ER MATRIMOGNO DE LO ZZIO DER COLLA - PARTE 3
barra.gif (1046 byte)
eyes1743.jpg (2382 bytes)

dot_.gif (42 byte)
Per la serie Racconti Coatti - Le avventure der Campana

barra.gif (1046 byte)
Er matrimogno de lo zzio der Colla (Parte Terza)

Parte terza

"DI-SCO-RZO! DI-SCO-RZO! DI-SCO-RZO!"

Fu er Bufera, cor suo vocione possente, a propone 'sta variazione ai continui cori "Ba-cio! Ba-cio!" che periodicamente se levavano da la sala der banchetto del ristorante "Ar Talamo de Poppea - tutto a la bbrace" in via Appia Fregnacelli. 

Erano già quattro ore e tre quarti che stavamo a magna' senza fermasse mai.

Avevamo cominciato co' un misto de salumi: prosciutto, prosciuttella, salame, salamella, lonza, coppa, sarsiccette de cinghiale; poi verdure grigliate, carciofini sott'ojo, facioli cor tonno, ciglieggine de mozzarella de bbufala, bruschette all'ajo cor pommodoro o senza, carciofoli a la ggiudìa, funghi trifolati, melanzane a la parmiggiana, invortini co la mortadella, pommodori cor riso, vitello tonnato, insalata russa, insalata de pollo, insalata de mare, sutè de cozze e de vongole, sarmone allesso e affumicato, baccalà fritto, carciofi fritti, broccoletti fritti, fiori de zucchina fritti, olive ascolane fritte, patate fritte, supplì de riso fritti, zampone co' le lenticchie, cotechino coi ceci, porpette ar sugo e in bianco, trippa in umido e frittata de cipolle.

Doppo l'antipasto, amo attaccato co' li primi. Tutti assaggini però. Nun più de un tre etti a testa. Magnassimo agnolotti co' panna funghi piselli e peperoni, pappardelle ar sugo de lepre, rigatoni co' la pajata, maccheroni cor sugo de coda, vermicelli a la carbonara, bucatini a la matriciana, fusilli a la puttanesca, timballo ar forno, spaghetti cozze pecorino e pepe, linguine a lo scojo, risotto a la pescatora, fettuccine ajo oio e funghi porcini. Poi, tanto pe' arifasse la bocca, una scodellaccia de pasta e facioli co'lo cotiche de maiale.

De carne ce portorno pollo arosto, tacchino ripieno, conijo a la cacciatora, capretto ar forno, abbacchio ar forno, abbacchio a scottadito, costarelle d'abbacchio, arosto de vitello, sarsicce a la brace, lombate de maiale, coratella coi carciofi. Poi, prima der pesce, co' un tocco de classe e de origginalità, ce portorno 'na specie de sorbetto ar limone. E poi daje co' orate, spigole, trote, pesce spada, grijate miste, fritti misti. Poi arrivarono i formaggi: auricchio, caciocavallo, burrata de Minturno, caciotte varie, ricotta ar sale, provolone dorce, provolone piccante, mozzarella de Teracina. Pe' contorno, patate ar forno, insalate, facioli, ramoracce, broccoli, piselli co' a pancetta, fave lesse, cicoria ripassata in padella, spinaci all'agro, e via cantando... 

Er tutto affogato da vino bbianco dei Castelli e vino rosso de Orvieto, comme se piovesse.

Insomma 'na cosa giusta, discreta, fine, senza esaggera'. E mentre che se magnavamo un piatto o un antro, c'era sempra quarcuno che srillava "Evviva 'i sposi!" "Evviva 'a sposa!" "Evviva 'o sposo!" "Ba-cio! Ba-cio! Ba-cio!"

In quer momento li cammerieri avevano appena portato er dorce nuzziale, una cosa enorme a forma de core, tutta glassata de rosa, co' scritto "Moira e Agusto per sempre" e sopra l'immancabbile statuetta dei du' sposini. Er sor Agusto stava pe' pià er cortello pe taja' la fetta, quanno er Bufera cominciò a urlà "Di-sco-rzo! Di-sco-rzo! Di-sco-rzo! Di-sco-rzo!"

Er resto dei commensali sembrò esse d'accordo e se unì ar coro. Subbito se misero tutti a urlà "Di-sco-rzo! Di-sco-rzo! Di-sco-rzo! Di-sco-rzo!"

Er Bufera era contento come un regazzino... ma poi lo vidi azzittisse de botto e spalanca' l'occhi.

"Anvedi, oh! Ma che è pazzo? Ma che er discorzo mo lo fa davero?"

Me girai. Er sor Agusto stava a fa "bboni! bboni!" Tutti urlaveno e fischiaveno entusiasti... poi piano piano er clamore s'abbassò, er sor Agusto se schiarì la voce e incominciò a parla'.

"Grazzie. Grazzie. Ve devo propio da aringrazziare. Sete tutti così simpatici..."

Applauso. E 'r bufera che chiosò sottovoce "Quanno je paghi da magna' so' tutti simpatici..."

Poi la voce der Sor Agusto prese come n'intonazzione lirica...

"Io so' uno che pe' tutta la vita ha sempre lavorato tuttiggiorni, da la matina a la sera..."

"... e la notte annavi a rubba' le machine" aggiunse er Bufera, che commentava sottovoce ogni frase der sor Agusto.

"Da quanno che morì Angelina mia, che io ero ancora giovine, non ho più penzato all'amore..."

"... solo pippe e mignotte..."

