater: xlater@hotmail.com
Oppure utilizzate il Guestbook

key1743.jpg (28694 byte)