ER MATRIMOGNO DE LO ZZIO DER COLLA - PARTE 2
barra.gif (1046 byte)
eyes1743.jpg (2382 bytes)

dot_.gif (42 byte)
Per la serie Racconti Coatti - Le avventure der Campana

barra.gif (1046 byte)
Er matrimogno de lo zzio der Colla (Parte Seconda)

"A Campa'! Ma lo sai che la machina tua è propio fica?"

Er Candela se continuava a guarda' 'ntorno comme 'n regazzino. Io sorrisi de orgojo.
Stavamo andanno co' la machina mia a la chiesa dove se celebbrava er matrimogno. Er Candela stava seduto vicino a me. Bufera e Zagabbria 'nvece staveno dietro.

"Ma comme mai j'hai messo tutti 'sti accessori... tutte 'ste fregne...?"

Risposi co' un tono ispirato. "E' comme... cioè comme 'na personalizzazzione... è che pe' me la machina la devo da senti' mia... comme 'na donna... comme un senso de possesso... Nun so se me so' spiegato... Deve da riflette er carattere mio..."

Se fece senti' er Bufera da dietro. "Me spieghi che c'entreno li coprisedili a pelle de leopardo cor carattere tuo?"

"Simboleggiano... comme te posso di'... 'na specie de senso de servaggio che c'ho dentro... comme 'na forza de la natura... l'amore pe' li grandi spazzi... er cielo infinito sopra de me... un senso de libbertà..."

"Ma è leopardo vero?"

"No. E' de plastica."

Riprese er Candela. "Scommetto che nun indovini qual è la cosa che m'attizza de più..."

"Mmmm" j'arisposi. "Fammece pensa'... so' le tre foto?"

In mezzo ar cruscotto c'avevo messo tre foto in bella evidenza. A sinistra Sciumache, co' a tuta rossa de 'a Ferari. A destra Padre Pio. E ar centro la foto più grossa, co' scritto sotto "Guida con prudenza, pensa a me": un primo piano da paura de 'na fregna pelosa spalancata che avevo ritajato da 'na rivista.

Ma er Candela fece "No... acqua acqua..."

"Allora er manubbrio sportivo co' la fodera in pelle..."

"No... acqua acqua..."

"Allora deve da esse pe' forza er clackson modificato..." Lo sonai pe' prova, e subito se sentirono sparate le note de la "Cucaracha". Un vecchietto che passava a piedi, prima fece 'no zompo, poi manno' un saluto caloroso ai morti mia.

"No, Campa'... nun ce sei...."

"E dimme tu allora!"

"E' er pomello de la leva der cambio a forma de teschio. E' proprio er massimo..."

"Ah... questo?" E carezzai co' na mano 'a calotta cranica der pomello. "E nun hai visto gnente! Questo lo devi da vede' de notte. Tutta n'antra cosa."

Er Candela spalancò l'occhi, mentre io soridevo soddisfatto.

"Perché? Nun me di' che..."

Annuii solennemente.

"Ma davero me stai a di' che..."

Annuii ancora.

"Nun ce pozzo crede... ma veramente è..."

E allora mormorai con un filo di voce "Fosforescente..."

"Troppo, troppo bello!"

Er Bufera, invece, stava guardando piuttosto dubbioso le immaggini su le tendine parasole del lunotto. "A Campa'! Spiegame 'na cosa! La bbiondina la riconosco... è Marlimmorrò. Ma quest'artro frocetto mezzo nudo... ma chi è?"

"Ma nu lo riconosci? E' Gimme!"

"Ecchì??"

"Gimme! Gimme Morison dei Te Dors!"

"Mai sentiti"

"Guarda che i Te Dors so' 'na leggenda!"

"So' bbravi?"

"'mmazza!"

"Sarà..." e per sottolineare er suo scetticismo mollò una de quelle scureggie per cui è famoso. Lunga rumorosa e... intensa.

Ci fu un attimo de imbarazzato silenzio. Da lo specchietto vidi che Zagabbria stava cominciando ad aggitasse.

"C-c-cam-campana! C-c-comme s-se apr-pr-eno li f-f-finestrini?"

"Che hai detto???"

Era sempre più aggitato. "C-com-m-me c-cazzo se ap-p-preno 'sti c-cazzo de f-f-finestrini!?"

"Nun ho capito!!!"

"A Campa' v-vaf-f-f...!"

"Ah, i finestrini? Li devo sblocca' io da davanti"

Pausa. Io non me mossi.

"E c-che m-m-m-me lo pòi sb-sb-sbloccare, p-p-per fa-favore?"

"Che hai detto???"

