STATE CARMI! - CATULLEIDE
barra.gif (1046 byte)
eyes1743.jpg (2382 bytes)

dot_.gif (42 byte)
Un giorno mi è venuto in mente che Catullo si sarebbe trovato perfettamente a suo agio in ISR. I suoi carmi che comprendono poesie d'amore, epigrammi caustici, polemiche aspre o scherzose con amici e nemici su temi d'amore o contrapposizioni di scuole letterarie sembrano precorrere (con ben altra grandezza, si intende) le atmosfere del nostro newsgroup preferito.

Per questo motivo, pur conscio dei miei limiti, mi sono preposto l'ambizioso obiettivo di tradurre alcuni dei suoi carmi. Forse "tradurre" non è il termine più appropriato. Diciamo che ho cercato di cogliere lo spirito di alcune sue composizioni e di riportarlo nella lingua e nelle forme poetiche a me più famigliari.

E dire che non ho mai avuto in grande simpatia Catullo, per ragioni di famiglia. In vita il poeta veronese è stato acerrimo nemico e rivale amoroso di un mio lontano antenato (o almeno uno che ha il mio stesso "cognomen"). Si è permesso di ridicolizzarlo a più riprese nei suoi componimenti.

Buon per lui che io ancora non fossi nato per prendere le difese di mio zio!

 

barra.gif (1046 byte)
Carme 5

Amore, non è il caso di ascoltare
Le prediche e le osservazioni dotte
Di vecchi cupi ed acide bigotte
Dobbiam pensare a vivere, e ad amare

Il Sole può ignorar le nostre lotte
Lui cala e poi risorge dietro al mare
Ma se è la luce nostra a tramontare
Altro non resta che un'eterna notte

Baciami, amore mio, baciami ora
Per mille volte e baciami altre cento
E mille, e cento, e mille, e cento ancora

Poi i baci confondiamoli nel vento
Non può portarci male se ne ignora
Il numero, chi ad invidiarci è intento

 

barra.gif (1046 byte)
Carme 6

A Fla', nun poi pretenne de negallo
Che hai rimmediato 'na fregnetta porca
E te la scopi. Voi che te l'estorca?
C'avessi mò pudore a confessallo!

La stanza tua me la racconta sporca
Co' du' cuscini usati a confermallo
E annasa 'sto lenzolo callo callo
Che ancora c'ha er profumo de la sorca

Senti che scricchiolio pericoloso
Appena che m'appoggio su 'sto letto
Ma tu devi fa' er vago, er misterioso

Mascheri, ridi, fingi, fai l'occhietto
Forza! Racconta! Dai, nun fa' er prezzioso
Che te ce vojo scrive un ber sonetto

 

barra.gif (1046 byte)
Carme 83

Lesbia, quanno sta sola cor marito,
Parla male de me, e lui lì contento
Se gode ogni suo perfido commento.
Testa de cazzo! Mica l'ha capito

Che se tutto tra noi fosse finito
Se ne starebbe senza fa' un lamento
Invece strilla e urla: er sentimento
Che c'ha verso de me nun è guarito

Dice che m'ha scordato? Questo dice?
Fa solo finta d'esse smemorata
Credendose de rendeme infelice

Me prende a parolacce a tutta voce?
Si quanno pensa a me è così incazzata
Vor dì che c'è quarcosa che je coce

 

barra.gif (1046 byte)
Carme 43

Regazza, scusa se so' indelicato
Ma n'ho sentite troppe de cazzate.
Tu nun c'hai er naso fine e modellato
Le labbra morbide e ben disegnate

Nun c'hai la pelle liscia, er viso ovato
Le mani belle lunghe affusolate
Li piedi come quelli delle fate
La linea snella, curve mozzafiato

Nun c'hai la voce che è 'na melodia
Nun c'hai modi eleganti e raffinati
Nun sei manco de bona compagnia

Dici che 'sti burini disgrazziati
Vonno paragonatte a Lesbia mia?
Nun c'hanno gusto. Oppure so' cecati.

 

barra.gif (1046 byte)
Carme 16

Io tra le chiappe e in bocca ve lo metto
Aurelio e Furio, emeriti frocioni,
Voi che ve sete fatte st'opignoni
Pe' quello che avrei scritto in un sonetto

Perché er poeta, in vita, ha da esse retto
Ma i versi, cari amici brontoloni,
Ponno pure esse ignobbili, cafoni
zozzi, vorgari e privi de rispetto

Si poi quarcuno pò resta' scioccato
Si quarcun artro ce perde la brocca
E' solo pe' un effetto carcolato

L'integrità der vate nun se tocca.
Dite che so' scortese e indelicato?
Ma ve l'appizzo in culo e pure in bocca!