"Poi, a un'eta nun più giovane, er destino m'ha fatto 'sto scherzo strano de famme incontra' 'sto fiore de giovinezza, 'sta regazza che se chiama Moira..."

"Nemmeno te lo sogni che scherzo strano che t'ha fatto..."

"...che m'aridato la gioia de vivere e de amare. Allora ve vojo da dire a tutti, date retta a zi' Agusto vostro, che l'amore è la cosa più bella de tutta la vita..." E qui fu interotto da 'no scrosciate applauso.

"Pure la fregna è 'na cosa bella..." commentò er Bufera "...quanno nun se la scopano i somari..."

"Però, me dispiace pe' voi, ma una donna così bella e così pura come Moira mia..."

"Alla faccia der cazzo de la purezza..."

"...nun la trovate! Nun ce ne stanno anltre! Ve dovete d'accontenta' de quelle che rimangheno..."

"E già... perché de la zoccola se crede d'avecce l'esclusiva..."

Intanto s'era scatenato n'antro applauso. Moira arrossi' pudicamente, e abbassò timida lo sguardo, mentre er Sor Agusto la guardava commosso. Puntuale salì arto er coro "Ba-cio! Ba-cio! Ba-cio!" e lo zzio der Colla se chinò a da' un tenero bacio su le labbrone a ventosa de Moira.

Subbito doppo der discorzo, li cammerieri distribuirono er dorce, e tutti ricominciassimo a magna'. Intanto er sor Agusto e Moira staveno a gira' pe' li tavoli a parla' coll'invitati. Era ora de entra' in azzione.

"Ragazzi... io vado!"

"Daje Campa', che è er momento giusto..."

"Ahò" je feci, "me raccomando li tempi. So' er dettajo fondamentale..."

"Stai tranquillo, Campa'!"

Facendo finta de gnente me arzai e, co 'na mezza specie de slalomme in mezzo a li tavoli, me avvicinai a Moira. Appena me vide fece subbito un gran sorriso da troia. "Comme va? Tutto bbene?" me chiese.

"Benissimo!" J'arisposi... "Solo che... nun me sapresti di' andò sta er bagno?"

"Ah... certo! Guarda... sta subbito dietro a quer coridoio..."

La guardai n'attimo ne le palle dell'occhi, e poi co' un tono distaccato je feci "Nun è che me potresti accompagna'... Sai... Nun sia mai me perdo... Nun so' morto pratico..."

Lei me ricambiò lo sguardo. Esitò un attimo. "Eh, ma... nun so se... nun me pare... insomma... proprio mò..." Io continuavo a fissalla. Se guardò un attimo intorno, poi disse sottovoce... "Vabbè... annamo..."

Me precedette, e io la seguii senza da' nell'occhio. Appena fummo fori da la vista della sala la acchiappai pe' un braccio e la dirottai. "Viè co' mme!"

"Ma 'ndo vai? Li bagni stanno dellà..."

"Sì, ma deqquà stamo più commodi e più tranquilli..."

Nun fece resistenza. Imboccai 'na specie de sgabbuzzino pieno de casse de bottije vote. Conoscevo bene quer ristorante e sapevo quello che facevo. Da regazzino c'avevo lavorato comme cammeriere, pe' arzà quarche lira.

Me chiusi la porta a le spalle.

"Mbé? E mò che voi fa' Campa'? Ma che te sei impazzito?"

Me l'aspettavo. Le donne devono sempre fa' un po' la parte de le strane, sinnò nun so' contente.

Andai subbito ar sodo. Me aprii la cerniera e lo tirai fori. "Me sembrava che eri interessata... volevo solo fattelo vede'...". Era già abbastanza dritto. Lei ce mise subbito l'occhi sopra e je scappo' un sospiro.

Fece un ber soriso. "Tu sei matto, hai proprio scapocciato..." però nun smetteva da cioccamme er bastone. "Ma che voi fa'... qui ar ristorante... c'ho pure er vestito da sposa... magari n'antra vorta..."

"Quanno te pare, cocca. Senza comprimenti. Ma intanto te lo volevo fa' vede... che ne penzi?"

"Un bell'esemplare..." aveva la voce un po' roca. Tutta sospirosa. Se stava a eccità...

"Me sa che n'hai visti parecchi..."

"Oddio... parecchi... Dimo 'na cosa giusta..." Stava pe' crolla'. Bastava 'na spintarella...

"Però ancora nun sta ar massimo... perché nun me ce dai na carezzina...?"

"Mmmm... e perché no?"

Allungò la destra e me lo cominciò a carezza', facendo score su e ggiù la pelle. Mò ce l'avevo proprio bello tosto. La afferai pe' na spalla e la spinsi verso un cartone de bottije de acqua minerale.

"Mettete a sede, che stai più commoda..."

Se sedette senza protestà e riprese a carezzallo co' tutte e ddue le mani. Io je stavo in piedi davanti, e je lo avvicinavo a du' centimetri da la faccia. Ce sarebbe arrivata da sola, ma dovevo da strigne i tempi...

"Dai pupa, apri la bocca..."

Come ipnotizzata spalanco' le labbra e se fionnò avanti co' la testa. Mezzo cazzo bono (e ner mio caso se tratta de parecchia robba) je spari' tra le fauci. Fece un mugolio e me comincio' a pompa' de gran gusto. Dio, che bocca... e quanto ce sapeva fa'... N'ho provate de pompinare in vita mia ma quer mezzo bocchino che me fece Moira quer giorno....