Il colorito de Zagabbria se fece sul rosso foco. "A Campa' p-p-porco dd-dd-d..."

"Voi che te lo sblocco? Ecco! Fatto! Me lo potevi di' subbito, senza incazzatte..."

Me sarei divertito n'antro po', ma l'aria cominciava a fasse pesante pure davanti...

"Daje Campa'... metti un po' de musica. Facce senti' sto stèrio."

"L'avete voluto voi..."

Nun pe' ddi', ma quello è 'r lavoro mio. Monto (e... smonto) sterei pe' le machine. Nun solo. Pure antifurti, aria condizzionata. C'ho pure 'a telefonia, sapete? Cellulari de tutte le marche. Master Dealer der Nocchia, però. C'ho Timme, Omnitel e pure Wind. Er primo contratto de Wind je l'ho vennuto ar Bufera. Me sembrava appropriato.

Insomma infilai 'na cassetta che pe' me è un mito. 'A compilescion de la mejo discomusic anni settanta scerta da Claudio Cecchetto. Che poi comincia co 'na canzone che pe' noi è veramente comme un inno nazzionale. "Born to be alive" de Patrick Hernandez. Sarà perchè ce ricorda de le prime feste de quanno eravamo regazzetti... li sverti... poi li lenti, co' le strusciate de cazzo su la panza de le pischelle e le tastate de culo...

Decisi che quela canzone la doveva da sentì tutto er quartiere, e pompai sur volume. Io in machina c'ho sempre lo stèrio a ppalla. La musica me piace. Però co' l'anni nun ce sento più tanto bbene. Puro pe' questo me chiameno er Campana.

Insomma stavamo a finestrini abbassati, e noi quattro a canta' ddentro a squarciagola, coi bassi che ce vibraveno sotto ar culo.

"Izz tubbibòa... bontubbiallaiv (bontubbiallaiv)
Izz tubbibòa... bòa... bòa.... bontubbiallaiv"

"A Campaaanaaa!" Urlò er Bufera disperatamente.

"Dimme!!!" Urlai de rimando. Poi abbassai er volume pe sentillo mejo.

"Ma in mezzo a tutte 'ste frocerie drento a la machina tua, ma un gajardetto de la Roma nu' je lo potevi mette? Oppure invece de 'sto frocetto" e indicò di nuovo con disprezzo Gimme Morison "nun ce stava mejo Pupone Totti?"

"Ma, sai..." risposi "...me pare una cosa un po' troppo pacchiana, co' tutto er rispetto pe' la Maggica e pe'r Pupone"

"Dichi?"

"E poi se passa un lazziale e me struscia la carozzeria?"

"E tu lo piji a criccate su le gengive"

"E se nun ce sto presente? Come lo pìo?"

"E tu ar prossimo derby piji er primo lazziale che te capita e le criccate je le dai a lui. Tanto so' tutti 'na razza..."

"Me sa che c'hai raggione!"

Insomma chiacchieranno der più e der meno, arivassimo a la chiesa de San Grespino de li Frutti Acerbi a Tor Mignottara.

La chiesa era tutta addobbata de fiori, ma drento era tutta vòta. Fori ce staveno solo er Colla co' lo zzio. Ereno vestiti tutti e due comme du' pinguini. Nun avevo mai visto er Colla vestito in quer modo, ahò. Teribbile! De solito lo vedo co' la tuta da falegname...

Salutai subbito er Colla con la solita cordialità.

"A Colla! A stronzo! Ma comme te sei vestito? Te sei messo a fa' er becchino?"

Lui rispose con altrettanta affabbilità.

"E' tu' sorella che fa i bocchini, stronzo! E nun è manco tanto bbrava! So' er testimogno, come me dovevo da vestì?"

"Ggià! Ma comme mai state soli? E tutti l'antri?"

E qui intervenne er sor Agusto, lo zzio. Parlava co' un tono tutto forbito "I Parenti de la mia sposa Moira saranno quine tra poco. Li parenti miei invece me hanno voluto significare il loro disprezzo nun venendo. Ma peggio pe' loro. Io so' contento che ce sia er mio nipote prediletto Maurizzio..."

"E 'ndo sta?" feci io

"So' io, scemo!" Er Colla se chiamava Maurizzio! E vvero! Chi se lo ricordava?

"...E che ce sete anche voi. Che sete regazzi spensierati e me portate tanta allegria. Anzi, ve vorei ringrazzia'!"

E qui fece un gesto de un'eleganza e 'na signorilità estrema. Prese er portafojo e ce diede una carta da cinquanta sacchi a tutti noi. Eravamo tutti commossi. Quando arrivò a me aveva finito li pezzi da cinquanta. Ce n'aveva uno da cento. "C'hai er resto?" Me chiese. Purtroppo no. "Vabbè... tiè va! Poi er resto me lo porti..."