 

barra.gif (1046 byte)
Carme 110

Lodata sempre sia la donna bbona
Che tu la paghi e lei onora er contratto
E quanno c'è da combina' quer fatto
Prenne la parte sua e nun te cojona

Tu invece sei 'na ladra buggiarona
Che si ce sta da pia' vai coll'inguatto
Ma si poi devi tene' fede ar patto
Te tiri indietro e fai la furbacchiona

La donna pura nun promette e tace.
L'antre la danno a prezzo de marchetta
Oppure aggratis, quanno che je piace.

Ma quella che pìa i sordi e poi te lascia
Solo, senza conforto, a canna eretta
E' peggio de la troia più bagascia

 

barra.gif (1046 byte)
Carme 69

Te lagni ché nun trovi 'na pischella
Che co' te sia disposta a veni' a letto
Né se j'offri er gioiello più perfetto
Né se je compri la veste più bella

Lo voi sape' er perché? Già te l'ho detto:
Gira in mezzo a la gente la storiella
De un odore che t'esce dall'ascella
Che pare che anniscosto c'è un capretto

'Na notte intera insieme a 'sta bestiaccia
La donna, hai da capillo, nu' la regge
Eh, poverina! Comme vòi che faccia?

Per cui t'evita comme un forilegge
E lo farà finché sotto a le braccia
Nun avrai sterminato tutto er gregge

 

barra.gif (1046 byte)
Carme 32

Tu che sei tra le amiche più adorate,
Dorce Ipsitilla, mia delizzia, amore,
Famme veni' da te, famme er favore,
'Sto pommeriggio all'ore più accardate

E nun me fa' trova' porte sprangate,
Nun anna' in giro co' l'antre signore,
Rimani a casa, e mèttete in der core
De fatte 'na decina de scopate

Ma subbito me devi fa' l'invito!
Momento nun potrebbe esse più bello
Mò ch'ho magnato e sto ben rifornito

Guarda, sto a panza all'aria e 'r mi' randello
Me s'è tanto arrazzato ed indurito
Che me sfonna la tunica e 'r mantello

 

barra.gif (1046 byte)
Carme 39

Pe' da' sfoggio a la bianca dentatura
Tu, Ignazzio, ridi. E ridi d'ogni cosa
Pur de 'na circostanza dolorosa
Pure quanno che assisti a 'na sventura

'Sto vizzio tuo lo trovo 'na jattura
N'abbitudine sciocca e fastidiosa.
E' bella 'na dentiera luminosa
Quanno se ottiene grazzie all'acqua pura

Ma sei spagnolo, e in Spagna ogni mattina,
Come da tutto er mondo è risaputo,
Ve lavate li denti co' l'urina

Dai! Fa' vede' er soriso tuo fottuto,
Ché più tu ridi e mejo se indovina
La quantità de piscio che hai bevuto

barra.gif (1046 byte)
Carme 72

Dicevi: "Se venisse al mio cospetto
Lo stesso Giove, non sarei sua ancella
Sei tu, Catullo, la mia sola stella"
Ed io credevo a ciò che avevi detto

Eri per me non solo la mia bella
Amante, la compagna mia di letto,
Ma come per un padre è un figlioletto
Come per un fratello è una sorella

Ora di quel che sei mi rendo conto
E come donna non ti stimo niente
Pur se per te ancor brucio e ho le mie pene

Potrà sembrarti strano, ma il tuo affronto
Mi costringe ad amar più intensamente
Così come a volerti meno bene

 

barra.gif (1046 byte)
Carme 37

Voi in quella tavernaccia convenuti,
Pensate che voi soli er cazzo avete?
Che co' le donne solo voi fottete?
Che tutti quanti l'antri so' cornuti?

Mbè, ve sbajate. Ma che ve credete?
Io posso veni' là e in cinque minuti
Appizzavvelo in bocca lì seduti
A tutti due o trecento quanti sete.

Insieme a voi ce sta la mi' regazza
Che m'ha lasciato dopo tante lotte
E ride, e scherza, e beve, e se sollazza

Co' voi che sete, e ce divento pazzo,
Abbituati a anna' co' le mignotte,
Gente de strada che nun vale un cazzo

 

barra.gif (1046 byte)
Carme 11

Amici cari, se tra voi qualcuno
Si ritrovasse Lesbia mia davanti,
Le porti questo addio senza rimpianti,
Questo addio breve e amaro, ma opportuno:

Che sia felice con i tanti amanti
Che per se vuole senza amarne alcuno
Che a letto poi prosciuga ad uno ad uno
Sino a romper la schiena a tutti quanti

E che non torni a ricercar l'amore
Sincero che le ho dato nel passato
Per colpa sua caduto come un fiore

Come quel fiore dal gambo spezzato,
Falciato dall'aratro del fattore,
Che giace morto ai margini del prato

 

barra.gif (1046 byte)
Carme 50

Che gran serata in vostra compagnia!
Tutto quel tempo a bere ed a scherzare
E infine addirittura a improvvisare
I versi sciolti di qualche poesia

Più tardi, quando sono andato via,
Nel letto non riuscivo a riposare
E ripensavo a voi, persone care,
Ancora tutto preso d'euforia

Per questo stamattina appena alzato
Vi scriverò un sonetto che descriva
Per filo e segno quello che ho passato

Accoglietelo bene, quando arriva
Non criticate in modo esagerato
Nèmesi, lo sapete, è dea cattiva...