Eh, già... mezzo bocchino solo! Perché pure si ero tentato de falla anda' avanti fino a la fine, dovevo da seguì er piano. Je lo tolsi da la bocca e je dissi "Arzete!"

Quanno se arzò la feci girà e la piegai in avanti su 'na pila de casse de Bira Peroni. Je arzai la vesta. C'aveva le carze bianche cor reggicarze e un par de mutandine bianche trasparenti che erano le sette bellezze. Quanno una è troia, è troia sempre. Er cavallo de le mutandine era bagnato. Nun me sbajavo: la zoccola era super arrapata. Je le tirai giù fino ar ginocchio. Durante 'ste manovre lei nun se opponeva. Ar più mandava tutta 'na serie de versi, che erano 'na via de mezzo tra la protesta e l'incoraggiamento.

Je infilai du dita ne la fregna da deddietro. Entrarono comme er burro. Era pronta... morto de più che pronta! Le mutande je erano scivolate fino ai piedi. Allora la presi pe' i fianchi, je feci slargà mejo le gambe spostandoje un piede de lato, e me la tirai verso de me, verso er batocco tostissimo e fremente. Entrai fino in fondo co' 'na botta sola. Mandò un breve urletto acuto.

"Fai piano, scema! Se no ce sentono!"

"E 'sti cazzi..." borbottò lei. Ormai era partita. Cominciai a sbattemela co' 'na certa foga. A occhio e croce era er momento giusto...

Anfatti! Puntuali come 'no svuocce arrivarono piano piano er Bufera, er Candela e Zagabbria. Moira nemmanco se n'accorse. Armeno finché nun se n'usci er Bufera, cor solito vocione.

"A Campa'... ma 'sto gioco se deve fa pe' forza in due, o potemo gioca' pure noi?"

"Pe' me 'n ce so probblemi" risposi. "Però sentimo che ne pensa 'a sposa..."

Moira se girò, ma nun disse gnente. Fece solo na spece de "Oooohhhh!", quanno s'accorse de quello che l'aspettava.

"Voi che dite?" disse Zagabbria. "A me me pare che era un sì..." Doveva esse bello ingrifato perché nun zagajava pe' gnente. "Pure pe' me!" Disse er Candela co' l'occhi de fora.

"Me sa che c'avete raggione" feci io. Allora, senza tirallo fori, me la tirai in piedi verso de me, ce girammo insieme de centottanta gradi e me misi a sede su le cassette. Lei me stava seduta sopra e se moveva su e giù sur cazzo mio, senza nessun ritegno.

Er primo a movese fu er Bufera. Se tiro' giù i carzoni e cacciò fori l'arnese, nun lunghissimo ma bello largo... pareva na lattina de cocacola. Se avvicinò a noi, poi prese Moira pe' la nuca e se la impalò de bocca sur cazzo. Lei fece 'no squittìo de protesta, ma subbito cominciò a pompa'.

Io ridevo. "A Bufe'... certo che sei proprio villano... ma che se fa' così?"

Me guardò serio. "E' vvero... c'hai raggione..."

Allora afferrò Moira per i capelli e se la stacco' dar cazzo. Poi guardandola, molto cerimoniosamente, je fece "Pe' ppiacere!" E se la risbattè a bocca spalancata sulla cappella. Moira sembrava ancora più eccitata da 'sti trattamenti brutali, perché riprese ad aggitasse sur cazzo mio e a sbocchina' er Bufera ancora co' più entusiasmo.

"Lo vedi Bufe'? Co' le bone magnere se ottiene tutto..."

"Eh... Ce lo so... ma io nun so' un amante raffinato comme te..."

Intanto s'era avvicinato Zagabbria. Ciaveva er cazzo tarmente tosto (e 'na bella sleppa pure lui), che sembrava che je pulsasse. Comme se quando smetteva de zagaja' co' le parole cominciava a zagaja' co l'ucello.

Moira lo prese in mano e comincio' a arterna' le pompate de bocca da un cazzo a un antro, un po' per uno, continuando a fa' su e giù cor culo su tutta la lunghezza der cazzo mio.

Guardai er Candela. Stava ancora in mutanne... esitava...

"A Cande'! Che aspetti? Che fai la fila? Mica stamo a l'ufficio postale..."

"Arivo... arivo..."

Se calò le mutande e tirò fori n'affarino minuscolo, pe' quanto bello tosto pure lui...

"A Cande'!" Je feci. "Embè? Tutto là quello che c'hai?" Incuriositi, pure er Bufera e Zagabbria se ggirarono.

"Ma no... che scherzi?" rispose er Candela imbarazzatissimo... "Aspetta... mò ve faccio vede'..." e prese a spippettasselo come un matto. Ma era evidente che quer cazzo più de così nun cresceva.

Ero sorpreso. M'era sempre sembrato che er Candela c'aveva un pacco notevole sotto la patta de li carzoni. Poi l'occhi me cascarono su un mega batuffolo d'ovatta, ciancicato e sudaticcio, che stava sur pavimento, nun troppo lontano dar Candela, e che spiegava morte cose...

Intento er Candela provava a eccitasse co' le parole. "Mò la sfonno, a 'sta zoccola!" Me er cazzo rimaneva 'na mezza tacca.

Allora Zagabbria se ne uscì "Daje... Candeletta!"

Fu un battesimo. Da allora pe' tutti l'amico nostro divenne "Er Candeletta"... anche se solo noi sapemo er perché. La discrezzione è la prima cosa.