Proprio in quer momento arrivo' come 'na specie de comitiva de machine co' tutti li parenti de la sposa. Parcheggiavano e scendevano. Tutta bella gente. Gnente da di'.

Li maschi forse ereno un po' troppo paini. Tutti eleganti co' sti vestiti de bei colori raffinati, viola, lilla, giallo canarino, verde pisello... la maggior parte co' la cravatta, ma quarcuno invece scamiciato con ber crocifisso d'oro da cinque chili ar collo... Occhiali neri obbligatori, capello fatto dar barbiere de fresco e incollato de ggel, abbronzati de lampada, scarpe comprate er giorno prima, oppure un anno prima e messe quer giorno pe' la seconda vorta.

Le femmine erano tutte de arta classe. Tutte minigonne attillate e corte, carze rigate ricamate o a rete, tacchi dai quindici centimetri in su. Camicette sbottonate o vestitini scollati, co' tutto un grande zinnaggio in vista. E poi trucco, trucco pesante. Rossetti sparati, occhi anneriti. Zaffate de profumo che arrivavano da tutte le parti. Quanta sorca che c'era!

Noi eravamo vestiti un po' a la comme viene. 'Ndo lo rimmediavo un vestito se avevo saputo der matrimogno solo la sera prima? Io me sentii un filino imbarazzato, ma sembrò che all'artri tre nun fregasse gnente e m'adeguai pure io.

Lo zzio der Colla fece. "Daje, annamo drento!" E entrassimo drento a la cchiesa.

Doppo cinque minuti se sentì comme un brusio. "Ecco Moira! Ecco Moira!" De fori era arivata la sposa!

Aspettassimo tutti cor fiato sospeso fin quando la sagoma se stajò in controluce all'ingresso de la navata principale. Se fermò un attimo, poi ancheggiando lentamente se 'ncamminò verso l'artare.

Che pezzo de fregna!!! C'aveva un viso da gran troia. Du' labbrone da bocchinara tinte de viola, lo sguardo da fame de cazzo. Du' zinne che pare che je scoppiavano. Un culo da favola. Subbito me sentii er batocco che se risvejava e che me spigneva contro li gginse. Istintivamente me portai 'na mano su la patta e m'accorsi, co' la coda dell'occhio, che pure l'antri amici mia staveno a fa' lo stesso.

Stamio tutti e quattro co le mani sull'uccelli da sopra i carzoni, quanno la sposa, che era arivata all'artezza der banco nostro, se fermò e se ggirò verso de noi. Ce guardò uno pe' vorta, poi posò lo sguardo su li pacchi e su le mani che smucinavano. Fece 'na specie de soriso e se leccò le labbra. Ce manca poco che me sboravo drento le mutande. Poi se ggirò e continuò a cammina' verso l'artare dove er sor Agusto se la stava a rimmira' co' l'occhi de fori.

Er bufera mormorò sottovoce "Che sorca!!" e noi antri rispondessimo sussurrando osservazzioni analoghe. Tranne Zagabbria che aggiunse "Ma io q-quella la conosco!"

V'arisparmio li dettaji de la cerimogna, anche perché m'ero mezzo abbioccato.

Doppo la messa, fori de la cchiesa, mentre er sor Agusto se intratteneva co li parenti de lei, la sposa ce venne a saluta'. Ce guardava a tutti co 'no sguardo da gran troia.

"Voi sete li parenti de Agustino mio?"

"Sì..." j'arisposi. "Semo parenti. Parenti pe' parte de fava..."

"Mbè? Nu' je lo date un bacio a la sposa?" e senza aspetta' risposte se avvicinò ar Candela e je piazzo' li labbroni su 'na guancia. Er Candela era diventato tutto rosso! Subbito Zagabbria se avvicinò. "P-p-pure io!". E lei j'ammollo 'n antro bbacio a ventosa.

Poi guardò er Bufera, che se la squadrava pe' conto suo, comme co' 'n gesto de sfida. Lei je cinguettò: "Tu devi da esse un simpaticone...!"

Je s'avvicino e je diede n'antro bacio. Lui subbito je mise 'na manona sur culo e cominciò a strizzaje 'na chiappa. Lei nun se scompose. Fece 'na risatina... "Che tipaccio che sei!"

Poi me guardo' a me. C'avevo er cazzo dritto comme un palo. M'abbraccico' strusciandocese contro. Me diede er bacio su la guancia e poi me disse a n'orecchia, co' na voce tutta sospirosa. "Ma c'hai na torcia elettrica in tasca... oppure te piacio?"