 

barra.gif (1046 byte)
Carme 2

Tenero cinguettante passeretto
Della mia dolce amica sei delizia
Lei ti carezza e còccola, ti vizia,
Ti stringe piano al tiepido suo petto

Poi, quando hai fame, il dito suo perfetto
Porge al tuo becco come una primizia
Che tu mordicchi vispo con letizia
Mentre lei ti sorride con affetto

Distratta da ogni pena e ogni dolore
Ti tiene caro. Vorrei tanto anch'io
Così alleviar le angustie del mio cuore

(Magara je schiattasse quer fringuello
Che si solo potessi, porcozzìo,
La farebbe gioca' co' 'n antro ucello
)


Xlater


Credo che stavolta valga la pena aggiungere un paio di righe di
commento.

Catullo era non solo un poeta dotato di grande talento compositivo, ma anche un acuto osservatore dei propri stessi sentimenti. Credo che fu pressoché il primo, in occidente, a rendere con tanta profondità le sensazioni laceranti che prova un innamorato. Per questo, malgrado i virtuosismi tecnici, è un poeta in un certo senso "viscerale"; tale è il trasporto con cui scrive e la forza con cui i suoi sentimenti traspaiono dai suoi versi.

Che descriva la gioia dei suoi momenti felici con Clodia/Lesbia, o che descriva l'amarezza per l'abbandono di lei, o che descriva l'insostenibile contraddizione di amare una donna che pure odia, o che esprima il disprezzo furibondo con cui si scaglia contro i nuovi amanti della donna, Catullo c'è sempre dentro con tutto se stesso, con genuina veemenza.

Ma con il celebre carme del passero, no, il caro Catullo non mi frega. Non ho certo l'autorità per ribaltare secoli e secoli di critica catulliana. Nel mio piccolo, però, sono perfettamente in grado di riconoscere la poesia scritta per "acchiappare". Sarà anche la lunga frequentazione di ISR dove di esempi del genere me ne capitano sotto il naso tutti i giorni. Non che io sia quello senza peccato che scaglia la prima pietra. Anzi, da questo punto di vista potrei essere il peggior peccatore. "
Pessimus omnium poeta". A maggior ragione, però, sono in grado di smascherare l'illustre predecessore.

Per questo ho voluto aggiungere alla mia reinterpretazione, volutamente ampollosa e sdolcinata, la terzina finale epigrammatica in romanesco che illustra il vero pensiero (secondo me) del poeta mentre scrive.

Intanto mi immagino come possano essere andate le cose, oltre duemila anni fa...


-------------
Roma. Circa 60/65 a.C.

"...E questo, Clodia," disse Allio presentandolo "è Valerio Catullo, di Verona... un poeta..."

Clodia guardò con divertito interesse il giovane che stava biascicando un timido "Ave". Si vedeva lontano un miglio che il ragazzo, un ricco rampollo di provincia appena giunto nell'Urbe, non era a suo agio nell'atmosfera di quel ricevimento mondano...

Sfoderò il suo sorriso più affascinante e cinguettò. "Un poeta? Ma davvero? Ooooh... io ADORO la poesia..."

"Ed è anche uno dei più bravi, sai?" insistette l'anfitrione. Catullo taceva, impalato, il suo sguardo perso nei maliziosi occhi scuri della maliarda.

"Ooooh! Ma davvero?" ripetè lei. "Bene, spero che tu mi faccia presto leggere qualcosa di tuo, carissimo Fabullo..."

"Ehm... C-Cat-Catullo..."

"Ora mio caro devi proprio scusarmi, ma il nostro Allio vuole assolutamente presentarmi gli altri suoi ospiti... ufff, che noia insopportabile... spero di rivederti presto, caro il mio Tibullo..." e si allontanò scortata dall'ospite, mormorando a quest'ultimo (ma abbastanza forte perché Catullo la sentisse) "Che ragazzo meraviglioso questo Tibullo... un poeta, dici? Ma davvero?"

Catullo rimase lì imbambolato a balbettare "C-Cat-Catullo...". Stregato per la vita.