Intanto io ero arrivato. Strizzai le zinne de Moira e ululai "Vengo... vengo... cazzo se vengo...". Moirà dichiarò a quei due microfoni che c'aveva davanti a la bocca "Io pure... oooohhh... ddio che batocco!"

Appena er tempo de riprendese e er Candeletta prese orgojosamente er controllo de la situazzione. Fece arza' Moira, la girò, la fece china contro er muro e je disse "Mò te spacco in due!"

Poro Candeletta! Moira era già abbastanza capiente de fregna... poi in quer momento era appena stata slargata da me e era piena de sbora mia. Fu comme sfonna' na porta aperta: sprofonnò subito drento a quer pozzo, senza nessun effetto, margrado cercasse de agitasse come un toro infuriato.

"Ahò" fece Moira. "Io nun sento gnente..."

"Zoccola!" sibilò er Candeletta disperato. "Allora te lo butto ar culo!!"

Moira nun ebbe pietà. "Che me voi mette la suppostina? Ma che sei? Un antibbiotico? Mica c'ho er mar de gola... Perchè nun te levi da le palle e lasci fa' l'amichi tua?"

Er Candeletta, distrutto, lasciò er campo ar Bufera e a Zagabbria, che non fecero commenti. Er Bufera se sdraiò pe' terra, pure si quer pavimento nun era pulitissimo. Moira je montò sopra a smorzacandela, piegandose in avanti pe' lascià la strada ar secondo canale. Zagabbria pronto se inginocchiò e je appizzò co' un par de botte quela sua sleppa fremente drento ar culo. Moira stava a godè come 'na matta. "Siiiii... due inzieme.... quanto me piace... daje... fatemeli senti' 'sti du' cazzoni..."

Er Candeletta ebbe un ultimo sussurto de orgojo maschile. Je se avvicinò a la faccia smanettandose er cazzetto e urlò "Te schizzo in faccia, troia!".

"Ma vatte a spreme quer brufolo da un antra parte..."

Fu la fine. Er Candeletta a forza de spippettasse se ne venne sur parmo de la mano sinistra e se ritirò tutto ingrugnito. Intanto io me gustavo la scena de quella doppia incarcata bilaterale, co' Moira che se aggitava comme se quei cazzi fossero incandescenti.

A un certo punto se spalancò la porta. Entrò un cammeriere giovane giovane, c'avrà avuto diciassett'anni. Se piantò lì co' l'occhi de fori e esclamò "Porcozzio... se stanno a sbatte la sposa..."

Là de fori passava una delle invitate, Barbera, n'amica de Moira... un ber pezzo de fica, co' un vestitino verde corto tutto attillato. Entrò e rimase allibita pure lei a guardasse la scena. "Gesù... Gesù... anvedi che sta a succede..." Dopo quarche attimo cominciò a ansima' e cominciò a carezzasse addosso... "Dio, che libbidine che me sta a venì..."
Diede un'occhiata ar cammerierino, che stava lì bloccato e nun sapeva che pesci pija' e je disse "Vie' 'n po' qqua, tu!"
Je mise una mano sur pacco, je oprì la cerniera e je lo tirò fori. Senza 'na parola se inginocchio e je lo cominciò a lecca'. Er pischello nun ce se raccapezzava, ma era contentissimo...

La porta intanto era sempre aperta, e dopo un po' arrivò er ragazzo de Barbera. "Che cazzo sta a succede qua?" Poi vide Barbera, in ginocchio in piena adorazione der bastone der regazzino. Cominciò a urla: "Brutta troia bocchinara! Così fai? Allora io lo vado a mette ar culo a tu' sorella Inese, che è tutto er pranzo che me lo sta a smucinà cor piede sotto ar tavolo!" E se ne andò deciso come un kamikazze. Presto cominciarono a sentisse strani rumori da la sala da pranzo... urla, grugniti, urletti femminili...

"Ragazzi, vedete da sbrigavve, che qua la bomba è scoppiata..."

"Ho quasi fatto..." borbottò ansimante er Bufera. "Puro io" confermo er Zagabbria, accelerando li colpi. Moira se lamentò "Nooo... perché volete finì... era così bello...."

Barbera e 'r cammeriere intanto avevano scambiato posizzione... mò era lui in ginocchio e lei in piedi. Nun credo che er pupo c'aveva grande esperienza de' leccate de fica, ma tanto lui se limitava a stassene lì co' mezzo parmo de lingua fori da la bocca, mentre Barbera lo teneva co du' mani pe' le recchie e je strusciava la fica su tutta la faccia.

Er Bufera cacciò un grugnito suino e se ne venne nell'utero de Moira. Er colla diede un paio de sussurti e je innaffiò a la grande l'intestini. Ma proprio in quer momento entrò er Sor Agusto.

"Ahò... ma che state a ffa'? Ma che cazzo sta a succede? Nun ce sto a capì un cazzo..."

Moira se sfilo da quei cazzi come un lampo... guardò er marito e scoppiò in lacrime... "Oh Agustino mio... io nun volevo... sti delinquenti m'hanno..."
"T'hanno...? Che t'hanno fatto zoccola? Dillo, quello che t'hanno fatto!"

Stavo pe' spiegaje la storia, ma subbito, a le sue spalle, arrivò er Colla, che sapeva tutto. "A zzi', lascela perde... è solo 'na gran mignotta..." In due parole je spiegò la situazzione. Poro Sor Agusto... nun ce voleva crede... nun credeva nemmeno all'occhi sua.