"Artro che torcia. E' tutta robba vera!" je risposi sottovoce

"Ooohh" fece lei. "E' un gran batocco!"

"Anfatti me chiamano er Campana..."

Allora senza fasse vede infilò 'na mano in mezzo e me diede 'na strizzata ar pacco. "C'hai proprio un ber... soprannome... lo sai?" Mentre me lo diceva me guardava in un modo che ammomenti me la tranvavo sur posto.

Poi, senza aggiunge antro se allontanò e ce lasciò a tutti e quattro che la guardavamo allupati. Er Bufera ripetè "Che ssorca!!"

E Zagabbria, de novo. "Io q-quella la conosco!!!"

Arrivò er sor Agusto. "Rega', noi mò se annamo a fa' le foto. L'appuntamento è all'una e mezza ar ristorante... 'Ar Talamo de Poppea' in via Appia Fregnacelli... lo conoscete, no?"

Salutammo er Colla e lo zzio. "E che se 'nventamo mò fino all'una e mezza?"

"V-v-venite a c-casa mia" Zagabbria era decisissimo. "Ve v-vojo fa' v-vede 'na cosa!"

In cinque minuti stavamo a casa de Zagabbria. Era comme indemoniato... "M-m-mò v-ve faccio vede... m-m-mò v-ve faccio vede..."

Aprì 'no scaffale e drento c'ereno tutte videocassette dai titoli abbastanza inequivocabbili. "Troie puttane in calore", "Le affamate a caccia di supercazzi", "Le mogli ninfomani si scatenano". Zagabbria ha sempre cortivato i suoi interessi curturali. Smucino' un po' e poi tirò fori finarmente 'na cassetta.

"Eccola!" Il titolo era "Supermarket: le porno commesse libidinose"

Infilò la cassetta ner video reggistratore. "A Zaga'. Ma che ce devi da fa' vede' li firmetti zzozzi?"

"C-ce sta 'na so-sor-sorpresa. A-aspettate!".

Nella prima scena du' commesse lesbicaveno vicino ar banco de la frutta. Prima se leccaveno la fregna l'una co' l'antra, poi cominciaveno a gioca' coi vari ortaggi, ficcandoseli dapettutto... Zagabbria aveva messo l' "avanti veloce" e quele due se movevano comme Ridolini. Passando da 'na cassetta de frutta a n'antra avevano giocato prima co' le carote, poi co' le zucchine, poi co' i cetrioli, poi co' le pere, poi co' le banane, sempre a velocità frenetica.

Allora Zagabbria impreco'. "M-m-merda. Sta p-più a-avanti." Spinse stop e poi mannò avanti er nastro.

Bufera se lamentò. "Che cazzo! Perché hai fermato? Ero curioso de vedè quanno arrivavano ai cocommeri!"

Dopo pochi secondi, Zagabbria fece stop e play. Le immagini ripartirono. Un primo piano de una cappella enorme che prendeva tutto lo schermo. Poi arrivarono du belle labbrone femminili, co' na lingua che comincio' a leccasse tutta 'sta cappellona. Poi 'ste du' labbrone se 'aprirono e inghiottirono tutta la cappella e un ber pezzo dell'asta che c'era dietro, comincianno a fa' su e giù.

Eravamo tutti e quattro arrapati. So' scene che nun te ponno lascia' indifferente.

All'improvviso se allargò l'inquadratura. Zababbria disse trionfante. "Guardate qqua! Nun ve sembra pure a vvoi 'na faccia conosciuta?"

Er Candela sbottò. "Me pijasse un corpo! Ma è... è la sposa!"

"Nun po' esse!" feci io. "Me sa che è solo una che j'assomija... comme fai a riconoscela che sta co' la bocca spalancata e mezzo chilo de filetto drento?"

Ma proprio in quer momento lei se staccò da la pompa e fissò la telecammera sorridendo, mentre continuava a sbatte er cazzo co' la mano. Riconobbi quelo sguardo e quer soriso. Nun c'ereno dubbi. Era proprio lei!

"Nun la vedete?" Zagabbria insistette. "Io l'ho riconosciuta subbito! Nun me pozzo sbaja'!" Eravamo tutti convinti ar cento per cento.

"A Zagabbria, ma comm'è che nun zagaji più?"

"Nun me lo so spiega'... ma quanno che so' eccitato nun me viene più da intruppamme co' le parole!"