Cercò per tutta la sera di riparlare con lei, ma Clodia, sempre circondata da un nutrito codazzo di corteggiatori, era assolutamente inavvicinabile. Riuscì tuttavia a catturare qualche suo sguardo di fuoco e qualche suo sorriso smagliante. Erano gli stessi sguardi e sorrisi che Clodia stava sapientemente distribuendo a tutti i suoi numerosi pretendenti, ma sull'animo del giovane poeta ebbero effetti devastanti.

Dopo la festa, Catullo tornò nella stanza dove si era sistemato, abbastanza spartana rispetto alle lussuose ville patrizie cui era abituato, ma anche vantaggiosamente vicina al centro di Roma, nel cuore pulsante della vita politica, artistica, e mondana della capitale.

La testa e il cuore in subbuglio, si avventò sulle tavolette incerate su cui componeva. E' fatta, pensava dentro di sé. Clodia sarà mia. Le piaccio... Lo ha detto no? L'ho sentita benissimo... e poi le piace la poesia. Mi invita a nozze! Ora le scrivo un carme, un capolavoro, tutto per lei. Non so se sono il più bravo ma certo me la cavo benino, non come quel Suffèno...

Due ore dopo, ormai a notte fonda, Catullo era disperato. E anche stanco, assonnato, e con gli occhi indolenziti dallo sforzo di scrivere alla luce delle torce. Intorno a se tavolette piene di distici elegiaci, di falecii, di endecasillabi, tutti scartati. L'unico componimento che gli sembrava decente era troppo maledettamente ricalcato su un'elegia di Callimaco. "E se conosce il greco? Che figura ci faccio?"

Stava per mollare, quando un'ideuzza cominciò a formarglisi in mente. Man mano che la rimasticava gli sembrava sempre migliore. Ma sì... in fondo è banale tessere le lodi di lei... o parlare della propria passione. Così è molto più paraculo! La prendo alla larga... la colpisco nei suoi amori... mi hanno detto che ha il vezzo di giocare col passerotto... e io scrivo una poesia dedicata al passerotto! Mitico!

Il primo verso gli si formò in mente in un attimo e lo scrisse.

"Passer, deliciae meae puellae"

Forse mi sto allargando con questo "mia"... Va beh... è un modo di dire... una specie di dativo etico...

Andò avanti a descrivere i giochi della "puella" col passer.

"Cum desiderio meo nitenti"

Cavolo qui mi sbilancio, forse. Beh, un pochino... E poi ci sta un minimo di adulazione, suvvia. Tra l'altro è molto elegante, senza sbrodolare. Senti come suona bene: "desiderio meo nitenti". Troppo bello!

Ecco, ora la dipingo come una donna afflitta dai mali d'amore. Probabilmente non è il tipo, da quello che mi dicono. Ma proprio qui è il trucco. Tutti pensano che sia una mangiauomini e io invece... zac! mi distinguo dagli altri proprio perchè do a vedere di saper cogliere questa sua intima fragilità (ma non ci credo nemmeno se la vedo!).

E poi ci infilo i MIEI dolori d'amore. Così creo una specie di complicità... "et tristi animi levare curas"... perfetto!

Catullo si sdariò finalmente sul letto, continuando all'infinito ripetere nella sua mente i versi appena scritti, sempre più compiaciuto del risultato. Un grande carme, un grandissimo carme.

Il suo sonno fu agitato da un curioso incubo. Un futuro lontano, dove i poeti potevano trasmettersi a distanza le loro creazioni, e dove decine di catulli (e di suffèni...) si agitavano per contendersi a colpi di versi le attenzioni di qualche improbabile "Clodia virtuale"...

L'indomani si svegliò, con un gran mal di testa e una voglia pazza di postare ("oh no, qull'incubo mi ha sconvolto!")... di far leggere la poesia a Clodia.

firma.gif (3521 bytes)

Per finire, a tutte le Lesbie del terzo millennio:

DELIZIA DELLA MIA FANCIULLA

O diletto piccì multimediale
Dove, davanti al video e alla tastiera,
La mia fanciulla rècasi ogni sera
A dar conforto e gioia al suo morale

Scrive racconti a tema sessuale
Compone versi di poesia sincera
Invia i messaggi suoi all'Italia intera
Fa chat con qualche amico virtuale

Così impegnata, lei passa le ore
Finché il tormento suo non l'abbandoni
E trovi pace il fuoco del suo ardore

Oh, avessi anch'io rimedi così buoni
Per placare la fame ed il turgore
Che mi gonfia la patta dei calzoni

 

firma.gif (3521 bytes)

Home Page

barra.gif (1046 byte)
Per scrivere a Xlater: xlater@hotmail.com
Oppure utilizzate il Guestbook

key1743.jpg (28694 byte)