"E' vera 'sta storia dei firme zozzi?"

Moira era disperata... "Nun è vero... è na fregnaccia... la ggente è 'nvidiosa der nostro amore... portame via, Agustino, portame via..."
Er sor Agusto era incerto.

"Zagabbria" chiese er Colla, "te dispiace se portamo mi zzio a vede' quele cassette a casa tua? Così se convince der tutto..."

"Q-q-q-quanno t-te pa-p-pare!"

E così ce avviammo, ignorando le lacrime de Moira. Barbera intanto se ne stava stesa pe' terra a cosce spalancate e 'r pivello je stava sopra a contorcese. Scopavano proprio comme se stavano da soli. Prima de annammene me avvicinai a quei due. Appoggiai 'na mano su la spalla der cammeriere. Lui se ggirò tutto spaventato, come se je volessi arovina' la festa.

Je feci: "Dimme un po'... ma tu è la prima vorta che scopi?"

"Veramente... sì..." disse lui.

"E se vede! Fatte da un consijo... Nun te devi da agita così a casaccio, sinnò vieni subbito e lei ce sente poco... devi da da' dei bei corpi ritmati... pe' tutta la lunghezza der cazzo... drento e fori, a tempo..." e intanto mimavo er movimento pe' famme capì.

"Così?" chiese lui che provava a adeguasse

"Bravo.... così è morto mejo..." e a conferma anche Barbera cacciò un sospiro de soddisfazzione.

"La sento mejo pure io" me disse. "Che gran fica... grazzie Campana! Sei 'n amico"

"Grazzie Campa'!" aggiunse Barbera a occhi chiusi.

"Dovere!" risposi. "Bisogna da aiutalle a le giovani generazzioni!"

Uscimmo da quelo sgabbuzzino e, pe' usci' da'r ristorante, dovessimo da passa' pe' la sala da pranzo. Na scena da paura. S'era scatenata un'orgia collettiva: donne, omini, gioveni e anziani, stavano tutti a fa' robba, pe' ttera, su le ssedie, sui tavoli... In mezzo ce staveno pure li cammerieri. Da' na parte 'na signora che se stava a fa' inchiappettà da un giovenotto mentre che lo succhiava a un cammeriere, da n'antra parte 'na madre e una fija che se liticavano er batocco de un tizzio a corpi de lingua, da n'antra parte due sorchette che stavano a lesbica', una co' la testa tra le cosce dell'antra che stava seduta sur tavolo. Dappettutto cazzi, fregne e zinne ar vento.

Però, ce feci caso, nessuno sembrava che se stava a diverti'... sembrava quasi che lo facevano co' rabbia, comme se se scopassero l'uno co' l'antro pe' dispetto. L'unico che se la stava veramente a gode' era pure l'unico che nun stava a fa' porcate. Un cammeriere grasso, coi capelli rossicci, mezzo pelato, che se stava a raccatta' l'avanzi dai piatti e se magnava tutto quello che trovava. C'aveva la capoccia tutta sudata e tra un mozzico e l'antro nun faceva che aripete a bocca piena "Bbono.... bbono... è tutto bbono!"

Fuori dar ristorante, er Colla montò subbito insieme a lo zzio su la macchina de li sposi, che stava proprio all'entrata der Ristorante.

"Annate avanti voi" je feci "che io c'ho la machina parcheggiata de dietro... se vedemo sotto casa de Zagabbria... tanto lo sai andove sta, no?"

"Certo! Piazza Stamazza... angolo via La Gnocca..."

Er Colla partì subbito. Noi quattro montammo su la macchina mia, cor Candeletta davanti a fianco a me, e Bufera e Zagabbria de dietro. Ma proprio mentre stavamo pe' partì ce sonò 'na Panda celestina. Era Don V'incenso, er prete de la cerimogna.

"Ehi voi! Regazzi!"

"Sarve Padre" je dissi dar finestrino. "Sia lodato ggesuccristo!"

"Sempre sia lodato... ma 'ndo state a anna'? Ma che già avete finito? Ero venuto a da' la benedizzione a li sposi... "

Er Bufera da dietro aggiunse piano "E a scrocca' er pranzo..."

"No padre... anzi... la festa è appena incominciata... vada pure, vada, che noi tornamo subbito!"

"Arrivederci allora... e che ddio ve benedica!"

"... e ce porti tanta fica!" chiosò da dietro er solito Bufera...

Partimmo così verso casa de Zagabbria a piazza Stamazza. In machina però c'era n'atmosfera de un certo imbarazzo. Er Candeletta era un po' aggitato. Ogni tanto pareva che stava a di' quarcosa, invece poi nun diceva gnente.

Poi alla fine se decise.

"La corpa è pure de quella smandrappata che se pìa li cazzi de le bbestie!..."

Nessuno rispose, noi antri tre guardavamo davanti senza n'espressione.

"E comunque guardate che le dimensioni der cazzo nun so' importanti..."

Nessuno rispose.

"Ve ggiuro. Lo dicheno tutti..."

Er Bufera da dietro borbottò. "Sì... tutti. Tutti quelli che c'hanno er cazzo piccolo..."

Er Candeletta finse di ignorarlo.

"Sto a di' sur serio. Se leggete in giro..."

Tutti e tre, cercammo de tranquillizzallo "Sì, Candele', ci hai raggione, come no..."

"Anzi lo sapete che vve dico? Secondo me la donna... si l'omo c'ha un cazzo piccolo... ce gode pure de più!"