Restassimo a guarda' la scena. Moira faceva la parte de la cassiera e stava seduta su la sedia davanti a la cassa. L'omo era un cliente, c'aveva puro er carrello vicino, e je stava in piedi de fronte, co l'ucello fora dei pantaloni. Dopo un antro po' de bocchino lui la prese e la mise a pecorina sul rullo scorrevole a fianco a la cassa. Je arzo' la gonna de la divisa da commessa e je cominciò a massaggia' la fica co le mani, infilandoje due-tre dita dentro. Poi se arrampico' in ginocchio dietro de lei e se la cominciò a sbatte a la pecorina. Subbito arrivò n'antro cliente cor carello, se lo tirò fori e je lo infilò in bocca. E quella se piava sti du' cazzi all'unisono con gran gusto.

L'immaggine zummò sull'incarcata da dietro e qui Zagabbria mise in pausa e bloccò l'immaggine. Se avvicinò a lo schermo è indicò un punto. "Guardate qua!"

Su una chiappa de Moira c'era comme 'na macchiolina rossa de forma allungata. Er Candela disse: "Ma che c'ha? Un tattuaggio? No... Pare 'na voja...". E io: "C'ha 'na forma strana però... sembra un cazzo...". Er Bufera: "Già... l'amica nostra c'ha 'na voja de cazzo sur culo..."

"Adesso guardate!" Zagabbria come un lampo tirò fori la cassetta e ne appizzò drento un'antra.

Subbito n'antra scena de sesso... na bionda co' un negrone enorme che se la scopava da dietro de fianco.

"Ahò... ma questa è cosa... comme se chiama... Moana... Moana Pozzi. Ma che c'entra?"

"Aspettate!"

Er negrone lo tirò fori. Moana se sistemo de' pecora e er negro je l'appoggiò sur bucio der culo. Poi parti' un primo piano der cazzo che piano piano entrava tutto dentro... e cominciava a spigne sempre più veloce.

"Nun notate niente?" Zagabbria se stava proprio a diverti'.

"Puttana Eva troia bocchinara!" esclamai. "Ma c'ha la stessa macchia su la chiappa! A Zagabbria ma che cazzo vor di'?"

"Mo ve lo spiego. Dovete da sape' che all'urtimi firme che ha fatto, Moana nun se lo voleva più fa mette ar culo. Allora pe' scene comme queste... chiamaveno n'antra attrice senza inquadraje la faccia"

"E cioè Moira! Ma che fa? Presta er culo all'antre attrici?" Er Candela era stupefatto.

"E' n'affittaculo professionista..." borbottò er Bufera.

"Me immaggino la scena. A Colla, che lavoro fa tu' zzia? La controfigura pe l'inculate!"

Intanto sullo schermo l'inculata proseguiva a tutta callara. Er Bufera osservò: "Me sa' che er negro nun se deve esse tanto lamentato. Moira c'ha un culo che è pure mejo de Moana..."

Ma Zagabbria nun aveva finito de stupicce. "E nun avete visto ancora gnente!"

Comme un prestiggiatore tirò fori n'antra cassetta e la schiaffò ner reggistratore. Stavorta Moira era la protagonista. Se 'ntitolava "Selvaggia: La regina degli animali".

Incredibbile! In quella cassetta Moira se faceva scopa' e faceva bocchini a tre cani, du' cavalli, un somaro e pure un maiale. E non era ancora finita!

Zagabbria mise un'antra cassetta. "Selvaggia 2: La mia Afica"

Stavorta annava sull'esotico. Era girata in Africa. Prima du' cammelli. Poi una giraffa che nun c'aveva lungo solo er collo. Poi arrivò una zebbra.

Fino a quer momento l'avevamo presa a ride. Nun semo pischelli de primo pelo che se impressioneno. Ma a quer punto era veramente troppo pure pe' noi. C'avevamo tutti come un senso de disgusto, de nausea. Quanno è troppo è troppo. Ce sta pure un limite, che cazzo!

Fu er Bufera a esprime, cor suo solito vocione, l'orrore che in quer momento tutti e quattro provevamo.

"Che schifo... va pure co' li juventini!"

Presi in mano la situazzione.

"A Zaga', spegni che avemo capito. Regazzi m'è venuta n'idea..."

Je spiegai er piano che c'avevo in mente.

"Allora? Che me dite? Sete d'accordo?"

Er Bufera rispose pronto: "Io ce sto!"

"Candela?"

"Pure io!"

"Zagabbria?"

"C-c-ce sto p-p-pu-pure io!"

 

CONTINUA nella Terza Puntata

firma.gif (3521 bytes)

Home Page

barra.gif (1046 byte)
Per scrivere a Xlater: xlater@hotmail.com
Oppure utilizzate il Guestbook

key1743.jpg (28694 byte)