"Ma davero, Candele'?"

"Sì! Perché 'na donna, un cazzo piccolo se lo deve..." e qui cominciò a fa' na specie de movimento de ondulazzione der bacino "se lo deve cerca'... se lo deve sentì... se deve concentra' de più!"

Da lo specchietto guardavo le facce incredule der Bufera e de Zagabbria. Pe' daje corda Zagabbria je fece "Ma sì, C-c-candele'. P-pò esse. Ab-b-b-basta p-però che si-sia bello to-tosto!"

"Ma puro de questo mica so' sicuro. Pe' me 'na donna ce gode de più pure si er cazzo è un po' molliccio." E ricominciò a ondeggia' er bacino "Perchè pe' sentillo se lo deve cerca', se deve move, deve sta più concentrata..."

"Sai che te dico Candele'?" feci io, fingendome serio. "Che pe' me la donna gode ancora de più se nu je lo metti pe' gnente." E scimmiottando lo stesso agitasse de bacino aggiunsi. "Così se lo deve cerca', se lo deve senti', se deve concentra', se lo deve immagina'..."

Zagabbria e 'r Bufera se staveno a taja' da le risate. Er Candeletta invece se era incazzato. Mormoro un vaffanculo, se ingrugnò e nun parlò più.

Ne la macchina era tornato er silenzio... pe' un po' stessimo tutti zitti... poi io cominciai a fischia' comme 'na sambetta che nun c'entrava un cazzo. E poi presi a canta' sottovoce. "Candelè... Candelà... faccelo vedè... faccelo toccà..." Scoppiarono, tutti a ride, compreso er Candeletta che aggiunse "A Campà sei sempre er solito..."

Tutti e tre se unirono ar coro, compreso er Candeletta, e cominciassimo tutti a canta' urlanno "Candelè... Candelà... faccelo vedè... faccelo toccà..." e a ride comme matti.
E' questo er bello tra de noi. Che ce se pija per culo, sempre e comunque. Però a la fine semo sempre amici.

Accesi lo sterio ar massimo, e misi un grande classico de la musica fanchi dell'anni settanta: "Sexxe mascinne" de Giecsonn Braun. E de novo tutti a cantà in coro, facenno su e ggiù co la testa a ritmo, coi finestrini aperti e la musica appalla.

"GHINOPPA GHIRULE'
GHINOPPA GHIRULE'
GHINOPPA GHIRULE'
GHINOPPA GHIRULE'
ER SECCHIO D'A MMONNEZZA
AMMAZZA QUANTO PUZZA"

* * * * *

Er televisore de Zagabbria stava a mostra' li titoli de coda der firme "Selvaggia 2: la mia Afica". Ancora c'avevamo nell'occhi l'urtima scena, co' Moira appecoronata che se faceva ingroppa' da la zzebbra. Sparse in giro c'erano armeno un'antra decina de cassette co le performance de Moira: o direttamente, o comme controfigura prestaculo, dove nun se vedeva la faccia, ma c'era la voja de cazzo su la chiappa a smascheralla.

Er poro sor Agusto era pallido e guardava ner voto. Parlò co' 'na voce quasi indifferente.

"Ma lo sapete che io nemmanco me la so' riuscita mai a scopa'?"

"A sor Agu'... ma che ce stai a cojona'?"

"Nun voleva... diceva che se voleva serba' pe' doppo er matrimogno... io je lo dicevo che ero anziano... che nun c'avevo più tante cartucce da spara'... che quanno c'avevo voja dovevo sfrutta' l'occasione... ma lei, ddio!, comme se 'ncazzava... diceva che lei era 'na regazza per bene...
'Na vorta, a forza de insiste, so' riuscito a famme fa' 'na pugnetta... le scene che ha fatto... la sera me s'è messa a piagne ar telefono... dice che me voleva lascia'... e io j'ho pure dovuto compra' un braccialetto pe' famme perdona'..."

"Che mignotta..." sintetizzò er Bufera.

A 'sto punto er sor Agusto se arzo' in piedi... "Ragazzi... io ve devo da ringrazzia'... si nun era pe' voi, ma ve l'immagginate che fine che facevo? Anzi, aspettate..."

E qui fece un gesto de grande signorilità... prese er portafojo e c'ammollo cinquanta sacchi per uno. Quanno arrivò a me però aveva finito le carte da cinquanta... Me ne stava pe' ammolla' una da cento... "No grazzie" feci io "Tanto già te l'avanzavo da stammattina..."

"Bravo Campana... sei simpatico e pure onesto..."

"Armeno co' l'amici..."

Se girò verso er Colla "Accompagneme a casa Mauri'... che oggi è stata 'na giornataccia..."

Così se incamminarono verso l'uscita. Poi er sor Agusto esitò... tornò indietro e prese in mano la custodia de la cassetta "Selvaggia 2: La mia Afica". Guardò per un attimo, con un filo de commozzione, la foto de Moira che sorrideva a zinne de fori, accanto a la zebbra. Sospirò. Poi assunse 'na faccia disgustata. "Pure co' li juventini..." sibilò. "Che schifo!". E se ne andò.

* * * * *

Un par de ggiorni dopo stavo all'officina a riparà lo sterio de la machina de un amico mio. M'aveva detto "Monteme 'no sterio fico". J'avo fatto n'impianto co' 200 Vatte pe li tuìter davanti, 500 Vatte pe li medi davanti, 1000 Vatte pe li vufer davanti, 350 Vatte pe' li tuìter dietro, 1200 Vatte pe' li medi dietro, 5000 Vatte pe li vufer dietro, 28000 Vatte pe'r subbevufer. Nun so però de preciso quanto assorbivano 'e luci strobboscopiche.

Me l'aveva riportata perché dice che je se scaricava 'a batteria appena che accenneva 'a radio. Stavo a cerca' de capi'. Me pareva strano...

Insomma stavo là a armeggià cor tester, quanno sento na voce che me chiama...

"Santi, scusa... ca sai tu ar Campana?"

Me ggirai. Sull'entrata dell'officina c'erano du' sorchette pe' gnente male, 'na moretta e 'na biondina. Era 'a moretta che aveva parlato. C'aveva 'na parlata un po' da tozza, e poi ciancicava 'na gomma mentre parlava. Pareva che diceva tutto co' la "A"

"Ch'hai detto, scusa?"

"Ia e mi' cuggina stama a ciarca' ar Campana... Sai tu ar Campana?"

Me le gurdai mejo. Du' belle gnocche, robba fina! Nun troppo arte, secchette ma abbastanza formose, pareveno gioveni gioveni. Portaveno robba casual, gginse, camiciette, ma erano acchittate abbastanza bbene, anche co' un po' de trucco.

"Sì, so io... a che ve posso esse utile?"

"Sai tu? Bana! Bana!" (voleva dì "Bene! Bene!"... mò però lo scrivo normale sinnò 'n se capisce un cazzo... tanto ate capito come parlaveno...)

'A moretta me squadrò tutto per bene, poi se ggirò verso la bionda che me squadrò uguale, annuendo seria. Poi se guardarono, sorisero e se fecero l'occhietto una co' ll'antra.

"Noi saressimo le nipoti der sor Agusto..." Intervenne la biondina

"Le cuggine der Colla!!"

"Bravo! Propio così! Semo le cuggine de Maurizzio er Colla! Propio lui c'ha raccontato comme so' andate le cose ar matrimogno de mi' zzio..."

"'Eh... lo so... è successo 'na specie de casino..."

"La verità è che zzi' Agusto stava a fa' na gran cojonata, a sposasse quella trojetta. E' tutto merito tuo se pe' fortuna è zompato tutto..." disse la biondina.

"E noi saressimo venute pe' aringrazziatte..." aggiunse la moretta

Io me stavo pe' schermi', tipo: figurateve... dovere... nunceddeché... ma poi le guardai nell'occhi e m'accorsi che c'aveveno quell'espressione che c'hanno tante vorte le donne e che nun se la devono 'mpara' da nessuno. Boccuccie semi aperte, occhi belli fissi verso li mia, quasi co' no sguardo de' sfida. Er batocco aveva capito subbito, e aveva cominciato a 'ntostasse e a spigne contro le mutande. Su certe cose er batocco arriva sempre un attimo prima de la capoccia.

Feci, co' la voce indifferente, "Madonna che sole che vie' ggiù oggi, ahò... se schiatta dar callo... ve dispiace se tiro ggiù la saracinesca dell'officina?"

"Fai pure..."

Me sbrigai a chiude e tornai da loro, che subbito me abbraccicarono e me se cominciarono a pomicià a turno. Intanto co' le manine me parpavano curiose er pacco.

"Facce vede' st'arnese, Campa'... in giro se ne parla piuttosto bene..."

"Accommodateve..."

La moretta, sotto li sguardi interessati dell'antra cuggina, abbasso la zippe, infilò la manina, smucinò un po' coll'orlo de le mutanne, e girò le dita intorno a la mazza. Spalancò l'occhioni e sussurrò "Ansenti che tosto!"

"Daje, tirelo fori!" la incitò la bionda.

"E 'n attimo... mica è facile manovrà sta sbarra!"

Poi finalmente riuscì a sfoderallo. La biondina sembrava agitatissima. "Dio che nerchia!" "Che spada!" rispose la mora. Senza 'na parola la biondina se inginocchiò, e co' l'occhi che brilluccicavano cominciò a slinguasselo e a ciucciallo. Invece la mora, senza molla' la presa della mano sur batocco, me se riprese a pomicià...
La biondina ce dava dentro co' entusiasmo facendome sentì tutta la boccuccia... dentini compresi. Ma è da perdonalla... me sa che nun era abituata a certi diametri... la mora sur momento sembrava accontentasse de pomiciammese. Rispetto a la cuggina voleva tene' un po' più de contegno. Io però je misi 'na mano sopra la testa e la feci inginocchia' puro a lei. La bionda accolse i rinforzi con un mugolio de protesta. Se vede che lo voleva tutto pe' lei. Che ingorda, 'sta cazzo de biondina!

Comiciarono a arternasse. Una pompava, e l'artra leccava l'asta e le palle. Poi se daveno er cambio. Che goduria!

Io credo che tutti l'ommini 'na vorta ne la vita dovrebbero da prova' er bocchino a du' bocche. Dovrebbe esse un diritto sancito da la costituzzione, da la dichiarazzione de li diritti dell'omo. Nun so se è più l'idea che attizza tanto o la cosa in sé. Certo che l'idea attizza 'na cifra. E pure lo spettacolo de ste du' capoccette, una bionda e una nera, che se aggitavano intorno a la canna mia.

Dopo 'na decina de minuti de 'sto paradiso, le feci riarza'. "Mbe? Spojateve, che aspettate?"
Nun se lo fecero ripete, e mentre che io pure me tojevo li carzoni, me le ritrovai davanti tutte e due gnude. Tranne le scarpe (...e i tacchi... erano un po' gnappette tutte e due e senza i tacchi rischiava che me le perdevo...)

"Chi de noi due te voi scopà pe' prima..." chiese la mora.

"Un ber dubbio... fateme controllà mejo la merce..."

Le feci mette chinate tutte e due sur cofano de la macchina che stavo a riparà... loro subbito, bbone bbone, se piazzarono cor culo bello esposto in mostra. Ragazzi che spettacolo! N'opera d'arte. Ve giuro che me sarei accontentato de guardalle. Mbè... oddio... dimo "quasi". Feci passà un po' de tempo a rimirammele a tutte e due. Poi la mora fece "A Campa'... e allora? Te voi decide?"

"Mmmm... fammece penza' n'antro po'... però nun state ferme... smoveteli un po' 'sti culi..."

All'unisono cominciarono a smove le chiappe, a dondola' de qua e de llà... co le labbra de le fiche che se strusciavano l'una co' l'antra. A quer punto me sentii morto meno platonico. Er cazzo me stava a fa' male pe' quanto ce l'avevo tosto.

"Pupe... io attacco co' la mora... ma vojo fa un po' per una... na quindicina de botte de qua e 'na quindicina de llà... a voi ve 'sta bene?"

"Va bana... va bana..." fece la bionda "Basta ca ancominci!"

Nun me lo feci aripete. Me avvicinai a le chiappe della mora e guidai la cappella a appoggiasse su la vaggina. Poi la afferai pe li fianchi e me la tirai verso de me. Era bella umida ma la sentii strettina. Pure lei se sentì tirà, perché mannò 'na specie de urletto.

"Fa male?" chiesi.

"Un po'... ma spigni tranquillo che mò me passa..."

Tocca sapè anche esse delicati co' le donne. Comme dice er proverbio... Cazzo de fero in guanto de velluto

Me piantai tutto dentro. La mora fece un rantolo. "Ooohhh... Dddio che batocco..."

"Anfatti me chiamano er Campana..."

La biondina se stava a gustà la scena. "Comm'è?" chiese a la cuggina.

"'Na favola... propio 'na favola" sospiro l'altra, mentre io la stavo già a comincià a pompa' de bon ritmo...

"Sbrighete, Campa'... che lo vojo senti' pure io!"

"Arivo..." je risposi. E intanto staccai na mano da la chiappa de la mora e infilai du dita ne la gnocca de la bionda, pe' addorcije l'attesa.

Dopo un minuto cambiai sella, e assaggiai la fossa de la biondina, che invece era subito bella aperta, pure perché l'avevo smucinata co' le dita. A ogni affondo mandava un urletto a tempo...
"AH!... AH!... AH!... AH!...mmazza che c... AH!...zzo che t'... AH!...ritrovi C... AH!...mpa'". Ce rimasi un po' de più perché la sentivo matura... e infatti dopo un po' se ne venne co' n ber gridolino acuto.

Allora la lasciai riposa' tornando a occupamme de la mora. Du' minuti e se ne venne pure lei. Andai avanti così a falle sgodazza' a corente arternata. Finchè nu je dissi "Bambole, in ginocchio tutte e due, che mò ariva er dorce..."

Loro ubbidienti se misero subito a slinguamme e a sbocconcellamme la canna, finché nu le inondai sur viso a tutte e due... lasciandole a pulisse er viso l'una co' l'antra co' le lingue.

Poi continuammo a fa' un po' de giochi. La biondina lo volle provà ner culetto... la mora all'inizio nicchiò... disse che nun era abbituata. Ma poi a vede' comme se lo gustava la cuggina lo volle senti' tra le chiappe puro lei, e la premiai co' 'na gran sborata ner budello.

Insomma, fu uno de li mejo momenti de sesso che me so' capitati urtimamente. Forse er mejo.

No... forse er mejo è stato n'antro ancora... a la Cresima de la cuggina der Caciotta. Ma quella è n'antra storia.

Attacca co' la musica, a Xlà, che se n'annamo...


LA MOSSA DER BATOCCO

Batoccomania! Batoccomania!

(Sexy - sexy - sexy)

[Parlato]

Ciao, ggiovani amanti der racconto erotico all'italiana! Questa è dedicata a voi dar Campana, quello der batocco...

[Cantato]

COLLA MOSSA DER BATOCCO
NELLA FREGNA TE L'ACCROCCO
COLLA MOSSA DER CAMPANA
GODI COME 'NA PUTTANA

[Rappato]

La mossa der batocco e un tocco d'arta classe
Nun c'è bisogno manco da impegnasse
Ner sesso se stai ben messo c'avrai successo
E a le donne je l'appizzi a più nun posso
"Nun posso... lassamo perde... ch'è troppo grosso"
Nu je da' retta, è solo 'na commedia
Falla mette in ginocchio su 'na sedia
Che a la fine la scopata se rimmedia

[Cantato]

COLLA MOSSA DER BATOCCO
NELLA FREGNA TE L'ACCROCCO
COLLA MOSSA DER CAMPANA
GODI COME 'NA PUTTANA

...

E ce starebbe pure er resto, ma magari ve lo rappo n'antra vorta.



firma.gif (3521 bytes)

Home Page

barra.gif (1046 byte)
Per scrivere a Xlater: xlater@hotmail.com
Oppure utilizzate il Guestbook

key1743.jpg (28694 byte)